Indice del forum

Poteri occulti

Sito per discutere di misteri italiani, massonerie, mafie, e altro.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Bracciano, trovata morta 16enne
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> delitti recenti
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
NAJLA

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 21/01/09 19:08
Messaggi: 121
NAJLA is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 13:54:10    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un foto frame delle croci mostrate a Quarto Grado
_________________
Vivo questa vita in modo pieno perchè non ho certezza che non sia l'unica
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 13:54:10    Oggetto: Adv






Torna in cima
legionario

Apprendista
Apprendista


Iscritti



Registrato: 05/03/10 12:50
Messaggi: 56
legionario is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 14:34:02    Oggetto:  epilessia..
Descrizione:
Rispondi citando

i giornali e Tv dicono che la ragazza soffrisse di epilessia. Mi sembra che in un altro topic veniva speigato il significato relativo ai soggetti affetti da questa malattia.

Ammesso che sia vero, quali elementi riusciamo ad aggiungere alla vicenda??
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mantenos

Quasi Esperto
Quasi Esperto


Iscritti



Registrato: 29/03/10 01:19
Messaggi: 904
Mantenos is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 15:19:58    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

la data e la ritualità lasciano intendere una continuità con Meredith di Perugia. Dunque è possibile che via sia la mano "straniera" in tutto questo. Il precedente evento era a favore dalla Massoneria Americana, si era detto. Dunque, forse, esiste una sorta di dialogo tra le parti, Italia, Londra e Usa che si traduce anche in guerra.



Quanto alla firma del delitto possiamo esserne quasi certi. Ricordate anche la povera Yara e il cartello pubblicitario che richiama va la Rosa?

Solo che la data e l'evento lascia intendere una continuazione di quel dialogo.

In oltre, forse, la domanda giusta potrebbe essere: che relazione esiste tra Bracciano e Perugia? Si allude ad un gruppo in particolare? O ad una persona?

Non dimentichiamo che il rito ha sempre una polivalenza (appunto il rito è "symbolico).

_________________
Su facebook Mantenos Flowers: la comunicazione diretta è più utile
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
***Stefy***

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 11/02/10 18:51
Messaggi: 327
***Stefy*** is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 15:40:45    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Anguillara: un buco di 210 minuti nella notte di Federica

Il fidanzato: "Abbiamo litigato all'1,30, dopo non ero con lei". Chi l'ha portata al lago?

Che fine ha fatto il cellulare?
Il telefono della vittima non è stato ancora ritrovato. Dal cellulare si sarebbero potuti ricavare molto velocemente una grande quantità di elementi, verificare, ad esempio, se Federica abbia lanciato degli sos prima di morire. In assenza del dispositivo si dovrà invece attendere l'esame dei tabulati, che comunque è già in corso, per risalire a tutte le telefonate effettuate e a quelle ricevute in quella tragica notte.


_________________
''Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci''. (Matteo 7:15-20)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Anonymous
















MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 15:45:58    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ora pare che scartino la pista della barca trovata slegata con la scusa che è impossibile che il corpo sia arrivato in beve tempo a riva.
Precedentemente si era fatto largo l'impotesi che la ragazza si fosse gettata da un dirupo.
Al momento nn si ha notizia circa il referto dell'autopsia e non è detto che sia divulgato.

Per quanto riguarda le croci occorre sapere da quanto tempo erano li.
Non sembrano recenti quindi non hanno nulla a che fare con halloween e la morte della ragazza.

NAJLA ha scritto:

Citazione:

Guarda insistono sul nome VIGNA DI VALLE perchè se chiedi di Via Lungolago delle Muse non te lo sà indicare nessuno. Tutti nella zona conoscono la spiaggia detta appunto di "Vigna di Valle".
Tra l'altro a pochissimi kilometri c'è il Museo Storico dell'Aeronatica Militare "Vigna di Valle"
[/b]


per quanto la zona sia conosciuta come spiaggia di Vigna di Valle bisogna considerare che il nome ver è lungolago delle muse. Forse qualche significato si potrebbe trovare nel nome vero del luogo.

