Poteri occulti

delitti recenti - Bracciano, trovata morta 16enne

Anonymous - Gio Nov 01 2012, 20:52:22
Oggetto: Bracciano, trovata morta 16enne
Una ragazza di 16 anni, Federica M., è stata trovata morta giovedì primo novembre da un passante sulla spiaggia del lago di Bracciano, nei pressi di Anguillara Sabazia, paese vicino Roma nel quale risiedeva (guarda la photogallery della giovane).
Sul corpo non vi sarebbero segni di violenza, a parte un braccio probabilmente fratturato.
Al vaglio degli inquirenti più piste: forse un incidente dopo la festa di Halloween, forse un omicidio.
SENTITO IL RAGAZZO. I militari del comando gruppo carabinieri di Ostia diretto dal colonello Giovanni Adamo, competente per zona, in collaborazione con il comando compagnia di Bracciano e la stazione di Anguillara, hanno interrogato diverse persone, a cominciare dai familiari della ragazza e da un giovane indicato come il fidanzato, un 18enne residente a Formello.
Sentiti anche altri suoi amici per ricostruire minuziosamente cosa abbia fatto Federica da quando è uscita da casa, mercoledì sera, alle 4-5 di giovedì primo novembre, ora presumibile del decesso.
LAVORAVA COL PADRE. Biondina, occhi azzurri, originaria di Anguillara, Federica lavorava con il papà, da anni commerciante ambulanti di un banco di biancheria e vestiti al mercato. La madre, invece, è impegnata in una cooperativa sociale per l'assistenza ai disabili convenzionata con il Comune.
Una famiglia perbene, conosciuta nel paesino vicino Roma.
I genitori, che hanno anche un figlio maschio più piccolo, avevano denunciato la scomparsa il primo novembre mattina dal momento che non l'avevano vista rientrare.
Zona ricca di locali (ma chiusi d'inverno)


Pare, infatti, che la ragazza una volta arrivata sul litorale nella zona di Villa di Valle popolato da ristoranti e locali, chiusi durante l'inverno, abbia partecipato a una festa di Halloween. Poi il mistero.
I pub sono stati passati tutti al setaccio. In uno, è stato accertato, che era stata organizzata proprio una festa. Interrogati dai carabinieri, i titolari avrebbero però spiegato di non aver notato la presenza della ragazza anche perché si sarebbe trattato di un party privato a inviti. Accertamenti in corso anche in tutti gli altri eserciti della zona del lungolago di Vigna di Valle - pizzerie, locali notturni - alla ricerca di un indizio che possa indirizzare le indagini nella giusta direzione.
GESTO DI SOLIDARIETÀ. Cinque croci di legno piantate nel terreno sono state trovate all'esterno di un locale, il Cuba Libre, a circa 100 metri di distanza dal luogo in cui è stato scoperto il cadavere.

Giovedì, 01 Novembre 2012


legionario - Gio Nov 01 2012, 22:12:06
Oggetto: a volte ritornano??
guardate la foto n.6 di repubblica...notate niente?? in alto a sinistra la solita casuale Rosa.

nelle prossime ore qualcosa verrà fuori magari un semplice malore, ma alcuni elementi ci sono.




Adularja - Gio Nov 01 2012, 22:19:45
Oggetto:
oltre al nome Rosa c'è anche un casuale cognome con la C che però non riesco bene a leggere........
Rinoceronte78 - Ven Nov 02 2012, 00:21:30
Oggetto:
c'è scritto Rosa dei Centi
Rinoceronte78 - Ven Nov 02 2012, 00:32:58
Oggetto:
lo stemma di bracciano...che bella scoperta....

legionario - Ven Nov 02 2012, 09:21:35
Oggetto:
credo ci sia scritto Rosa dei Venti che dovrebbe essere una casa di riposo..
Guardate che bel sito!!


NAJLA - Ven Nov 02 2012, 10:42:43
Oggetto:
Sono contenta di scoprire che qui in questo forum la discussione è già iniziata.
Conosco bene il luogo del ritrovamento e lo scivolo in cemento vicino al cadavere della povera ragazzina: è del vecchio circolo velico dell'Alitalia, vicino alla ROSA DEI VENTI.
La zona di quella spiaggia, appena fuori da Anguillara in direzione paese di Bracciano, si chiama VIGNA di Valle.
Vicino c'è il locale Cuba Livre dove sono state ritrovate 5 croci in legno piantate a terra.
Nella stessa notte morì Meredith Kercher in via della PERGOLA... di uva di VIGNA?
Da quella notte sono passati esattamente 5 anni... 5 croci?
C'è chi mi accusa di fare troppa dietrologia ma non mi fermo
Con alcuni elementi ripercorro alcune cose che coinvolgono BRACCIANO:
Cecilia Gatto Trocchi - indagò a fondo su alcuni culti satanisti nei dintorni di Roma, compreso Bracciano
Carolina Zalce - culto di Evo Cris. Negli anni 80 viveva a Bracciano. Ci fù un blitz nella villa ma la Carolina è in Messico.
Tom Cruise - Castello Odescalchi - Si separa pochi mesi fa dalla Holmes... la traduzione del nome della figlia dei due è "Rosa Rossa"
Michele Giuttari - nel suo ultimo libro c'è il delitto di un poliziotto corrotto a Bracciano.
Rignano Flaminio - pedofilia - indagano gli inquirenti di Bracciano (pare che siano stati inquisiti i poliziotti per qualcosa che hanno o non hanno fatto: da verificare). I bambini raccontano di messe nere durante gli abusi
Riti satanici nelle zone boschive di Bracciano - Allarme lanciato da Hearth

Rinoceronte78 - Ven Nov 02 2012, 10:47:49
Oggetto:
si in effetti c'è scritto rosa dei venti anche se per come è stata scattata la foto, la V sembra C...
avete notato i nomi degli alloggi? Villa Aurora, Villa Alba, Villa Smeralda, Villa delle Rose e La Rosa dei Venti
Stefania Nicoletti - Ven Nov 02 2012, 10:48:49
Oggetto:
Approfondimenti su Bracciano, il castello e la rosa:


Anonymous - Ven Nov 02 2012, 11:08:38
Oggetto:
nella gallery di repubblica

la foto n. 5 segnala delle località.Come si può notare il lungolago è denominato
lungolago delle Muse e non lungolago di Vigna di Valle ma tutti i media riportano lungolago di Vigna.
Non credo sia un caso.

***
Ha origini ciociare la 16enne trovata morta

Anguillara Sabazia - E' originaria di Alatri Federica Mangiapelo, la ragazza di 16 anni ritrovata morta sulle rive del lago di Bracciano. I genitori infatti sono originari della cittadina ernica anche se vivevano in provincia di Roma dove il padre svolge l'attività di venditore ambulanti. La giovane è stata ritrovata priva di vita sul lungolago di Anguillara Sabazia, uno dei paesi che si affacciano sul lago di Bracciano, vicino Roma. A notare il corpo è stato un passante il quale ha immediatamente chiamato le Forze dell'Ordine. Sul corpo verrà effettuata l'autopsia presso l'Istituto di Medicina Legale dell'Università "La Sapienza" di Roma, su disposizione della Procura della Repubblica di Civitavecchia. La ragazza, stando ai primi accertamenti, sarebbe morta tre-quattro ore prima del ritrovamento e sul suo corpo non vi sarebbero segni di violenza, a parte un braccio probabilmente fratturato. I Carabinieri stanno verificando se la giovane abbia partecipato con amici ad una festa di Halloween ed al contempo stanno interrogando il fidanzato presso la Caserma di Anguillara. Nessuna pista, al momento è esclusa

Rinoceronte78 - Ven Nov 02 2012, 11:47:52
Oggetto:
se non ricordo male la" vigna" ha un'importante simbologia nell'ambito massonico
Rinoceronte78 - Ven Nov 02 2012, 11:48:51
Oggetto:


stemma di anguillara..
Mantenos - Ven Nov 02 2012, 14:12:16
Oggetto:
Ho letto tutti i quotidiani per farmi una idea. Solo Corriere e Stampa riportano Cinque Croci (non sono riuscito a leggere intermente il Messaggero). Qualcuno riporta il nome della madre della vittima è Roseta/Rosella qualcosa del genere. Quindi da confermare.

Mangiapelo è stata trovata con un braccio in un posizione strana - credevano fosse spezzato? - e con il viso e la bocca volto verso la sabbia. Mangiapelo e la sabbia, alludono ad un rituale che riferisce di qualcosa di entrante - la bocca. Ricordo che la notte del 31 la luna era in aspetto plenilunio asse Toro/Scorpione ovvere secondo la tradizione riguarda l'asse sessuale per eccellenza significante rispettivamente Bocca/Geniali/Ano). La presenza del sole a saturno lascia intendere che la ragazza abbia subito qualcos'altro che forse i medici legali non ci diranno (ossa rotte comprese). la bocca dunque potrebbe avere un significato rituale importante (da confermare)

MANGIAPELO
analisi dei vettori iniziale e finale
M+O ovvero da M ad O valore 15 + 16 = 31 = 4

MANGIAPELO
M15+A1+N50+G3+I10+A1+P80+E5+L30+O70 = 265 = 13
la notte del 31 è anche 13 (lo stesso principio è valso per la morte rituale di Diana per chi ha letto qualcosa in merito). E ed è per che qui l'alfa e l'omega divengono l'inizio e la fine al contempo. Hanno sancito qualcosa (sarà, a me ricorda molto Rosso Malpelo). Si legge che sia stata trova vicini ad una pattino Rosso!

