Poteri occulti

Notizie varie. Giornali, altri blog, siti internet, politica - BAMBINO PRELEVATO CON LA FORZA DA SCUOLA DALLA POLIZIA

Rinoceronte78 - Gio Ott 11 2012, 17:18:28
Oggetto: BAMBINO PRELEVATO CON LA FORZA DA SCUOLA DALLA POLIZIA


http://www.nocensura.com/

Shocked
Rinoceronte78 - Gio Ott 11 2012, 17:23:02
Oggetto:
http://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/bimbo_prelevato_scuola_forza_affidamento_padre_padova/notizie/224804.shtml

ROMA - «È incivile che il nostro bambino sia stato portato via in questo modo». E' il drammatico sfogo della mamma del bambino di 10 anni portato via da alcuni agentiin borghese da una scuola elementare di Cittadella (Padova) ieri mattina su ordine della corte d'appello della sezione minori di Venezia. Il tutto ripreso da una videocamera e mandato in onda l'altra sera durante la trasmissione televisiva Chi l'ha Visto creando molto scalpore tra i telespettatori. La madre del bambino, assieme ai nonni del piccolo ed una mezza dozzina di mamme, ha messo in atto stamane una protesta con dei cartelli davanti alla scuola. Sui cartelli scritte come «I bambini non sono bestie, non sono criminali‚ liberate Leonardo». E ancora: «I bambini vanno ascoltati».

Il drammatico provvedimento è stato adottato in base a un decreto della Corte d'appello di Venezia che è stato esibito da un drappello di assistenti sociali, un medico, dal padre del bimbo e alcuni poliziotti che si sono presentati dopo mezzogiorno alla direttrice dell'istituto, Marina Zanon. In quelle pagine si stabilisce «l'allontanamento del minore dall'ambiente materno e il suo affido in via esclusiva al padre», con collocamento in una comunità. Il bimbo è stato letteralmente portato via con la forza, visto che cerca di divincolarsi con altrettanto vigore dettato dalla disperazione. È a quel punto che intervengono anche un paio di agenti dell'Ufficio minorenni della questura. Due persone lo tengono per le gambe. Un altro lo afferra per le spalle, mentre lui tira calci. Cade a terra. Viene trascinato. Si dispera. Tutto inutile. Alla fine viene caricato su un'auto. Fuori dalla scuola ci sono la mamma e i nonni, riprendono la scena con una videocamera. Ci sono molti genitori, altri bambini.

Inchiesta del capo della polizia. L'episodio ha immediatamento scatenato polemiche e reazioni dal mondo politico. Prime fra tutte l'indignazione del presidente del Senato Schifani che ha condannato i metodi adottati dagli agenti e richiesto un intervento immediato del capo della polizia Manganelli, che che ha immediatamento aperto un'inchiesta interna. Il filmato integrale è stato trasmesso all'Autorità Giudiziaria per l'attività di competenza della stessa.

Dura anche la reazione dell'Ordine degli assistenti sociali. «Quello che abbiamo visto è molto grave e ci auguriamo che in futuro non venga più utilizzata la forza in situazioni analoghe - condanna il presidente del Consiglio nazionale, Edda Samory - Siamo sorpresi e scioccati dalle modalità con cui si è svolto l'intervento di allontamento del minore. Una cosa salta all'occhio: l'allontanamento non era stato adeguatamente preparato. Qualsiasi persona, che sia un minore, un adulto o un anziano che deve essere allontanata, va preparata all'eventuale cambiamento». «L'impegno dei servizi sociali è volto quotidianamente a evitare, quando possibile - prosegue Samory - gli allontanamenti famigliari, sempre dolorosi. A volte però la gravità della situazione è tale da far valutare l'allontamento necessario; in questo caso gli assistenti sociali sono disponibili a preparare le nuove condizioni, secondo il principio che il minore va tutelato e accompagnato all'allontanamento, in modo tale da recargli minore sofferenza possibile».

Il garante dell'infanzia. «E' un episodio grave per le modalità in cui si è svolto - afferma Vincenzo Spadafora, Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza - Da anni in Italia auspichiamo una riforma della giustizia minorile che tarda ad arrivare. Una riforma, ed anche l'episodio di oggi ce lo ricorda, che veda l'ascolto del minore come punto di partenza». Il Garante dell'Infanzia chiede inoltre «per il rispetto che tutti dobbiamo al bambino» di evitare «speculazioni e spettacolarizzazioni di ogni genere. Quello che è successo a Padova ci obbliga ad una riflessione seria e più complessa».

Il questore di Padova. «È stata una spettacolarizzazione messa in atto dai familiari materni in una vicenda complessa»: così il questore di Padova, Vincenzo Montemagno, ha commentato l'intervento dei suoi uomini nella scuola di Cittadella. Montemagno ha evidenziato che è stato lo stesso padre del minore a chiedere un aiuto a un agente per prenderlo, visto che si divincolava, e farlo salire in auto».

La mamma di Leonardo. «Sono andata nella casa famiglia con il pediatra e ho chiesto che il bambino venisse visitato, ma non mi è stato permesso. Leonardo è stato portato in comunità perché‚ la Corte d'Appello di Venezia ha emesso un decreto sulla base del fatto che al bambino era stata diagnosticata la Pas (sindrome da alienazione parentale). Secondo la Pas, se il bambino non viene prelevato dalla famiglia materna e resettato in un luogo neutro, come una sorta di depurazione, non potrà mai riallacciare il rapporto con il padre. Tutto questo in base ad una scienza spazzatura che arriva dall'America».

Il padre dell'adolescente. «Ho salvato mio figlio e ora sta bene, è sereno. L'importante è questo. Ho pranzato, giocato alla playstation e poi cenato con lui e l'ho messo a letto. Era anni che non lo facevo ed è stata una bella emozione».

La preside della scuola. «Anch’io sono rimasta sconvolta e turbata da quanto ho visto ieri - spiega la dirigente scolastica Marina Zanon - Abbiamo fatto uscire dalla classe i compagni dell'alunno destinatario del provvedimento del giudice e solo dopo sono entrati gli assistenti sociali e i poliziotti. Tutto all'interno della scuola si è svolto senza urla e senza che gli altri compagni di scuola vedessero, in quanto sono rimasti dentro le aule fino a quando il bimbo è stato portato in auto. Ho visto le immagini di Chi l'ha visto, fornite alla trasmissione dalla zia del piccolo, e mi hanno fatto piangere, perché penso alla situazione drammatica in cui si trova ora il piccolo».

Il provvedimento del giudice. L'intervento di ieri era solo l'ultima di una drammatica serie di sequenze che si sono fatte sempre più concitate. Gli assistenti sociali avevano provato altre quattro volte, dal 25 agosto in poi, a eseguire il provvedimento che toglie il ragazzo alla madre, laureata in farmacia, per affidarlo al padre, un avvocato padovano.

La prima volta si era rifugiato nella sua cameretta, rimanendo aggrappato alla rete del letto ore. Anche le altre volte aveva opposto una resistenza tale da far sospendere l'esecuzione.
Visto il rifiuto ad uscire di classe, il direttore didattico ha preferito far allontanare gli altri compagni. Aggrappato al suo banco è rimasto solo il bimbo, il cui comportamento scolastico viene considerato irreprensibile. Ad entrare sono stati gli assistenti sociali, il medico e il padre. Ma la reazione è stata molto violenta.
Rinoceronte78 - Gio Ott 11 2012, 17:23:44
Oggetto:
La mamma di Leonardo. «Sono andata nella casa famiglia con il pediatra e ho chiesto che il bambino venisse visitato, ma non mi è stato permesso. Leonardo è stato portato in comunità perché‚ la Corte d'Appello di Venezia ha emesso un decreto sulla base del fatto che al bambino era stata diagnosticata la Pas (sindrome da alienazione parentale). Secondo la Pas, se il bambino non viene prelevato dalla famiglia materna e resettato in un luogo neutro, come una sorta di depurazione, non potrà mai riallacciare il rapporto con il padre. Tutto questo in base ad una scienza spazzatura che arriva dall'America».
Stefania Nicoletti - Gio Ott 11 2012, 17:49:42
Oggetto:
Il video integrale



Brando - Gio Ott 11 2012, 18:06:42
Oggetto:
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ty1PdWOKo5E
Rinoceronte78 - Gio Ott 11 2012, 19:02:17
Oggetto:
molto strano la modalità....di soppiatto entrano dal retro e di forza portano via il bambino....non c'è nulla di logico
Rinoceronte78 - Gio Ott 11 2012, 19:09:40
Oggetto:
Brando ha scritto:
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ty1PdWOKo5E


LA VIOLENZA SUI MINORI E SULLE DONNE è IL MOSTRO CHE ALBERGA NEL CUORE DI COLUI, CHE VIENE DEFINITO ESSERE UMANO,LADDOVE DI UMANO NON HA NULLA, E CHE NON MERITEREBBE DI ESSERE CONSIDERATO MERITEVOLE DI DIGNITà......A ME SEMBRA SOMIGLIARE MOLTO AD UNA SORTA DI TSO AI DANNI DI UN MINORE...
Mantenos - Gio Ott 11 2012, 20:07:33
Oggetto:
Significa qualcosa? Cronaca? Linguaggio? Vicenda?
Non so. E nemmeno si può escludere un dialogo tra le parti, di cui ignoro la direzione (tipo notizie di questi giorni che parlano tra le righe).

