Indice del forum

Poteri occulti

Sito per discutere di misteri italiani, massonerie, mafie, e altro.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Perché Annamaria Franzoni è innocente
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Articoli del Blog
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Anonymous
















MessaggioInviato: Gio Gen 02 2014, 23:50:39    Oggetto:  Perché Annamaria Franzoni è innocente
Descrizione: dall'ultimo numero di delitti e misteri
Rispondi citando

Perché Annamaria Franzoni è innocente
di Paolo Franceschetti

L'articolo è tratto dal numero 9 di Delitti e Misteri, rivista diretta da Francesco Mura.


Annamaria Franzoni viene condannata per omicidio doloso del proprio figlioletto di tre anni sulla base della ricostruzione dei fatti così come segue.
Ore 8:08. Il figlio Davide esce di casa per andare a scuola.
Ore 8:16. La Franzoni esce di casa come ogni giorno per raggiungere il figlio Davide alla fermata del bus, poco distante. Il processo accerterà che dapprima uscì di casa il figlio e qualche minuto dopo la madre lo seguì.
Ore 8:27. La Franzoni rientra a casa.
Ore 8:27,30. La Franzoni telefona alla dottoressa Satragni, suo medico curante e vicina di casa, comunicandole che Samuele perdeva sangue dalla testa e gli era scoppiato il cervello.
Ore 8:28,30. La Franzoni telefona al 118 dicendo che il figlio Samuele vomita sangue.
Ore 8:29,26. La Franzoni telefona al marito, comunicandogli che Samuele “è morto”.
Pochi secondi dopo la donna chiama la sua vicina di casa Ferrod, dicendole che il figlio perde sangue dalla testa.
In casa sopraggiungono nell’ordine: la signora Ferrod, la dottoressa Satragni, accompagnata dal suocero Savin e infine il dottor Iannizzi con l’elisoccorso dell’ospedale di Aosta.

Le indagini portano al ritrovamento e al sequestro del pigiama della donna.
La casacca era ai piedi del letto, sotto le lenzuola, mentre i pantaloni erano “seminascosti” sotto un risvolto del letto del bambino.
Gli zoccoli vengono ritrovati nel bagno, risposti in ordine.
Sia il pigiama che gli zoccoli presentano macchie di sangue.
Il bambino viene dichiarato formalmente morto alle 9:55.
La perizia del tribunale stabilirà che il bambino doveva essere morto in un lasso temporale compreso tra i 5 e i 17 minuti.
Secondi i periti dell’accusa, l’aggressore indossava gli zoccoli e il pigiama, il che individua nella madre la probabile colpevole. La perizia viene effettuata con il cosiddetto metodo BPA.
I periti della difesa sostengono che le macchie di sangue sul pigiama potrebbero essere dovute al fatto che questo si trovava sul letto al momento dell’aggressione.
Mentre gli zoccoli, non presentando macchie sulla tomaia, non potevano essere indossati dall’aggressore.

Se questa è la ricostruzione – così emerge dagli atti – risulta evidente che Annamaria Franzoni sia innocente per vari motivi.
- La donna viene trovata completamente pulita, senza neanche una traccia di sangue addosso, sui capelli, o sui vestiti; una caratteristica di tutti i delitti all’arma bianca è che l’assassino si macchi non solo i vestiti, ma ogni parte del corpo, capelli, unghie, scarpe, viso, ecc. Per commettere un omicidio del genere, quindi, l’assassino deve avere il tempo di lavarsi accuratamente (lasciando tracce che verrebbero necessariamente rilevate dai RIS) e poi cambiarsi, facendo sparire gli abiti sporchi. L’assassino poi lascia macchie ovunque, sulle maniglie delle porte, sul lavandino del bagno, ecc.
- Nessuna traccia di sangue viene ritrovata al di fuori della stanza del delitto, nel bagno o altrove; eppure l’enorme quantità di sangue fuoriuscita dalla testa del bambino, in misura e forza tali da raggiungere addirittura il soffitto, rende di fatto impossibile l’ipotesi che l’assassino, chiunque esso sia, non abbia lasciato tracce (e abbondanti) in altre parti della casa.
- La perizia psichiatrica disposta dal PM stabilì che la donna soffriva di un disturbo dissociativo chiamato “stato crepuscolare orientato”, inesistente in psichiatria e in particolare nel cosiddetto DSM, vera e propria guida dei disturbi psichiatrici adottata dalla comunità mondiale dei medici; altre perizie invece non trovarono nella donna alcuna anomalia di vita, di condizioni, o di altro tipo.
- L’arma del delitto non viene ritrovata. Come avrebbe fatto Annamaria a nasconderla in breve tempo? E dove l’avrebbe nascosta? La villa di Cogne, nonostante la qualifica di “villa” che i media hanno sempre attribuito alla casa, è in realtà una tipica casetta di montagna, con una superficie non superiore ai 100 metriquadri, forse anche meno. Attorno alla casa c’è solo prato, che in quel periodo era coperto di neve; impossibile quindi che l’arma sia stata portata fuori casa dalla donna, perché ne sarebbero rimaste le tracce.
- Nell’ipotesi che l’assassina fosse stata la madre, ella avrebbe avuto al massimo sei minuti e mezzo (cfr. gli orari della ricostruzione giudiziale) per: 1) indossare il pigiama e indossare gli zoccoli; 2) uccidere il bambino, 3) cambiarsi il pigiama e indossare vestiti puliti, 4) lavarsi, 5) far sparire ogni traccia di sangue, 6) far sparire l’arma del delitto, e poi infine 7) telefonare.
- Inoltre, se Annamaria avesse indossato gli zoccoli durante l’omicidio, avrebbe dovuto necessariamente calpestare il sangue della stanza nel camminare lasciando tracce sotto alla suola.