MEM MORTE SCORPIONE (vuole significare secondo la corrispondeza morte naturale) perpetuo divenire distruzione rinnovamento. Carta dei tarocchi MORTE appunto. Non solo ma i miei studi, diciamo, mi portano a evidenziare che il colore di questo archetipo è verde-azzurro come gli occhi della ragazza. Se tutto venisse confermato, allora la ragazza era predestinata da tempo e questi dannati venduti al male, l'avevano da tempo scelta per questo rituale. Oltre il danno la beffa: cosa c'è scritto sulla sua pagina di facebook intendo dire quella nuova aperta da chi non si sa chi? Ovviamente "i tuoi occhi sono leggenda".... sempre loro? Io farei una ricerca su chi ha aperto questa pagina.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Cinque Croci, ovvero Pentalfa, guarda caso.
Oltre alla Rosa dei Venti (ne avevo parlato in un post su Cittadella e il bambino sequestrato dove alludevo alla presenza Americana nella storia dello stragismo italiano). Per chi non lo sapesse era un organizzazione che stava dietro Stay BeHYND ovvero il piano reazionario in caso di un avanzata comunista (Gladio etc). Che si sia una relazione ancora con l'ambiente militare o massonico satanista?

Cassia bis, anguillara, Formello, Le Rughe, Parco di Veio. I luoghi prescelti (insieme ai Castelli Romani) per le ritualita cosiddette sataniche. Oltre che al becero scambismo di viziosi e drogati comuni cittadini... Zona calda, quindi.




una mia possibile illazione

chi ha eseguito il tutto, è manovrato a sua volta e non sa cosa veramente ha fatto generanto la rottura inizio del circolo anu+lare 13 inserendo un nuovo elemento nel "campo" o nella "vigna". Credo in oltre che lei sapesse il livello di persone che aveva incontrato. Ma che non immaginasse l'esito. I suoi occhi hanno dunque visto (e forse partecipato a qualcosa).
Pace all'anima sua.
Mantenos - Ven Nov 02 2012, 14:14:22
Oggetto:
Naturalmente il suo compagno sarà messo sotto torchio e sarà la seconda vittima sacrificale in stile Alberto Stasi. Lui si chiama Marco di Muro... già il Muro.

Dicevo: forse il ragazzo/amico sapeva qualcosa e per questo motivo gki faranno il culo! (credo che Federica gli abbia parlato di certe compagnie che stava frequentando, se il mio intuito non sta farneticando e che esiste qualcuno facoltoso che si era interessato a lei...). Marco sapeva qualcosa forse... Diranno che quelle cinque croci le ha fatte lui per nascondere il decesso per overdose di Federica... Non dimentichiamo che la ragazza soffriva di crisi epilettiche.

Per ora ci sono tutti gli elementi simbolici e rituale che lasciano intendere non si sia trattato di un incidente normale. Ma la realtà e la vita, molto spesso, hanno più fantasia di noi.
Attendo nuove "false" e "vere" notizie.
Mantenos - Ven Nov 02 2012, 14:28:53
Oggetto:
ecco. la madre si chiama Rosella


Rinoceronte78 - Ven Nov 02 2012, 14:39:50
Oggetto:
Wink
***Stefy*** - Ven Nov 02 2012, 15:11:04
Oggetto:
Davvero interessante Mantenos la tua analisi...e trovo altrettanto interessante la ricostruzione temporale di NAJLA...

Una considerazione che mi è venuta alla mente sulle 5 croci...oltre al pentacolo...mi hanno fatto pensare ai 5 delitti rituali di donne (misteriosi e continuamente alla ribalta dei media) che si sono susseguiti nel corso degli ultimi 5 anni...(2007-2011)

Chiara ( 05/08/2007)
Meredith (31/10/2007)
Sarah (26/08/2010)
Yara (26/11/2010)
Melania (18/04/2011)

...E per chiudere, o per iniziare, il sesto di Federica...il 31/10/2012...la sesta croce ancora da piantare...o forse il primo dei prossimi 4 delitti rituali da consumarsi nei prossimi anni...(che chiuderanno nuovamente il cerchio nel 2016)... Confused
becky - Ven Nov 02 2012, 15:14:24
Oggetto:
In questo articolo del Giornale:




si fa esplicito riferimento all'omicidio di Wilma Montesi, negli anni 50, ventunenne coinvolta in qualche tipo di festino/orgia:



Per le considerazioni su "Vigna", rimando ai tanti articoli di Franceschetti sul mostro di Firenze... una qualche "eredità" che continua a essere tramandata?
Mantenos - Ven Nov 02 2012, 15:29:52
Oggetto:
Vigna non è soltanto il procutare, deceduto da poco. Esotericamente la vigna è la terra che con gli elementi produce l'uva, ovvero l'essenza di un lavoro alchemico (la parabola è veterotestamentaria ma anche i vangeli ne parlano, e perfino Benedetto XVII ne parlò nel momento della sua elezione - ero li come testimone storico, quel giorno!)

Si legge nel saggio di Thomas Moore
«... per sopravvivere dobbiamo assumere e digerire il mondo fisico, allo stesso modo questi elementi spirituali devono diventare cibo per l’anima perché questa possa prosperare». Dunque la vigna.

Terra-vino
aria - aroma del vino
aria musica
fuoco luce

la Valle della Vigna, ovvero il piano fisico denso in cui avviene la maggior parte della nostra vita (per tornare ai Chakra e a Rocco Bruno, sono esattamente l'incantesimo labirintico dei primi tre chakra). La Valle è l'inferno Dantesco. La Valle/Vigna e il luogo dell'esperienza fisica e la morte vuole testimoniare che il tutto non si ferma qui.

Dal punto di vista satanico, questi gli avrebbero fatto pure un favore a ucciderla. Sic! (e noto che nell'antichità era un privilegio essere uccisi in un rituale e non tutti potevano esserlo).

Federica, nella vigna, nel luogo fisico terreno, ha incontrato i suoi demoni. Che sono pure quelli Infernali della RR... (probabilmente)


Un coincidenza significativa ma molto più sincronica che vero e proprio linguaggio rituale. Si palra della Rosa dei Venti e proprio oggi viene data la notizia della morte di Pino Rauti uno dei protagonisti di quel periodo attraverso Ordine Nuovo

si tratta di spingere il topic verso l'estremo, ma intanto io farei qualche domandina.
Esiste una relazione esoterica e magica nel ruolo di Rauti? cioè oltre probabilmente ad essere massone (non ci sono prove) cosa è stato questo signore? Io questa domanda cercherei di analizzarla....


-------------
Grazie Stefy per l'apprezzamento. L'ipotesi dei rituali collegati potrebbe essere verosilmile. Ma quanti dovrebbero essere secondo te? Non ho capito bene... Forse cinque cicli di cinque...
Anonymous - Ven Nov 02 2012, 16:03:54
Oggetto:
da non credere...in quest momento è in prima pagina su corriere.it un articolo sulla vicenda della ragazza morta a Bracciano:
............
Bracciano, mistero sulla morte di Federica
Il fidanzato: «Tra le 4 e le 5 ero con un amico»
Il ragazzo interrogato per 11 ore. Nessun segno di violenza sul corpo della 16enne. Sabato l'autopsia


ROMA - Un interrogatorio fiume, quasi 11 ore davanti ai carabinieri, cercando di chiamarsi fuori dal mistero della morte di Federica Mangiapelo, la ragazza di 16 anni trovata morta giovedì mattina a Vigna di Valle, sulle rive del lago di Bracciano. «Non ero con lei tra le 4 e le 5 del mattino», ha sostenuto Marco, 18enne di Formello e fidanzato della giovane, che lavora come cameriere in un ristorante di Anguillara. «Ero con un amico», ha assicurato il ragazzo anche se era stato proprio lui, la sera del 31 ottobre, a passare a prendere Federica per uscire. Il racconto di Marco è stato confermato dall'amico, a sua volta interrogato a lungo dai militari.

INDAGINI A 360° - L'indagine continua in tutte le direzioni. In queste ore i carabinieri stanno acquisendo le registrazioni delle telecamere - poche, per la verità - in dotazione ai ristoranti della zona di Vigna di Valle,per cercare di cogliere qualche indizio sugli spostamenti della ragazza. Vengono passati al setaccio i locali di Anguillara allo scopo di verificare se Federica sia stata vista con qualcuno nelle ore immediatamente precedenti la scomparsa. Nel frattempo, sembra decisamente perdere corpo («ma nessun elemento può essere al momento escluso», precisano gli investigatori) la pista «satanica» che aveva preso quota poco dopo la scoperta del corpo: le cinque croci rinvenute sulla spiaggia a un centinaio di metri dal cadavere non sarebbero altro che sinistre decorazioni di un party organizzato per Halloween. Qualche risposta sull'accaduto potrebbe arrivare dall'autopsia, che sarà eseguita sabato mattina: sarà il medico legale a stabilire come sia morta Federica e se la notte delle Streghe abbia assunto altre sostanze oltre agli alcolici.



IL PASSAGGIO - Fra gli aspetti da chiarire c'è anche quello di un passaggio offerto da altri giovani della comitiva. D'altra parte per arrivare alla spiaggia di Vigna di Valle ci sono ben 7 chilometri. «Troppi - ipotizza qualcuno del luogo - per pensare che una ragazza come lei, sotto effetto dell'alcol, potesse percorrerli a piedi e sotto tutta quella pioggia». I carabinieri escludono che la giovane sia stata trascinata da qualcuno come anche che sia scivolata da sola nel lago e poi trasportata a riva dalla corrente.

SPIAGGIA DESERTA - Nessuno vuole credere che Federica sia morta da sola mercoledì notte, sotto la pioggia che batteva da ore il lago di Bracciano. Da sola e al freddo. Su un tratto di spiaggia deserto, con i locali chiusi e il vento forte che spazzava il lungo lago delle Muse. Lì, giovedì alle 9, un ciclista ha notato il corpo della ragazza steso a faccia in giù. Il braccio destro in una posizione innaturale (tanto che fino all'arrivo del medico legale si è pensato fosse fratturato), il giubbottino chiuso fino al collo. I capelli biondi intrisi d'acqua, come i jeans e le scarpe coperti anche di alghe. Federica era morta da almeno 4 ore. «Non ci sono segni di violenza, né di aggressione. Escludiamo l'omicidio. Non è annegata: è morta quasi sicuramente per un malore. Ma dobbiamo capire provocato da cosa e se, quando si è sentita male, la ragazza fosse da sola o con qualcuno», dicono chiaramente i carabinieri del Nucleo investigativo di Ostia. Saranno loro, con i colleghi della compagnia di Bracciano, a fare chiarezza sul giallo del lago.