L'evento è comunque mediaticamente pesante: messaggio subliminale. NESSUN BAMBINO E' AL SICURO.


Poi, ci sarebbe il nome
LEONARDO

e la Cittadella... che con le sue Mura, il suo Castello, e la sua archittetura richiama un MURO, una divisione e per questo anche una guerra (essando poi il bambino conteso tra padre e madre, questo avrebbe una valenza all'interno dei stessi modelli genitoriali e per questo istituzionali). Padova da sempre è il centro di strani movimenti golpisti, che vede sempre la presenza di americani, terrorismo nero, e armi. E americano è anche il nuovo input del DSMV

CERCHIO E CROCE DI CITTADELLA




Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!



Il manuale di psichiatria... sic, che per altro è da poco rinnovato da improbabili e scioccanti voci nuove.

http://it.wikipedia.org/wiki/Manuale_diagnostico_e_statistico_dei_disturbi_mentali

il DSM è in attesa di pubblicazione per maggio 2013... magari il 22 maggio...


GUARDATE CHE SCHIFO LE NUOVE VOCI DEL MANUALE... ROBA DA SPACCARE LA TESTA AI DOTTORI, AI BARONI, ALLA MAGISTRATURA CHE AVVALLA QUESTE COSE DISUMANE....






Citazione:
Sindrome di Asperger
È stato proposto di non considerare più la sindrome di Asperger come un disturbo distinto ma di incorporarlo all'interno dalla categoria di spettro autistico. Tuttavia, questa proposta di cambiamento ha sollevato non poche controversie, che hanno visto coinvolti specialisti del settore quali Tony Attwood e Simon Baron-Cohen e il gruppo "Keep Asperger's Syndrome in the DSM-5”.[9][10]

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività
È stato proposto di modificare i criteri diagnostici del disturbo dell’attenzione e dell’iperattività (ADHD) in base all’età del bambino. Ovvero, per confermare la diagnosi, il bambino deve presentare i sintomi dall’età dei dodici anni, e non più da sette, come in precedenza.

Disturbo bipolare
Akiskal e Ghaemi (2006) hanno proposto di includere nuovi e più accurati criteri per alcuni sottotipi di disturbo bipolare. Inoltre, è stato suggerito di rendere maggiormente selettivi i criteri per la diagnosi di questo disturbo in età evolutiva, sostituendolo piuttosto con la diagnosi di “temper dysregulation with dysphoria” (TDD).[11][12]

Disturbo dissociativo di identità
Visti i numerosi dissensi sulla diagnosi del disturbo dissociativo di identità (DDI) è stato proposto un criterio aggiuntivo: “C. Causa stress e significativa compromissione nella sfera sociale, lavorativa o in altre aree di funzionamento”. L’inserimento di questo criterio ha lo scopo di aiutare il clinico a distinguere quelle che sono le esperienze dissociative legate allo specifico contesto culturale (ad esempio lo sciamanesimo, dove gli stati di trance sono volontari) dai casi di psicopatologia.[13][14]

Disturbo dell’ipersessualità
È stato proposto di introdurre il disturbo dell’ipersessualità. Tale diagnosi viene soddisfatta se l’individuo presenta alcuni dei seguenti sintomi: eccessiva pratica di attività sessuale (misurato in termini di tempo), pratica di attività sessuale in risposta a stress o stato dell’umore negativo, etc.[15] Inoltre, il disturbo può essere diagnosticato se i sintomi sono presenti da almeno sei mesi e se l’attività quotidiana dell’individuo ne è inficiata.

Disturbo oppositivo provocatorio
È stato proposto di suddividere gli attuali otto criteri del disturbo oppositivo provocatorio in tre categorie distinte: umore rabbioso/irritabile, comportamento ostinato/oppositivo e comportamento vendicativo.

Disturbi di personalità
In Asse II è stata proposta una radicale modifica delle diagnosi dei disturbi di personalità (DDP), favorendo un sistema di classificazione dimensionale, piuttosto che categoriale.[16] Tale sistema è basato sulla valutazione della gravità dei tratti di personalità nei seguenti domini: emotività negativa, introversione, antagonismo, disinibizione, compulsività e schizotipia. I pazienti verranno diagnosticati anche sulla base della loro somiglianza a cinque prototipi di personalità: l’antisociale/psicopatico, l’evitante, il borderline, l’ossessivo-compulsivo e lo schizotipico. Il disturbo di personalità narcisistico e quello istrionico verranno eliminati e inseriti all’interno di domini più ampi (ad esempio, all’interno del dominio dell’antagonismo).

Pica
È stato proposto di spostare il Pica all’interno della categoria dei disturbi del comportamento alimentare (DCA),[17] specificando che le sostanze ingerite devono essere “non-alimentari” e “non-nutritive”.

Disturbo post-traumatico da stress
Per questo disturbo sono proposti diversi cambiamenti.

Schizofrenia
Verranno eliminati i sottotipi di schizofrenia paranoide, disorganizzata, catatonica, indifferenziata e residua.[18] Inoltre verrà eliminato il disturbo psicotico condiviso (la cosiddetta “folie à deux”).

Disturbo somatoforme
All’attuale disturbo somatoforme è stato proposto di aggiungere il sottotipo multisomatofome[19] e il disturbo somatoforme breve.[20]

Sono inoltre stare proposte le seguenti nuove patologie: Absexual, Disturbo post traumatico da stress complesso, Disturbo di personalità depressivo, Disturbo di personalità negativistico (passivo-aggressivo), Disturbi interpersonali, Rallentamento cognitivo (sluggish cognitive tempo), Disturbo da alimentazione incontrollata.

Jack o' the Green - Gio Ott 11 2012, 20:20:31
Oggetto:
copio e incollo direttamente da wiki, nello sconcerto piú totale:
" La sindrome di alienazione genitoriale (o PAS, dall'acronimo di Parental Alienation Syndrome) è una controversa ed ipotetica dinamica psicologica disfunzionale che, secondo le teorie dello psichiatra statunitense Richard A. Gardner, si attiverebbe in alcune situazioni di separazione e divorzio conflittuali non adeguatamente mediate. La PAS è oggetto di dibattito e ricerca, in ambito scientifico e giuridico, da quando è stata originariamente proposta da Gardner nel 1985; la sindrome non è infatti riconosciuta come un disturbo psicopatologico da parte della grande maggioranza della comunità scientifica e legale. La PAS non è inclusa nell'attuale DSM (Manuale Diagnostico e Statistico dell'Associazione Psichiatrica Americana, APA) [1] . Negli Stati Uniti, il concetto sotteso dal costrutto PAS sta evolvendo e, per sottolineare questa nuova fase, è stata proposta una differente denominazione e concettualizzazione: il PAD, Parental Alienation Disorder (in italiano "Disturbo da Alienazione Genitoriale"). Questa proposta, avanzata da William Bernet [2] , è sintetizzata in un articolo pubblicato dall'American Journal of Family Therapy, numero 5 del 2008, il cui abstract recita:

« Nonostante il Disturbo da Alienazione Genitoriale (PAD) rappresenti una grave condizione di disagio mentale che affligge molti bambini e le loro famiglie, esso non è una diagnosi e non è neppure menzionato nel Manuale Statistico e Diagnostico dei disturbi mentali. Questo articolo, presenta argomentazioni per considerare il PAD come diagnosi: Il PAD è un esempio prototipico di patologia relazionale; la fenomenologia PAD è quasi universalmente accettata dai professionisti della salute mentale; il PAD è un costrutto valido ed attendibile. L'adozione dei criteri per il PAD stimolerà ricerche sistematiche e, questa stessa adozione, ridurrà l'abuso del concetto di PAD e migliorerà il trattamento dei bambini affetti da questo disturbo. »

