Indice del forum

Poteri occulti

Sito per discutere di misteri italiani, massonerie, mafie, e altro.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Quando mi sono accorto....
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Vicende personali
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
matthaeus

Appassionato
Appassionato


Iscritti



Registrato: 04/06/09 12:11
Messaggi: 148
matthaeus is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 21:29:03    Oggetto:  Re: Specifico....
Descrizione:
Rispondi citando

Reset74 ha scritto:
Citazione:
Nel 1999, una bella notte d'estate, esco fuori e osservo una bellissima e limpidissima luna piena.
Sembrava così grande e vicina!
Continuo a osservarla, è veramente affascinante, e penso se vivrò abbastanza per poterci andare un giorno.
Poi nasce in me la domanda: perchè l'uomo non ci è più tornato?
Ci sono andati 5-6 volte, poi non sono più tornati.
Ma perchè?

Hanno rischiato la vita per andarci quando il computer di bordo della loro navicella era meno potente di un commodore 64 degli anni 80, e non tornano adesso che abbiamo i pentium 4!

Il deserto del Sahara è il posto più inospitale al mondo, girato in lungo e in largo, eppure ancora oggi naturalisti, scienziati, esploratori ogni anno in centinaia si fanno finanziare per andarci. Sulla luna no, più nessuno.

Ne hanno esplorato un fazzoletto, piccolo come un paesino, e hanno detto "non c'è nulla!"

E se a 300 metri di profondita c'era petrolio, oro o magnesio?

Hanno trivellato? E dall'altro lato della luna?

E' come se Cristoforo Colombo abbia scoperto con dei vascelli e visitato l'America 5-6 volte nella stessa spiaggia, non andando nell'interno, e abbia detto: "Qui non c'è nulla, inutile tornare!"
E anni dopo, anche se vengono costruite navi a motore, sommergibili, natanti a reazione nucleare, nessuno torna più perchè "Tanto, non c'è niente!".

E poi se nello spazio non c'è aria, come avviene la combustione?
Ricordo di chimica: non c'è combustione senza ossigeno!
Ah, forse si portano serbatoi di ossigeno per realizzare la combustione, penso...
Si, ma quanto ne avrebbero bisogno, quanto dovrebbero essere grandi?
E anche se fosse, la combustione dove impatterebbe per dare la spinta
se non c'è aria?

Arriva la rivelazione: Non sono mai andati sulla Luna!

E' una certezza. La logica me lo dice.
Solo dopo negli anni scoprirò poi i dubbi sui filmati, i complottisti, le ragioni politiche,
il film Capricorn One e tanto altro.

Ma la logica, e il libero pensiero, era arrivato prima.
La cosa che più mi ha sconvolto non è stata come potrebbe sembrare la scoperta di questa mondiale bufala, ma la reazione delle maggior parte delle persone a queste
mie considerazioni.


Io non ho mai detto che è impossibile andarci, ma che non ci sono mai andati.
E sopra trovi le argomentazioni semplici, di semplice logica.

Che sia difficile andarci è comunque un altra argomentazione.
Puoi sparare qualcosa nello spazio, e fargli prendere anche una traiettoria orbitale.
Ma sarà un viaggio senza ritorno.
Hai mai notato che i satelliti non hanno propulsione???
Ti sei mai chiesto perchè?
Ti sei mai chiesto perchè girino anche anni attorno alla terra ma sempre destinati a precipitare o a perdersi nello spazio?
E così quelli sparati verso Marte o Giove?

Reset74


Ancora non capisco perché sostieni che sia così difficile andare sulla Luna.
Infatti, nello spazio non sono stati mandati soltanto satelliti o sonde, ma anche equipaggi umani. In orbita attorno alla Terra c'è una stazione spaziale su cui continuano ad andare degli astronauti, e non rimangono lì per tutta la loro vita, ma quando finiscono la missione per cui sono stati mandati, tornano sulla Terra. La stazione spaziale non si trova nell'atmosfera terrestre, perciò per iniziare il viaggio di ritorno ci dovrebbero essere delle difficoltà analoghe a quelle di una partenza dalla Luna, salvo che la forza di gravità è diversa. Ma se ho capito bene le tue obiezioni, il problema che ponevi riguardava il fatto che sulla Luna non c'è un'atmosfera... così come non c'è neanche nello spazio.
Il fatto che l'uomo non sia più tornato sulla Luna, secondo me è facilmente spiegabile, considerati i notevoli costi che un simile viaggio richiede. L'uomo è andato sulla Luna durante la guerra fredda, in un periodo storico in cui gli USA avevano interesse a far vedere all'URSS la propria superiorità scientifica e tecnologica. Però dalla Luna non è stato portato indietro nulla che potesse compensare i costi della missione. I contribuenti perciò hanno senz'altro avuto qualcosa da ridire sulle modalità con cui veniva speso il loro denaro. Finita la guerra fredda, gli stanziamenti a favore della NASA (ed anche delle spese militari, in un primo periodo) sono stati notevolmente ridotti. Le spese militari sono poi state aumentate a causa delle varie guerre e del terrorismo, ma non penso che lo stesso sia avvenuto con la NASA, o almeno non è avvenuto nelle stesse proporzioni.
Inoltre adesso la missione che può dare più prestigio è quella che porterà l'uomo su Marte: perciò non vedo perché gli USA debbano mandare nuovamente l'uomo sulla Luna. Probabilmente la Cina non è ancora in grado di effettuare una missione su Marte e, prima di fare le cose più in grande vuole vedere se riesce almeno a raggiungere la Luna. Se ci dovesse riuscire, penso che in seguito anche la Cina proverebbe ad andare su Marte.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 21:29:03    Oggetto: Adv