IL DOLORE DEI FAMILIARI - Distrutti dal dolore i genitori. Il papà Gigi, molto conosciuto ad Anguillara, gestisce un banco di biancheria nel mercato cittadino. La madre Rossella assiste i disabili per una cooperativa del Comune. Federica aiutava il padre e aveva un fratellino di 10 anni che adorava. «Ma soffriva molto per la separazione dei genitori», spiega uno zio. Gli stessi che ieri mattina si sono ritrovati in caserma per denunciare la scomparsa della figlia. Ma non hanno nemmeno avuto il tempo di riempire il verbale.

Rinaldo Frignani e Redazione online2 novembre 2012 | 15:26



le sinistre decorazioni (le 5 croci) non possono essere state per la festa di hallowen.Nella zona stava piovendo a dirotto e i residenti testimoniano che li non c'è stata alcuna festa quella notte.

Citazione:
In questo articolo del Giornale:




si fa esplicito riferimento all'omicidio di Wilma Montesi, negli anni 50, ventunenne coinvolta in qualche tipo di festino/orgia:



Per le considerazioni su "Vigna", rimando ai tanti articoli di Franceschetti sul mostro di Firenze... una qualche "eredità" che continua a essere tramandata?


il fatto che si associ il caso Montesi con questo di Bracciano potrebbe essere depistante. In realtà stanno dicendo che, come il caso Montesi, la verità non verrà mai a galla. Intanto stanno già dicend che la ragazzina aveva delle crisi epilettiche ancra prima di fare l'autopsia.
Il fatto che insistan tanto su Vigna della Valle come luogo di ritrovamento e non lungolago delle Muse è per attirare l'attenzione. Il procuratore Vigna è morto il 28 settembre quindi un mese fa (se vogliamo esser precisi dalla morte di Vigna sono trascorsi esattamente 33 giorni) ( quindi sul mostro di Firenze).



[img]

[/img]
questa foto compare nell'articolo del corriere.Dietro la ragazzina si può notare una rosa a cinque petali.
NAJLA - Ven Nov 02 2012, 16:17:19
Oggetto:
Significato del nome FEDERICA / FEDERICO

Il germanico Frithurik, composto da frithu, 'pace, sicurezza', e da rikya, “potente”, significa quindi 'potente nell'assicurare la pace'. Diffuso in Italia a partire dal Medioevo, appartenne a imperatori e sovrani d'Europa. Nel XII secolo Federico I, detto il Barbarossa, fu imperatore di Germania e del Sacro Romano Impero. Annegò nel 1 189, durante la terza crociata, attraversando un fiume in Asia Minore. Al Barbarossa è legata la leggenda dell'Eroe dormiente, secondo la quale l'imperatore riposa addormentato con i suoi cavalieri in una grotta del monte Kyffhauser in Turingia, nella Germania orientale; quando i corvi smetteranno di volare egli si risveglierà e porterò alla Germania fasti e grandezza.
ll 18 luglio si festeggia san Federico, vescovo di Utrecht nel IX secolo.

Significato: potente in pace, che domina con la pace
Onomastico: 18 luglio
Origine: Germanica
Segno corrispondente: Vergine
Numero fortunato: 5
Colore: Giallo
Pietra: Diamante
Metallo: Oro
NAJLA - Ven Nov 02 2012, 16:25:44
Oggetto:
Guarda insistono sul nome VIGNA DI VALLE perchè se chiedi di Via Lungolago delle Muse non te lo sà indicare nessuno. Tutti nella zona conoscono la spiaggia detta appunto di "Vigna di Valle".
Tra l'altro a pochissimi kilometri c'è il Museo Storico dell'Aeronatica Militare "Vigna di Valle"
gmollavv - Ven Nov 02 2012, 16:57:37
Oggetto: rlasciata una rosa sul luogo del ritrovamento del cadavere
Ho appreso la notizia della morte di questa ragazza solo oggi all'ora di pranzo da un servizio di Sky tg 24...Ho notato subito gli indizi che facessero pensare ad un delitto rituale ma la cosa che mi è saltata di più agli occhi è stata la firma del delitto. In tutto il servizio si lasciava lungamente come sfondo la ripresa della una rosa lasciata sul luogo del ritrovamento del cadavere della ragazza..in rete ho trovato questo video (http://video.sky.it/news/cronaca/giovane_morta_sul_lago_parlano_i_vicini_di_casa/v139662.vid), al secondo 43'' si vede la rosa in questione per alcuni istanti, ma vi posso assicurare che nel servizio che ho visto veniva mostrato tantissimo questo particolare...
legionario - Ven Nov 02 2012, 18:18:13
Oggetto: solito copione
lasciatemi indovinare...cosa accadrà ora??

- ragazzo tochiato per giorni con intercettazioni ambientali e telefoniche ovunque e per turri;
- perizie su perizie per definire l'ora dell'omicidio;
- colpo di scena con arresto del sospettato;
- comparsa dei difensori di fiducia: W.B. e N.G.;
- professori e criminologi in televisione ad ogni programma;
- plastico del lago;

poi non so! usate la fantasia come faccio io... e così fino al prossimo omicidio.

Ma le mie sono solo fantasie.

P.S. dimenticavo qualche suicidio di contorno.
Anonymous - Ven Nov 02 2012, 19:25:57
Oggetto: strano servizio tg5


Anche studio aperto ha appena mandato un servizio che addirittura termina con una lunga inquadratura della rosa,praticamente una firma,poi canale 5 trasmette il film su S.Rita(e sappiamo tutti cosa rappresenta S.Rita),io non credo alle coincidenze...voi?
Anonymous - Ven Nov 02 2012, 21:47:45
Oggetto:
legionario ha scritto:
lasciatemi indovinare...cosa accadrà ora??



accade che hanno trovato una barca Cool si fa largo l'ipotesi della disgrazia ancora prima di conoscere gli esami dell'autopsia.
........
Nelle acque del lago di Bracciano è stata ritrovata una barca alla deriva: potrebbe essere stata messa in acqua proprio la notte Halloween. Il proprietario, infatti, ha trovato le cime dei rulli sciolte e il natante sulla battigia, tanto che ha dovuto spingerlo sulla spiaggia e assicurarlo con le cime. I carabinieri stanno valutando se possano esserci collegamenti tra questo episodio e le ultime ore di vita di Federica.

La barca si trovava proprio davanti al "Cuba Libre", il locale in cui si è svolta la festa privata per Halloween, alla quale però la giovane non avrebbe partecipato, anche perché era a inviti. Nessuno dei presenti, compreso il proprietario, ha dichiarato agli investigatori di averla vista.

L'episodio della barca ha innescato una nuova ipotesi sulle cause della morte della ragazza: Federica potrebbe essere salita a bordo insieme a qualcuno e durante il tragitto potrebbe essere caduta in acqua, annegando. Chi era con lei avrebbe riportato la barca a riva abbandonandola sulla spiaggia. Gli ipotetici accompagnatori di Federica potrebbero essersi dileguati senza dare l'allarme per paura delle eventuali conseguenze.

Dunque il cadavere potrebbe essere stato trasportato dalla corrente nel punto in cui è stato ritrovato ieri mattina da un ciclista.


(02 novembre 2012)


Le 5 croci di cui hanno parlato erano solo i supporti di ombrelloni rimasti sulla spiaggia dall'estate scorsa. Cool Siccome non esiste nessuna immagine di queste 5 croci/supporti per ombrellone a chi credere?



Pare che la fiction sia in fase di allestimento con tutto quello che ne consegue.
Mantenos - Ven Nov 02 2012, 22:33:49
Oggetto:
se non esistono immagini e la cosa è inventata, significa che il Mario Spezi della situazione, giornalismo e mass media intendo dire, si inseriscono nella vicenda con un codice che ha la stessa matrice. Cioè loro ne fanno parte, in genere e specie diversa. Ne avevo parlato già l'altra volta con l'omicidio della ragazza sicialiana vista morire dalla sorella.

Magari la barca sarà un pattino rosso...

una barca sul lago di notte fa molto Mose. Fa molto Romolo e Remo. Fa mito. Ma sopratutto fa Dante e Caronte... navigare sulle acque ed esserne vittima... è un richiamoa all'energia sessuale (le acque seminali e genitali)
Rinoceronte78 - Sab Nov 03 2012, 00:40:33
Oggetto:
Bracciano, mistero sulla morte di Federica
Il fidanzato: «Tra le 4 e le 5 ero con un amico»

Il ragazzo interrogato per 11 ore. Sabato l'autopsia, ma intanto prende quota la pista del malore

ROMA - Un interrogatorio lunghissimo, quasi 11 ore davanti ai carabinieri, cercando di chiamarsi fuori dal mistero della morte di Federica Mangiapelo, la ragazza di 16 anni trovata morta giovedì mattina a Vigna di Valle, sulle rive del lago di Bracciano. «Non ero con lei tra le 4 e le 5 del mattino», ha sostenuto Marco, 18enne di Formello e fidanzato della giovane, che lavora come cameriere in un ristorante di Anguillara. «Ero con un amico», ha assicurato il ragazzo anche se era stato proprio lui, la sera del 31 ottobre, a passare a prendere Federica per uscire. Il racconto di Marco è stato confermato dall'amico, a sua volta interrogato a lungo dai militari.