In Italia la Sindrome di Alienazione Genitoriale è contemplata nelle "Linee guida in tema di abuso sui minori" della “Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (S.I.N.P.I.A.)”, come forma di abuso psicologico." Shocked
Rinoceronte78 - Gio Ott 11 2012, 20:22:39
Oggetto:
INFATTI IL FATTO CHE MEDIATICAMENTE E SE NE PARLI DOVUNQUE VUOL DIRE SOLO UNA COSA.....SI TRATTA DI UN MESSAGGIO DA INTERPRETARE ATTRAVERSO CODICI
bretella - Gio Ott 11 2012, 23:01:46
Oggetto:
nessuno di voi conosce i figli di qualche coppia divorziata(male)?
forse no
cmq fossi stata mamma o zia di quel bambino lo avrei lasciato portare via (o comunque non avrei fatto tutto quel casino di cui resterà traccia indelebile pas o non pas)
Stefania Nicoletti - Gio Ott 11 2012, 23:50:54
Oggetto:
E' un caso di arma di distrazione di massa. Già ne avevo il sospetto questo pomeriggio, quando vedevo questa notizia diffondersi sempre di più su internet, sui forum, sui social network. Vedevo le reazioni della gente (rabbia, incazzatura, invettive contro i colpevoli) che montavano sempre di più. Poi ho visto che i media, giornali e tv, ne stanno parlando parecchio, e allora il sospetto è aumentato. Sappiamo bene che giornali e telegiornali non hanno a cuore la verità ma agiscono per altri motivi, dunque questo clamore mediatico è strano. D'altronde il video è stato lanciato ieri sera da Chi l'ha visto, che sappiamo che tipo di "informazione" deviata fa. Già questo dovrebbe far pensare... oltre al tam tam sul web e al risalto mediatico che è stato dato successivamente. Il caso viene usato per sviare l'attenzione da qualcos'altro e per far concentrare le energie della gente qui. Puntano ovviamente sempre sul lato emotivo. Puntano a scatenare sentimenti e reazioni di pancia, emozioni basse.

Per quanto riguarda la situazione familiare, intanto mi pare di aver capito che la signora che urla nel video è la zia del bambino, non la madre. E considerando questo, si interpreta in modo diverso anche la frase dell'ispettrice rivolta alla donna: "Io sono un'ispettrice di polizia e lei non è nessuno". Guardando il primo video, quello in cui ci sono solo dei brevi spezzoni montati insieme, avevo capito che la signora era la madre, ed inoltre la frase della poliziotta era stata isolata dal contesto, facendola sembrare solo una frase di una persona arrogante che sta abusando del suo potere. Mentre invece guardando meglio il video completo, si capisce che ciò che intende dire è: "io non sono tenuta a dirle niente, perché lei non è la madre del bambino". Il "non è nessuno" è inteso in questo senso. Non nel senso di "io so' io e voi non siete un cazzo", come invece l'avevo intesa la prima volta senza vedere il resto.

Il comportamento della zia è molto strano, sembra proprio che abbia voluto fare apposta quel casino. Poi, sempre per quanto riguarda la situazione familiare, occorrerebbe sapere cosa c'è dietro veramente. E dice bene bretella sui figli di coppie divorziate male. Intanto bisognerebbe sapere quanti tentativi ci sono stati di prendere il bambino a casa sua e quanti rifiuti ci sono stati da parte della madre, e ho letto in giro che ce ne sono stati più d'uno. Questo spiegherebbe perché si è arrivati a questo punto. Poi bisognerebbe anche sapere perché il bambino non vuole andare dal padre: se è davvero perché lo maltratta, o se è perché magari viene aizzato dalla madre contro il padre. Queste situazioni purtroppo sono all'ordine del giorno e io stessa conosco un caso molto da vicino, in cui la madre aizza i figli contro il padre, che sono finiti ad odiarlo e a non volerlo vedere. Non so se anche questo caso sia così, ma la possibilità c'è. Le situazioni familiari, e in particolare i casi di genitori divorziati che si contendono il minore, sono complicati e noi in fondo non sappiamo nulla di quello che c'è davvero dietro. La maggior parte delle volte in questi casi (come un po' sempre) niente è come sembra. E chi sembra dalla parte della ragione magari invece è il contrario di come appare.

Insomma, ci sono troppe cose strane. Nelle ultime ore sto assistendo su Facebook a un fenomeno che ritengo assai preoccupante. La storia ha preso una piega che non mi piace, come succede sempre quando entra in gioco la bassa emotività. Va bene informare, va bene anche indignarsi... ma vedo gente che pubblica post e commenti pesanti nei confronti dei poliziotti e in particolare dell'ispettrice. Vedo foto dell'ispettrice con frasi che la insultano e che la mettono alla gogna. E questa cosa mi sa tanto di caccia alle streghe... E non mi piace, a prescindere da quello che è accaduto. Viene presa singolarmente questa frase che lei ha detto, e che da sola sarebbe gravissima, e infatti la gente si indigna. Ma la frase viene estrapolata dal contesto e interpretata in altro modo... E giù tutti ad insultare e attaccare la poliziotta, postando continuamente la sua foto e additandola come se fosse il demonio. Questa è manipolazione. Manipolazione inconsapevole, ovviamente... perché quelli che postano e commentano su facebook non sanno che stanno manipolando un'informazione. Loro stanno solo cedendo all'emotività, non fanno altro che reagire agli stimoli che ricevono dall'esterno. Però è pur sempre una manipolazione come quella che fanno i media ogni giorno per tutti gli argomenti.

Ovviamente tutto questo che ho detto non vuole assolutamente sminuire il dolore e lo shock che ha subìto quel bambino e che probabilmente si porterà dentro per un bel po'. Non è certo una cosa bella quella che gli hanno fatto, a prescindere da tutte le motivazioni che ci sono dietro. Ma comunque viveva già in una situazione difficile, perciò la violenza che ha subìto non è solo quella di ieri con la polizia, ma comprende anche tutto il resto e di cui la famiglia è responsabile. Alla fine, sarà banale e un po' retorico dirlo, ma in queste situazioni a pagare sono sempre i bambini.
smoking84 - Ven Ott 12 2012, 02:27:31
Oggetto:
Concordo su quanto scritto è tutto molto strano, se ci si sofferma con mente fredda e lucida molte cose appaiono forzate, inoltre visto l'enorme risonanza mediatica che ha avuto e che avrà, vorrei propio sapere da cosa devono distrarre la gente...
Rinoceronte78 - Ven Ott 12 2012, 04:45:34
Oggetto:
Stefania Nicoletti ha scritto:
E' un caso di arma di distrazione di massa. Già ne avevo il sospetto questo pomeriggio, quando vedevo questa notizia diffondersi sempre di più su internet, sui forum, sui social network. Vedevo le reazioni della gente (rabbia, incazzatura, invettive contro i colpevoli) che montavano sempre di più. Poi ho visto che i media, giornali e tv, ne stanno parlando parecchio, e allora il sospetto è aumentato. Sappiamo bene che giornali e telegiornali non hanno a cuore la verità ma agiscono per altri motivi, dunque questo clamore mediatico è strano. D'altronde il video è stato lanciato ieri sera da Chi l'ha visto, che sappiamo che tipo di "informazione" deviata fa. Già questo dovrebbe far pensare... oltre al tam tam sul web e al risalto mediatico che è stato dato successivamente. Il caso viene usato per sviare l'attenzione da qualcos'altro e per far concentrare le energie della gente qui. Puntano ovviamente sempre sul lato emotivo. Puntano a scatenare sentimenti e reazioni di pancia, emozioni basse.

Per quanto riguarda la situazione familiare, intanto mi pare di aver capito che la signora che urla nel video è la zia del bambino, non la madre. E considerando questo, si interpreta in modo diverso anche la frase dell'ispettrice rivolta alla donna: "Io sono un'ispettrice di polizia e lei non è nessuno". Guardando il primo video, quello in cui ci sono solo dei brevi spezzoni montati insieme, avevo capito che la signora era la madre, ed inoltre la frase della poliziotta era stata isolata dal contesto, facendola sembrare solo una frase di una persona arrogante che sta abusando del suo potere. Mentre invece guardando meglio il video completo, si capisce che ciò che intende dire è: "io non sono tenuta a dirle niente, perché lei non è la madre del bambino". Il "non è nessuno" è inteso in questo senso. Non nel senso di "io so' io e voi non siete un cazzo", come invece l'avevo intesa la prima volta senza vedere il resto.