Interessante notare che a pochi km c'è un museo dell'aereonautica che fa capo al ministero della difesa. Militari dunque.Se si pensa che per cercare Roberta Ragusa sono andati a scavare nelle vicinanze di Camp Darby...... Cool

PS-la notizia del giorno è che non si trova piu il cellulare della ragazza.


Citazione:

la data e la ritualità lasciano intendere una continuità con Meredith di Perugia.

pare invece un riassunto di altri omicidi ancora irrisolti.Oltre alla continuità con Meredith.....
Federica minorenne come Yara e Sarah, militari vicino come Roberta Ragusa per concludere con quel 'Cuba Libre' che rimanda ai presunti omicidi della coppia di Lignano Sabbiadoro.
Speriamo che il ragazzo (presunto fidanzatino della vittima) non faccia la fine di Parolisi.
Torna in cima
trabbaturi

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 03/04/11 02:38
Messaggi: 11
trabbaturi is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 16:39:23    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Il locale che si chiama ROSA DEI VENTI è un barretto paninoteca in riva al lago, non una casa di riposo. Qualche volta ci ho mangiato un panino. Vicino c'è un rimessaggio per barche e roulottes. A pochi metri il lungolago nfinisce e c'è l'ingresso di una villa privata, se ricordo bene.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
***Stefy***

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 11/02/10 18:51
Messaggi: 327
***Stefy*** is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 17:24:15    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

haiku ha scritto:

Citazione:
la data e la ritualità lasciano intendere una continuità con Meredith di Perugia.

pare invece un riassunto di altri omicidi ancora irrisolti.Oltre alla continuità con Meredith.....
Federica minorenne come Yara e Sarah, militari vicino come Roberta Ragusa per concludere con quel 'Cuba Libre' che rimanda ai presunti omicidi della coppia di Lignano Sabbiadoro.
Speriamo che il ragazzo (presunto fidanzatino della vittima) non faccia la fine di Parolisi.


Si infatti..pare il riassunto di 4 omicidi dei precedenti anni iniziati, sempre ad Halloween, con l'Omicidio di Meredith nel 2007....

Meredith (31/10/2007)
Sarah (26/08/2010)
Yara (26/11/2010)
Melania (18/04/2011)

Con Sarah ci vedo anche in comune l'elemento dell'acqua..oltre alla onnipresente Vigna...(ricordate quando ''zio Michele'' disse di aver piantato un tralcio di vite sul pozzo in cui aveva interrato la povera Sarah?)

Quindi ecco perchè si parla in continuazione delle 5 croci...e la quinta sarebbe quella di Federica?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Anonymous
















MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 20:00:15    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

da tgcm24:
- Federica non soffriva di problemi neurologici
- non aveva crisi epilettiche
.......
MISTERO SUL DECESSO DOPO UNA NOTTE IN DISCOTECA
Autopsia sulla 16enne di Bracciano
ancora un giallo la morte sul lago
Sul corpo «nessun segno compatibile con eventi violenti». I periti: possibile decesso per cause naturali. Lo zio di Federica: «Non assumeva droga e non beveva»

ROMA - E' stata effettuata sabato pomeriggio l'autopsia sul corpo di Federica Mangiapelo, la 16enne trovata morta ad Anguillara, sulle rive del Lago di Bracciano, giovedì mattina. Da un primo esame «non risulterebbero segni compatibili con eventi violenti»: niente segni di colluttazione dunque e la morte , secondo i periti, potrebbe essere sopraggiunta «per cause naturali». L’esame eseguito presso l'Università La Sapienza avvalorerebbe i primi elementi raccolti dagli investigatori, secondo cui non ci sono elementi «traumatici» che possono aver provocato la morte della ragazzina. E l'ipotesi dell'omicidio sarebbe definitivamente esclusa. Ma resta aperto il giallo.

