Indice del forum

Poteri occulti

Sito per discutere di misteri italiani, massonerie, mafie, e altro.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Lucio Battisti
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Uccisi dal sistema
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Muted

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 24/07/11 22:32
Messaggi: 73
Muted is offline 

Interessi: musica, esoterismo, escurisionismo, religioni, storia




italy
MessaggioInviato: Sab Set 24 2011, 15:31:17    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dalto ha scritto:
Tra Mogol e la famiglia di Battisti i rapporti sono molto tesi se non di totale rottura. Lui continua a provocare la moglie per la pubblicazione di una canzone e lei interviene con la magistratura per impedirglielo.
Forse dovremmo chiederci chi è in realtà Mogol e perchè c'è intorno a lui una totale freddezza da parte del mondo dello spettacolo e degli artisti e lui, solo grazie ad interventi dei politici di destra, riesce in varie regioni a farsi organizzare manifestazioni a spese dei contribuenti.


Non capisco cosa vuoi insinuare...che Mogol è una pecora nera occulta e il mondo dello spettacolo lo ignora perché è lindo e pulito? Io casomai sosterrei il contrario proprio in merito alla freddezza intorno a lui, se proprio ci sarebbe da insinuare.
Poi non capisco perché tirare in ballo la politica e le spese dei contribuenti (quante boiate vengono organizzate a "spese dei contribuenti"?)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Adv



MessaggioInviato: Sab Set 24 2011, 15:31:17    Oggetto: Adv





Torna in cima
Dalto

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 23/03/10 00:04
Messaggi: 92
Dalto is offline 

Interessi: Scoprire come è morto il mio A.
Impiego: LAUREA



italy
MessaggioInviato: Gio Ott 06 2011, 01:50:57    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

[Non capisco cosa vuoi insinuare...]

Le mie parole sono molto chiare,non ho insinuato un bel niente. Le deduzioni da te fatte non hanno nulla a che vedere con quello che ho scritto.
In quanto a
(quante boiate vengono organizzate a "spese dei contribuenti"?)[/quote]

ma che bella morale ti ritrovi! Se tu accetti l'idea di buttare i soldi dei contribuenti in inutili concerti autocelebrativi io e tanti altri, sopratutto artisti, lo troviamo vergognoso anche perchè quei soldi, se non lo sai, sono i soldi che Zetema avrebbe dovuto usare per le scuole elementari comunali. Poteva autocelebrarsi nella sua città o andare al Valle Occupato senza utilizzare i soldi di una città nella quale neanche vive e dove si pagano tasse salatissime. Ma tanto è nel suo stile.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Muted

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 24/07/11 22:32
Messaggi: 73
Muted is offline 

Interessi: musica, esoterismo, escurisionismo, religioni, storia




italy
MessaggioInviato: Lun Ott 10 2011, 01:52:16    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dalto ha scritto:


Le mie parole sono molto chiare,non ho insinuato un bel niente. Le deduzioni da te fatte non hanno nulla a che vedere con quello che ho scritto.
In quanto a
(quante boiate vengono organizzate a "spese dei contribuenti"?)

ma che bella morale ti ritrovi! Se tu accetti l'idea di buttare i soldi dei contribuenti in inutili concerti autocelebrativi io e tanti altri, sopratutto artisti, lo troviamo vergognoso anche perchè quei soldi, se non lo sai, sono i soldi che Zetema avrebbe dovuto usare per le scuole elementari comunali. Poteva autocelebrarsi nella sua città o andare al Valle Occupato senza utilizzare i soldi di una città nella quale neanche vive e dove si pagano tasse salatissime. Ma tanto è nel suo stile.


Molto chiaro non sei stato nel post precedente, ora mi pare di capire tu stia parlando di una prepotenza compiuta da Mogol ai danni di una cittadina. Quindi continuo a non capire l'attinenza dei tuoi commenti con gli argomenti trattati nel forum. Non capisco nemmeno perché hai accennato alla vedova di Battisti che non vuole vengano conosciuti gli inediti.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Ruj

Apprendista
Apprendista


Iscritti



Registrato: 20/11/11 19:44
Messaggi: 86
Ruj is offline 






italy
MessaggioInviato: Gio Giu 28 2012, 16:06:27    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Volevo sapere se qualcuno ha visto la trasmissione "Teatro 10" e ricorda il perché di questo criptico discorso tra Battisti e Lupo il 23 aprile del 1972. Nella trasmissione integrale si capisce che discorso voleva fare Lucio?