Il comportamento della zia è molto strano, sembra proprio che abbia voluto fare apposta quel casino. Poi, sempre per quanto riguarda la situazione familiare, occorrerebbe sapere cosa c'è dietro veramente. E dice bene bretella sui figli di coppie divorziate male. Intanto bisognerebbe sapere quanti tentativi ci sono stati di prendere il bambino a casa sua e quanti rifiuti ci sono stati da parte della madre, e ho letto in giro che ce ne sono stati più d'uno. Questo spiegherebbe perché si è arrivati a questo punto. Poi bisognerebbe anche sapere perché il bambino non vuole andare dal padre: se è davvero perché lo maltratta, o se è perché magari viene aizzato dalla madre contro il padre. Queste situazioni purtroppo sono all'ordine del giorno e io stessa conosco un caso molto da vicino, in cui la madre aizza i figli contro il padre, che sono finiti ad odiarlo e a non volerlo vedere. Non so se anche questo caso sia così, ma la possibilità c'è. Le situazioni familiari, e in particolare i casi di genitori divorziati che si contendono il minore, sono complicati e noi in fondo non sappiamo nulla di quello che c'è davvero dietro. La maggior parte delle volte in questi casi (come un po' sempre) niente è come sembra. E chi sembra dalla parte della ragione magari invece è il contrario di come appare.

Insomma, ci sono troppe cose strane. Nelle ultime ore sto assistendo su Facebook a un fenomeno che ritengo assai preoccupante. La storia ha preso una piega che non mi piace, come succede sempre quando entra in gioco la bassa emotività. Va bene informare, va bene anche indignarsi... ma vedo gente che pubblica post e commenti pesanti nei confronti dei poliziotti e in particolare dell'ispettrice. Vedo foto dell'ispettrice con frasi che la insultano e che la mettono alla gogna. E questa cosa mi sa tanto di caccia alle streghe... E non mi piace, a prescindere da quello che è accaduto. Viene presa singolarmente questa frase che lei ha detto, e che da sola sarebbe gravissima, e infatti la gente si indigna. Ma la frase viene estrapolata dal contesto e interpretata in altro modo... E giù tutti ad insultare e attaccare la poliziotta, postando continuamente la sua foto e additandola come se fosse il demonio. Questa è manipolazione. Manipolazione inconsapevole, ovviamente... perché quelli che postano e commentano su facebook non sanno che stanno manipolando un'informazione. Loro stanno solo cedendo all'emotività, non fanno altro che reagire agli stimoli che ricevono dall'esterno. Però è pur sempre una manipolazione come quella che fanno i media ogni giorno per tutti gli argomenti.

Ovviamente tutto questo che ho detto non vuole assolutamente sminuire il dolore e lo shock che ha subìto quel bambino e che probabilmente si porterà dentro per un bel po'. Non è certo una cosa bella quella che gli hanno fatto, a prescindere da tutte le motivazioni che ci sono dietro. Ma comunque viveva già in una situazione difficile, perciò la violenza che ha subìto non è solo quella di ieri con la polizia, ma comprende anche tutto il resto e di cui la famiglia è responsabile. Alla fine, sarà banale e un po' retorico dirlo, ma in queste situazioni a pagare sono sempre i bambini.



MA INFATTI SECONDO ME,OLTRE A COPRIRE QUALCOSA,HANNO RAGGIUNTO IL LORO PRINCIPALE SCOPO.CIOè MANIPOLARE, NON SOLO LA MENTE, MA SOPRATTUTTO IL GIUDIZIO, L'ISTINTO PRIMARIO,NEGATIVO NEI CONFRONTI DAPPRIMA DELLA POLIZIA, CHE AGLI OCCHI DELLA COMMUNITY PERDE ANCORA DI PIù CREDIBILITA, E POI NEI CONFRONTI DELL'ISPETTRICE.
IN QUEST'ULTIMO CASO, SI "PUGNALA IL CUORE DELLA GENTE COMUNA ANDANDO A 100 ALL'ORA", PERCHè,COME DICE STEFANIA,ESTRAPOLATA DAL CONTESTO, LA FRASE DELL'ISPETTRICE "A LEI NON DEVO DIRE NULLA, NON DEVO SPIEGAZIONI", FA NON SOLO MALE, MA DI PIù, è LO SCHIAFFO AI SENTIMENTI BASSI E FACILI.
E LE REAZIONI SU FACEBOOK,CONFERMANO CHE IL LORO OBIETTIVO è STATO RAGGIUNTO, FONDAMENTALMENTE QUELLO DI SCREDITARE,CON UN ATTO "VIOLENTO E SCIOCCANTE",LE FORZE DELL'ORDINE,L'ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI,LA GIUSTIZIA IN GENERALE, CHE PER QUASI TUTTI MANCANO DI SENSIBILITà
Brando - Ven Ott 12 2012, 09:04:24
Oggetto:
Si ma a che pro? Per quale motivo pensate abbiano voluto fare tutto cio?
Non ha senso
Rinoceronte78 - Ven Ott 12 2012, 10:12:08
Oggetto:
COME TUTTE LE MANIPOLAZIONI, MEDIATICHE ARCHITETTATE A TAVOLINO, LE MOTIVAZIONI VANNO CERCATE NEI NOMI, NEI SIMBOLI,NEI NUMERI....RICORDO CHE DI QUESTI CASI NE ACCADONO MOLTI ALTRI MA COME SAPPIAMO I CASI CHE VENGONO "CATTURATI" DAI MEDIA VOGLIONO DIRE SEMPRE QUALCOS'ALTRO......NULLA ACCADE PER CASO...SICURAMENTE CON UN'ATTENTA ANALISI POTREMMO AVERE QUALCHE DELUCIDAZIONE IN MERITO
Brando - Ven Ott 12 2012, 12:02:27
Oggetto:
Ok le manipolazioni dei media, ma il comportamento di chi era in quel luogo?
Anonymous - Ven Ott 12 2012, 14:28:11
Oggetto:
tutto si può riassumere con

Citazione:

E' un caso di arma di distrazione di massa



Citazione:
Il caso viene usato per sviare l'attenzione da qualcos'altro e per far concentrare le energie della gente qui. Puntano ovviamente sempre sul lato emotivo. Puntano a scatenare sentimenti e reazioni di pancia, emozioni basse.



Siccome gli scandali nelle istituzioni si susseguono a ritmo serrato è evidente che il popolo comincia a porsi delle domande. E se si pone delle domande .(ahiloro)...pensa.
Quindi,appunto, meglio scatenare
mediaticamente reazioni basse da popolino in cui la gente riversa il malumore del momento verso quella polizia che prende un bambino a scuola.Quindi una valvola di sfogo sociale.
Nessuno nota che la polizia 'ruba' il bambino mentre quelli delle istituzione rubano denaro pubblico che è ancora peggiore perchè tiene in piedi sia la corruzione che la malavita e rovina molta più gente.


Citazione:

Si ma a che pro? Per quale motivo pensate abbiano voluto fare tutto cio?
Non ha senso

il senso è che mediaticamente tutti ne parlano.
E ne parleranno per un bel pò.