LA DROGA NEGATA - E occorrerà attendere da un paio di settimane fino a 60 giorni prima di conoscere l'esito degli accertamenti tossicologici e capire se la giovane aveva assunto, prima di morire, droga o alcol che potrebbero averne provocato la morte. A questo proposito, lo zio di Federica, rompe il silenzio della famiglia per affermare che «Federica non assumeva droga, né beveva. Non aveva problemi neurologici né tantomeno crisi epilettiche».

LO ZIO E IL FIDANZATO - Il familiare della ragazza, parlando ai microfoni di SkyTg24, ha rivelato che Federica «aveva avuto da piccola il piccolo male (ndr. una forma di epilessia benigna) ma aveva fatto le cure del caso ed erano anni che stava bene. Non assumeva alcun medicinale».
Resta comunque da colmare, nella ricostruzione dell'ultimo giorno di vita della giovane, un vuoto di circa due ore - dalle 3 alle 5 del mattino -: il fidanzato Marco, infatti, ha dichiarato ai carabinieri di averla lasciata alle 3 del mattino, dopo una discussione, accompagnandola in auto con un amico fino alla periferia di Anguillara Sabazia, a una buona distanza da casa e a circa 7 chilometri dal punto in cui è stato trovato il cadavere.

LA PISTA DELLA BARCA - Gli inquirenti sarebbero intanto propensi a scartare l'ipotesi di un'uscita notturna in barca. L'imbarcazione senza ormeggi trovata a poca distanza dal cadavere non sarebbe collegata alla morte della ragazza: è stata ritrovata al suo posto, pur senza gli ormeggi legati. E comunque è improbabile l'ipotesi di una uscita notturna sul lago finita in tragedia, considerando anche che nella notte tra mercoledì e giovedì nella zona c'era una vera e propria bufera di pioggia.

Redazione Roma Online 3 novembre 2012 | 19:55

Torna in cima
***Stefy***

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 11/02/10 18:51
Messaggi: 327
***Stefy*** is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 20:42:45    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Anguillara, i 5 misteri sulla morte di Federica

l'autopsia: sul corpo nessun trauma

L'esame, alla Sapienza di Roma, ha stabilito che il decesso della 16enne è dovuto a cause naturali. Non è annegata, nè caduta. Proseguono a 360 gradi le indagini a cui potrebbero dare un contributo rilevante i tabulati telefonici e le immagini delle telecamere di sicurezza

...Anche l'annegamento, fra le cause di morte, è stato escluso...Così come la caduta dall'alto, in quanto sul corpo non è stata riscontrata nemmeno un'escoriazione o una contusione. La morte sarebbe dunque dovuta a cause naturali, anche se i medici rimandano all'esito complessivo dell'autopsia, dopo gli esami istologici e tossicologici, un giudizio definito sul "perchè" del decesso

Torna in cima
Profilo Messaggio privato
desperada74

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 02/04/10 08:48
Messaggi: 209
desperada74 is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 21:30:13    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Shocked curiosa trama.....non trovate??