Ad escludere che l’omicidio possa essere avvenuto prima che Annamaria avesse accompagnato il figlio allo scuolabus valgono le testimonianze di un vicino, che ha narrato di averla vista pochi secondi dopo la partenza del bus, e di averci chiacchierato serenamente di ordinarie faccende quotidiane; la donna appariva serena e tranquilla, e si avviò verso casa senza mostrare alcun segno di inquietudine; impossibile, insomma, che l’omicidio potesse essere stato già commesso da lei, perché nessun essere umano avrebbe la freddezza di recitare così bene dopo aver ucciso il figlio; e rimarrebbe poi sempre da spiegare la mancanza di tracce di sangue al di fuori della stanza del delitto.

Ci sarebbero poi da prendere in considerazione gli aspetti simbolici del delitto, dalla data, ai nomi dei protagonisti (nella Bibbia Annamaria è la madre di Samuele, che chiede di poter dare un figlio a Dio, nel libro chiamato appunto “Libro di Samuele”) alla cornice, il Gran paradiso, a poca distanza in linea d’aria dal Monte Rosa, nonché il particolare che a suo tempo sottolineò il criminologo Carmelo Lavorino, secondo cui il delitto di Cogne rispecchia fedelmente la storia narrata da un autore di fine ’800, la Nota di Ramuz. Ma il discorso porterebbe troppo lontano ed esulerebbe dal discorso prettamente giuridico.

Infine, occorre fare una considerazione finale di tipo procedurale. Ai sensi dell’articolo 530, la colpevolezza di un imputato va provata sempre oltre ogni ragionevole dubbio.
In questo caso, invece, di dubbi ce ne sono più di uno, e sono molto più che semplicemente ragionevoli.
Le domande da porci allora sono: chi ha ucciso Samuele? E perché i magistrati non hanno colto queste incongruenze a suo tempo?

Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Gio Gen 02 2014, 23:50:39    Oggetto: Adv






Torna in cima
Piero68

Nuovo
Nuovo


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 05/09/14 10:06
Messaggi: 3
Piero68 is offline 






italy
MessaggioInviato: Gio Set 18 2014, 12:07:04    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Intanto se non è stata la Franzoni bisognerebbe accettare il fatto ancora più improbabile che un estraneo, nel giro di 5-7 minuti sia penetrato in casa non visto, abbia ucciso Samuele e, sempre non visto e coperto di sangue dalla testa ai piedi, sia uscito indisturbato.
Ma a parte questo la ricostruzione fornita non è prorpio esatta. Ma non voglio entrare in polemica. Quello che mi ha sempre colpito di questa storia invece è la figura della dott.ssa Satragni e del fatto che non sia stata mai nè interrogata a dovere nè inquisita. Quando infatti arriva l'elisoccorso la Satragni dice al medico che interviene che il bambino vomita sangue. Ora, come non abbia potuto accorgersi dello scempio che il bimbo mostrava resta ancora un mistero visto che la signora è anche un medico. E' il medico dell'elisoccorso il primo ad accorgersi di quello che è successo (cioè che il bambino è stato aggredito con un oggetto contundente) ed infatti sarà lui, dall'elicottero, ad avvisare le forze dell'ordine
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
peppermint