Citazione:

Ok le manipolazioni dei media, ma il comportamento di chi era in quel luogo?

tutto si è svolto in una scuola e nessun insegnante ha mosso un dito a difesa del minore.
Scandaloso.
[/i]
Stefania Nicoletti - Ven Ott 12 2012, 15:18:19
Oggetto:
Esatto Haiku. Ieri sera ho scritto un post molto lungo perché ho analizzato tutto, ma si può riassumere come hai fatto tu. Wink

Posto anche un pensiero di David Gramiccioli che condivido.


http://www.facebook.com/nick.frontera.9/posts/461010693949980

David Gramiccioli
47 minuti fa

Il mio personale pensiero sulla vicenda di Padova.
Dietro alla sottrazione di minori, quasi 33.000 in Italia, si nascondono ANCHE, e sottolineo ANCHE: pedofili, mercanti di angeli, associazioni e avvocati che non si fanno nessunissimo scrupolo a prosciugare le già esigue finanze di queste povere madri, padri, nonni. Per fortuna non è questa la "normalità". Ci troviamo di fronte a un video che strazia il cuore di ogni persona dotata di un minimo di sensibilità, ma non sapevamo ancora come si era arrivati a quell'azione di polizia commessa ai danni di un povero bambino indifeso, loro si che sono sempre le vittime, ma è bastato quel filmato per farci venire un travaso di bile. Ci sta, è normale come reazione. Ma adesso, sapendo di rivolgermi soprattutto a chi ascolta Ouverture, conoscendo la capacità di analisi dei lettori mi e vi chiedo: se avessero voluto nasconderla quella vicenda sarebbero stati in grado di farlo? Se avessero ritenuto dannoso ai loro fini non far girare la notizia l'avrebbero impedito? Il male sta sempre nascosto nel buoi più profondo. Le verità sono come perle preziose, vanno cercate in apnea. Vi ricordate il povero Salvo Davide Cannizzo, il soldato ammalatosi di cancro dopo essere tornato dalla guerra in Kosovo? Sappiamo che è morto, purtroppo, ma molti di voi poterono anche sentire le sue ultime parole rilasciate a Ouverture: La prossima volta le farò i nomi dei miei assassini. Non lo incalzai per rispetto e perchè detto tra di noi dopo la trasmissione lo chiamai dicendogli: Salvo, dovessero anche chiudere la trasmissione ti registro in privato e me la tengo, la faremo girare in rete. Lui mi diede l'ok, ma commisi un errore, che era anche calcolato non potendo fare diversamente, parlammo al telefono. Chiusero Ouverture, ma finalmente, grazie a un amico fonico e a un editore romano trovammo uno studio per collegarci con lui e "finire" l'intervista. Troppo tardi, Salvo era morto. Sarebbe comunque morto poverino, ma proprio due giorni prima? Il telefono, la nostra voce, le loro orecchie. Nessuno tuttavia potrà mai confermarla questa ipotesi, ma neppure m'interessa molto. Mi spiace dirlo, ma questa storia di Padova non mi convince nei modi in cui viene gestita, divulgata, affrontata, discussa. Ma come Gramiccioli, finalmente si parla di un tema a lei tanto a cuore come quello della sottrazione dei minori? Vero, ma con il rischio di trovarci di fronte a una bruttissima storia, ma forse necessaria per il bene del bambino. Non mi piace neppure il silenzio del dottor Rubens che al telefono mi ha detto, educatamente, che non rilascia più interviste. In fondo il suo l'ha fatto. Malagoli Togliatti, Rita Cavallo... sarebbe bello se accettassero anche loro di partecipare martedì allo speciale di Ouverture sulla sottrazione dei minori in Italia, ma anche in Europa perchè in fondo con la comunità europea siamo tutti più vittime e carnefici, vi sono le normative vigenti.
Anonymous - Ven Ott 12 2012, 16:05:18
Oggetto:
Per quale motivo utilizzano questi protocolli di disgregazione sociale? Favorendo la parte colpevole più che quella innocente? Perché continuano a minare la stabilità familiare? Perché sappiamo bene che stanno utilizzando dei protocolli per destabilizzare la donna, l'uomo, la famiglia, i bambini, i rapporti d'amicizia, di lavoro, etc. L'attenzione data è gigantesca.

Io che mi ricordi fanno questo princi-secondariamente per la paura, per le vibrazioni basse, come ha detto mantenos. Il messaggio esoterico(!)... come poterlo escludere in un caso come questo? Non ho seguito il caso fin dall'inizio, potreste dirmi il giorno in cui è successo?

Poi lo fanno, ancora, per far passare la "vittima per carneficie e il carneficie per vittima".

http://www.agi.it/dalla-redazione/notizie/201210121102-cro-rt10054-bimbo_padova_giudici_la_madre_ha_potere_assoluto_sul_figlio




Citazione:
Torre di Malta

« Piangerà Feltro ancora la difalta
de l'empio suo pastor, che sarà sconcia
sì che per simil non s'entrò in malta »

(Dante, Divina Commedia, Paradiso, canto IX, righe 52-54)

La poderosa costruzione addossata all’interno di Porta Padova è la cosiddetta Torre di Malta, costruita nel 1251 da Ezzelino III da Romano, dispotico dominatore della zona, come prigione per i suoi nemici. La fortezza si fece una triste fama presso i contemporanei a causa delle atrocità lì commesse, tanto che lo stesso Dante la cita nella Divina Commedia. Attualmente le ampie sale della torre sono sede del Museo Civico Archeologico, oltre che di convegni e conferenze.
http://it.wikipedia.org/wiki/Cittadella_%28Italia%29



http://affaritaliani.libero.it/cronache/sindrome-pas121012.html?refresh_ce

L'avvocato della Signora è "avv. Andrea Coffari". Coffari... bel tipo...
http://www.comunicazionedigenere.net/la-vita-contro-andrea-coffari/
http://www.dirittoeminori.com/pages/coffari-girolamo-andrea-pas/
(entrambi sono molto interessanti se non conoscete, come me, Coffari)

Sinceramente io ho esperienza diretta di cosa vuol dire "separazione dei genitori", non è molto bello.


Spoiler:

Notizie rilevanti:
- Hanno dato il Nobel Pace a UE;
- Legge elettorale;
Citazione:
ROMA - "Considero positivo l'avvenuto superamento di una situazione che vedeva trascinarsi da tempo, senza risultato, discussioni tra le principali forze politiche; considero positiva cioè la proposizione formale - nella sola sede appropriata, il Parlamento - di un concreto progetto di nuova legge elettorale". Lo afferma Giorgio Napolitano.

Nella lettera, Napolitano ringrazia Schifani per l'annuncio, datogli ieri sera, del via libera in commissione al Senato del testo base di legge elettorale "su cui avviare già oggi l'esame, in vista del successivo passaggio e di una attesa conclusione in Assemblea". "Co...
www.ansa.it/web/notizie/rubriche/politica/2012/10/11/Legge-elettorale-ok-proposta-Pdl-come-testo-base_7612876.html

- Dossier illegali, indagato Tronchetti;

Note aggiuntive:
L'11 Ottobre nel Calendario Mariano è la santificazione della Divina Maternità di Maria Santissima.


Rinoceronte78 - Ven Ott 12 2012, 16:44:12
Oggetto:
oltre il dannoanche la beffa...

http://www.giornalettismo.com/archives/539973/la-zia-e-la-nonna-del-bambino-portato-via-segnalate-dalla-questura/
Brando - Ven Ott 12 2012, 17:29:49
Oggetto:
http://www.byoblu.com/post/2012/10/12/In-che-mondo-di-merda-stiamo-precipitando.aspx
Rinoceronte78 - Ven Ott 12 2012, 17:42:07
Oggetto:
Brando ha scritto:
http://www.byoblu.com/post/2012/10/12/In-che-mondo-di-merda-stiamo-precipitando.aspx


OTTIMO ARTICOLO
Mantenos - Ven Ott 12 2012, 20:39:02
Oggetto:
scivevo ieri

Citazione:
e la Cittadella... che con le sue Mura, il suo Castello, e la sua archittetura richiama un MURO, una divisione e per questo anche una guerra


e poi oggi il NOBEL PER LA PACE...

vuoi che non ci siano indicazioni in tutto questo? Dei piccoli indizi? Un giorno prima violentano un bambino e il giorno dopo proclamano la pace. Ha il profilo di un sacrificio per quanto simbolico. E costruisce all'interno di ogni mente, soprattutto subconcia, strane dinamiche.

Per quanto incredibili, siamo proprio all'interno della magia operativa. Quella più spregiudicata e vile...
Rinoceronte78 - Ven Ott 12 2012, 20:49:09
Oggetto:
Mantenos ha scritto:
scivevo ieri

Citazione:
e la Cittadella... che con le sue Mura, il suo Castello, e la sua archittetura richiama un MURO, una divisione e per questo anche una guerra


e poi oggi il NOBEL PER LA PACE...

vuoi che non ci siano indicazioni in tutto questo? Dei piccoli indizi? Un giorno prima violentano un bambino e il giorno dopo proclamano la pace. Ha il profilo di un sacrificio per quanto simbolico. E costruisce all'interno di ogni mente, soprattutto subconcia, strane dinamiche.