Restina Diana Barbara
Classe 1° B
Liceo Artistico di Lovere

Lunedì 31 Ottobre


Il lago pareva un'immensa macchia d'olio, il cielo era stellato ed una coppia di anziani signori, approfittarono della bella serata per una passeggiata sul lungo lago, sotto la grande luna piena.
Ad un certo punto, un acuto urlo di terrore ruppe quel silenzio; la vecchia signora aveva gli occhi inorriditi, che richiuse subito indietreggiando. Anche il signore guardava con occhi sgranati qualcosa che galleggiava sull'acqua; era il corpo di una ragazza morta!
Era il 31 ottobre, lunedì, "pessimo modo per iniziare la settimana", pensò il tenente Stefanini, a cui assegnarono il caso, mentre scorreva il rapporto dei colleghi.
Era un uomo di mezza età, con un viso severo ed uno sguardo truce, i denti erano ingialliti dal fumo dei sigari, di cui era solito tenerne sempre uno in bocca, anche se spento, accendendolo solo quando era nervoso o riusciva a trovare qualche indizio indispensabile per la risoluzione dei suoi casi.
Il nome della ragazza era Valentina; da una prima analisi del medico legale non si riuscì a stabilire nulla di rilevante riguardo alla causa della morte, ma la cosa più strana, era il ritrovamento della ragazza in pigiama.
Il tenente escluse quasi subito l'ipotesi del suicidio, "con tutto il rispetto signore, non trova che sia un pò strano che una quindicenne se ne vada in giro di notte in pigiama, e all'improvviso abbia un arresto cardiaco?" ribattè il tenente con un certo nervosismo, alla proposta di chiudere il caso da parte del suo superiore; che decise di lasciargli una settimana a disposizione per risolvere il caso.
Il giorno dopo la morte di Valentina il tenente entrò in ufficio a passo svelto e nervoso. Circondato da una nuvola di fumo, gettò un pò bruscamente delle schede sulla scrivania, prese posto sulla poltrona e corrugando la fronte, cominciò a fissare un punto e a pensare ad alta voce: "Un'altra ragazza! Causa della morte la stessa, luogo lo stesso e stessa età!" notava, mentre confrontava le due cartellette: "hmmm... tutte e due frequentavano il conservatorio...". In fretta prese l'indirizzo della scuola e vi si diresse. Una volta lì, chiese agli insegnanti se avevano notato qualcosa di strano nelle ragazze, se erano amiche, o se avevano qualche insegnante in comune. Rispose la professoressa di canto, una donna bassa, con corti capelli rossi, tinti e due grossi occhi verdi: "le ho viste poche volte insieme, credo che si conoscessero solo di vista non penso fossero effettivamente amiche. Io ero insegnante di solfeggio di Laura" disse la donna. "Le sembrava tutto nella norma in questi giorni?" chiese il tenente. "Si, più o meno, era tutto ok! Sembrava solo molto stanca, e affaticata nel cantare", "la ringrazio, arrivederci" rispose il tenente.
Decise che fosse meglio parlare con i compagni. Chiese alla classe di Valentina; e gli amici risposero di aver visto la loro compagna, un pò assente: "durante la ricreazione se ne stava nel suo banco, quasi ipnotizzata; fissava il suo quaderno e continuava a scrivere". "Sapete cosa scrivesse sul quaderno?", "No, però abbiamo notato che utilizzava lo stesso in tutte le materie". "Grazie" disse il tenente.
Il tenente volle infine parlare col preside, per chiedergli il permesso di leggere i quaderni delle ragazze morte. Il preside acconsentì. Con grande stupore del tenente, nello sfogliare i quaderni apparve un unico simbolo, ripetuto per tutti i quaderni (il simbolo della strega n.d.r.).
Subito si diresse in ufficio, dove, grazie al suo computer fece una ricerca su quel simbolo, risultò essere un segno ritrovato dopo secoli inciso sugli alberi di un bosco dell'India. E' stato trovato anche su rocce risalenti alla preistoria, che si trovavano proprio dove ora c'è il lago di Iseo, quindi sono state conservate nei fondali del lago.
Ora il tenente aveva le idee più confuse di prima. A fare altre ricerche sul computer lasciò un poliziotto, che lavorò per tutta la notte, mentre il tenente si concedeva un riposo.
Durante la notte le sponde del lago furono sorvegliate e ispezionate da agenti in cerca di nuovi indizi.
Il mattino dopo, un pescatore trovò il cadavere di una ragazza in mezzo al lago.
La ragazza aveva 14 anni e frequentava il primo anno del liceo artistico, si chiamava Roberta.
L'agente che aveva lavorato al computer durante la notte, trovò solo quella vecchia leggenda indiana. Parlava di una strega che lanciava maledizioni alle giovani fanciulle, invidiosa dei loro talenti. Per ogni ragazza uccisa incideva con le sue unghie, su un albero o su una roccia, il suo simbolo.
Questa strega fu bruciata viva nel tardo medioevo; ma prima di morire, parte del suo spirito riuscì a reincarnarsi in un gatto che passava di lì. Per riacquistare almeno una parte dei suoi poteri, dovevano passare secoli. Lei sarebbe rimasta gatto fino alla sua vendetta, che e avrebbe fatto acquistare i talenti delle giovani sfortunate. Il suo elemento era l'acqua e riusciva ad impossessarsi delle anime vicine ad essa. Lei agiva solo nei tre giorni di luna piena. Solo dopo tre sacrifici la sua anima vendicativa sarebbe stata libera.
Dopo aver letto la leggenda trovata dal poliziotto, il tenente, accendendosi il sigaro prese le foto scattate dalla polizia al ritrovo dei tre cadaveri. Analizzandole bene si accorse di una figura nera presente in ognuna delle fotografie, la sagoma di un gatto. Com'era spiegabile? Esisteva davvero una strega assetata di vendetta? Ovviamente no! L'assassino doveva essere un maniaco, la sua razionalità gli impediva di considerare una simile ipotesi. Era stremato, aveva bisogno di trovare altri indizi. Uscì dall'edificio, incamminandosi verso le sponde del lago. Qualcosa sfiorò i suoi pantaloni, abbassò lo sguardo. Un gatto lo fissava, il pelo lucido e nero era marchiato, appena sotto il collo, da un simbolo che già conosceva...
Il sigaro gli cadde dalle labbra, sentì il battito del cuore accelerare, una sensazione di terrore lo pervase, ed un brivido gli percorse la schiena. Il gatto si allontanava, ma lui avrebbe giurato di aver visto i volti delle ragazze assassinate apparire in quello sguardo freddo e penetrante.
La sveglia suonò; il tenente Stefanini, aprì di scatto gli occhi, si voltò verso la sveglia: erano le sette di lunedì 31 ottobre!!!