LA PISTA DEL MALORE - Nella giornata di venerdì i carabinieri sarebbero riusciti a ricostruire le ultime ore di Federica, anche se non trapelano particolari. A questo scopo fin da giovedì i militari hanno acquisito le registrazioni delle telecamere - poche, per la verità - in dotazione ai ristoranti della zona di Vigna di Valle e hanno passato al setaccio i locali di Anguillara, per verificare se la ragazza sia stata vista con qualcuno nelle ore immediatamente precedenti la scomparsa. Nel frattempo, sembra decisamente prendere corpo la pista del malore, poiché il padre Luigi, commerciante ambulante, con il quale Federica viveva, avrebbe riferito agli investigatori che la figlia soffriva di problemi neurologici e, in passato, aveva avuto alcune crisi che avevano fatto pensare all'epilessia. Una risposta più precisa su quanto è accaduto in riva al lago di Bracciano è attesa dall'autopsia, che sarà eseguita sabato mattina: sarà il medico legale a stabilire come sia morta Federica e se la notte delle Streghe abbia assunto altre sostanze oltre agli alcolici.


SPIAGGIA DESERTA - Nessuno vuole credere che Federica sia morta da sola mercoledì notte, sotto la pioggia che batteva da ore il lago di Bracciano. Da sola e al freddo. Su un tratto di spiaggia deserto, con i locali chiusi e il vento forte che spazzava il lungo lago delle Muse. Lì, giovedì alle 9, un ciclista ha notato il corpo della ragazza steso a faccia in giù. Il braccio destro in una posizione innaturale (tanto che fino all'arrivo del medico legale si è pensato fosse fratturato), il giubbottino chiuso fino al collo. I capelli biondi intrisi d'acqua, come i jeans e le scarpe coperti anche di alghe. Federica era morta da almeno 4 ore. «Non ci sono segni di violenza, né di aggressione. Escludiamo l'omicidio. Non è annegata: è morta quasi sicuramente per un malore. Ma dobbiamo capire provocato da cosa e se, quando si è sentita male, la ragazza fosse da sola o con qualcuno», dicono chiaramente i carabinieri del Nucleo investigativo di Ostia. Saranno loro, con i colleghi della compagnia di Bracciano, a fare chiarezza sul giallo del lago.

IL DOLORE DEI FAMILIARI - Distrutti dal dolore i genitori. Il papà Gigi, molto conosciuto ad Anguillara, gestisce un banco di biancheria nel mercato cittadino. La madre Rossella assiste i disabili per una cooperativa del Comune. Federica aiutava il padre e aveva un fratellino di 10 anni che adorava. «Ma soffriva molto per la separazione dei genitori», spiega uno zio. Gli stessi che ieri mattina si sono ritrovati in caserma per denunciare la scomparsa della figlia. Ma non hanno nemmeno avuto il tempo di riempire il verbale.


NAJLA - Sab Nov 03 2012, 08:42:40
Oggetto:
Ieri sera a Quarto Grado nel servizio c'era l'inquadratura delle croci di cui si parla. Tavolette a croce tenute insieme da nastro bianco e piantate a terra (o su supporto in vaso molto basso) in ordine sparso davanti al giardino del locale.
Rinoceronte78 - Sab Nov 03 2012, 08:42:46
Oggetto:


Potrebbero arrivare oggi le prime risposte concrete sulle cause della morte della 16enne trovata morta sul lago di Bracciano: stamattina è prevista l'autopsia.

Le indagini continuano a 360 gradi: dal malore, al gesto volontario. Non ero con lei quando è morta, si difende il fidanzato. Al setaccio tabulati telefonici e registrazioni delle telecamere di sorveglianza.
NAJLA - Sab Nov 03 2012, 13:54:10
Oggetto:
Un foto frame delle croci mostrate a Quarto Grado
legionario - Sab Nov 03 2012, 14:34:02
Oggetto: epilessia..
i giornali e Tv dicono che la ragazza soffrisse di epilessia. Mi sembra che in un altro topic veniva speigato il significato relativo ai soggetti affetti da questa malattia.

Ammesso che sia vero, quali elementi riusciamo ad aggiungere alla vicenda??
Mantenos - Sab Nov 03 2012, 15:19:58
Oggetto:
la data e la ritualità lasciano intendere una continuità con Meredith di Perugia. Dunque è possibile che via sia la mano "straniera" in tutto questo. Il precedente evento era a favore dalla Massoneria Americana, si era detto. Dunque, forse, esiste una sorta di dialogo tra le parti, Italia, Londra e Usa che si traduce anche in guerra.



Quanto alla firma del delitto possiamo esserne quasi certi. Ricordate anche la povera Yara e il cartello pubblicitario che richiama va la Rosa?

Solo che la data e l'evento lascia intendere una continuazione di quel dialogo.

In oltre, forse, la domanda giusta potrebbe essere: che relazione esiste tra Bracciano e Perugia? Si allude ad un gruppo in particolare? O ad una persona?

Non dimentichiamo che il rito ha sempre una polivalenza (appunto il rito è "symbolico).
***Stefy*** - Sab Nov 03 2012, 15:40:45
Oggetto:
Anguillara: un buco di 210 minuti nella notte di Federica

Il fidanzato: "Abbiamo litigato all'1,30, dopo non ero con lei". Chi l'ha portata al lago?

Che fine ha fatto il cellulare?
Il telefono della vittima non è stato ancora ritrovato. Dal cellulare si sarebbero potuti ricavare molto velocemente una grande quantità di elementi, verificare, ad esempio, se Federica abbia lanciato degli sos prima di morire. In assenza del dispositivo si dovrà invece attendere l'esame dei tabulati, che comunque è già in corso, per risalire a tutte le telefonate effettuate e a quelle ricevute in quella tragica notte.


Anonymous - Sab Nov 03 2012, 15:45:58
Oggetto:
Ora pare che scartino la pista della barca trovata slegata con la scusa che è impossibile che il corpo sia arrivato in beve tempo a riva.
Precedentemente si era fatto largo l'impotesi che la ragazza si fosse gettata da un dirupo.
Al momento nn si ha notizia circa il referto dell'autopsia e non è detto che sia divulgato.

Per quanto riguarda le croci occorre sapere da quanto tempo erano li.
Non sembrano recenti quindi non hanno nulla a che fare con halloween e la morte della ragazza.

NAJLA ha scritto:

Citazione:

Guarda insistono sul nome VIGNA DI VALLE perchè se chiedi di Via Lungolago delle Muse non te lo sà indicare nessuno. Tutti nella zona conoscono la spiaggia detta appunto di "Vigna di Valle".
Tra l'altro a pochissimi kilometri c'è il Museo Storico dell'Aeronatica Militare "Vigna di Valle"
[/b]


per quanto la zona sia conosciuta come spiaggia di Vigna di Valle bisogna considerare che il nome ver è lungolago delle muse. Forse qualche significato si potrebbe trovare nel nome vero del luogo.

Interessante notare che a pochi km c'è un museo dell'aereonautica che fa capo al ministero della difesa. Militari dunque.Se si pensa che per cercare Roberta Ragusa sono andati a scavare nelle vicinanze di Camp Darby...... Cool

PS-la notizia del giorno è che non si trova piu il cellulare della ragazza.


Citazione:

la data e la ritualità lasciano intendere una continuità con Meredith di Perugia.

pare invece un riassunto di altri omicidi ancora irrisolti.Oltre alla continuità con Meredith.....
Federica minorenne come Yara e Sarah, militari vicino come Roberta Ragusa per concludere con quel 'Cuba Libre' che rimanda ai presunti omicidi della coppia di Lignano Sabbiadoro.
Speriamo che il ragazzo (presunto fidanzatino della vittima) non faccia la fine di Parolisi.
trabbaturi - Sab Nov 03 2012, 16:39:23
Oggetto:
Il locale che si chiama ROSA DEI VENTI è un barretto paninoteca in riva al lago, non una casa di riposo. Qualche volta ci ho mangiato un panino. Vicino c'è un rimessaggio per barche e roulottes. A pochi metri il lungolago nfinisce e c'è l'ingresso di una villa privata, se ricordo bene.
***Stefy*** - Sab Nov 03 2012, 17:24:15
Oggetto:
haiku ha scritto:

Citazione:
la data e la ritualità lasciano intendere una continuità con Meredith di Perugia.

pare invece un riassunto di altri omicidi ancora irrisolti.Oltre alla continuità con Meredith.....
Federica minorenne come Yara e Sarah, militari vicino come Roberta Ragusa per concludere con quel 'Cuba Libre' che rimanda ai presunti omicidi della coppia di Lignano Sabbiadoro.
Speriamo che il ragazzo (presunto fidanzatino della vittima) non faccia la fine di Parolisi.


Si infatti..pare il riassunto di 4 omicidi dei precedenti anni iniziati, sempre ad Halloween, con l'Omicidio di Meredith nel 2007....

Meredith (31/10/2007)
Sarah (26/08/2010)
Yara (26/11/2010)
Melania (18/04/2011)

Con Sarah ci vedo anche in comune l'elemento dell'acqua..oltre alla onnipresente Vigna...(ricordate quando ''zio Michele'' disse di aver piantato un tralcio di vite sul pozzo in cui aveva interrato la povera Sarah?)

Quindi ecco perchè si parla in continuazione delle 5 croci...e la quinta sarebbe quella di Federica?
Anonymous - Sab Nov 03 2012, 20:00:15
Oggetto:
da tgcm24:
- Federica non soffriva di problemi neurologici
- non aveva crisi epilettiche
.......
MISTERO SUL DECESSO DOPO UNA NOTTE IN DISCOTECA
Autopsia sulla 16enne di Bracciano
ancora un giallo la morte sul lago
Sul corpo «nessun segno compatibile con eventi violenti». I periti: possibile decesso per cause naturali. Lo zio di Federica: «Non assumeva droga e non beveva»

ROMA - E' stata effettuata sabato pomeriggio l'autopsia sul corpo di Federica Mangiapelo, la 16enne trovata morta ad Anguillara, sulle rive del Lago di Bracciano, giovedì mattina. Da un primo esame «non risulterebbero segni compatibili con eventi violenti»: niente segni di colluttazione dunque e la morte , secondo i periti, potrebbe essere sopraggiunta «per cause naturali». L’esame eseguito presso l'Università La Sapienza avvalorerebbe i primi elementi raccolti dagli investigatori, secondo cui non ci sono elementi «traumatici» che possono aver provocato la morte della ragazzina. E l'ipotesi dell'omicidio sarebbe definitivamente esclusa. Ma resta aperto il giallo.