Per quanto incredibili, siamo proprio all'interno della magia operativa. Quella più spregiudicata e vile...


vero...è tutto molto logico...non è da scartare come ipotesi... Smile
Stefania Nicoletti - Ven Ott 12 2012, 21:18:31
Oggetto:
Il cognome della madre del bambino è GIGLIONE... hanno messo la firma all'operazione.
Rinoceronte78 - Ven Ott 12 2012, 21:42:01
Oggetto:
Stefania Nicoletti ha scritto:
Il cognome della madre del bambino è GIGLIONE... hanno messo la firma all'operazione.


ORA NON CI SONO DUBBI
bretella - Ven Ott 12 2012, 21:45:31
Oggetto:
Youkai ha scritto:
Per quale motivo utilizzano questi protocolli di disgregazione sociale? Favorendo la parte colpevole più che quella innocente? Perché continuano a minare la stabilità familiare? Perché sappiamo bene che stanno utilizzando dei protocolli per destabilizzare la donna, l'uomo, la famiglia, i bambini, i rapporti d'amicizia, di lavoro, etc. L'attenzione data è gigantesca.

Io che mi ricordi fanno questo princi-secondariamente per la paura, per le vibrazioni basse, come ha detto mantenos. Il messaggio esoterico(!)... come poterlo escludere in un caso come questo? Non ho seguito il caso fin dall'inizio, potreste dirmi il giorno in cui è successo?

Poi lo fanno, ancora, per far passare la "vittima per carneficie e il carneficie per vittima".

http://www.agi.it/dalla-redazione/notizie/201210121102-cro-rt10054-bimbo_padova_giudici_la_madre_ha_potere_assoluto_sul_figlio


http://affaritaliani.libero.it/cronache/sindrome-pas121012.html?refresh_ce

L'avvocato della Signora è "avv. Andrea Coffari". Coffari... bel tipo...
http://www.comunicazionedigenere.net/la-vita-contro-andrea-coffari/
http://www.dirittoeminori.com/pages/coffari-girolamo-andrea-pas/
(entrambi sono molto interessanti se non conoscete, come me, Coffari)

Sinceramente io ho esperienza diretta di cosa vuol dire "separazione dei genitori", non è molto bello.


personaggio particolare l'avvocato...
Mantenos - Ven Ott 12 2012, 23:37:58
Oggetto:
Hai capito l'avvocato... Processo alle intenzioni? Ma certo che no, però...


http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2012/10/10/Bimbo-affidato-padre-polizia-preleva-scuola_7611389.html

ogni uno difende una certa condotta, con un'amara constatazione personale. Il bambino è stato segnato, probabilmente, nel tempo. Gli altri pensano alla legalità giuridica dell'evento e alla leggittimità dell'operato. E il bambino è stato segnato, probabilmente anche prima di tutto questo.
Sono triste


OT: Caro Rinoceronte, nn me ne volere, ma c'è qualcosa di te che non mi torna... Perdonami ma te lo volevo dire. Niente di personale, ma non vorrei che alla fine ti rivelassi quello che potresti non essere... insomma, famose a capì... Scusami...
e scusate....

Rinoceronte78 - Sab Ott 13 2012, 07:20:59
Oggetto:
Mantenos ha scritto:
Hai capito l'avvocato... Processo alle intenzioni? Ma certo che no, però...


http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2012/10/10/Bimbo-affidato-padre-polizia-preleva-scuola_7611389.html

ogni uno difende una certa condotta, con un'amara constatazione personale. Il bambino è stato segnato, probabilmente, nel tempo. Gli altri pensano alla legalità giuridica dell'evento e alla leggittimità dell'operato. E il bambino è stato segnato, probabilmente anche prima di tutto questo.
Sono triste


OT: Caro Rinoceronte, nn me ne volere, ma c'è qualcosa di te che non mi torna... Perdonami ma te lo volevo dire. Niente di personale, ma non vorrei che alla fine ti rivelassi quello che potresti non essere... insomma, famose a capì... Scusami...
e scusate....



non devi scusarti ognuno la pensa come vuole ed esprime le sensazioni che sente, poi personalmente non credo di fare o dire cose che possano destare sospetti. se poi linkare notizie che sembrano sospette dai siti o commentare qua e là i topic può sembrare strano, allora ognuno ha un proprio concetto personale di stranezza.
comunque nessun rancore tranquillo...buona vita
Rinoceronte78 - Sab Ott 13 2012, 07:26:23
Oggetto:
poi se invece di remare nella stessa direzione ed aiutarci, come si dovrebbe fare in un forum come questo, si sospetta l'uno dell'altro allora credo non si possa andare avanti nel migliore dei modi.... Sad
bretella - Sab Ott 13 2012, 10:17:19
Oggetto:
piuttosto che sospettare, proviamo a non farci prendere dall'isteria.

giochiamo a "pensare a rovescio" di come pensa la massa?

al momento non sappiamo molto di quel bambino e delle sue due famiglie.
Chi ha visto quel video, data la reazione del bambino, dà per scontato che la famiglia materna sia meglio di quella paterna.

e se non fosse così?

proviamo ad immaginare che quel bambino nella casa materna subisca un trattamento simile a quello subito da sval nei primi anni di vita, oppure qualcosa di simile a quanto si legge della figlia di... non mi ricordo, una signora che è stata vittima del progetto monarch.
non c'è bisogno di arrivare con l'immaginazione molto in là, basta fermarsi all'episodio raccontato da sval su quando, a pochissimi anni venne lasciata senza bere e picchiata se chiedeva acqua.

è vero che questi casi sono "estremi" (o almeno lo spero) ma se riuscite ad immaginare cosa capita ai bambini in balia di genitori totalmente fuori di testa e totalmente votati a vendicarsi dell'altro genitore (guardate che è un danno permanente anche solo continuare a dire ad un figlio che il proprio padre/madre è cattivo, se ne frega, ci vuole male... per un bambino un genitore è un genitore e così facendo si scatena in lui una pesante lotta di odio e senso di colpa quando non anche la convinzione di essere "cattivi" a propria volta perchè "i figli prendono dai genitori") siete a buon punto.

ecco, adesso riguardate il video tenendo presente questi esercizi di immaginazione che abbiamo fatto e ditemi: quei poliziotti sono dei carnefici o dei salvatori?
Brando - Sab Ott 13 2012, 12:58:23
Oggetto:
Per avere un idea più chiara di quanto é successo occorrerebbe vedere il video integralmente, per capire chi ha strattonato il bambino. Detto questo le motivazioni per le quali il video ha assurto così rilevanza é dovuto al prelevamento forzoso del bambino come se is trattasse di un oggetto.
Più generalmente su questa vicenda ho letto un commento interessante in rete dove si faceva riferimento all'episodio della saggezza di re Salomone.
Mantenos - Sab Ott 13 2012, 13:28:48
Oggetto:
Bretella, ho pensato anche io questa cosa. Forse bisognerebbe capire di più chi è questo Andrea Coffari. Il punto: ha superato la sua vicenda e oggi e tutt'uno con i suoi chakra, e con se stesso (per usare una terminologia psicoenergetica). O e un controllato o alla peggio un manipolatore (per cui il suo trauma è diventato parte di un sistema rituale molto più grande e potente?).

Dopo questo, mi chiederei: perchè questo avvocato difende la signora "Giglioni?"
Anonymous - Sab Ott 13 2012, 14:33:26
Oggetto:
Cosa era successo a cogne? Non ricordo molto bene, ma neanche l'avvocato della Franzoni era un gran bel personaggino. Diciamo che non hanno molta fantasia in certe cose, tendono a ripetersi nelle stesse maniere. Qualcuno si ricorda dell'avvocato della franzoni?

Rispondo alla domanda, o almeno tento: Forse, siccome è un avvocato noto per difendere le cause false, per osmosi fa sembrare, a primo impatto, che l'accusa della signora non sia tanto differente. Andando ad impulsi, senza saperne molto, a me ha dato questa idea, che siccome si pigliava quell'avvocato allora vuol dire che.