Appassionato
Appassionato


Iscritti



Registrato: 04/09/13 11:10
Messaggi: 272
peppermint is offline 






italy
MessaggioInviato: Gio Set 18 2014, 14:56:36    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Piero68 ha scritto:
Intanto se non è stata la Franzoni bisognerebbe accettare il fatto ancora più improbabile che un estraneo, nel giro di 5-7 minuti sia penetrato in casa non visto, abbia ucciso Samuele e, sempre non visto e coperto di sangue dalla testa ai piedi, sia uscito indisturbato.
Ma a parte questo la ricostruzione fornita non è prorpio esatta. Ma non voglio entrare in polemica. Quello che mi ha sempre colpito di questa storia invece è la figura della dott.ssa Satragni e del fatto che non sia stata mai nè interrogata a dovere nè inquisita. Quando infatti arriva l'elisoccorso la Satragni dice al medico che interviene che il bambino vomita sangue. Ora, come non abbia potuto accorgersi dello scempio che il bimbo mostrava resta ancora un mistero visto che la signora è anche un medico. E' il medico dell'elisoccorso il primo ad accorgersi di quello che è successo (cioè che il bambino è stato aggredito con un oggetto contundente) ed infatti sarà lui, dall'elicottero, ad avvisare le forze dell'ordine



Occorre anche sistemare la tragedia in un contesto di paese di montagna come Cogne in cui tutti si conoscono e se arriva un estraneo viene notato non appena mette piede nel paese da tutta la popolazione locale.
Per questo se nessuno ha mai notato estranei in paese nel momento in cui è avvenuta la tragedia, significa che la stessa è una vicenda tutta interna al paese e ancora da scoprire.
Il sindaco di Cogne infatti aveva sollecitato a parlare chi sapesse della vicenda, sapendo benissimo che tutti conoscevano tutti in paese e che era il modo più semplice di arrivare alla verità.

La Satragni che lava il bambino in una giornata di inverno, alla fine di gennaio,senza che la madre intervenisse, lascia molti interrogativi. Il procedimento non sembra da medico e se poi aggiungeva che al bimbo era scoppiata la testa, lavarlo era da escludersi.Ma questo lo ha deciso da sola o con la Franzoni?
Ma come era possibile che non avesse un medico riconosciuto che il bimbo era stato colpito da un oggetto contundente e che fosse quella la causa di tanto sangue?
La Franzoni chiama soccorsi perchè il bambino vomita sangue e lascia che la Satragni lo lavi in quelle condizioni?
Secondo gli orari della ricostruzione del delitto la Franzoni telefona prima alla Satragni e un minuto dopo al 118, quindi quello che doveva fare la madre era di aspettare i soccorsi.
Se poi la Franzoni, un minuto dopo del 118 avverte il marito che il bimbo è morto, come fa a capirlo considerato che la Satragni medico, non è ancora arrivata?
Nel contempo dopo qualche secondo chiama la vicina dicendo che il bimbo perdeva sangue dalla testa, segno che era ancora vivo mentre al marito poco prima aveva comunicato che il bimbo era morto.
Ora non si capisce come mai la Franzoni non sia mai coperta di una goccia di sangue del bambino dopo che ne aveva constatato le condizioni.
Per quanto ci siano prove che non è l'autrice del delitto, come è stato possibile che nessuno goccia di sangue del figlio se la sia portata dietro nella foga di vedere in che condizioni versava? Una madre non prende in braccio un figlio o ha paura di coprirsi di sangue?
Invece lascia che la Satragni lo lavi piuttosto che prenderlo in braccio. Strano comportamento per una madre.

Citazione:
Inoltre, se Annamaria avesse indossato gli zoccoli durante l’omicidio, avrebbe dovuto necessariamente calpestare il sangue della stanza nel camminare lasciando tracce sotto alla suola.

e come ha fatto allora a vedere che al figlio era scoppiata la testa, a telefonare al 118 e dire che il figlio vomitava sangue se non si avvicinava al letto del figlio, in mezzo a tutto quel sangue e rimanerne indenne?

Resta il fatto che è possibile che qualcuno in pochi minuti sia entrato in casa e abbia ucciso il bimbo, ma solo se conosceva bene il posto, non certo un estraneo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Articoli del Blog Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Poteri occulti topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008