LA DROGA NEGATA - E occorrerà attendere da un paio di settimane fino a 60 giorni prima di conoscere l'esito degli accertamenti tossicologici e capire se la giovane aveva assunto, prima di morire, droga o alcol che potrebbero averne provocato la morte. A questo proposito, lo zio di Federica, rompe il silenzio della famiglia per affermare che «Federica non assumeva droga, né beveva. Non aveva problemi neurologici né tantomeno crisi epilettiche».

LO ZIO E IL FIDANZATO - Il familiare della ragazza, parlando ai microfoni di SkyTg24, ha rivelato che Federica «aveva avuto da piccola il piccolo male (ndr. una forma di epilessia benigna) ma aveva fatto le cure del caso ed erano anni che stava bene. Non assumeva alcun medicinale».
Resta comunque da colmare, nella ricostruzione dell'ultimo giorno di vita della giovane, un vuoto di circa due ore - dalle 3 alle 5 del mattino -: il fidanzato Marco, infatti, ha dichiarato ai carabinieri di averla lasciata alle 3 del mattino, dopo una discussione, accompagnandola in auto con un amico fino alla periferia di Anguillara Sabazia, a una buona distanza da casa e a circa 7 chilometri dal punto in cui è stato trovato il cadavere.

LA PISTA DELLA BARCA - Gli inquirenti sarebbero intanto propensi a scartare l'ipotesi di un'uscita notturna in barca. L'imbarcazione senza ormeggi trovata a poca distanza dal cadavere non sarebbe collegata alla morte della ragazza: è stata ritrovata al suo posto, pur senza gli ormeggi legati. E comunque è improbabile l'ipotesi di una uscita notturna sul lago finita in tragedia, considerando anche che nella notte tra mercoledì e giovedì nella zona c'era una vera e propria bufera di pioggia.

Redazione Roma Online 3 novembre 2012 | 19:55


***Stefy*** - Sab Nov 03 2012, 20:42:45
Oggetto:
Citazione:
Anguillara, i 5 misteri sulla morte di Federica

l'autopsia: sul corpo nessun trauma

L'esame, alla Sapienza di Roma, ha stabilito che il decesso della 16enne è dovuto a cause naturali. Non è annegata, nè caduta. Proseguono a 360 gradi le indagini a cui potrebbero dare un contributo rilevante i tabulati telefonici e le immagini delle telecamere di sicurezza

...Anche l'annegamento, fra le cause di morte, è stato escluso...Così come la caduta dall'alto, in quanto sul corpo non è stata riscontrata nemmeno un'escoriazione o una contusione. La morte sarebbe dunque dovuta a cause naturali, anche se i medici rimandano all'esito complessivo dell'autopsia, dopo gli esami istologici e tossicologici, un giudizio definito sul "perchè" del decesso


desperada74 - Sab Nov 03 2012, 21:30:13
Oggetto:
Shocked curiosa trama.....non trovate??




Restina Diana Barbara
Classe 1° B
Liceo Artistico di Lovere

Lunedì 31 Ottobre


Il lago pareva un'immensa macchia d'olio, il cielo era stellato ed una coppia di anziani signori, approfittarono della bella serata per una passeggiata sul lungo lago, sotto la grande luna piena.
Ad un certo punto, un acuto urlo di terrore ruppe quel silenzio; la vecchia signora aveva gli occhi inorriditi, che richiuse subito indietreggiando. Anche il signore guardava con occhi sgranati qualcosa che galleggiava sull'acqua; era il corpo di una ragazza morta!
Era il 31 ottobre, lunedì, "pessimo modo per iniziare la settimana", pensò il tenente Stefanini, a cui assegnarono il caso, mentre scorreva il rapporto dei colleghi.
Era un uomo di mezza età, con un viso severo ed uno sguardo truce, i denti erano ingialliti dal fumo dei sigari, di cui era solito tenerne sempre uno in bocca, anche se spento, accendendolo solo quando era nervoso o riusciva a trovare qualche indizio indispensabile per la risoluzione dei suoi casi.
Il nome della ragazza era Valentina; da una prima analisi del medico legale non si riuscì a stabilire nulla di rilevante riguardo alla causa della morte, ma la cosa più strana, era il ritrovamento della ragazza in pigiama.
Il tenente escluse quasi subito l'ipotesi del suicidio, "con tutto il rispetto signore, non trova che sia un pò strano che una quindicenne se ne vada in giro di notte in pigiama, e all'improvviso abbia un arresto cardiaco?" ribattè il tenente con un certo nervosismo, alla proposta di chiudere il caso da parte del suo superiore; che decise di lasciargli una settimana a disposizione per risolvere il caso.
Il giorno dopo la morte di Valentina il tenente entrò in ufficio a passo svelto e nervoso. Circondato da una nuvola di fumo, gettò un pò bruscamente delle schede sulla scrivania, prese posto sulla poltrona e corrugando la fronte, cominciò a fissare un punto e a pensare ad alta voce: "Un'altra ragazza! Causa della morte la stessa, luogo lo stesso e stessa età!" notava, mentre confrontava le due cartellette: "hmmm... tutte e due frequentavano il conservatorio...". In fretta prese l'indirizzo della scuola e vi si diresse. Una volta lì, chiese agli insegnanti se avevano notato qualcosa di strano nelle ragazze, se erano amiche, o se avevano qualche insegnante in comune. Rispose la professoressa di canto, una donna bassa, con corti capelli rossi, tinti e due grossi occhi verdi: "le ho viste poche volte insieme, credo che si conoscessero solo di vista non penso fossero effettivamente amiche. Io ero insegnante di solfeggio di Laura" disse la donna. "Le sembrava tutto nella norma in questi giorni?" chiese il tenente. "Si, più o meno, era tutto ok! Sembrava solo molto stanca, e affaticata nel cantare", "la ringrazio, arrivederci" rispose il tenente.
Decise che fosse meglio parlare con i compagni. Chiese alla classe di Valentina; e gli amici risposero di aver visto la loro compagna, un pò assente: "durante la ricreazione se ne stava nel suo banco, quasi ipnotizzata; fissava il suo quaderno e continuava a scrivere". "Sapete cosa scrivesse sul quaderno?", "No, però abbiamo notato che utilizzava lo stesso in tutte le materie". "Grazie" disse il tenente.
Il tenente volle infine parlare col preside, per chiedergli il permesso di leggere i quaderni delle ragazze morte. Il preside acconsentì. Con grande stupore del tenente, nello sfogliare i quaderni apparve un unico simbolo, ripetuto per tutti i quaderni (il simbolo della strega n.d.r.).
Subito si diresse in ufficio, dove, grazie al suo computer fece una ricerca su quel simbolo, risultò essere un segno ritrovato dopo secoli inciso sugli alberi di un bosco dell'India. E' stato trovato anche su rocce risalenti alla preistoria, che si trovavano proprio dove ora c'è il lago di Iseo, quindi sono state conservate nei fondali del lago.
Ora il tenente aveva le idee più confuse di prima. A fare altre ricerche sul computer lasciò un poliziotto, che lavorò per tutta la notte, mentre il tenente si concedeva un riposo.
Durante la notte le sponde del lago furono sorvegliate e ispezionate da agenti in cerca di nuovi indizi.
Il mattino dopo, un pescatore trovò il cadavere di una ragazza in mezzo al lago.
La ragazza aveva 14 anni e frequentava il primo anno del liceo artistico, si chiamava Roberta.
L'agente che aveva lavorato al computer durante la notte, trovò solo quella vecchia leggenda indiana. Parlava di una strega che lanciava maledizioni alle giovani fanciulle, invidiosa dei loro talenti. Per ogni ragazza uccisa incideva con le sue unghie, su un albero o su una roccia, il suo simbolo.
Questa strega fu bruciata viva nel tardo medioevo; ma prima di morire, parte del suo spirito riuscì a reincarnarsi in un gatto che passava di lì. Per riacquistare almeno una parte dei suoi poteri, dovevano passare secoli. Lei sarebbe rimasta gatto fino alla sua vendetta, che e avrebbe fatto acquistare i talenti delle giovani sfortunate. Il suo elemento era l'acqua e riusciva ad impossessarsi delle anime vicine ad essa. Lei agiva solo nei tre giorni di luna piena. Solo dopo tre sacrifici la sua anima vendicativa sarebbe stata libera.
Dopo aver letto la leggenda trovata dal poliziotto, il tenente, accendendosi il sigaro prese le foto scattate dalla polizia al ritrovo dei tre cadaveri. Analizzandole bene si accorse di una figura nera presente in ognuna delle fotografie, la sagoma di un gatto. Com'era spiegabile? Esisteva davvero una strega assetata di vendetta? Ovviamente no! L'assassino doveva essere un maniaco, la sua razionalità gli impediva di considerare una simile ipotesi. Era stremato, aveva bisogno di trovare altri indizi. Uscì dall'edificio, incamminandosi verso le sponde del lago. Qualcosa sfiorò i suoi pantaloni, abbassò lo sguardo. Un gatto lo fissava, il pelo lucido e nero era marchiato, appena sotto il collo, da un simbolo che già conosceva...
Il sigaro gli cadde dalle labbra, sentì il battito del cuore accelerare, una sensazione di terrore lo pervase, ed un brivido gli percorse la schiena. Il gatto si allontanava, ma lui avrebbe giurato di aver visto i volti delle ragazze assassinate apparire in quello sguardo freddo e penetrante.
La sveglia suonò; il tenente Stefanini, aprì di scatto gli occhi, si voltò verso la sveglia: erano le sette di lunedì 31 ottobre!!!