Per buttarla lì, non lo so: possibile il parallelo con il gatekeeping? modello: "da chi andreste se aveste notizie scottanti su berlusconi e massoneria? se non da travaglio?"
bretella - Sab Ott 13 2012, 14:55:29
Oggetto:
Brando ha scritto:
Per avere un idea più chiara di quanto é successo occorrerebbe vedere il video integralmente, per capire chi ha strattonato il bambino. Detto questo le motivazioni per le quali il video ha assurto così rilevanza é dovuto al prelevamento forzoso del bambino come se is trattasse di un oggetto.
Più generalmente su questa vicenda ho letto un commento interessante in rete dove si faceva riferimento all'episodio della saggezza di re Salomone.

la saggezza di re Salomone prevedeva che una delle due amasse veramente il bambino...
in questa vicenda, sempre in base al poco che se ne sa, sono confusa.
Di certo non avrei fatto la cagnara che ha fatto la zia nel video, probabilmente avrei preso il bambino da parte ed avrei cercato di "vendergli" la versione per cui, stare per un periodo in una struttura poteva essere una cosa buona per tutti (tu vai là, lo so che non è bello come casa e per un pò non vedrai i tuoi amici, ma mentre tu stai buono là mamma cercherà di sistemare le cose con i giudici. Forse ci vorrà qualche tempo ma tu stai bravo, studia e presto ci vedremo)
Dopo di che avrei cercato di sistemare la mia posizione, voglio dire: viviamo nella nazione in cui non affidano i figli ai padri praticamente in nessun caso, ma il fatto che qui abbiano deciso diversamente e provato ripetutamente ad eseguire una decisione così grave non vi mette qualche dubbio? Forse l'ambiente materno ha davvero qualcosa che non và (e guardate che di pazzi che fuori di casa non si direbbe ce ne sono in giro veramente tanti).

Quanto al bambino "oggetto".
Piaccia o non piaccia i bambini sono legalmente degli oggetti, prova un pò a non mandarne uno alle elementari e poi vedi se non vengono a prendere l'"oggetto" per portarlo di peso a scuola...
e quando non sono trattati da oggetto non so se la faccenda sia poi così meglio (mai provato a trovarti ad 8 anni davanti ad un giudice che ti chiede con chi vuoi stare e se vuoi più bene a mamma o papà? C'è qualcosa di più infernale per un bambino che questa apparentemente semplice coppia di domande? Qualunque cosa risponderai sai che darai un dolore immenso ad una delle due persone che ami di più. Questo naturalmente se non hai avuto alcun condizionamento del tipo: se mi tolgono te mi ammazzo oppure se ti danno a lui chissà che fine ti fa fare)

Mantenos ha scritto:
Bretella, ho pensato anche io questa cosa. Forse bisognerebbe capire di più chi è questo Andrea Coffari. Il punto: ha superato la sua vicenda e oggi e tutt'uno con i suoi chakra, e con se stesso (per usare una terminologia psicoenergetica). O e un controllato o alla peggio un manipolatore (per cui il suo trauma è diventato parte di un sistema rituale molto più grande e potente?).

bella domanda molto difficile
credo che non lo sapremo mai perchè in entrambi i casi starebbe a difendere genitori di bambini come fa.

di sicuro mi stupisce la velocità con cui manganelli e cancellieri si sono scusati per il comportamento delle fdo.
troppo troppo facile per gente che di solito fa l'equilibrista per scusarsi del comportamento dei suoi senza pur scontentarli troppo...


Citazione:
Dopo questo, mi chiederei: perchè questo avvocato difende la signora "Giglioni?"

mantenos rifacciamo il punto: tu sai che io sono ignorante e tendenzialmente scettica (per esempio non so bene cosa sono i chakra e nemmeno ho tanta voglia di approfondire e sono disposta a credere a qualcosa di... come dire, occulto? solo dopo che tutte le altre ipotesi si sono dimostrate infondate).
da tutto quel che si trova in rete mi vien da dire che difende la signora giglioni per denaro e la signora si fa difendere da coffari perchè si è fatto un nome "nel settore"

e intanto, mentre si taglia parecchio sulla sanità e si regalano soldi alle solite banche, l'italia si divide immedesimandosi nel padre o nella madre (e anche nel bambino ma qui verrebbe parecchio da discutere)
smoking84 - Sab Ott 13 2012, 15:10:45
Oggetto:
Riporto un intervento del dottor Ferraro che risponde su fb a proposito di questa vicenda
Ultima e definitiva anomalia : una pagina del Messagero dedicata e un articolo intervista a Cancrini . Leggete l'articolo ANTIDEDALO e presto saprete quale logica òega .. il rifiuto della categoria della alienazione genitoriale ed un intervento formalmente equanime e uguale, che ipotizza formalmente e comunque apparentemente, la uguale responsabilità di entrambi i genitori, ma serve a condurli entrambi in alvei ed ambiti gestiti e controllati . Lì verrà distrutto eliminato annichilito il genitore da distruggere e ovviamente nel caso di cui parliamo è la madre . Chi sia il padre , chi sia Cancrini e chi sia lo psichiatra denunciato e difeso implicitamente di ufficio da Cancrini lo sapete . Leggete per ora http://www.cddpsichiatriaepsicologiadeviate.blogspot.it/2012/09/antidedalo-la-psicologia-sistemico.html

La tragedia è che in questa orribile vicenda vogliono annichilire il bambino anche .. E' vicenda cui dare estremo risalto .. e che dà una chiave di lettura importante di chi e come si muove ..Sarebbe il casi o di avvertire il difensore dela madre .. e spiegargli che Abbiamo chiavi di lettura e schemi interpretativi avanzati ..

Paolo Ferraro
bretella - Sab Ott 13 2012, 15:21:28
Oggetto:
smoking84 ha scritto:
Riporto un intervento del dottor Ferraro che risponde su fb a proposito di questa vicenda
Ultima e definitiva anomalia : una pagina del Messagero dedicata e un articolo intervista a Cancrini . Leggete l'articolo ANTIDEDALO e presto saprete quale logica òega .. il rifiuto della categoria della alienazione genitoriale ed un intervento formalmente equanime e uguale, che ipotizza formalmente e comunque apparentemente, la uguale responsabilità di entrambi i genitori, ma serve a condurli entrambi in alvei ed ambiti gestiti e controllati . Lì verrà distrutto eliminato annichilito il genitore da distruggere e ovviamente nel caso di cui parliamo è la madre . Chi sia il padre , chi sia Cancrini e chi sia lo psichiatra denunciato e difeso implicitamente di ufficio da Cancrini lo sapete . Leggete per ora http://www.cddpsichiatriaepsicologiadeviate.blogspot.it/2012/09/antidedalo-la-psicologia-sistemico.html

La tragedia è che in questa orribile vicenda vogliono annichilire il bambino anche .. E' vicenda cui dare estremo risalto .. e che dà una chiave di lettura importante di chi e come si muove ..Sarebbe il casi o di avvertire il difensore dela madre .. e spiegargli che Abbiamo chiavi di lettura e schemi interpretativi avanzati ..

Paolo Ferraro


mi arrendo.
Smile
Anonymous - Sab Ott 13 2012, 17:21:18
Oggetto:
La preside della scuola elementare in cui è stato prelevato il bambino manda una lettera
al procuratore.Meglio tardi che mai.


Ma sul tavolo del procuratore arriverà anche una lettera della preside della scuola elementare, Marina Zanon, che ha deciso di «esprimere il proprio rammarico per i modi utilizzati per eseguire il provvedimento» scrivendo al questore e al presidente del Tribunale dei minori. «Gli studenti non hanno potuto vedere direttamente quanto accadeva. Non entro del merito delle motivazioni del provvedimento fatto eseguire dal Tribunale. E, pur nella consapevolezza che la scuola doveva rispondere a un ordine delle autorità, abbiamo espresso rammarico per i modi con il quale è stato eseguito. La scuola è un ambiente chiamato a dare serenità ai ragazzi».


http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=225188&sez=NORDEST

se gli studenti non hanno potuto vedere quanto accadeva significa che il tutto era stato programmato.Forse era meglio se la preside entrava nel merito delle motivazioni del provvedimento fatto eseguire dal tribunale.
Come può ora dire la scuola essere un ambiente chiamato a dare serenità ai ragazzi?forse perchè non hanno 'visto' i poliziotti pensano che lo adesso lo sia?


alla Mussolini (che ha potuto vedere il bambino) ha detto che vuole ritornare dalla madre:


PADOVA - «Il bambino è molto provato, era pallido, ha riferito di avere mal di schiena ed è a disagio. Io mi sono finta una volontaria per non spaventarlo. "Voglio andare a casa dalla mamma", mi ha detto. Cosa che ho riferito al questore e al magistrato. Il bambino si relaziona con gli altri bambini, ma è diffidente con gli adulti».

Così l'onorevole Alessandra Mussolini ieri dopo che ha impiegato più di un'ora, per entrare nella casa di accoglienza di Padova dove è ospitato il piccolo di 10 anni prelevato a scuola dalla polizia. La Mussolini è stata bloccata al cancello, i volontari hanno affermato di non essere al corrente che alla parlamentare, presidente della Commissione Infanzia e Adolescenza, non servisse un permesso per entrare nella struttura.