http://www.youtube.com/watch?v=4DVwlFUERBs
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Muted

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 24/07/11 22:32
Messaggi: 73
Muted is offline 

Interessi: musica, esoterismo, escurisionismo, religioni, storia




italy
MessaggioInviato: Ven Giu 29 2012, 18:09:58    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ruj ha scritto:
Volevo sapere se qualcuno ha visto la trasmissione "Teatro 10" e ricorda il perché di questo criptico discorso tra Battisti e Lupo il 23 aprile del 1972. Nella trasmissione integrale si capisce che discorso voleva fare Lucio?

http://www.youtube.com/watch?v=4DVwlFUERBs


Credo il video rappresenti già la "trasmissione integrale", a quanto pare l'apparizione di Battisti a quel programma coincide con la durata del video. Da quel che si vede risulta chiaro che Battisti voleva fare un discorso pubblico e il presentatore glielo ha impedito, anche piuttosto rozzamente a dirla tutta. Non si riesce a capire nulla di più, bisognerebbe indagare se c'era una questione in sospeso tra Battisti e l'opinione pubblica in quel periodo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Rinoceronte78

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 40
Registrato: 21/03/12 20:08
Messaggi: 1134
Rinoceronte78 is offline 






italy
MessaggioInviato: Dom Lug 01 2012, 16:53:48    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Muted ha scritto:
Ruj ha scritto:
Volevo sapere se qualcuno ha visto la trasmissione "Teatro 10" e ricorda il perché di questo criptico discorso tra Battisti e Lupo il 23 aprile del 1972. Nella trasmissione integrale si capisce che discorso voleva fare Lucio?

http://www.youtube.com/watch?v=4DVwlFUERBs


Credo il video rappresenti già la "trasmissione integrale", a quanto pare l'apparizione di Battisti a quel programma coincide con la durata del video. Da quel che si vede risulta chiaro che Battisti voleva fare un discorso pubblico e il presentatore glielo ha impedito, anche piuttosto rozzamente a dirla tutta. Non si riesce a capire nulla di più, bisognerebbe indagare se c'era una questione in sospeso tra Battisti e l'opinione pubblica in quel periodo.


Battisti: ma potrei anche parlare!
Lupo: come potresti anche parlare?

guardate lo sguardo raggelato di Lupo,sicuramente c'era qualcosa in contrasto co i media dell'epoca, e ciò avrebbe potuto dire sarebbe stato molto scomodo secondo me...

in modo brusco a dir poco...." fino all'anno scorso dicevi PERCHè, SI , NO.
Per la serie..non sapevi mettere in fila due parole....ridicolizzato.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Elecri

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 37
Registrato: 07/03/12 19:12
Messaggi: 396
Elecri is offline 

Interessi: Lettura, Scrittura, Musica, Natura,Viaggi




italy
MessaggioInviato: Dom Lug 01 2012, 19:45:55    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ruj ha scritto:
Volevo sapere se qualcuno ha visto la trasmissione "Teatro 10" e ricorda il perché di questo criptico discorso tra Battisti e Lupo il 23 aprile del 1972. Nella trasmissione integrale si capisce che discorso voleva fare Lucio?

http://www.youtube.com/watch?v=4DVwlFUERBs


Estrapolo la risposta data alla domanda su chi fosse il presentatore (la trovate a pagina 12 dei commenti al video) il dialogo è chiaramente tra fan di Battisti:



''..era il Grande Alberto Lupo e stava scherzando con Lucio...certo se non si conosce la storia di queste cose, estrapolare i video così è davvero un gran peccato...la trasmissione all'epoca (nostra) era molto bella ed apprezzata! ciao

maria33926 in risposta a marioleletto 2 mesi fa ''

Mi fiderei di questo estimatore attempato, essendo io stessa una fan accanita (non di Battisti): abbiamo memoria di ferro sui nostri beniamini Very Happy

Erano anche i tempi di Corrado, lo stile dello ''sfottò'' all' ospite da parte dei presentatori era diffuso.