Shocked a quanto pare i "laghi" sono la location più "gettonata" per questo genere di "romanzi".....

***Stefy*** - Sab Nov 03 2012, 22:11:23
Oggetto:
desperada74 ha scritto:

Shocked a quanto pare i "laghi" sono la location più "gettonata" per questo genere di "romanzi".....


Io direi che i ''laghi'',ed anche i ''Fiumi'',... sembrano le location più gettonate per dei ''misteriosi'' delitti...guarda anche Cecilia Beretta la ragazza scomparsa da Pavia ed oggi ritrovata morta nuda nel fiume Po.... Confused

...del resto,come ben sappiamo, l' ACQUA è l'elemento rituale per eccellenza...sia iniziatico che purificatore..nonchè veicolo per il completamento dei rituali in genere....




Mantenos - Dom Nov 04 2012, 04:08:52
Oggetto:
questo legame con le acque "seminali" lo avevo riscontrato anche per la Ragusa in cui ipotizzavo che sarebbe stata trovata
Citazione:
nei boschi o nell'acqua di ruscelli o pozzi


Citazione:
La ragazza aveva 14 anni e frequentava il primo anno del liceo artistico, si chiamava Roberta.
Roberta Ragusa?

Ricordiamo anche la vicenda Straccia. E la Concordia con il sacrificio esondati/esodati. Non per ipotizzare un legame, per carità, quanto invece per evidenziare la presenza dell'acqua. Mare, fiume e lago sono delle costanti assolutamente pertinenti.
Mantenos - Dom Nov 04 2012, 04:19:28
Oggetto:
Al momento ho fatto quello che si definisce un viaggo astrale (chi mi ha letto qualche volta, sa che non sono un mitomane).

Forse ho colto il momento subito dopo la collocazione del suo corpo. Non so "adesso" dove stia. Provo a scrivere qualcosa.

Federica non si rende ancora conto della sua morte. Sta tecnicamente nel limbo. Ma vaneggia e ripete una parola tipo Luciano Luciano, perchè sei così cattivo... sta ripetendo questo mantra. Ma potrebbe significare anche che una luce forte gli è stata messa davanti occhi... (non si capisce).

Pare che non si è resa conto. Ma qualcuno gli ha dato un botta in testa o sul collo quando era già priva di sensi. Racconta in modo confuso di una casa, forse li in alto (°). è svenuta senza un motivo... forse bevendo un succo (arancio?)

quando è svenuta gli è stata messo qualcosa intorno al collo (un bavaglio, una collana rituale, un cappello, non capisco...)

quando perde consocenza entra anche il processo letale della morte. Non so come. e non lo sa nemmeno lei
(Ma allora non capisco la funzione della botta sul collo e sulla testa sempre se ho capito bene).

Dice di essersi addormentata e non sa più cosa è successo. Anche questo evento andrebbe analizzato. E poi chiede di Riccardo (?) che non so chi sia. Cerca anche una collanina... la sua (un regalo di qualcuno a cui lei teneva) forse, gli è stata tolta (bisognerebbe chiedere a chi la conosce se la portava).

Credo che abbia avuto in queste utlime settimane una relazione con un uomo grande, bello ma curatissimo. Ma non si capisce quale relazione, non lo sa nemmeno lei. Ma pensa anche questo "signore" ma non capisce se deve arrabiarsi con lui... Lo pensa in continuazione perchè qualcosa non la convince. Tratti arabi, capelli quasi ricci, pelle come abbronzata, sopraciglia intense e folte.

Esiste qualche notizie in merito riguardo a Federica? Aveva una relazione proibita?

C'è anche un carabiniere ma non capisco... amico di famiglia? Se esiste, cosa c'entra? Passa per la sua testa, forse lo vuole chiamare per un aiuto.

Chiede di un cane forse? Ma non sa cosa è successo. Non lo sa!

Lei era su, in alto, e qualcuno poi l'ha portata li sdraiata sulla riva del lago. Una macchina station vagon che non capisco forse marrone scura arriva. di seguito altri due personaggi con altra macchina. Totale tre. guardano intorno. prendono il corpo e lo posizionano. E li che lei vede che uno dei due prende le croci dalla seconda macchina, una utilitaria (credo che sia stata già rottamata)!

quando è lasciata sulla ghiaia, lei è già deceduta. Si sente sola... è nel panico più totale e non si riesce a capire molto, ancora piange, è confusa. Credo che i tre personaggi abbiano una funzione particolare nel mondo dell'intelligence. e anche in altro paese...

Se sapesse cosa gli è successo potrebbe pervenirci qualche messaggio o qualche indizio. Ma non lo sa nemmeno lei!

Quanto scritto costituisce un visione personale degli eventi, che può essere anche il risultato di un visione non correttoa o non veritiera. Per questo può essere soltanto una indicazione soggettiva degli eventi con probabile e non certa validità concreta. Fino a prova contraria. Il resoconto è il frutto di una "sintonizzazione" sul luogo
NAJLA - Dom Nov 04 2012, 11:58:35
Oggetto:
Federica, la verità è nel lago sommozzatori a caccia di indizi
L’autopsia: nessuna violenza. Sparito il telefono di Marco, accertamenti sull’auto. Scomparse anche la borsa e la giacca della ragazza
ANGUILLARA SABAZIA - Chi ha lasciato morire Federica? Chi le ha negato aiuto ed è scappato? A tre giorni dal ritrovamento del corpo in riva al lago di Bracciano, le indagini ruotano ancora attorno a queste domande. Neppure l’autopsia sul corpo della ragazzina, ieri mattina a Roma, ha potuto rispondere: Federica Mangiapelo, 16 anni, figlia di Luigi e di Rosella, ribelle e testarda quanto può essere una ragazzina, è morta «per cause naturali». Non ci sono segni di violenza sul corpo, come tutti speravano che fosse.


Ma chi l’ha portata laggiù, a cinque chilometri dal paese, in una notte di freddo e di pioggia, e lì l’ha lasciata, ci ha messo del suo, molto del suo. Perché non è sparito soltanto il telefonino di Federica, non si trovano più né la sua borsa né il suo giubbotto, come se una mano sola avesse deciso di cancellare tutto dalla scena. E c’è qualcosa perfino di più inquietante: i carabinieri non sono riusciti ancora a ritrovare neppure il telefonino di Marco Di Muro, il fidanzato di Federico, il cameriere di Formello attorno al quale le indagini si vanno facendo sempre più incalzanti, il ragazzo che ha portato fuori Federica quella notte e che poi sostiene di averla lasciata dopo un litigio, quando erano soltanto le una e mezza.

La Procura di Civitavecchia ha autorizzato accertamenti sull’auto del ragazzo, nella speranza di trovare tracce utili di dna o di altro. Una misura che nel novanta per cento dei casi si adotta nei confronti di persone ufficialmente indagate, per consentire loro di potersi difendere dinanzi a eventuali contestazioni.
L’autopsia - in attesa dei risultati degli esami tossicologici - ha detto anche dell’altro.

A voler leggere in controluce i primi risultati, infatti, ha indirettamente confermato che Federica non è annegata. Non è stata mai portata in acqua, cioè -a ulteriore smentita della fantasiosa ipotesi della barca con le cime dei rulli sciolte-, e comunque non è caduta da nessun dirupo, perché nessuna, neanche leggera, escoriazione è stata ritrovata sul corpo.
Ma c’è un’altra notizia che aiuta a farsi largo nei misteri di quella notte di Halloween. I carabinieri hanno deciso di far scendere i sommozzatori nel lago di Bracciano, in quello specchio d’acqua proprio davanti allo stabilimento Rosa dei venti, davanti all’ex circolo velico dell’Alitalia, davanti alla spiaggetta dove Federica giovedì mattina è stata trovata ormai morta.

L’ipotesi, quindi, è che tutte le tracce compromettenti di quelle ore maledette - e quindi telefonini, giubbotto, borsa di Federica, possano essere state gettate in uno sconsiderato momento di paura proprio in fondo al lago. Acque che non restituiscono niente se non ci si cala sul fondo, perché la pietra vulcanica li trattiene gli oggetti perché non ci sono onde tali da riportarli a riva.

Poi c’è il capitolo tabulati. Il traffico telefonico dei due cellulari di Federica e Marco in quelle ore, a cui si può risalire anche senza avere i due apparecchi a disposizione. I carabinieri ci puntano molto e ci puntano anche i genitori di Federica. Per capire come e quando si siano interrotte le comunicazioni, se la ragazzina all’ultimo abbia cercato disperatamente l’aiuto di qualcuno. Sicuramente non il loro, non l’aiuto di Rosella e Luigi: non è arrivata nessuna chiamata quella notte ai genitori, neppure messaggi, niente di niente.

Si è saputo solo ieri che in realtà Luigi Mangiapelo si è svegliato intorno alle quattro e, avendo realizzato che sua figlia non era ancora rientrata, è uscito di casa a cercarla. L’hanno bloccato in un bar: «Hai saputo di quella ragazzina trovata sulla spiaggia?». E gli è crollato il mondo addosso.

Siamo fermi qui. Marco Di Muro che sostiene di aver lasciato Federica alle una e mezza, dopo l’ennesimo litigio - perché litigavano continuamente - e il ritrovamento di quel corpo senza vita, grazie a un paesano in bicicletta, alle sei del mattino. Con un orario della morte che all’inizio veniva dato come presumibile intorno alle cinque e che invece l’autopsia di ieri mattina sposta indietro di un’ora. Se cosi davvero fosse, si tratta sempre di due ore e mezzo di mistero. Dove è stata Federica? Chi l’ha portata laggiù e poi abbandonata?
NAJLA - Dom Nov 04 2012, 12:50:53
Oggetto:
Giallo del lago di Bracciano, il fidanzato di Federico positivo al narcotest
Marco Di Muro positivo al narcotest e con un tasso alcolico elevatissimo. Mille contraddizioni nel racconto fatto in 10 ore di interrogatorio
Positivo al narcotest e con un tasso alcolico elevatissimo. Svolta raccapricciante sul giallo del lago di Bracciano: Marco Di Muro, precedenti penali proprio per droga, la sera in cui Federica Mangiapelo è morta si sarebbe impasticcato e avrebbe bevuto superalcolici come una spugna.
Non solo. Mille le contraddizioni nel racconto fatto in oltre dieci ore di interrogatorio davanti ai carabinieri e al magistrato che segue l’indagine. Tanto che gli inquirenti sono convinti di “incastrarlo” alle sue responsabilità nel giro di poco tempo.