Dopo lunghe trattative e una telefonata al ministro Cancellieri, la Mussolini è rimasta circa 15 minuti col ragazzino. «Trovo incredibile che ci siano così tante difficoltà per parlare con questo bambino, ho dovuto chiamare il Ministro che mi ha risposto di rivolgermi al ministro Severino dicendo che io sbagliavo ad dire che come parlamentare potevo entrare. Posso comprendere che la donna con cui parlavo, componente del consiglio di amministrazione della struttura, possa non conoscere la prerogativa di un deputato di entrare ovunque come dice la Costituzione, ma non che il ministro Cancellieri ignori la costituzione».

«Tutto è andato in corto circuito, il sistema è andato in tilt ha aggiunto la parlamentare - la vicenda è stata gestita in un modo scandaloso. Come si fa a prendere un bambino in quel modo, trascinarlo via dalla scuola e portarlo in una casa famiglia, lontano dalla madre e dal padre, peraltro in condizioni mediocri?».
Dopo la visita al piccolo la Mussolini con il senatore Maurizio Saia si è recata in questura per incontrare Vincenzo Montemagno che ha dettagliato la vicenda e mostrato alla Mussolini il video girato dagli stessi agenti.

«Il filmato che si trova agli atti è esaustivo rispetto a quello girato dalla zia - puntualizza Saia - abbiamo visionato gli atti, la mamma da anni rifiuta un percorso condiviso con il padre, tutta la vicenda ha portato il giudice a togliere la patria potestà alla madre. La polizia ha tenuto un comportamento ineccepibile, è il sistema che non funziona. Ritengo invece inqualificabile che il capo della polizia Manganelli, sull'onda della più becera disinformazione, abbia chiesto scusa». Dopo la visita della Mussolini è intervenuto anche il padre del ragazzino chiedendo a tutti di rispettare la tranquillità di cui il figlio ha bisogno.

Difende l'operato degli agenti Franco Maccari, leader sindacale e segretario generale del Coisp, che ringrazia il ministro Cancellieri che ha dichiarato di voler attendere che i fatti vengano accertati e definisce invece «ipocrite ed incompetenti le scuse del sottosegretario De Stefano pronto a per fare la cosa politicamente e mediaticamente più favorevole senza conoscere la vicenda».
Sabato 13 Ottobre 2012 - 15:13 Ultimo aggiornamento: 15:35

http://www.ilgazzettino.it/nordest/padova/leonardo_si_confessa_alla_mussolini_voglio_andare_a_casa_dalla_mamma/notizie/225255.shtml
bretella - Sab Ott 13 2012, 20:21:03
Oggetto:
haiku ha scritto:
alla Mussolini (che ha potuto vedere il bambino) ha detto che vuole ritornare dalla madre:

ti aspettavi qualcosa di diverso? che il padre sia un mostro o che la madre sia un'abile manipolatrici sempre questo risultato avremmo


Citazione:
PADOVA - «Il bambino è molto provato, era pallido, ha riferito di avere mal di schiena ed è a disagio. Io mi sono finta una volontaria per non spaventarlo. "Voglio andare a casa dalla mamma", mi ha detto. Cosa che ho riferito al questore e al magistrato. Il bambino si relaziona con gli altri bambini, ma è diffidente con gli adulti».

e ringraziamo gli adulti che ha intorno..
Citazione:

Così l'onorevole Alessandra Mussolini ieri dopo che ha impiegato più di un'ora, per entrare nella casa di accoglienza di Padova dove è ospitato il piccolo di 10 anni prelevato a scuola dalla polizia. La Mussolini è stata bloccata al cancello, i volontari hanno affermato di non essere al corrente che alla parlamentare, presidente della Commissione Infanzia e Adolescenza, non servisse un permesso per entrare nella struttura.
Dopo lunghe trattative e una telefonata al ministro Cancellieri, la Mussolini è rimasta circa 15 minuti col ragazzino. «Trovo incredibile che ci siano così tante difficoltà per parlare con questo bambino, ho dovuto chiamare il Ministro che mi ha risposto di rivolgermi al ministro Severino dicendo che io sbagliavo ad dire che come parlamentare potevo entrare. Posso comprendere che la donna con cui parlavo, componente del consiglio di amministrazione della struttura, possa non conoscere la prerogativa di un deputato di entrare ovunque come dice la Costituzione, ma non che il ministro Cancellieri ignori la costituzione».

ma certo, il bambino ha problemi e dunque lasciamo pure che chiunque possa parlarci e magari fargli domande che rispondano ai pruriti del pubblico cosicchè l'audience aumenti. (dall'articolo non è chiaro se la mussolini è entrata in qualità di parlamentare o come presidente della commissione infanzia e adolescenza...)

Citazione:
[b]
«Tutto è andato in corto circuito, il sistema è andato in tilt ha aggiunto la parlamentare - la vicenda è stata gestita in un modo scandaloso. Come si fa a prendere un bambino in quel modo, trascinarlo via dalla scuola e portarlo in una casa famiglia, lontano dalla madre e dal padre, peraltro in condizioni mediocri?».

stupiscono le condizioni mediocri?
quasi che non sapesse come siamo messi economicamente e nemmeno ci pensa dopo essersi trovata a che fare con dei "volontari" e non con del personale specializzato (con tutto il rispetto per i volontari)

Citazione:
Dopo la visita al piccolo la Mussolini con il senatore Maurizio Saia si è recata in questura per incontrare Vincenzo Montemagno che ha dettagliato la vicenda e mostrato alla Mussolini il video girato dagli stessi agenti.
«Il filmato che si trova agli atti è esaustivo rispetto a quello girato dalla zia - puntualizza Saia - abbiamo visionato gli atti, la mamma da anni rifiuta un percorso condiviso con il padre, tutta la vicenda ha portato il giudice a togliere la patria potestà alla madre.

sarà vero?
comunque si avvicinano le elezioni e bisogna tenersi buone le mamme ma anche....
Citazione:
La polizia ha tenuto un comportamento ineccepibile, è il sistema che non funziona.

alè! terno quaterna, cinquina e tombola!
Citazione:
Ritengo invece inqualificabile che il capo della polizia Manganelli, sull'onda della più becera disinformazione, abbia chiesto scusa».

e qui concordo ma più o meno. non concordo che il capo della polizia chieda scusa senza essersi accertato di cosa è realmente accaduto (e se i poliziotti han sbagliato: A CASA!!!) ma lei stessa dice che "la vicenda è stata gestita in un modo scandaloso".
allora? dove sta la verità?


Citazione:
Dopo la visita della Mussolini è intervenuto anche il padre del ragazzino chiedendo a tutti di rispettare la tranquillità di cui il figlio ha bisogno.

toh una perla di saggezza...


http://www.ilgazzettino.it/nordest/padova/leonardo_si_confessa_alla_mussolini_voglio_andare_a_casa_dalla_mamma/notizie/225255.shtml[/quote]
Rinoceronte78 - Sab Ott 13 2012, 21:39:06
Oggetto:
http://albatros-volandocontrovento.blogspot.it/2012/10/il-bimbo-non-e-stato-rapito-ma-lo-scoop.html#more
pi_chan - Ven Ott 19 2012, 17:29:51
Oggetto:
Mantenos ha scritto:


e la Cittadella... che con le sue Mura, il suo Castello, e la sua archittetura richiama un MURO, una divisione e per questo anche una guerra (essando poi il bambino conteso tra padre e madre, questo avrebbe una valenza all'interno dei stessi modelli genitoriali e per questo istituzionali). Padova da sempre è il centro di strani movimenti golpisti, che vede sempre la presenza di americani, terrorismo nero, e armi. E americano è anche il nuovo input del DSMV

CERCHIO E CROCE DI CITTADELLA




Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!






Ieri sera in seconda serata su Italia 1 hanno trasmesso il film "Constantine".
A proposito di pianta della città di Cittadella, nel film suddetto tale simbolo compare diverse volte.
Partendo dal presupposto che io non credo nelle coincidenze, non lo trovate un po' strano?

Ps. purtroppo non riesco a trovare qualche immagine tratta dal film a riguardo.
Rinoceronte78 - Ven Ott 19 2012, 20:25:34
Oggetto:
io ho trovato la scena finale...


Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB