Indice del forum

Poteri occulti

Sito per discutere di misteri italiani, massonerie, mafie, e altro.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

La Mente e il Cuore
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Tecniche di miglioramento personale e collettivo
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Iscariota

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 34
Registrato: 08/03/09 03:10
Messaggi: 105
Iscariota is offline 






italy
MessaggioInviato: Gio Ago 27 2009, 18:13:08    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Volevo proporre anche qui una metafora per ragionarci su se vi va...

La vita non è un film, è piuttosto un talk show in diretta a cui partecipiamo tutti. C'è un 'regista/scenografo' che procura gli 'ospiti' partecipanti, il palcoscenico ed una scaletta (non un copione). C'è un 'presentatore' che segue una scaletta e le indicazioni che gli forniscono i 'gobbi' ed i 'macchinisti'. Scelgono loro chi inquadrare perchè pensano di avere le giuste competenze ma ne abbiamo davvero bisogno oppure dobbiamo convincerli del contrario? Tutti noi possiamo comunque partecipare senza necessariamente dover stare a guardare e allo stesso tempo senza alzare troppo la voce (altrimenti finisce come nei finti talk show odierni tipo Maria de Filippi che in realtà seguono un copione come dei film... Confused ). Certo intervenire richiede una buona 'preparazione' e fiducia in se stessi e nelle proprie 'competenze', altrimenti si fa una brutta figura e si perde la propria occasione, è per questo che molti scelgono di stare a guardare, di entrare a far parte dello staff o peggio di uscire dallo studio perchè pensano di non essere all'altezza oppure non hanno voglia di prepararsi. Ognuno di noi ha qualcosa di 'interessante' da aggiungere agli 'argomenti' che si trattano, altrimenti non saremmo stati scelti dal regista (non avremmo superato il casting Razz ). Ma nonostante lo sforzo profuso per far riuscire bene il programma succederà sempre qualche casino...

E' questo "il bello della diretta".

Quindi vogliamo far diventare lo show una specie di Grande Fratello oppure vogliamo cercare di creare qualcosa di più costruttivo per evolverci e far evolvere con noi lo 'show'? E' vero che 'the show must go on' ma siamo noi attori a decidere come... Oppure pensate che sia già tutto scritto? Che senso avrebbe? E poi c'è davvero bisogno di mandarlo in onda? Per chi? C'è bisogno di un pubblico o bastiamo noi partecipanti?

Dove preferite stare? Dietro le quinte, fra il pubblico? oppure volete 'prepararvi' e partecipare per aggiungere qualcosa e migliorare il programma?

Ovvio che è solo una metafora (collettiva e individuale) e sono solo chiacchiere e immagini confuse ma serviranno magari ad aumentare la nostra 'preparazione'?

E poi volevo ricordare che:

"La verità non è venuta nel mondo nuda, ma è venuta in simboli ed immagini. Esso non la riceverà in altra maniera."
"Gli arconti vollero ingannare l'uomo, perché essi videro che egli aveva la stessa origine di quelli che sono veramente buoni. Essi presero
il nome delle cose che sono buone e lo diedero alle cose che non sono buone, per potere, per mezzo dei nomi, ingannare gli uomini e legarli
alle cose che non sono buone. E poi, se essi fanno loro un favore, li allontanano da ciò che non è buono e li collocano in ciò che è buono,
quello che essi conoscono. Perch'essi hanno deliberato di prendere l'uomo libero e fare di lui un loro schiavo, per sempre."
(Vangelo di Filippo [67-13])

Per sdrammatizzare un pò metto anche questo divertente video che 'ovviamente' ho scoperto dopo aver scritto questa roba: Mr. Green


_________________
In questo mondo devi essere matto. Se no impazzisci. (Leopold Fechtner)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Gio Ago 27 2009, 18:13:08    Oggetto: Adv






Torna in cima
Anonymous
















MessaggioInviato: Dom Ago 30 2009, 04:32:38    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

QUOTO IN TOTO ...
Wink
Torna in cima
Angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti


Età: 48
Registrato: 19/01/09 16:09
Messaggi: 57
Angelo is offline 


Impiego: docente



italy
MessaggioInviato: Mar Set 01 2009, 14:09:28    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ma chi se ne incula se quoti in toto! Quota sta cippa di minchia. Stronzo. Femminiello.