_________________
''Mi sembra evidente che non l' ho picchiato io: ha ancora qualche pezzo di faccia sano.''
(C. Eastwood, ''Ispettore Callaghan, il caso Scorpio è tuo!'', 1971)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Rinoceronte78

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 40
Registrato: 21/03/12 20:08
Messaggi: 1134
Rinoceronte78 is offline 






italy
MessaggioInviato: Lun Lug 02 2012, 09:25:12    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

http://it.wikipedia.org/wiki/Alberto_Lupo

Alberto Lupo, nome d'arte di Alberto Zoboli (Bolzaneto, 19 dicembre 1924 – San Felice Circeo, 13 agosto 1984), è stato un attore e doppiatore italiano del teatro, del cinema e della televisione.





Alberto Lupo con Mina durante la conduzione di Teatro 10.




Indice
[nascondi] 1 Biografia 1.1 Origini
1.2 Esordio nel cinema
1.3 Successo in televisione
1.4 Parole, parole
1.5 Malattia e declino

2 Filmografia 2.1 Cinema
2.2 Televisione 2.2.1 Sceneggiati e fiction televisive
2.2.2 Varietà televisivi
2.2.3 Prosa televisiva

2.3 Radio 2.3.1 Prosa radiofonica


3 Discografia parziale 3.1 Album
3.2 Singoli

4 Note
5 Voci correlate
6 Collegamenti esterni


Biografia [modifica]

Origini [modifica]

Di famiglia borghese (il padre dirigeva L'Istituto Gaslini di Bolzaneto) nacque a Bolzaneto in via Pastorino, e dimostrò fin dalla prima gioventù trascorsa a Pegli (una targa posta al civico 1 della Via Amerigo Vespucci ne ricorda la dimora) un vivo interesse per la recitazione, frequentando a vent'anni corsi impartiti da Andrea Miano e prendendo successivamente lezioni da Lea Zanzi. Si iscrisse alla facoltà di giurisprudenza per assecondare il desiderio del padre, ma continuò a nutrire la passione per il teatro, al punto da costituire una filodrammatica nella fabbrica di elettrodomestici San Giorgio dove nel frattempo era stato assunto come impiegato. Con i suoi compagni d'avventura mise in scena Piccola città di Thornton Wilder, riscuotendo un lusinghiero successo. A lui è dedicato con una targa il foyer del Teatro Rina e Gilberto Govi di Bolzaneto.

Nel 1946 fa il suo esordio al Centro Sperimentale Universitario di Genova Luigi Pirandello, successivamente denominato Teatro d'Arte Città di Genova, lavorandovi fino al 1952, in seguito reciterà al Piccolo Teatro di Milano ed al Teatro Nuovo, dove nella stagione 1953-54 reciterà accanto a Gino Cervi nel Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand.

Esordio nel cinema [modifica]

Attore affascinante, dotato di una rilevante presenza scenica e soprattutto di una voce sensuale che suscita l'affetto del pubblico femminile, approda nei fotoromanzi e al cinema nel 1954 con un ruolo nel film Ulisse di Mario Camerini. Perlopiù ottiene parti secondarie in film di genere tipici dell'epoca. Forse la sua interpretazione migliore di questo periodo è nel film Il sicario, diretto nel 1960 da Damiano Damiani.

Successo in televisione [modifica]





Anton Giulio Majano ed Alberto Lupo sul set de "La cittadella" nel 1964
Nel 1955 avviene anche la sua prima apparizione sul piccolo schermo, nel romanzo sceneggiato Piccole donne diretto da Anton Giulio Majano.

Da allora Alberto Lupo divenne protagonista di molti altri sceneggiati televisivi come La cittadella del 1964, tratto dall'omonimo romanzo di Archibald Joseph Cronin, nel quale interpreta il ruolo del protagonista dottor Manson.

A questo faranno seguito diversi altri romanzi sceneggiati, tra i quali Resurrezione, del 1965, tratto dal romanzo di Lev Tolstoj, Un certo Harry Brent del 1970 e Come un uragano del 1971, entrambi tratti da romanzi dell'inglese Francis Durbridge e programmi televisivi di intrattenimento ai quali, ormai celebre e famoso, presterà la sua figura di impeccabile presentatore.

Parole, parole [modifica]





Da sinistra Alberto Lupo, il regista Antonello Falqui e Domenico Modugno nel 1971 durante una pausa delle registrazioni del programma tv Teatro 10.
La voce suadente di Alberto Lupo è stata una delle sue qualità più notevoli durante tutta la sua carriera, consentendogli anche di lavorare nel doppiaggio di film stranieri, ed aveva anche attratto l'attenzione dei produttori discografici, che gli chiesero di incidere dei brani recitativi quali Io ti amo nel 1967 (cover di I Love You, recitato da Anthony Quinn) e Una telefonata nel 1971. Dal primo dei due venne tratto nel 1968 un film diretto da Antonio Margheriti (regista più noto con lo pseudonimo di Anthony M. Dawson).