Torna in cima
manny

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 07/06/10 02:17
Messaggi: 14
manny is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 21:59:34    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ma infatti. reset 74 sostieni di basarti sulla logica (evviva!), ma il problema di fondo è l'ignoranza.è come se uno che non ha mai visto un fungo dicesse che i porcini non esistono.tu avrai pure delle basi di chimica (mi pare hai detto così?non ho riletto,ora),ma questo non c'entra niente,e soprattutto non si capisce perchè non potevi sbatterti un attimo di piu(invece di fondarti solo sulla tua "logica"),ad es. usando google, per le tue lacune.ricorda,te puoi non credere a nessuno,e fai bene,ma non si finisce mai di imparare,anche alla tua età.ecco qui:






..."l’americano Robert Goddard la pensava allo stesso modo. Anche lui schernito dal mondo scientifico, si prese la sua rivincita quando riuscì ad accendere un suo prototipo di razzo a combustibili liquidi in una macchina a vuoto spinto, dimostrando inequivocabilmente che la propulsione a razzo funzionava anche nel vuoto."...

Direi che per stasera ho gia fatto abbastanza lavoro per te.Domani fatti un giro in biblioteca.

Quanto alla cosa delle eclissi di megamind(mi pare), quella è molto interessante, e qui si credo si tratti della bellezza del Creato.Ma d'altronde anche le leggi della fisica sono incredibilmente armoniche no?Smile
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Reset74
Attualmente bannato

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 45
Registrato: 02/06/10 21:11
Messaggi: 65
Reset74 is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 22:43:13    Oggetto:  Pane i vostri denti........
Descrizione:
Rispondi citando

Avete trovato pane per i vostri denti!

Non ho solo basi di chimica, ma anche di fisica................
ma comunque sia, solo principi elementari, dimostrabili e verificabili,
e non abbandonando mai la logica.

Ora vi spiezzo in due!!! Wink

Prima a matthaeus!!!


Citazione:
Infatti, nello spazio non sono stati mandati soltanto satelliti o sonde, ma anche equipaggi umani. In orbita attorno alla Terra c'è una stazione spaziale su cui continuano ad andare degli astronauti, e non rimangono lì per tutta la loro vita, ma quando finiscono la missione per cui sono stati mandati, tornano sulla Terra. La stazione spaziale non si trova nell'atmosfera terrestre, perciò per iniziare il viaggio di ritorno ci dovrebbero essere delle difficoltà analoghe a quelle di una partenza dalla Luna, salvo che la forza di gravità è diversa. Ma se ho capito bene le tue obiezioni, il problema che ponevi riguardava il fatto che sulla Luna non c'è un'atmosfera... così come non c'è neanche nello spazio.


Trascuri il fatto, molto rilevante, che la stazione orbitale è in orbita!!!! Attorno alla terra!!! Le navicelle che ci arrivano vengono sparate in orbita, corregono la propulsione con i razzi convenzionali al minimo, e possono farlo perchè anche se molto più rarefatta c'è comunque ancora atomosfera, quindi c'è una base su cui la propulsione può spingere, si attraccano alla stazione orbitale, poi si staccano e letteralmente precipitano sulla terra!!!!

Ora spezziamo manny

Se stavi attento a quello che ho scritto non sorvolavi questa parte:
Citazione:
E poi se nello spazio non c'è aria, come avviene la combustione?
Ricordo di chimica: non c'è combustione senza ossigeno!
Ah, forse si portano serbatoi di ossigeno per realizzare la combustione, penso...
Si, ma quanto ne avrebbero bisogno, quanto dovrebbero essere grandi?
E anche se fosse, la combustione dove impatterebbe per dare la spinta
se non c'è aria?

Nella mia auto-citazione qui sopra io avevo già detto che era possibile creare combustione nello spazio portandosi ossigeno dentro la navicella.
Il problema è che se non c'è un atmosfera che abbia un minimo di densità, mi muoverei di 1 millimetro con i motori accesi al massimo!!!!!!!!!!!!!!!
Pensa all'atmosfera come una parete che il razzo spinge indietro per andare avanti:
se l'atmosfera non c'è, non và indietro, e il razzo non và avanti!!!

Riguardo al grande Konstantin Tziolkovskij penso che sei tu che hai travisato e non afferrato il motivo di questa invenzione, la sua utilità e il suo grande limite!!!!
Il combustibile liquido ha permesso di creare razzi che potessero andare negli strati più alti dell'atmosfera, senza che i motori si spegnessero o perdessero potenza, perchè l'ossigeno dimuisce sempre di più!
Più in alto vanno però, più consumano mantenendo la stessa velocità, perchè riescono a spingersi di meno perchè l'atmosfera è più rarefatta.
Usciti completamente dall'atmosfera terrestre, non in orbita alla terra, ma in pieno spazio, i motori continuerebbero a bruciare anche nel vuoto per via dell'ossigeno contenuto nel combustibile liquido, ma terminata l'energia cinetica accumulata dal lancio oltre l'atmosfera, il nostro bel razzo, anche a a motori al massimo, si sposterebbe di 1 millimetro all'ora.

Spero di essere stato semplice, esaustivo, e sopratutto logico.

Reset74

P.s. Posto alcuni estratti dai link che avete postato, che alla luce delle mie ultime affermazioni, sono sicuro leggerete in altra ottica.
Ah, per la cronaca, anche se vado a funghi solo una volta ogni 2-3 anni, sono anche un mezzo-esperto e degustatore di funghi porcini.Wink
Ah, e non mi è mai mancata la tessera della libreria comunale nelle città dove ho risieduto Mr. Green Mr. Green
Veramente!!! Non scherzo!!!!
Mr. Green Mr. GreenMr. Green Mr. Green


Citazione:
Che nello spazio ci fosse il vuoto era noto agli astronomi del diciannovesimo secolo. Anche Jules Verne lo sapeva, infatti quando scrisse il suo romanzo “Dalla Terra alla Luna” si pose il problema di come fare a volare nel vuoto. Tutti i mezzi di locomozione allora in uso non erano inidonei, poi ebbe l’intuizione di sparare un proiettile verso la Luna, bastava fornirgli la velocità sufficiente.


Citazione:
I razzi a combustibile solido che allora venivano utilizzati non erano idonei, perché utilizzavano l’aria ambientale come comburente. Tziolkovskij comprese che nello spazio ci si doveva portare appresso combustibile e comburente e che la forma liquida era quella meglio gestibile.


Citazione:
I satelliti artificiali devono essere immessi nell'orbita cosiddetta di parcheggio e successivamente, attraverso delle manovre orbitali con dispendio di propellente, nell'orbita operativa.


Citazione:
Per esempio, se nello spazio tu muovi il timone o l'alettone dello shuttle non accade nulla, essendo quelle superfici di controllo tipiche di un aeromobile che possono essere
sfruttate dai piloti solo dopo il rientro nell'atmosfera.


Citazione:
Il sistema di propulsione si rende necessario anche per i satelliti che devono per qualche motivo cambiare orbita, ad esempio dall'orbita circolare di parcheggio (solitamente ad una quota di 200 km) all'orbita operativa. La vita di un satellite si conclude quando la propulsione secondaria non garantisce più il rifasamento.

Anche le navicelle e le sonde hanno bisogno di propulsione. Come i satelliti devono vincere l'accelerazione di gravità per superare l'atmosfera, oltre ad eseguire numerose manovre orbitali per raggiungere l'oggetto di destinazione (come ad esempio le navicelle Apollo)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
matthaeus

Appassionato
Appassionato


Iscritti



Registrato: 04/06/09 12:11
Messaggi: 148
matthaeus is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 23:14:39    Oggetto:  Re: Pane i vostri denti........
Descrizione:
Rispondi citando

Reset74 ha scritto:
Avete trovato pane per i vostri denti!

Non ho solo basi di chimica, ma anche di fisica................
ma comunque sia, solo principi elementari, dimostrabili e verificabili,
e non abbandonando mai la logica.

Ora vi spiezzo in due!!! Wink

Prima a matthaeus!!!

...

Trascuri il fatto, molto rilevante, che la stazione orbitale è in orbita!!!! Attorno alla terra!!! Le navicelle che ci arrivano vengono sparate in orbita, corregono la propulsione con i razzi convenzionali al minimo, e possono farlo perchè anche se molto più rarefatta c'è comunque ancora atomosfera, quindi c'è una base su cui la propulsione può spingere, si attraccano alla stazione orbitale, poi si staccano e letteralemnte precipitano sulla terra!!!!

Ora spezziamo manny

Se stavi attento a quello che ho scritto non sorvolavi questa parte:
Citazione:
E poi se nello spazio non c'è aria, come avviene la combustione?
Ricordo di chimica: non c'è combustione senza ossigeno!
Ah, forse si portano serbatoi di ossigeno per realizzare la combustione, penso...
Si, ma quanto ne avrebbero bisogno, quanto dovrebbero essere grandi?
E anche se fosse, la combustione dove impatterebbe per dare la spinta
se non c'è aria?

Nella mia auto-citazione qui sopra io avevo già detto che era possibile creare combustione nello spazio portandosi ossigeno dentro la navicella.
Il problema è che se non c'è un atmosfera che abbia un minimo di densità, mi muoverei di 1 millimetro con i motori accesi al massimo!!!!!!!!!!!!!!!
Pensa all'atmosfera come una parete che il razzo spinge indietro per andare avanti:
se l'atmosfera non c'è, non và indietro, e il razzo non và avanti!!!

Riguardo al grande Konstantin Tziolkovskij penso che sei tu che hai travisato e non afferrato il motivo di questa invenzione, la sua utilità e il suo grande limite!!!!
Il combustibile liquido ha permesso di creare razzi che potessero andare negli strati più alti dell'atmosfera, senza che i motori si spegnessero o perdessero potenza, perchè l'ossigeno dimuisce sempre di più!
Più in alto vanno però, più consumano mantenendo la stessa velocità, perchè riescono a spingersi di meno perchè l'atmosfera è più rarefatta.
Usciti completamente dall'atmosfera terrestre, non in orbita alla terra, ma in pieno spazio, i motori continuerebbero a bruciare anche nel vuoto per via dell'ossigeno contenuto nel combustibile liquido, ma terminata l'energia cinetica accumulata dal lancio oltre l'atmosfera, il nostro bel razzo, anche a a motori al massimo, si sposterebbe di 1 millimetro all'ora.

Spero di essere stato semplice, esaustivo, e sopratutto logico.

Reset74


Visto che dici di intenderti di fisica, forse ti sarai accorto della contraddizione: nel (quasi) vuoto dello spazio l'attrito è prossimo a 0, e quindi la velocità non scenderebbe a 1 mm/h, ma rimarrebbe pressoché costante. Altrimenti anche i pianeti dovrebbero cadere sul Sole e la Luna sulla Terra.
Inoltre, mi sembra che dimentichi che la massa dei gas di scarico, che uscirebbero dal razzo ad elevata velocità, per la 3^ legge della dinamica ("ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria"), consentirebbero al razzo di accelerare anche nel vuoto (anche se, magari, non di molto).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
matthaeus

Appassionato
Appassionato


Iscritti



Registrato: 04/06/09 12:11
Messaggi: 148
matthaeus is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 23:19:30    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dimenticavo questo:
Citazione:
Pensa all'atmosfera come una parete che il razzo spinge indietro per andare avanti:
se l'atmosfera non c'è, non và indietro, e il razzo non và avanti!!!

Partendo dalla Luna, la parete su cui spingono i gas di scarico è la Luna stessa!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Reset74
Attualmente bannato

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 45
Registrato: 02/06/10 21:11
Messaggi: 65
Reset74 is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 23:44:54    Oggetto:  Lo sapevo che cadevi qui.......
Descrizione:
Rispondi citando

Lo sapevo che cadevi qui........

Citazione:
Visto che dici di intenderti di fisica, forse ti sarai accorto della contraddizione: nel (quasi) vuoto dello spazio l'attrito è prossimo a 0, e quindi la velocità non scenderebbe a 1 mm/h, ma rimarrebbe pressoché costante.


Tu dimentichi Newton la legge di gravità!!! Lasciata completamente l'atmosfera, rimane da vincere ancora la forza di gravità terrestre, che ha ancora la sua influenza!!!! E con i razzi che non danno più spinta, e con solo l'energia cinetica accumulata nella corsa nell'atmosfera!!! Tra la Luna e la Terra, o sei nel campo gravitazionale della Terra, o sei in quello della Luna.

E che cadevi peggio anche qui!

Citazione:
Partendo dalla Luna, la parete su cui spingono i gas di scarico è la Luna stessa!

D'accordissimo con te, per i primi 100-200 metri, poi ricadresti, e poi ti rialzeresti....a meno che di non avere una coda di fuoco nel razzo di gas residui compattissima e lunga migliaia di km!!!! Mr. Green

E poi trascuri un elemento ancora più importante.

Citazione:
Che nello spazio ci fosse il vuoto era noto agli astronomi del diciannovesimo secolo. Anche Jules Verne lo sapeva, infatti quando scrisse il suo romanzo “Dalla Terra alla Luna” si pose il problema di come fare a volare nel vuoto. Tutti i mezzi di locomozione allora in uso non erano inidonei, poi ebbe l’intuizione di sparare un proiettile verso la Luna, bastava fornirgli la velocità sufficiente.

Il grande Jules Verne aveva intuito che l'unico modo per arrivare sulla luna luna era spararsi ad altissima velocità dalla nostra atmosfera per accumulare tanta energia cinetica da fare il salto nel vuoto e finire sulla luna.

Con il grande Konstantin Tziolkovskij questo sparamento nell'atmosfera arriva al limite, anche dove c'è pochissimo ossigeno ma dove sono presenti tuttavia altri tipi di gas che permettono la spinta in avanti.

Ora lanciamo questo missile, teorizzato da [quote] Jules Verne[/quote, e con il sistema di Konstantin Tziolkovskij , per prendere il massimo della velocità, vincere la forza di gravità terrestre in assenza di aria, e con l'energia cinetica accumulata arrivare sulla luna. Bene, ci siamo appena sfracellati sul suolo lunare!!!!
Anche se infatti attivassimo i così detti retro-razzi, questi non avrebbero effetto che a solo 200-100 metri dal suono lunare. Troppo poco per un oggetto di quella massa che presumibilmente arriva a una certa velocità accellerato anche dalla gravità lunare.

Reset74


Ultima modifica di Reset74 il Mar Giu 08 2010, 23:48:22, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
matthaeus

Appassionato
Appassionato


Iscritti



Registrato: 04/06/09 12:11
Messaggi: 148
matthaeus is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 23:47:55    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando


Citazione:
Dopo 20 ore nell'orbita lunare, la capsula dell'Apollo accese il suo congegno propulsore per tre minuti e modificò con tale manovra la sua traiettoria nuovamente in direzione della Terra.


Citazione:
Dopo il trasferimento al Modulo di supporto vitale dell'LM, gli astronauti accesero il motore di ascesa per rientrare in orbita e alleggerirono il modulo gettando fuori le PLSS, le scarpe lunari, una fotocamera Hasselblad e altra apparecchiatura. Completata l'ascesa, spensero il motore e raggiunsero Michael Collins a bordo del CM Columbia che si trovava in orbita lunare.

Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Reset74
Attualmente bannato

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 45
Registrato: 02/06/10 21:11
Messaggi: 65
Reset74 is offline 






italy
MessaggioInviato: Mar Giu 08 2010, 23:54:44    Oggetto:  Appunto
Descrizione:
Rispondi citando

Guarda matthaeus, io non voglio essere presuntuoso,
nè voglio che questa discussione diventi una sfida personale,
assolutamente, ma guarda che ho molto ragionato sulla cosa.

E non voglio convincerti di nulla, sei libero di pensare ciò che vuoi.
Ti stò esprimendo solo il mio pensiero.

Citazione:
Dopo 20 ore nell'orbita lunare, la capsula dell'Apollo accese il suo congegno propulsore per tre minuti e modificò con tale manovra la sua traiettoria nuovamente in direzione della Terra.

L'orbita lunare, a differenza di quella terrestre ha il vuoto assoluto. Lasciare l'orbita con dei motori che spingono sul vuoto mi sembra quanto meno assurdo.

Citazione:
Dopo il trasferimento al Modulo di supporto vitale dell'LM, gli astronauti accesero il motore di ascesa per rientrare in orbita e alleggerirono il modulo gettando fuori le PLSS, le scarpe lunari, una fotocamera Hasselblad e altra apparecchiatura. Completata l'ascesa, spensero il motore e raggiunsero Michael Collins a bordo del CM Columbia che si trovava in orbita lunare.

Guarda, dal video, con quei motorini che accesero, e con la sola spinta sul terreno lunare, considerando la minore gravità lunare, forse si sarebbero potuti alzare per 300-400 metri, prima di ri-precipitare sul suolo lunare! Mai riuscire a entrare nell'orbita lunare.

Poi, ognuno usi il suo cervello.
Nella lotta alla disinformazione è importante leggere i frammenti di verità che inseriscono all'interno di una bugia molto grande, per renderla credibile:
Citazione:
I satelliti artificiali devono essere immessi nell'orbita cosiddetta di parcheggio e successivamente, attraverso delle manovre orbitali con dispendio di propellente, nell'orbita operativa. Inoltre hanno bisogno di cicliche correzioni d'assetto in modo da poter essere puntati correttamente rispetto alla Terra, al Sole o a qualunque oggetto astronomico di interesse, ed essendo soggetti a piccole resistenze da parte dell'atmosfera, anche se molto rarefatta, per poter rimanere in orbita per tutta la vita operativa devono utilizzare dei propulsori secondari, tipicamente ad idrazina, per essere rifasati ed evitare così il decadimento.

Il sistema di propulsione si rende necessario anche per i satelliti che devono per qualche motivo cambiare orbita, ad esempio dall'orbita circolare di parcheggio (solitamente ad una quota di 200 km) all'orbita operativa.



Nel link che voi stessi avete postato c'è il mio riassunto. I satelliti arrivano al limite dell'atmosfera (orbita di parcheggio) dove l'aria è molto rarefatta, si inclinano, si danno l'ultima spinta con i motori, ed entrano in orbita operativa nella giusta inclinazione, dove non c'è aria ma c'è la forza di gravità. Fanno 50 giri, sempre più stretti, e rientrano nell'aria di parcheggio, e il ciclo ri-comincia! Qunado finiscono il propellente il gioco è finito. Se sbagliano e vanno oltre l'orbita terrestre, il gioco è finito, anche se hanno propellente si perdono nello spazio.

Non vi siete mai chiesti come mai nessun satellite è mai tornato dalla luna o dallo spazio, ma solo dall'orbita terrestre?


Reset74
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
matthaeus

Appassionato
Appassionato


Iscritti



Registrato: 04/06/09 12:11
Messaggi: 148
matthaeus is offline 






italy
MessaggioInviato: Mer Giu 09 2010, 00:42:51    Oggetto:  Re: Appunto
Descrizione:
Rispondi citando

Reset74 ha scritto:
Lo sapevo che cadevi qui........

Citazione:
Visto che dici di intenderti di fisica, forse ti sarai accorto della contraddizione: nel (quasi) vuoto dello spazio l'attrito è prossimo a 0, e quindi la velocità non scenderebbe a 1 mm/h, ma rimarrebbe pressoché costante.


Tu dimentichi Newton la legge di gravità!!! Lasciata completamente l'atmosfera, rimane da vincere ancora la forza di gravità terrestre, che ha ancora la sua influenza!!!! E con i razzi che non danno più spinta, e con solo l'energia cinetica accumulata nella corsa nell'atmosfera!!! Tra la Luna e la Terra, o sei nel campo gravitazionale della Terra, o sei in quello della Luna.

Hai ragione: mi ero dimenticato della forza di gravità, che riduce la velocità dei corpi che si allontanano dalla Terra. Però la gravità diminuisce allontanandosi dalla Terra e il razzo può contare di una forte accelerazione per tutto il tempo che rimane nell'atmosfera, tanto da guadagnare un'elevata velocità che può permettergli di lasciare l'orbita terrestre.

Reset74 ha scritto:
E che cadevi peggio anche qui!

Citazione:
Partendo dalla Luna, la parete su cui spingono i gas di scarico è la Luna stessa!

D'accordissimo con te, per i primi 100-200 metri, poi ricadresti, e poi ti rialzeresti....a meno che di non avere una coda di fuoco nel razzo di gas residui compattissima e lunga migliaia di km!!!! Mr. Green

La gravità della Luna è più bassa di quella della Terra, perciò anche l'energia necessaria per portare in orbita la navetta è inferiore. Certo, in questo caso c'è una difficoltà dovuta alla mancanza di atmosfera, ma penso che bisognerebbe fare dei calcoli, per negare la possibilità che sia possibile lasciare la Luna.

Reset74 ha scritto:
E poi trascuri un elemento ancora più importante.

Citazione:
Che nello spazio ci fosse il vuoto era noto agli astronomi del diciannovesimo secolo. Anche Jules Verne lo sapeva, infatti quando scrisse il suo romanzo “Dalla Terra alla Luna” si pose il problema di come fare a volare nel vuoto. Tutti i mezzi di locomozione allora in uso non erano inidonei, poi ebbe l’intuizione di sparare un proiettile verso la Luna, bastava fornirgli la velocità sufficiente.

Il grande Jules Verne aveva intuito che l'unico modo per arrivare sulla luna luna era spararsi ad altissima velocità dalla nostra atmosfera per accumulare tanta energia cinetica da fare il salto nel vuoto e finire sulla luna.

Con il grande Konstantin Tziolkovskij questo sparamento nell'atmosfera arriva al limite, anche dove c'è pochissimo ossigeno ma dove sono presenti tuttavia altri tipi di gas che permettono la spinta in avanti.

Ora lanciamo questo missile, teorizzato da Jules Verne, e con il sistema di Konstantin Tziolkovskij , per prendere il massimo della velocità, vincere la forza di gravità terrestre in assenza di aria, e con l'energia cinetica accumulata arrivare sulla luna. Bene, ci siamo appena sfracellati sul suolo lunare!!!!
Anche se infatti attivassimo i così detti retro-razzi, questi non avrebbero effetto che a solo 200-100 metri dal suono lunare. Troppo poco per un oggetto di quella massa che presumibilmente arriva a una certa velocità accellerato anche dalla gravità lunare.

Reset74

Nel mio precedente intervento non mi ero accorto che mi avevi già risposto. Anche adesso stavo per inviare il mio messaggio, ma mi sono accorto in tempo della tua risposta.

Reset74 ha scritto:
Guarda matthaeus, io non voglio essere presuntuoso,
nè voglio che questa discussione diventi una sfida personale,
assolutamente, ma guarda che ho molto ragionato sulla cosa.

E non voglio convincerti di nulla, sei libero di pensare ciò che vuoi.
Ti stò esprimendo solo il mio pensiero.

Nemmeno io voglio che questa discussione diventi una sfida personale, e non voglio neppure costringerti a pensare in un modo anziché in un altro. Però mi sembrava che la discussione che hai aperto fosse interessante, ma che alcune cose non mi convincono e per questo ho posto le mie domande ed ho cercato di approfondire l'argomento, utilizzando tutte le mie conoscenze (non moltissime) e i miei ricordi degli studi che ho fatto (che come hai visto, non sono più precisi come un tempo).

Reset74 ha scritto:
Citazione:
Dopo 20 ore nell'orbita lunare, la capsula dell'Apollo accese il suo congegno propulsore per tre minuti e modificò con tale manovra la sua traiettoria nuovamente in direzione della Terra.

L'orbita lunare, a differenza di quella terrestre ha il vuoto assoluto. Lasciare l'orbita con dei motori che spingono sul vuoto mi sembra quanto meno assurdo.

Citazione:
Dopo il trasferimento al Modulo di supporto vitale dell'LM, gli astronauti accesero il motore di ascesa per rientrare in orbita e alleggerirono il modulo gettando fuori le PLSS, le scarpe lunari, una fotocamera Hasselblad e altra apparecchiatura. Completata l'ascesa, spensero il motore e raggiunsero Michael Collins a bordo del CM Columbia che si trovava in orbita lunare.

Guarda, dal video, con quei motorini che accesero, e con la sola spinta sul terreno lunare, considerando la minore gravità lunare, forse si sarebbero potuti alzare per 300-400 metri, prima di ri-precipitare sul suolo lunare! Mai riuscire a entrare nell'orbita lunare.

Poi, ognuno usi il suo cervello.

Reset74

Noto che per staccarsi dalla superficie lunare, il Modulo di supporto vitale ha gettato fuori diversi materiali. Sicuramente non li hanno lasciati semplicemente cadere, ma gli hanno dato una spinta, in modo da provocare una reazione. Per il fatto che hanno calcolato le masse, penso che non abbiano fatto a caso queste cose.
Come dicevo prima, penso che bisognerebbe fare dei calcoli per sapere quanto carburante occorre per lasciare la superficie e l'orbita lunare, ma non credo di esserne in grado. Avrei anche bisogno di vedere delle foto del Modulo, per sapere, anche solo approssimativamente, come era fatto, quanto era grande, quanto carburante poteva contenere, quanto poteva pesare... Lo stesso vale per il razzo: di solito i razzi che vengono mandati nello spazio hanno dei vettori che trasportano il carburante, che poi cadono sulla Terra (di solito in mare) e lì, o vengono distrutti, oppure recuperati. Mi piacerebbe vedere com'erano i vettori (se c'erano) che hanno permesso alle missioni il ritorno dalla Luna alla Terra, e sapere che fine hanno fatto.
Purtroppo non ho ancora avuto il tempo di vedere i video, ma penso che lo farò appena disporrò di una connessione a internet più veloce di quella che sto usando. Forse voi che avete già visto quei video sapete già le cose che io vorrei conoscere...
Magari, nel frattempo, qualcuno più esperto di me potrebbe intervenire in questa discussione e portare altri argomenti.

Mentre scrivevo tutto questo, mi sono accorto che hai modificato il tuo messaggio, aggiungendo alla fine:
Reset74 ha scritto:
Nella lotta alla disinformazione è importante leggere i frammenti di verità che inseriscono all'interno di una bugia molto grande, per renderla credibile:
Citazione:
I satelliti artificiali devono essere immessi nell'orbita cosiddetta di parcheggio e successivamente, attraverso delle manovre orbitali con dispendio di propellente, nell'orbita operativa. Inoltre hanno bisogno di cicliche correzioni d'assetto in modo da poter essere puntati correttamente rispetto alla Terra, al Sole o a qualunque oggetto astronomico di interesse, ed essendo soggetti a piccole resistenze da parte dell'atmosfera, anche se molto rarefatta, per poter rimanere in orbita per tutta la vita operativa devono utilizzare dei propulsori secondari, tipicamente ad idrazina, per essere rifasati ed evitare così il decadimento.

Il sistema di propulsione si rende necessario anche per i satelliti che devono per qualche motivo cambiare orbita, ad esempio dall'orbita circolare di parcheggio (solitamente ad una quota di 200 km) all'orbita operativa.



Nel link che voi stessi avete postato c'è il mio riassunto. I satelliti arrivano al limite dell'atmosfera (orbita di parcheggio) dove l'aria è molto rarefatta, si inclinano, si danno l'ultima spinta con i motori, ed entrano in orbita operativa nella giusta inclinazione, dove non c'è aria ma c'è la forza di gravità. Fanno 50 giri, sempre più stretti, e rientrano nell'aria di parcheggio, e il ciclo ri-comincia! Qunado finiscono il propellente il gioco è finito. Se sbagliano e vanno oltre l'orbita terrestre, il gioco è finito, anche se hanno propellente si perdono nello spazio.

Non vi siete mai chiesti come mai nessun satellite è mai tornato dalla luna o dallo spazio, ma solo dall'orbita terrestre?


Reset74
Su questo fatto mi sembra che siamo d'accordo. Però non capisco dove stia la bugia.

Vorrei chiederti ancora qualcosa: nel primo messaggio di questa discussione (che si trova nella sezione Vicende personali) hai scritto «Il giorno che mi sono svegliato». Inoltre hai scelto di aprire questa discussione in questo forum e non altrove. C'è qualcosa che vuoi dirci, ma che non sono ancora riuscito a capire? Immagino che il tuo "risveglio" non sia soltanto qualcosa che riguarda la Luna... o mi sbaglio?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Reset74
Attualmente bannato

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 45
Registrato: 02/06/10 21:11
Messaggi: 65
Reset74 is offline 






italy
MessaggioInviato: Mer Giu 09 2010, 01:22:43    Oggetto:  In effetti......
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Nemmeno io voglio che questa discussione diventi una sfida personale, e non voglio neppure costringerti a pensare in un modo anziché in un altro. Però mi sembrava che la discussione che hai aperto fosse interessante, ma che alcune cose non mi convincono e per questo ho posto le mie domande ed ho cercato di approfondire l'argomento, utilizzando tutte le mie conoscenze (non moltissime) e i miei ricordi degli studi che ho fatto (che come hai visto, non sono più precisi come un tempo).

Ho molto apprezzato anche io questa discussione, e anche le tue opposizioni, che sono del tutto normali, ma sulle quali avevo già a lungo meditato.
Per lo meno non mi hai detto che sono pazzo o fuori di testa.
L'ultima volta che ho parlato con un altra persona di questa mia teoria, della quale sono convinto, questi sono stati gli appellativi con i quali sono stato chiamato.
Quindi, caro matthaeus, grazie per la tolleranza e la pazienza usata nei miei confronti in questa discussione.
Tornando alla luna, avendo già detto quasi interamente il mio pensiero, ti rispondo solo sul fatto che gli astronauti hanno alleggerito la navicella gettando fuori gli oggetti:
ecco, questa mi suona come una piccola bugia, seppur su basi quasi logiche (diminuire la massa sarebbe logico, ma comunque inutile ai fini di raggiungere l'orbita in quelle condizioni) utile a deviare dalla panzana colossale (l'allunaggio).
Ma è una mia opinione personale




Citazione:
Vorrei chiederti ancora qualcosa: nel primo messaggio di questa discussione (che si trova nella sezione Vicende personali) hai scritto «Il giorno che mi sono svegliato». Inoltre hai scelto di aprire questa discussione in questo forum e non altrove. C'è qualcosa che vuoi dirci, ma che non sono ancora riuscito a capire? Immagino che il tuo "risveglio" non sia soltanto qualcosa che riguarda la Luna... o mi sbaglio?

Effettivamente si. Tante volte ascoltando notizie in televisione, leggendo libri, parlando con la gente, studiando la storia, ho avuto la sensazione che spesso i conti non tornavano. Ma ricacciavo via la sensazione perchè.....non avevo nè l'audacia, nè il coraggio di pensare con il mio di cervello.
E poi, se tutti la pensano così, chi sono io?
Ma era un pensiero errato. Adesso filtro tutto, e ragiono con il mio cervello.
E preso atto che non posso sapere tutto, o essere alla pari di un matematico o scenziato, la logica e la statistica sono diventati tra i miei maggiori alleati.
Il più delle volte sono in grado di aiutarmi a trovare la chiave.

Reset74
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Anonymous
















MessaggioInviato: Mer Giu 09 2010, 07:23:37    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Aggiungiamo la ciliegina sulla torta: quella famosa bandiera americana sul suolo lunare senza ombra parla molto chiaramente,la gente non ci fa caso... ma come si fa a non farci caso? Prima scompare, poi riappare, c'è qualcosa che non va! Ma la gente è troppo assuefatta dall'impresa e tralascia un evento così significativo!
Torna in cima
nemesis

Appassionato
Appassionato


Iscritti



Registrato: 28/02/09 08:42
Messaggi: 356
nemesis is offline 






italy
MessaggioInviato: Mer Giu 09 2010, 10:05:47    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Effettivamente potrebbe essere stata una bufala tremenda, quella dell'allunaggio.
Come facevano con delle tute non perfettamente isolate, come hanno detto quelli che le hanno esaminate in seguito? E' vero che ora l'uomo puo' andare in orbita per turismo (i nababbi possono), ma fra l'andare in orbita e andare sulla luna ce ne passa.
Oltre tutto e' sospetto il fatto che nessuno ci sia tornato con la tecnologia odierna.
Come anche non abbiamo una mappa aggiornata del polo Nord, senza dover scomodare la luna.
Se ci sono luoghi in Terra che l'uomo non riesce ad esplorare, mi pare strano che gli astronauti siano riusciti a sopravvivere sulla luna e a tornare indietro.
La teoria della Conforto comunque non la riesco a capire. Se stiamo al sole, ci abbronziamo, altrimenti no. Come potrebbe essere il cristallo in mezzo alla terra a influire su questo?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
desperada74

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 02/04/10 08:48
Messaggi: 209
desperada74 is offline 






italy
MessaggioInviato: Mer Giu 09 2010, 11:04:04    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

per chi ancora nutrisse qualche dubbio....






_________________
"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci."
Mahatma Gandhi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Reset74
Attualmente bannato

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 45
Registrato: 02/06/10 21:11
Messaggi: 65
Reset74 is offline 






italy
MessaggioInviato: Mer Giu 09 2010, 20:05:11    Oggetto:  Funghi porcini........
Descrizione:
Rispondi citando

Forse era meglio se parlavamo di funghi porcini........e del loro complesso sistema di spore...

Citazione:
Reset74 ha scritto:
Nella lotta alla disinformazione è importante leggere i frammenti di verità che inseriscono all'interno di una bugia molto grande, per renderla credibile:
Citazione:
I satelliti artificiali devono essere immessi nell'orbita cosiddetta di parcheggio e successivamente, attraverso delle manovre orbitali con dispendio di propellente, nell'orbita operativa. Inoltre hanno bisogno di cicliche correzioni d'assetto in modo da poter essere puntati correttamente rispetto alla Terra, al Sole o a qualunque oggetto astronomico di interesse, ed essendo soggetti a piccole resistenze da parte dell'atmosfera, anche se molto rarefatta, per poter rimanere in orbita per tutta la vita operativa devono utilizzare dei propulsori secondari, tipicamente ad idrazina, per essere rifasati ed evitare così il decadimento.

Il sistema di propulsione si rende necessario anche per i satelliti che devono per qualche motivo cambiare orbita, ad esempio dall'orbita circolare di parcheggio (solitamente ad una quota di 200 km) all'orbita operativa.



Nel link che voi stessi avete postato c'è il mio riassunto. I satelliti arrivano al limite dell'atmosfera (orbita di parcheggio) dove l'aria è molto rarefatta, si inclinano, si danno l'ultima spinta con i motori, ed entrano in orbita operativa nella giusta inclinazione, dove non c'è aria ma c'è la forza di gravità. Fanno 50 giri, sempre più stretti, e rientrano nell'aria di parcheggio, e il ciclo ri-comincia! Qunado finiscono il propellente il gioco è finito. Se sbagliano e vanno oltre l'orbita terrestre, il gioco è finito, anche se hanno propellente si perdono nello spazio.

Non vi siete mai chiesti come mai nessun satellite è mai tornato dalla luna o dallo spazio, ma solo dall'orbita terrestre?


Citazione:
Su questo fatto mi sembra che siamo d'accordo. Però non capisco dove stia la bugia.


Qui non c'è una bugia, ma un frammento di verità, che ti conferma che l'attuale tecnologia permette solo il volo al limite dell'atmosfera, il lancio oltre l'atmosfera con ritorno se comunque in orbita terrestre, senza ritorno se fuori orbita terrestre!!!

Reset74

P.s. La cosa ridicola Mr. Green è che siamo partiti da una mia esperienza personale che coincide più o meno nell'entrata nel club di quelli che voi chiamate "i complottisti".
Mr. Green Mr. Green Meno male che non ho iniziato questo topic dalla mia personale teoria che ho creato anni fà su l'anti-materia e i buchi neri, con tanto di formule,

e sopratutto sul mio massimo lampo di genio, del quale vado fierissimo.

Con questa mia personale invenzione le intuizioni di Jules Verne e
Konstantin Tziolkovskijsono roba per dilettanti :
mrgreen: Mr. Green Mr. Green :






Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Vicende personali Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3
Pagina 3 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Poteri occulti topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008