Morte come conseguenza di altro reato l’accusa che potrebbe essere mossa contro il 23enne di Formello, oltre a omissione di soccorso, mentre per l’amico che avrebbe in parte confermato la sua versione dei fatti (“all’ora della morte di Fede eravamo altrove”), si prospetta l’ipotesi di un fermo di pg per falsa testimonianza. Il giorno dopo un’autopsia che non conferma o smentisce alcuna ipotesi, la certezza che Marco Di Muro, fidanzato della ragazza trovata cadavere la mattina dopo la notte di Halloween, non era sobrio è data dai risultati dei primi accertamenti disposti a poche ore dal fattaccio. Un mix di alcol e sostanze stupefacenti, insomma, che fanno pensare a uno scenario simile anche per la giovane, compatibile con l’ipotesi di un malore dovuto a una sbronza colossale. Ma questa possibile spiegazione potrà essere confermata o meno solamente dagli esami tossicologici, vale a dire non prima di due settimane. Restano le incertezze, i voltafaccia, i cambi repentini di versione dei fatti da parte del giovane cameriere, a cominciare dal luogo in cui avrebbe lasciato Federica dopo il litigio. In via Carradori, ovvero davanti la casa dei genitori, oppure davanti al bar in piazza del Molo, a metà strada fra l’abitazione e il luogo del rinvenimento? Distanze, comunque, difficili da percorrere a piedi e in tempi relativamente brevi: oltre 7 chilometri in totale da Vigna di Valle, su una strada provinciale buia e pericolosa al freddo e sotto una pioggia battente.

Nulla hanno potuto confermare le celle telefoniche circa gli spostamenti dei due: la zona ricade comunque sulla stessa area d’azione di un solo elemento telefonico. Il cellulare di Federica, da sempre in mano agli inquirenti, ha chiarito solamente in parte con chi era stata in contatto la ragazza nelle ultime ore di vita. Fra i punti fermi dell’indagine l’assenza di segni di violenza sul corpo della poveretta, la mancanza di patologie, la voglia di vivere nonostante le sofferenze di adolescente, incompatibile con un possibile suicidio. Resta il punto nodale della triste storia: chi l’ha abbandonata a se stessa nel momento in cui si è sentita male? Se non con Marco, con chi era andata a bere l’ultimo drink della serata sul lungo lago delle Muse?

Anonymous - Dom Nov 04 2012, 13:57:13
Oggetto:
interessante quanto scrive Mantenos.

Lei era su, in alto, e qualcuno poi l'ha portata li sdraiata sulla riva del lago.
dovrebbe trattarsi di Bracciano. (quale altra localitaà?)La parte più alta dovrebbe essere quella del castello Odescalchi che è cinto da mura (il ragazzo della vittima di cognome è Le Mura....vedi caso).
Il cadavere è stato ritrovato a circa 100 mt dal Cuba Libre

Credo che abbia avuto in queste utlime settimane una relazione con un uomo grande, bello ma curatissimo. Ma non si capisce quale relazione, non lo sa nemmeno lei. Ma pensa anche questo "signore" ma non capisce se deve arrabiarsi con lui... Lo pensa in continuazione perchè qualcosa non la convince. Tratti arabi, capelli quasi ricci, pelle come abbronzata, sopraciglia intense e folte.
quei tratti non sono solo arabi.

°°°°
NAJLA, mandano i sommzzatori a scandagliare il lago? ma chi sa come era vestita la ragazza per dire che mancano degli indumenti? I vestiti e altre cose perchè mai dovevano buttarle nel lago perchè qualcun le ripescasse?
Interessante notare che dopo due gg che ci dicono di nn trovare il cellulare adesso dicono di averlo in mano. Mah... pare uno strano gioco.

Il fidanzatino come Parolisi dunque.
Ma chi ha lasciato nelle mani di un drogato una sedicenne? La famiglia non conosceva nulla di quel ragazzo? Il ragazzo non sapeva le frequentazioni della sedicenne?
Teniamo presente che solo la vittima era minorenne, non il ragazzo.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

ANGUILLARA SABAZIA - Lo sfogo dei familiari: «Possibile che nessun amico abbia detto la verità?» Lo zio accusa: «Vi accanite sulla vita di una ragazzina» «Non beveva né si drogava, cercate da un’altra parte» - S’è calato un cappello da pioggia quasi sul viso e ha affrontato la ressa di microfoni e taccuini. Erano le cinque del pomeriggio, Massimo Mangiapelo, zio di Federica, dava per la prima volta ufficialmente voce al dolore della famiglia. Giornalista anche lui, alla Provincia di Frosinone, non s’è fatto intimorire più di tanto.

Ha tirato fuori un foglietto di appunti e più o meno a braccio ha parlato. Cominciando con una prima, in qualche modo assurda verità: «Avete scandagliato nella vita di questa ragazzina, l’avete raccontata nei minimi particolari, e non vi siete concentrati su altre persone...». Un atto d’accusa, come altro chiamarlo? Ma anche un dito puntato su chi potrebbe non aver detto ancora tutta la verità: Marco Di Muro, il fidanzato di Federica, il cameriere di 23 anni di Formello che è uscito con lei, la sera di Halloween, e non è stato capace di riportarla viva a casa. «Al lago mia nipote non è arrivata da sola, era sicuramente con qualcuno», ha aggiunto Mangiapelo. Un atto d’accusa verso un corto circuito informativo del quale alla fine nessuno ha la responsabilità.

Di Federica si sa tutto, o quasi tutto, e di Marco non si sa nulla, o quasi nulla, anche perché i carabinieri, dal loro punto di vista di investigatori, tengono giustamente segrete molte cose, aspettano che maturino certi tempi. Così si va dietro alle voci. Chi racconta che Marco riservava a Federica attenzioni quasi morbose -l’hanno visto quest’estate mentre rimaneva fermo sulla spiaggia a sorvegliarla mentre lei lavorava da cameriera in un locale-, chi invece si azzarda a dire che era «un po’ violento» e chi si spinge più un là: «Qualche problemino deve averlo avuto...».

Ma lo zio di Federica ha altro da dire, deve difendere fino in fondo l’immagine della sua nipotina morta in riva al lago. «Hanno detto che aveva l’epilessia, e non è vero.
Aveva avuto il piccolo male da bambina, una forma lievissima, ed era completamente guarita. Poi hanno raccontato dei problemi neurologici e Federica non ne aveva. Non assumeva farmaci di nessun tipo. Poi hanno spettegolato sul book di foto che aveva su Internet, senza sapere che gliel’aveva preparato sua zia, la mia compagna, una fotografa professionista. L’hanno fatta passare per un’aspirante modella, per una che sognava chissà quali mondi, e non era vero. E non beveva, non si drogava». Eppure c’è una rabbia, un senso di frustrazione che lo zio di Federica non riesce a esprimere fino in fondo. Ci proverà a microfoni spenti: «Voi dite di Marco, del fidanzato di mia nipote. Ma io vi aggiungo: hanno ascoltato decine di ragazzi, possibile che nessuno abbia contribuito a ricostruire la verità su quella notte?».

Hanno il sindaco dalla loro parte i Mangiapelo, Francesco Pizzorno, avvocato, loro avvocato, ma non il paese.
Anguillara è un paese come in apnea, nessuno ha visto, nessuno ricorda. Si fa una gran fatica anche per questo a inquadrare Marco Di Muro, il fidanzato di Federica. L’estate scorsa ha lavorato anche lui, per qualche tempo e da saltuario, alla Caletta, un bel ristorante sul lago, proprio all’uscita del paese, ma tutto qua. Che locali frequentava, che vita faceva, perché quei litigi continui con Federica?

Domenica 04 Novembre 2012 - 09:06
Ultimo aggiornamento: 09:21


NAJLA - Dom Nov 04 2012, 17:07:18
Oggetto:
Sin dall'inizio ero certa che Federica non fosse affogata (ne cadendo da una barca e ne entrandovi come atto volontario).
Lo sanno i sassi vulcanici del lago di Bracciano quanti corpi ha inghiottito senza renderli MAI al pianto dei loro cari.
Anche io non penso che chi era in compagnia di questa ragazza abbia gettato i suoi effetti nel lago. Sento più una persona ben organizzata, costruita nell'agire che ha portato via i suoi trofei anche per non farli scoprire.
Il telefonino che "c'è" o "non c'è" mi fà pensare più ad una tattica degli inquirenti per spaventare chi "sà" di aver ricevuto chiamate o sms da Federica.
Da casa della ragazza sino al punto dove è stata ritrovata sono 7km e mezzo che l'avrebbero impegnata per un paio di ore con quel tempaccio! e si toglie la giacca? improbabile ma probabile se fosse stata dentro una macchina riscaldata che la porta fino a quel luogo; magari viene invitata a scendere in un attimo in cui è spiovuto... per guardare la magia del lago e "borsa e giacca" rimangono nell'auto.
Spero l'autopsia sia fatta con la massima accuratezza (non come abbiamo visto in tanti altri casi) cercando millimetro per millimetro sulla sua pelle anche una puntura infinetesimale, anche con esami tossicologici seppure qualche sostanza non credo sia rilevabile.
Anche le telecamere della zona hanno importanza cercando di scoprire e rintracciare ogni mezzo sia passato in quelle 2/3 ore.
Trovo molto affascinante quanto scrive Mantenos e penso e ripenso a questa figura maschile che cita. Non ci dimentichiamo che Federica si recava con il padre con il banco del mercato di abbigliamento, questo comportava non solo delle alzatacce alle 5 del mattino ma anche tanto freddo e ci vuole una bella resistenza fisica: un malore lo penserei più su una persona non abituata alla fatica o alle intemperie. Inoltre, proprio in queste mattinate potrebbe aver conosciuto qualcuno di più grande che potrebbe aver seguito i due fidanzatini per tutta la serata... e gli si presenta l'occasione in cui lei rimane sola e piangente per il litigio?
Si, il punto più in alto è proprio quello del Castello ma non mi pare sia accessibile se non è orario di apertura, a meno che non ne sei il custode.
Senza fare nessuna supposizione c'è da dire anche che proprio a Bracciano ci sono delle caserme dove si fà il "militare" quindi ci sono molte persone non del luogo.
Scusate se sono andata un pò a braccio
NAJLA - Dom Nov 04 2012, 18:27:07
Oggetto:
A fine giugno di quest'anno mi trovavo ad Anguillara! c'era la Sagra del Lattarino Fritto.
Le bancarelle sul lungolago erano tante ed ora mi sono ricordata che c'erano anche dei quadri. Mi sono soffermata a guardarne alcuni perchè molti rappresentavano rose rosse di un colore molto vivo.
L'autore era troppo vicino e non me la sono sentita di fotografarli ma c'era anche un altro pittore che esponeva ed i quadri erano colo delle scritte. Ho fotografato questo quadro che recita:
NON COMMETTERE IL MALE
PRATICA IL BENE
MANTIENI LA MENTE PURA