Il successo arriva inaspettatamente nel 1971, quando viene scritturato per presentare insieme a Mina il programma televisivo di varietà della RAI Teatro 10 con la regia di Antonello Falqui. Gli autori della trasmissione Leo Chiosso e Giancarlo Del Re desiderano che entrambi i conduttori incidano la sigla finale del programma e, per adattarla alle corde interpretative dell'attore ligure, decidono insieme al direttore d'orchestra Gianni Ferrio di scrivere una canzone che comprenda una parte recitata da una voce maschile a complemento della melodia cantata da Mina. Nasce così Parole parole, brano che porterà Alberto Lupo alla notorietà anche in campo discografico, salendo al primo posto della hit parade e rimanendovi per diverse settimane. Di questa canzone, che ancora oggi conserva una grande popolarità, verranno anche incise versioni in svariate lingue straniere, la più famosa delle quali è quella francese interpretata da Dalida e Alain Delon. Parimenti, in quello stesso periodo fu testimonial della pubblicità di un noto bagnoschiuma (con il sottofondo musicale proprio di "Parole parole"), con una bellissima ragazza (dal nome inconsueto "Pàmela") immersa in una vasca trasparente a forma di bicchiere da champagne.

Malattia e declino [modifica]

Nell'autunno 1976 è uno dei protagonisti, insieme a Nino Castelnuovo, di una serie di gialli polizieschi abbinati alla trasmissione televisiva Chi?, che fu il secondo spettacolo sostitutivo della soppressa Canzonissima (l'anno precedente fu la volta di Un colpo di fortuna) dove interpreta la parte del commissario Serra, anche con un pizzico di comicità: in ogni episodio non mancava mai una scena nella quale egli, fumatore incallito, al momento di accendersi una sigaretta il filtro della stessa era sempre rivolto erroneamente verso l'accendino. Fu inoltre l'ultimo presentatore del popolare show televisivo Senza Rete.

Nel 1977, all'apice della sua carriera, accetta di interpretare in teatro il dramma Chi ha paura di Virginia Woolf?, ma durante le prove viene colpito da una trombosi cerebrale. Ricoverato d'urgenza, rimane in coma per un lungo periodo, ed al suo risveglio si ritroverà afono e con una metà del corpo paralizzata. Dovrà in seguito sottoporsi ad una lunga e complessa riabilitazione per recuperare la voce e le facoltà motorie, aiutato in maniera determinante dalle cure solerti e amorevoli della moglie Lyla Rocco, che aveva sposato nel 1964.

Fortemente provato, riappare in televisione nel 1978 quale ospite di Renzo Villa nella trasmissione Il Bingooo' in onda su Antenna 3 Lombardia. In quella occasione recitò con voce malferma la celebre poesia di Rudyard Kipling If. Il 12 novembre 1979 torna ufficialmente in tv con la trasmissione Buonasera con... Alberto Lupo, un programma giornaliero del tardo pomeriggio dell'allora Rete 2, che rileva un certo successo (soprattutto perché al suo interno viene trasmesso il telefilm Mork & Mindy). Nello stesso anno torna sul grande schermo con una parte nel film Action diretto da Tinto Brass, e tornerà ad interpretare l'episodio Tre colpi di fucile della serie Dentro una stanza chiusa diretto da Daniele D'Anza nel 1982, e lo sceneggiato televisivo L'amante dell'Orsa Maggiore nel 1983, diretto dal fedele Anton Giulio Majano.

Si spegne all'età di quasi 60 anni nella cittadina balneare di San Felice Circeo, dove aveva trascorso gli anni della convalescenza dopo l'incidente che pose fine alla sua per certi versi sfolgorante carriera; viene sepolto nel vecchio cimitero del paese, accanto alla tomba di Anna Magnani[1].