Shocked a quanto pare i "laghi" sono la location più "gettonata" per questo genere di "romanzi".....

_________________
"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci."
Mahatma Gandhi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
***Stefy***

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 11/02/10 18:51
Messaggi: 327
***Stefy*** is offline 






italy
MessaggioInviato: Sab Nov 03 2012, 22:11:23    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

desperada74 ha scritto:

Shocked a quanto pare i "laghi" sono la location più "gettonata" per questo genere di "romanzi".....


Io direi che i ''laghi'',ed anche i ''Fiumi'',... sembrano le location più gettonate per dei ''misteriosi'' delitti...guarda anche Cecilia Beretta la ragazza scomparsa da Pavia ed oggi ritrovata morta nuda nel fiume Po.... Confused

...del resto,come ben sappiamo, l' ACQUA è l'elemento rituale per eccellenza...sia iniziatico che purificatore..nonchè veicolo per il completamento dei rituali in genere....



Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mantenos

Quasi Esperto
Quasi Esperto


Iscritti



Registrato: 29/03/10 01:19
Messaggi: 904
Mantenos is offline 






italy
MessaggioInviato: Dom Nov 04 2012, 04:08:52    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

questo legame con le acque "seminali" lo avevo riscontrato anche per la Ragusa in cui ipotizzavo che sarebbe stata trovata
Citazione:
nei boschi o nell'acqua di ruscelli o pozzi


Citazione:
La ragazza aveva 14 anni e frequentava il primo anno del liceo artistico, si chiamava Roberta.
Roberta Ragusa?

Ricordiamo anche la vicenda Straccia. E la Concordia con il sacrificio esondati/esodati. Non per ipotizzare un legame, per carità, quanto invece per evidenziare la presenza dell'acqua. Mare, fiume e lago sono delle costanti assolutamente pertinenti.

_________________
Su facebook Mantenos Flowers: la comunicazione diretta è più utile
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mantenos

Quasi Esperto
Quasi Esperto


Iscritti



Registrato: 29/03/10 01:19
Messaggi: 904
Mantenos is offline 






italy
MessaggioInviato: Dom Nov 04 2012, 04:19:28    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Al momento ho fatto quello che si definisce un viaggo astrale (chi mi ha letto qualche volta, sa che non sono un mitomane).