T' piscio n'capo e ppo' t'asciutto a bott e scuregge

Te metto 'n dito 'n bocca, uno ar culo e te sciaqquo come 'na dammiggiana. Pezzo di merda poi te ficco du' diti ner culo, te apro come 'na bolletta der gas e me te leggo l'intestino

_________________
Nella vita tocca sempre menà per primi. (A vitali. Pierino contro tutti)

Meglio scoparsi una fica oggi che due fiche domani (A. Vitali. La ripetente fa l'occhietto al preside)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pirata

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 01/09/09 12:14
Messaggi: 73
pirata is offline 

Interessi: Addestramento di pulci bovine
Impiego: Torero



italy
MessaggioInviato: Mar Set 01 2009, 16:59:09    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

MAESTRO DI DIETROLOGIA ha scritto:
QUOTO IN TOTO ...
Wink


sì, ma pecchè? Surprised
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti


Età: 48
Registrato: 19/01/09 16:09
Messaggi: 57
Angelo is offline 


Impiego: docente



italy
MessaggioInviato: Mar Set 01 2009, 18:16:28    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

perché mdd è un fottuto sbocchina elefanti. Infatti gli auguro di morire dopo aver fatto un bocchino ad un elefante che lo anneghi nello sperma _
_________________
Nella vita tocca sempre menà per primi. (A vitali. Pierino contro tutti)

Meglio scoparsi una fica oggi che due fiche domani (A. Vitali. La ripetente fa l'occhietto al preside)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
mbgatto

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 45
Registrato: 05/06/09 11:50
Messaggi: 222
mbgatto is offline 






belgium
MessaggioInviato: Mar Set 01 2009, 19:09:50    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ed a riportarci su piani astrali decisamente inferiori ci hanno pensato gli ultimi post... (però adesso sono curiosa: qualcuno conosce la quantità di sperma emessa da un elefante durante l'eiaculazione?)

Ultimamente, leggiucchiando qua e là, ho studiato un po' la vita di Nicholas Flamel
che seguì la via alchemica e raggiunse così l'illuminazione.
Riflettei sul fatto che ognuno ha la "propria" via per raggiungere la consapevolezza. Poi è vero che nel corso dei millenni grandi Maestri lasciarono per noi tracce, sentieri che possono aiutarci nel Viaggio. Ma è in ognuno di noi che è sepolta la Verità, e spesso è terribile da affrontare, ma è luce pura.
Durante il percorso saremo Noi ad attirare le "prove" che ci condurranno alla meta, saremo Noi a decidere se andare avanti o fermarci, se sbagliare strada od ascoltare il Cuore che ci conduce verso la luce.

Il discorso di Valens sull'alimentazione è giustissimo: se il tuo corpo è avvelenato, la tua coscienza lavora male (a nessuno sono capitati gli incubi da post-peperonata, o il mal di testa da sbronza?).

Infine. Le gatte che mangiano il merlo esprimono armonia cosmica. L'uomo possiede il libero arbitrio, aver assaggiato i frutti dell'albero del bene e del male ci "costrinse" ad un dualismo illusorio e carceriero. Eppure certi discorsi su "io sono dio e faccio quel che mi pare" mi risuonano un po' forzati. Sarei più concorde a pensare "io sono dio e paleso la mia divinità diventando luce".

Un abbraccio.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Iscariota

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 34
Registrato: 08/03/09 03:10
Messaggi: 105
Iscariota is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Set 01 2009, 20:45:35    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

mbgatto ha scritto:
Sarei più concorde a pensare "io sono dio e paleso la mia divinità diventando luce".


Quoto in toto... Wink

Dico seriamente e grazie di aver riportato il topic sulla retta via. Rolling Eyes

_________________
In questo mondo devi essere matto. Se no impazzisci. (Leopold Fechtner)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Anonymous
















MessaggioInviato: Mer Set 02 2009, 00:19:27    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:

Ed a riportarci su piani astrali decisamente inferiori ci hanno pensato gli ultimi post... (però adesso sono curiosa: qualcuno conosce la quantità di sperma emessa da un elefante durante l'eiaculazione?)


Non sono d'accordo. A mio parere Angelo ha espresso un legittimo parere, condividibile e rispettabile perchè estrinsecazione della sua personalità e del suo modo di essere e non deve necessariamente essere considerato un piano astrale inferiore se ha usato un linguaggio forse un po' colorito ma indubbiamente efficace ed espressivo delle sue idee. Del resto... meglio un linguaggio così che quello palloso di Umberto Eco.
Peraltro anche io condivido in parte il parere di Angelo sulla mia persona, perchè in effetti, a pensarci bene, io ho questo comportamenti da idiota nel forum perchè ho un profondo senso di insicurezza interiore e non ho pace dentro, e questa guerra interna si riflette nel caos che combino qui sul forum, insultando, provocando, ecc....
Grazie Angelo. Mi hai fatto riflettere.





Nota dell'amministrazione. Il messaggio è stato censurato e riformulato secondo canoni più civili, lasciando integra la sostanza.
Torna in cima
Anonymous
















MessaggioInviato: Gio Set 03 2009, 17:14:18    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

PAZIENZA ...
PREVALE SEMPRE IL TUO LATO MASOCHISTA !!!
Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes
Torna in cima
albertbac

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 28/07/09 17:59
Messaggi: 153
albertbac is offline 






italy
MessaggioInviato: Gio Set 03 2009, 17:36:36    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

“Aveva trovato, in un testo che i competenti proclamavano autentico, degli elementi di diritto pubblico; e, come studioso di diritto, di sfuggita ne aveva dato riferimento. Tutto qui. Quel professor Tychsen sì che ne avrebbe avuto un colpo. E il povero monsignor Airoldi. E suo zio. Ma il Tychsen più di tutti: grande orientalista, e aveva tenuto il sacco all’abate. Una cosa che pareva incredibile: e pure non c’era da sbagliare, aveva sentito in Hager, inequivocabilmente, l’accento della passione, della verità; la dolente impotenza e repugnanza dell’uomo onesto di fronte alla prepotente menzogna, quel ritrarsi che appare di confusa colpevolezza ed è invece di disperata innocenza. ‘La menzogna è più forte della verità’”.
(L. Sciascia)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
oscillator

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 18/02/09 12:18
Messaggi: 470
oscillator is offline 






italy
MessaggioInviato: Ven Set 04 2009, 22:07:04    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

@ Valens ti ho risposto qui... scusami ma i discorsi si sono incrociati:
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Skype
sky

Apprendista
Apprendista


Iscritti



Registrato: 01/03/09 21:34
Messaggi: 96
sky is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Set 05 2009, 10:10:00    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Se invece mi voglio occupare di me stesso/a, delle mie emozioni o del mio interiore per esempio, qua la mente é fuori luogo non sa niente e invece di aiutarmi mi ostacola. In questo settore lo spazio legato all´intelligenza (e al cuore) sono molto piú utili, soo gli strumenti adatti mentre é inadatta la mente qua.


vallo a spiegare a Freud... a pensare per quanto tempo mi sono autochiavato su questo punto mi vien male...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
oscillator

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 18/02/09 12:18
Messaggi: 470
oscillator is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Set 05 2009, 12:03:49    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

sky ha scritto:

vallo a spiegare a Freud... a pensare per quanto tempo mi sono autochiavato su questo punto mi vien male...


Brutta bestia la psicanalisi eh? Rolling Eyes
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Skype
Valens

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 44
Registrato: 26/01/09 19:11
Messaggi: 198
Valens is offline 

Interessi: legali 1%
Impiego: camise, calseti, nissioli e sugamani, basta che no li gabia da stirar



italy
MessaggioInviato: Dom Set 06 2009, 12:34:36    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un altro interessante punto di vista
Esistono "altri" sfidanti...

_________________
io sono te,
tu sei me,
egli è nostro, tutti e due siamo suoi.
Che tutto sia
per il nostro prossimo
Georges I. Gurdjieff
_°_°_°_°_°_°_°_°_
I GA IGA I GAI
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Stefania Nicoletti

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 19/01/09 18:11
Messaggi: 2016
Stefania Nicoletti is offline 



Sito web: http://paolofrancesche...


italy
MessaggioInviato: Lun Ott 12 2009, 02:07:26    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La vita è totalità. La vita è cambiamento.


La vita è un flusso - Osho


La prima cosa da comprendere è che la vita è estremamente paradossale, di conseguenza accadono molte cose. Queste sono le due alternative: il paradiso e l'inferno, non c'è una terza possibilità; o soffri profondamente o sei profondamente in estasi e non soffri. Queste sono le due uniche due possibilità, le due aperture, le due soglie, i due modi di essere.

A questo punto sorge inevitabilmente la domanda: perché l'uomo sceglie di soffrire? L'uomo non sceglie mai di soffrire, sceglie sempre di essere estatico: questo è il paradosso. Se scegli di essere estatico, soffrirai sempre, perché essere estatici vuol dire essere privi di scelte. Questo è il problema. Se scegli di essere estatico soffrirai. Se non scegli, se resti semplicemente un testimone privo di scelta, sarai nell'estasi. Quindi non è una questione di scelta tra l'estasi e la sofferenza, in profondità si tratta di scegliere tra la scelta e la non-scelta.

Come mai accade che quando scegli soffri? Perché la scelta divide la vita: qualcosa viene tagliato e gettato via. Non accetti la totalità. Accetti qualcosa e neghi qualcos'altro: ecco cosa vuol dire scegliere. Ma la vita è una totalità. Se scegli qualcosa e neghi qualcos'altro, ciò che neghi ti raggiungerà, perché la vita non può essere divisa. E ciò che neghi, per il solo fatto che lo neghi, acquista un enorme potere su di te.

Nulla può essere negato, puoi solo chiudere gli occhi, fuggire. Puoi distogliere la tua attenzione da ciò che vuoi nascondere, ma resterà comunque presente, nascosto, in attesa di riaffermarsi. La vita è totalità: il primo punto. E la vita è cambiamento: il secondo. Queste sono verità basilari. Non puoi dividere la vita. Inoltre nulla è stagnante, né potrebbe esserlo. Per cui, quando dici: "Non soffrirò. Sceglierò uno stile di vita estatico", ti aggrapperai alla felicità. E ogni volta che ti aggrappi a qualcosa, che la desideri, speri che sia per sempre, ma nella vita nulla può essere eterno, la vita è un flusso. Qui nulla può essere permanente, eccetto te. Eccetto te, nulla è eterno e, se ti aggrappi a qualcosa di mutevole, quando se ne sarà andata, soffrirai.

Non solo, se la tua mente è incline ad attaccarsi, non riuscirai a godere ciò che ti sei aggrappato, perché avrai sempre la paura di perderlo.

La vita è un ritmo di opposti. Il respiro entra ed esce: tra questi due opposti - entrata ed uscita - tu esisti. Esistono la sofferenza e la gioia. La felicità è come l'inspirazione, il dolore è come l'espirazione. Non puoi dire: "Vivrò solo se sono felice. Quando non sono felice, non vivrò". Puoi assumere questo atteggiamento ma ti farà soffrire di più.

Nessuno sceglie la sofferenza, ricorda. Nessuno ha scelto di soffrire. Hai scelto di non soffrire, di essere felice e la tua è una scelta fatta con molta convinzione. Stai facendo di tutto per essere felice ed è per questo che stai soffrendo, che non sei felice. Quindi cosa si deve fare? Ricorda che la vita è totale. Non puoi scegliere: tutta la vita va vissuta. Ci saranno momenti di felicità e di dolore ed entrambi vanno vissuti, non puoi sceglere. Infatti la vita è entrambi... Altrimenti, il ritmo andrà perduto e senza ritmo non c'è vita.

E' come la musica: è composta di note, di suoni e dopo ogni suono c'è silenzio, una pausa. La musica si crea grazie a quella pausa, quell'intervallo di silenzio, unito al suono, grazie a entrambi gli opposti. Se dici: "Sceglierò solo i suoni e trascurerò gli intervalli", non ci sarà musica. Sarà qualcosa di monotono, privo di vita. Quegli intervalli danno vita al suono. Questa è la bellezza della vita: esiste attraverso gli opposti. Suono e silenzio, suono e silenzio: ciò crea la musica. La stessa cosa accade con la vita. Il dolore e la felicità sono due opposti, non puoi scegliere.

Se scegli, sei diventato una vittima, soffrirai. Se diventi consapevole di questa totalità degli opposti e del modo in cui funziona la vita, non scegli: questa è la prima cosa. Quando arriva il dolore ti godi il dolore, quando arriva la felicità ti godi la felicità. Io dico di apprezzare entrambe le cose. Questa è la via della saggezza: apprezza entrambe le cose, senza scegliere. Qualsiasi realtà ti si presenti, accettala. E' il tuo destino e non puoi farci nulla.

Se assumi questo atteggiamento, non esiste scelta: sei diventato privo di scelta, diventi consapevole di te stesso, perché non sei più preoccupato di ciò che avviene, non sei proiettato verso l'esterno. Non ti curi di ciò che sta avvenendo intorno a te. Qualunque cosa accada l'apprezzerai, la vivrai, la sperimenterai e ne ricaverai qualcosa, perché ogni esperienza è un'espansione della consapevolezza.

Se davvero non esistesse la sofferenza saresti povero, perché il dolore ti dona profondità. Un uomo che non ha sofferto resta sempre superficiale: la sofferenza dona profondità. In realtà, se la sofferenza non esistesse, saresti insipido, un fenomeno noioso. La sofferenza ti conferisce carattere, acutezza. Acquisisci una qualità che potrà darti solo il dolore, non la felicità.

Ma non sarà ricco nemmeno un uomo che ha solo sofferto senza mai conoscere la felicità, perché la ricchezza nasce dagli opposti. Più ti muovi tra gli opposti, più la tua evoluzione sarà elevata e profonda.

Quindi la felicità da sola non sarà di grande aiuto, perché non ci saranno sfide. Il dolore da solo non provocherà una grande crescita, perché non ci sarà nulla per cui lottare, sperare, sognare; mancheranno i sogni. Entrambi sono necessari: la vita esiste tra di loro come una tensione molto fine e sottile.

Se comprendi tutto questo, non scegli. A quel punto sai come funziona la vita, com'è fatta. Questa è la via della vita: passa attraverso la felicità e il dolore, donandoti profondità, carattere e significato. Quindi entrambe le cose vanno bene.

Io sostengo che vanno bene entrambe. Non dico di scegliere, bensì affermo che vanno bene entrambe; non scegliere. Piuttosto, godi di entrambe, lasciale accadere. Sii aperto, senza resistenza. Non aggrapparti a una e non resistere all'altra. Fa che la non-resistenza sia il tuo motto. Qualunque cosa la vita mi dia, sarò pronto e disponibile ad accoglierla, l'apprezzerò. Anche le notti vanno bene e sono bellissime, la sofferenza ha una bellezza. L'oscurità ha una sua bellezza e il giorno ne ha un'altra. Non esiste paragone e non esiste scelta. Entrambi hanno la propria dimensione in cui operare.

Quando in te sorgerà questa consapevolezza, non sceglierai. Sarai un semplice testimone e apprezzerai entrambi. Questa assenza di scelta si trasforma in estasi. L'estasi non è contraria alla sofferenza: è una qualità che puoi portare in qualsiasi cosa, persino nel dolore.

Quindi ricorda: l'estasi non è qualcosa di opposto al dolore. Non pensare che quando diventerai estatico non ci sarà dolore. Queste sono stupidaggini. Il dolore è parte della vita, cessa solo quando non esisti.

Ecco perché ho parlato di fenomeno delicato e sottile. A causa della paradossalità della vita scegli la felicità e cadi nella sofferenza. Cerchi di scappare dalla sofferenza, ma la attiri sempre di più. Puoi prenderla come una legge assoluta: qualunque cosa scegli, il tuo destino sarà l'opposto.

Nell'esistenza solo tu sei il fattore costante, nient'altro. Solo tu sei l'eternità, nient'altro. La tua consapevolezza non è mai un flusso. La sofferenza arriva, e sei un testimone; se ne va, e sei un testimone. Quindi arriva il nulla, e sei un testimone. Solamente una cosa resta costante: il testimone, e quello sei tu. La tua consapevolezza: essa resta uguale, mentre tutto il resto cambia. E se ti aggrappi a un oggetto del mondo dei mutamenti, soffrirai. Non puoi farci nulla. Stai cercando l'impossibile, ecco perché soffri.

Quindi ricorda, se soffri è una tua scelta; consapevole o inconsapevole, diretta o indiretta, è una tua scelta. E' una tua scelta e ne sei responsabile. Nessun altro lo è. Ma nella nostra mente tutto è confuso, tutto sottosopra. Se soffri, pensi che sia colpa degli altri. Soffri a causa tua, nessuno può farti soffrire, è impossibile. E anche se qualcuno ti fa soffrire, soffrire è una tua scelta. Nessuno può farti soffrire: sei tu che lo scegli. Ma pensi sempre che se l'altro cambia o se farà qualcosa di diverso, non soffrirai. E se non ti assumi totalmente questa responsabilità, non cambierai. Questo e nessun altro è il significato della legge del karma: tu sei completamente responsabile. Ecco cos'è la legge del karma: la responsabilità è totalmente tua.

_________________
L'uomo può nascere, ma per nascere deve prima morire, e per morire deve prima svegliarsi.
- G.I. Gurdjieff -
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Tecniche di miglioramento personale e collettivo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Pagina 3 di 9

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Poteri occulti topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008