Filmografia [modifica]

Cinema [modifica]
Ulisse, regia di Mario Camerini (1954)
Erode il Grande, regia di Arnaldo Genoino (1958)
Lupi nell'abisso, regia di Silvio Amadio (1959)
Il sicario, regia di Damiano Damiani (1960)
Teseo contro il minotauro, regia di Silvio Amadio (1960)
Rocco e le sorelle, regia di Giorgio Simonelli (1961)
Le baccanti, regia di Giorgio Ferroni (1961)
La monaca di Monza, regia di Carmine Gallone (1962)
Zorro alla corte di Spagna, regia di Luigi Capuano (1962)
Coriolano: eroe senza patria, regia di Giorgio Ferroni (1964)
Il leone di Tebe, regia di Giorgio Ferroni (1964)
Il figlio di Cleopatra, regia di Ferdinando Baldi (1964)
Spiaggia libera, regia di Marino Girolami (1965)
Il tormento e l'estasi, regia di Carol Reed (1965)
A 008, operazione Sterminio, regia di Umberto Lenzi (1965)
Django spara per primo, regia di Alberto De Martino (1966)
Io ti amo, regia di Antonio Margheriti (1968)
Action, regia di Tinto Brass (1979)

Televisione [modifica]

Sceneggiati e fiction televisive [modifica]
Piccole donne dal romanzo di Louise May Alcott, sceneggiato televisivo, regia di Anton Giulio Majano (1955)
Tessa la ninfa fedele di Margaret Kennedy, regia di Mario Ferrero (1957)
Padri e figli da Turgheniev, regia di Guglielmo Morandi (1958)
Il vicario di Wakefield di Oliver Goldsmith, regia di Guglielmo Morandi (1959)
Il caso Maurizius di Jakob Wassermann, regia di Anton Giulio Majano (1961)
I Giacobini, dramma di Federico Zardi, regia di Edmo Fenoglio (1962)
La bella addormentata, fiction televisiva, regia di Eros Macchi (1963)
La cittadella di Archibald Joseph Cronin, regia di Anton Giulio Majano (1964)
Resurrezione da Lev Tolstoj, regia di Franco Enriquez (1965)
"Breve gloria di mister Miffin" di Allan Prior, regia di Anton Giulio Majano (1967)
"Un certo Harry Brent" di Francis Durbridge, regia di Leonardo Cortese (1970)
Come un uragano di Francis Durbridge, regia di Silverio Blasi (1971)
"Tre colpi di fucile", episodio della serie "Dentro una stanza chiusa", regia di Daniele D'Anza (1982)
"L'amante dell'Orsa Maggiore" di Sergjusz Piasecki, regia di Anton Giulio Majano (1983)

Varietà televisivi [modifica]
(1971) Teatro 10, varietà televisivo condotto da Alberto Lupo, regia di Antonello Falqui.
(1972) Teatro 10, varietà televisivo condotto da Alberto Lupo e guest star fissa Mina, regia di Antonello Falqui.
(1975) Senza rete, spettacolo musicale condotto da Alberto Lupo, regia di Gian Carlo Nicotra, programma nazionale.
(1977 C'era una volta..., spettacolo musicale.
(1979) Buonasera con... Alberto Lupo, varietà televisivo in 20 puntate condotto da Alberto Lupo, regia Adriana Borgonovo, Rete 2.

Prosa televisiva [modifica]
La foresta pietrificata, dramma di Robert E. Sherwood, regia di Carlo Ludovico Bragaglia, trasmessa il 15 febbraio 1957.
Una tragedia americana , di Theodore Dreiser, regia di Anton Giulio Majano, sceneggiato televisivo in 7 puntate trasmesso da domenica 11 novembre 1962 al 23 dicembre 1962, programma nazionale ore 21,05.

Radio [modifica]

Prosa radiofonica [modifica]
Il destino di chiamarsi Zadig, di Antonio Passaro, regia di Anton Giulio Majano, lunedì 18 giugno 1956, secondo programma.

Discografia parziale [modifica]

Album [modifica]
1965 - Pascoli (Cetra, CLC 0834, LP) con Vittorio Gassman e Paolo Carlini
Leopardi - Canti (Cetra, CLC 0829, LP) con Arnoldo Foà, Vittorio Gassman, Giorgio Albertazzi

Singoli [modifica]
1964 - Storia della musica (Presentazione collana) (Fratelli Fabbri Editori, 7" a 33 giri)
1967 - Io ti amo (I love you, you love me)/Certe volte (Sometimes) (Cetra, 7")
1971 - Love Story/Una telefonata (Cetra, 7")
1972 - Parole parole/Adagio (PDU, 7") con Mina, sigla della trasmissione televisiva Teatro 10
1972 - Se (If)/Te Deum (Las Vegas, LVS 1061), ristampa 1978 su etichetta Radio Records
1977 - C'era una volta.../Storia di una storia d'amore (Cetra, sigla della trasmissione C'era una volta...)
Due racconti arabi d'amore (Istituto Internazionale Del Disco, SIL 4068, 7") con Francesco Gabrielli

_________________
In Italia si rompe tutto.Anche il Governo delle astenzioni,anzi quello non è mai nato,perciò non vedo perchè si dovrebbe rompere.R.G
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Rinoceronte78

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 40
Registrato: 21/03/12 20:08
Messaggi: 1134
Rinoceronte78 is offline 






italy
MessaggioInviato: Lun Lug 02 2012, 09:26:45    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Alberto Zoboli, perchè sceglie come nome d'arte alberto Lupo?
Shocked

_________________
In Italia si rompe tutto.Anche il Governo delle astenzioni,anzi quello non è mai nato,perciò non vedo perchè si dovrebbe rompere.R.G
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Rinoceronte78

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 40
Registrato: 21/03/12 20:08
Messaggi: 1134
Rinoceronte78 is offline 






italy
MessaggioInviato: Lun Lug 02 2012, 10:00:44    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ha una trombosi durante la rappresentazione di " chi ha paura di Virginia Woolf"?

http://it.wikipedia.org/wiki/Chi_ha_paura_di_Virginia_Woolf%3F
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ruj

Apprendista
Apprendista


Iscritti



Registrato: 20/11/11 19:44
Messaggi: 86
Ruj is offline 






italy
MessaggioInviato: Lun Lug 02 2012, 13:54:09    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Elecri ha scritto:
''..era il Grande Alberto Lupo e stava scherzando con Lucio...certo se non si conosce la storia di queste cose, estrapolare i video così è davvero un gran peccato...la trasmissione all'epoca (nostra) era molto bella ed apprezzata! ciao

maria33926 in risposta a marioleletto 2 mesi fa ''

Mi fiderei di questo estimatore attempato, essendo io stessa una fan accanita (non di Battisti): abbiamo memoria di ferro sui nostri beniamini Very Happy

Erano anche i tempi di Corrado, lo stile dello ''sfottò'' all' ospite da parte dei presentatori era diffuso.


Penso sia proprio come dici! Non mi sono soffermato a leggere tutti i commenti al video... Almeno mi sono tolto questo sassolino dalla scarpa!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Rinoceronte78

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 40
Registrato: 21/03/12 20:08
Messaggi: 1134
Rinoceronte78 is offline 






italy
MessaggioInviato: Ven Mar 14 2014, 15:40:51    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ruj ha scritto:
Volevo sapere se qualcuno ha visto la trasmissione "Teatro 10" e ricorda il perché di questo criptico discorso tra Battisti e Lupo il 23 aprile del 1972. Nella trasmissione integrale si capisce che discorso voleva fare Lucio?

http://www.youtube.com/watch?v=4DVwlFUERBs


senza girarci intorno,è chiaro che Alberto Lupo,ha letteralmente impedito a Lucio di RIVELARE qualcosa di veramente scomodo,basta vedere la reazione del cantante una volta andato via Lupo...infatti Lucio all'affermazione di Lupo,fino allo sorso anno non parlavi,risponde: " beh,ora potrei anche parlare..." quasi a voler intendere,che mi son rotto a star zitto voglio dire la mia....

_________________
In Italia si rompe tutto.Anche il Governo delle astenzioni,anzi quello non è mai nato,perciò non vedo perchè si dovrebbe rompere.R.G
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Rinoceronte78

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 40
Registrato: 21/03/12 20:08
Messaggi: 1134
Rinoceronte78 is offline 






italy
MessaggioInviato: Ven Mar 14 2014, 16:10:31    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ecco questa è INFERNO ROSA....

Non ferirmi no, non farlo mai più.
I baci tranquillizzanti mi buttano giù.

Tu vuoi mostrare a tutti l'amore che c'è fra noi,
una medaglia al valore che da sola ti dai.

Adesso che hai una casa un uomo e una reputazione,
padrona, padrona anche del tuo padrone.

vorresti che ti seguissi nel goder con distinzione
di tutti i frutti della vita quasi quasi compresi quelli colti da altre dita
No non sei più tu

E la memoria impertinente mi riporta là
a una ragazza fra la gente smagliante di libertà.
Le parolacce le risate le corse e poi tu mia
se fossi un altro uomo direi: poesia.
E quando con un salto tu sei piombata tra le braccia mie
ti sei spogliata senza trovare né scuse né bugie

e quando per scherzare dissi "Quanto vuoi?"
Tu rispondesti seria "L'amor che puoi!".

La disinvoltura che adesso tu hai
ha come radici gli spiccioli miei.

Le mura di un castello hai alzato intorno a noi
e olio bollente sugli altri getti ormai

scegliendo i nostri amici un computer diventi per l'occasione
e chi hai scartato per te è un barbone

mi offri la fedeltà su un piatto decorato di mille attenzioni
come dire "hai comprato e ora godi le tue prigioni"

Vola la mia mente a qualche anno fa
a una esplosione dirompente di vitalità
a quando per punir quel moralista dell'ultimo piano
tu improvvisamente gli mostrasti il seno!
E quando ancor piangendo per l'emozione tu
cantando Fratelli d'Italia gridasti "io non ti lascio più!"
e la violenza con la quale mi abbracciasti un giorno,
un giorno quando non conoscevo questo rosa inferno



Beh...direi che è tutto molto chiaro...la canzone parla dell'incontro del cantante con il Sistema,che inizialmente giudicava positivamente e pieno di buone prospettive,ma poi una volta che ne ha conosciuto il vero volto, appare quanto meno disgustato dal suo agire calcolatore,e avido.....raggelante e chiarificatore....di lì a pochi anni non a caso Lucio,si allontanerà definitivamente dal Sistema,per rifugiarsi in una vita meno appariscente,ma gliela faranno pagare con l'oblio con cui ha dovuto far fronte...ma evidentemente a lui non importava più nulla di ciò che pensasse la gente...ma seguiva il suo istinto....intriso di voglia di Libertà vera...non apparente e ipocrita

_________________
In Italia si rompe tutto.Anche il Governo delle astenzioni,anzi quello non è mai nato,perciò non vedo perchè si dovrebbe rompere.R.G
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Lizzy

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 28/05/14 16:15
Messaggi: 55
Lizzy is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Set 30 2014, 11:50:00    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Secondo me fa riferimento alla moglie. La moglie lo ha isolato da tutto e da tutti. Lo ha portato dentro il sistema e poi lo ha abbandonato a se stesso.
Anche la tomba di Battisti a Molteno era completamente abbandonata,trascurata, finchè stanca delle critiche la moglie ha trasportato il corpo non so dove.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pichiricky

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 20
Registrato: 20/08/10 10:50
Messaggi: 214
pichiricky is offline 






italy
MessaggioInviato: Mer Mag 20 2015, 21:11:24    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

battisti e' morto perche' era il piu' intelligente
faceva parte di qualche circolo o setta massonica ma lui era il piu' intelligente
lui non aveva bisogno di sentirsi qualcuno in un gruppo di affiliati
lui la verita' la conosceva senza doverselo dire da altri
da il gruppo

sapeva le stesse cose che ha provato a raccontarci anche richard bach ma non quello dei fiori, l'altro

e come lui ci ha provato anche osho
giordano bruno
rudolf steiner
rino gaetano
wilhelm reich
e tanti altri

anche malanga ci sta provando ma le cose lui non le puo' dire perche' se non lo ammazzano

noi siamo anima
non siamo un corpo biologico e basta
noi siamo l'energia che permea tutto l'universo
tutto quello che vediamo e che non vediamo
noi siamo di questo mondo ma non di questo mondo
dovremmo ricordare invece di dimenticare
e dovremmo essere innamorati dell'unica verita' che tutto include e nulla esclude
dovremmo essere innamorati perche' e' come essere innamorati

noi produciamo donamiamo e riceviamo energia

anche tesla lo sapeva ecco perche' cercava di dare a tutta l'umanita' energia wi fi grati per sempre per tutti
rockfeller quando ha sentito che era gratis per sempre e per tutti
bhe' nikola tesla e' morto solo ammalato e senza un soldo degli oltre 700 brevetti che ancora adesso tutti noi utilizziamo

bob marley lo sapeva
chi sa' quanti lo dicevano e lo sapevano e me ne sto dimenticando.....
shame on me
se non altri ancora ma che solo l'elite usa
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Uccisi dal sistema Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Poteri occulti topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008