Forse ho colto il momento subito dopo la collocazione del suo corpo. Non so "adesso" dove stia. Provo a scrivere qualcosa.

Federica non si rende ancora conto della sua morte. Sta tecnicamente nel limbo. Ma vaneggia e ripete una parola tipo Luciano Luciano, perchè sei così cattivo... sta ripetendo questo mantra. Ma potrebbe significare anche che una luce forte gli è stata messa davanti occhi... (non si capisce).

Pare che non si è resa conto. Ma qualcuno gli ha dato un botta in testa o sul collo quando era già priva di sensi. Racconta in modo confuso di una casa, forse li in alto (°). è svenuta senza un motivo... forse bevendo un succo (arancio?)

quando è svenuta gli è stata messo qualcosa intorno al collo (un bavaglio, una collana rituale, un cappello, non capisco...)

quando perde consocenza entra anche il processo letale della morte. Non so come. e non lo sa nemmeno lei
(Ma allora non capisco la funzione della botta sul collo e sulla testa sempre se ho capito bene).

Dice di essersi addormentata e non sa più cosa è successo. Anche questo evento andrebbe analizzato. E poi chiede di Riccardo (?) che non so chi sia. Cerca anche una collanina... la sua (un regalo di qualcuno a cui lei teneva) forse, gli è stata tolta (bisognerebbe chiedere a chi la conosce se la portava).

Credo che abbia avuto in queste utlime settimane una relazione con un uomo grande, bello ma curatissimo. Ma non si capisce quale relazione, non lo sa nemmeno lei. Ma pensa anche questo "signore" ma non capisce se deve arrabiarsi con lui... Lo pensa in continuazione perchè qualcosa non la convince. Tratti arabi, capelli quasi ricci, pelle come abbronzata, sopraciglia intense e folte.

Esiste qualche notizie in merito riguardo a Federica? Aveva una relazione proibita?

C'è anche un carabiniere ma non capisco... amico di famiglia? Se esiste, cosa c'entra? Passa per la sua testa, forse lo vuole chiamare per un aiuto.

Chiede di un cane forse? Ma non sa cosa è successo. Non lo sa!

Lei era su, in alto, e qualcuno poi l'ha portata li sdraiata sulla riva del lago. Una macchina station vagon che non capisco forse marrone scura arriva. di seguito altri due personaggi con altra macchina. Totale tre. guardano intorno. prendono il corpo e lo posizionano. E li che lei vede che uno dei due prende le croci dalla seconda macchina, una utilitaria (credo che sia stata già rottamata)!

quando è lasciata sulla ghiaia, lei è già deceduta. Si sente sola... è nel panico più totale e non si riesce a capire molto, ancora piange, è confusa. Credo che i tre personaggi abbiano una funzione particolare nel mondo dell'intelligence. e anche in altro paese...

Se sapesse cosa gli è successo potrebbe pervenirci qualche messaggio o qualche indizio. Ma non lo sa nemmeno lei!

Quanto scritto costituisce un visione personale degli eventi, che può essere anche il risultato di un visione non correttoa o non veritiera. Per questo può essere soltanto una indicazione soggettiva degli eventi con probabile e non certa validità concreta. Fino a prova contraria. Il resoconto è il frutto di una "sintonizzazione" sul luogo

_________________
Su facebook Mantenos Flowers: la comunicazione diretta è più utile
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
NAJLA

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 21/01/09 19:08
Messaggi: 121
NAJLA is offline 






italy
MessaggioInviato: Dom Nov 04 2012, 11:58:35    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Federica, la verità è nel lago sommozzatori a caccia di indizi
L’autopsia: nessuna violenza. Sparito il telefono di Marco, accertamenti sull’auto. Scomparse anche la borsa e la giacca della ragazza
ANGUILLARA SABAZIA - Chi ha lasciato morire Federica? Chi le ha negato aiuto ed è scappato? A tre giorni dal ritrovamento del corpo in riva al lago di Bracciano, le indagini ruotano ancora attorno a queste domande. Neppure l’autopsia sul corpo della ragazzina, ieri mattina a Roma, ha potuto rispondere: Federica Mangiapelo, 16 anni, figlia di Luigi e di Rosella, ribelle e testarda quanto può essere una ragazzina, è morta «per cause naturali». Non ci sono segni di violenza sul corpo, come tutti speravano che fosse.


Ma chi l’ha portata laggiù, a cinque chilometri dal paese, in una notte di freddo e di pioggia, e lì l’ha lasciata, ci ha messo del suo, molto del suo. Perché non è sparito soltanto il telefonino di Federica, non si trovano più né la sua borsa né il suo giubbotto, come se una mano sola avesse deciso di cancellare tutto dalla scena. E c’è qualcosa perfino di più inquietante: i carabinieri non sono riusciti ancora a ritrovare neppure il telefonino di Marco Di Muro, il fidanzato di Federico, il cameriere di Formello attorno al quale le indagini si vanno facendo sempre più incalzanti, il ragazzo che ha portato fuori Federica quella notte e che poi sostiene di averla lasciata dopo un litigio, quando erano soltanto le una e mezza.

La Procura di Civitavecchia ha autorizzato accertamenti sull’auto del ragazzo, nella speranza di trovare tracce utili di dna o di altro. Una misura che nel novanta per cento dei casi si adotta nei confronti di persone ufficialmente indagate, per consentire loro di potersi difendere dinanzi a eventuali contestazioni.
L’autopsia - in attesa dei risultati degli esami tossicologici - ha detto anche dell’altro.

A voler leggere in controluce i primi risultati, infatti, ha indirettamente confermato che Federica non è annegata. Non è stata mai portata in acqua, cioè -a ulteriore smentita della fantasiosa ipotesi della barca con le cime dei rulli sciolte-, e comunque non è caduta da nessun dirupo, perché nessuna, neanche leggera, escoriazione è stata ritrovata sul corpo.
Ma c’è un’altra notizia che aiuta a farsi largo nei misteri di quella notte di Halloween. I carabinieri hanno deciso di far scendere i sommozzatori nel lago di Bracciano, in quello specchio d’acqua proprio davanti allo stabilimento Rosa dei venti, davanti all’ex circolo velico dell’Alitalia, davanti alla spiaggetta dove Federica giovedì mattina è stata trovata ormai morta.

L’ipotesi, quindi, è che tutte le tracce compromettenti di quelle ore maledette - e quindi telefonini, giubbotto, borsa di Federica, possano essere state gettate in uno sconsiderato momento di paura proprio in fondo al lago. Acque che non restituiscono niente se non ci si cala sul fondo, perché la pietra vulcanica li trattiene gli oggetti perché non ci sono onde tali da riportarli a riva.

Poi c’è il capitolo tabulati. Il traffico telefonico dei due cellulari di Federica e Marco in quelle ore, a cui si può risalire anche senza avere i due apparecchi a disposizione. I carabinieri ci puntano molto e ci puntano anche i genitori di Federica. Per capire come e quando si siano interrotte le comunicazioni, se la ragazzina all’ultimo abbia cercato disperatamente l’aiuto di qualcuno. Sicuramente non il loro, non l’aiuto di Rosella e Luigi: non è arrivata nessuna chiamata quella notte ai genitori, neppure messaggi, niente di niente.

Si è saputo solo ieri che in realtà Luigi Mangiapelo si è svegliato intorno alle quattro e, avendo realizzato che sua figlia non era ancora rientrata, è uscito di casa a cercarla. L’hanno bloccato in un bar: «Hai saputo di quella ragazzina trovata sulla spiaggia?». E gli è crollato il mondo addosso.

Siamo fermi qui. Marco Di Muro che sostiene di aver lasciato Federica alle una e mezza, dopo l’ennesimo litigio - perché litigavano continuamente - e il ritrovamento di quel corpo senza vita, grazie a un paesano in bicicletta, alle sei del mattino. Con un orario della morte che all’inizio veniva dato come presumibile intorno alle cinque e che invece l’autopsia di ieri mattina sposta indietro di un’ora. Se cosi davvero fosse, si tratta sempre di due ore e mezzo di mistero. Dove è stata Federica? Chi l’ha portata laggiù e poi abbandonata?

_________________
Vivo questa vita in modo pieno perchè non ho certezza che non sia l'unica
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
NAJLA

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 21/01/09 19:08
Messaggi: 121
NAJLA is offline 






italy
MessaggioInviato: Dom Nov 04 2012, 12:50:53    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Giallo del lago di Bracciano, il fidanzato di Federico positivo al narcotest
Marco Di Muro positivo al narcotest e con un tasso alcolico elevatissimo. Mille contraddizioni nel racconto fatto in 10 ore di interrogatorio
Positivo al narcotest e con un tasso alcolico elevatissimo. Svolta raccapricciante sul giallo del lago di Bracciano: Marco Di Muro, precedenti penali proprio per droga, la sera in cui Federica Mangiapelo è morta si sarebbe impasticcato e avrebbe bevuto superalcolici come una spugna.
Non solo. Mille le contraddizioni nel racconto fatto in oltre dieci ore di interrogatorio davanti ai carabinieri e al magistrato che segue l’indagine. Tanto che gli inquirenti sono convinti di “incastrarlo” alle sue responsabilità nel giro di poco tempo.

Morte come conseguenza di altro reato l’accusa che potrebbe essere mossa contro il 23enne di Formello, oltre a omissione di soccorso, mentre per l’amico che avrebbe in parte confermato la sua versione dei fatti (“all’ora della morte di Fede eravamo altrove”), si prospetta l’ipotesi di un fermo di pg per falsa testimonianza. Il giorno dopo un’autopsia che non conferma o smentisce alcuna ipotesi, la certezza che Marco Di Muro, fidanzato della ragazza trovata cadavere la mattina dopo la notte di Halloween, non era sobrio è data dai risultati dei primi accertamenti disposti a poche ore dal fattaccio. Un mix di alcol e sostanze stupefacenti, insomma, che fanno pensare a uno scenario simile anche per la giovane, compatibile con l’ipotesi di un malore dovuto a una sbronza colossale. Ma questa possibile spiegazione potrà essere confermata o meno solamente dagli esami tossicologici, vale a dire non prima di due settimane. Restano le incertezze, i voltafaccia, i cambi repentini di versione dei fatti da parte del giovane cameriere, a cominciare dal luogo in cui avrebbe lasciato Federica dopo il litigio. In via Carradori, ovvero davanti la casa dei genitori, oppure davanti al bar in piazza del Molo, a metà strada fra l’abitazione e il luogo del rinvenimento? Distanze, comunque, difficili da percorrere a piedi e in tempi relativamente brevi: oltre 7 chilometri in totale da Vigna di Valle, su una strada provinciale buia e pericolosa al freddo e sotto una pioggia battente.

Nulla hanno potuto confermare le celle telefoniche circa gli spostamenti dei due: la zona ricade comunque sulla stessa area d’azione di un solo elemento telefonico. Il cellulare di Federica, da sempre in mano agli inquirenti, ha chiarito solamente in parte con chi era stata in contatto la ragazza nelle ultime ore di vita. Fra i punti fermi dell’indagine l’assenza di segni di violenza sul corpo della poveretta, la mancanza di patologie, la voglia di vivere nonostante le sofferenze di adolescente, incompatibile con un possibile suicidio. Resta il punto nodale della triste storia: chi l’ha abbandonata a se stessa nel momento in cui si è sentita male? Se non con Marco, con chi era andata a bere l’ultimo drink della serata sul lungo lago delle Muse?

_________________
Vivo questa vita in modo pieno perchè non ho certezza che non sia l'unica
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> delitti recenti Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
Pagina 3 di 10

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Poteri occulti topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008