david.fanton - Dom Nov 04 2012, 19:50:43
Oggetto:
Un altro bel caso della serie Wilma Montesi 2. Stanno scervellandosi per trovare una spiegazione "accettabile" ,ma sono dei gran pasticcioni. Vi dico quello che penso io . Il film e' sempre lo stesso per la serie "quanto mi piacciono le ragazzine di 16 anni ". C'e' sempre qualcuno che le porta a certe feste magari per fare il figo ,per far vedere che lui frequenta certi ambienti di "gente importante" (a cui magari ha servito i piatti e ha scambiato 4 parole al ristorante ) .Magari strappa un invito ad una festa . Decide di andarci con la ragazza .Magari anche inconsapevolmente si trova in un ambiente di "lupi " : una ragazza come questa il loro pane.Lei pero e'una ragazza seria . La fanno bere,magari mettendoci qualcosa nel bicchiere .questa si sente male e collassa (capita spesso a molte ragazze in tanti fine serata in discoteca che qualcuno ci prova in quel modo...) .Lei pero muore .Che fare ,in mezzo a tanta gente importante?Chiamano l'ambulanza,la polizia? Sai che casino ? Soluzione:la depositano sulle rive del lago. Poi fanno la classica telefonata a chi deve sistemare le cose per il casino che verra'.Allora cominciano a incasinare l'informazione : telefonino si ,telefonino no...alche si alghe no ,barca si ,barca no....infine la ciliegina :MORTE NATURALE. Un bel funerale veloce (pare domani).Una settimana per parare i gioralisti infervorati . Poi il silenzio.
Problema risolto Ps Io andrei a vedere le feste di private di Halloween in ville VIP che si sono svolte in ville dei dintorni nel raggio di 30/40 km .Chissa' mai .... Il ragazzo a mio parere,comunque la sa piu' lunga di quello che dicono . Un investigatore serio non puo' mollarlo lasciandosi convincere.Troppe incongruenze. a meno che non gli si voglia credere.......ma questo e' un altro discorso Wink
david.fanton - Dom Nov 04 2012, 20:09:21
Oggetto:
Leggetevi questo articolo sugli effetti del GHB somministrato inconsapevolemente e gli effetti che puo' avere:



Certo potrebbe aver fatto tutto il cameriere. Ma se fosse stato il cameriere "solo" le forze di polizia gli sarebbero saltate addosso e sarebbe gia' in carcere .Magari avrebbe gia' "confessato". Invece non e' neppure indagato . Vedremo come finisce .
Anonymous - Dom Nov 04 2012, 20:50:14
Oggetto:
Se questa vicenda fosse stata anche solo dell'anno scorso quando imperversavano le olgettine/lettoni di Putin e nipotine di Mubarak a qualche conclusione si sarebbe arrivati.
Se è un caso Montesi è riveduto e corretto.
Solo una barca può trasportare un cadavere senza lasciar tracce e la rapidità con cui hanno smentito questo è significativa.
Tutti parlano di risultati dell'autopsia ma ufficialmente non si sa nulla di quello che è emerso. Il fatto che sia una morte naturale non esclude che i parenti possano disporre loro di fare esami autoptici per conto loro. Insomma quale è stata l'ora della morte di Federica Mangiapelo? Pare di capire che comincia la solita mafrina che non porta a nulla.

Da Anguillara a Valle di Vigna ci si arriva con una imbarcazione senza percorrrere alcuna strada:


(come dice Occam.... Rolling Eyes )
david.fanton - Dom Nov 04 2012, 21:32:42
Oggetto:
Il telefonino,sopratutto se dotato di A-GPS (come quasi tutti quelli nuovi ormai anche a basso costo) traccia il percorso del telefonino potrebbe dire molto .Puo darsi che la barca sia stata un depistaggio. Se uno cammina in riva le tracce non restano .Poi pioveva mi pare abbiano detto.Quindi di tracce non credo ne possano rimanere sulla sabbia .Comunque una cosa e' certa credo:li non ci e' arrivata da sola a piedi da dove l'ha lasciata il ragazzo.
da il giornale del 1 novembre"...il percorso dalla piazzetta del Molo, luogo dove vari testimoni avrebbero visto il gruppo di amici, e la spiaggia di Vigna di Valle, di fronte al circolo velico Alisei, è assai impervio oltre che distante chilometri. Migliaia di metri separati da una strada provinciale buia e senza marciapiede. Per non parlare delle condizioni meteo di quella notte maledetta: temperature che non superavano i sei gradi, pioggia battente e vento a raffiche violentissime."

Qualcuno li ce l'ha portata ,e questo e' un dato incontrovertibile. Vedremo ce si sara' la volonta' di capire chi e' stato
david.fanton - Dom Nov 04 2012, 21:44:08
Oggetto:
Mi pare di ricordare che River Phoenix,l'attore americano morto a 23 anni nel 1993, sia proprio morto di collasso causato da Ghb e proprio la mattina di Ognisanti ..un caso ovviamente.. Le cronache riportano speedball ,ma pare sia stata causata realmente da Ghb che prendeva per combattere la dipendenza da alcool.
Gli effetti dello speed ball sono praticamente uguali a quelli del GHB ovvero vomiti svenimenti convulsioni e crollo respiratorio e cardiaco.
david.fanton - Dom Nov 04 2012, 21:50:36
Oggetto:
vi do un estratto di un articolo francese di tossicologia forense che parla del GHB e della sua verifica post mortem :

"Post-mortem
Le phénomène d’augmentation de concentration dans le sang et les tissus du GHB postmortem est du à la diminution d’activité du cycle de Krebs qui catabolise la molécule.
(Ferrara, Frison, Tedeschi & Le Beau, 2001, p.119).
Selon Selon Ghysel (1999), « En l’absence d’urine dans les prélèvements post-mortem, l’analyse de l’humeur vitrée est importante car la formation post-mortem de GHB peut se produire dans le sang, pas dans l’humeur vitrée. » (p.136).
La concentration sanguine du GHB post-mortem est très difficile à interpréter. C’est pourquoi un dosage urinaire ou dans l’humeur vitrée peut apporter un résultat fiable.

(Il fenomeno di aumento di concentrazione nel sangue ed i tessuti del GHB postmortem è dell'a la diminuzione di attività del ciclo di Krebs che catabolise la molecola. (Ferrara, Ricciolo, Tedeschi & Il Bello, 2001, p.119). Secondo Secondo Ghysel (1999, " Nell'assenza di urina nei prelevamenti post-mortem, l'analisi dell'umore vitreo è importante perché il formazione post-mortem di GHB può prodursisi nel sangue, non nell'umor vitreo. " , p.136). La concentrazione sanguigna del GHB post-mortem è molto difficile ad interpretare. Questo è perché un esame urinario o nell'umor vitreo può portare un risultato affidabile.


link all'articolo:

Anonymous - Dom Nov 04 2012, 22:02:28
Oggetto:
Citazione:
.Puo darsi che la barca sia stata un depistaggio


può anche darsi di no. Se qualcuno ha parlato di una barca non ha parlato per nulla solo che poi non ha aggiunto (non può aggiungere?) altro.
Si è parlato anche di dirupo (che equivale a luogo alto) ...le possibilità che siano depistaggi sono 50 a 50.

Citazione:
Se uno cammina in riva le tracce non restano .Poi pioveva mi pare abbiano detto.Quindi di tracce non credo ne possano rimanere sulla sabbia .Comunque una cosa e' certa credo:li non ci e' arrivata da sola a piedi da dove l'ha lasciata il ragazzo.

non è detto. Qualcosa o qualche traccia può sempre restare.La ragazza è stata trasportata li e non
c'è andata volontariamente quindi era cadavere e per 'sistemare' un cadavere solo una persona non credo ci riesca.
Se il cadavere è stato torvato sulle rive del lago di Bracciano non ha nulla a che fare con chi c'è andata (se era cadavere) ma sarebbe più utile sapere l'ora della morte che di preciso non si sa ancora. Le notizie danno tutte orari diversi. Chi ha 'sistemato' il cadavere non è detto che sia l'autore del delitto anche se è facile intuire che era agli ordini di qualcuno.

Non per ultimo se qualcuno portava un cadavere non lo poteva portare in braccio...i residenti avrebbero visto e anche se andavano in macchina avrebbero sentito sulla spiaggia il rumore dell'auto.E di tracce, malgrado la pioggia, ce ne sarebbero stare e moltr ma nessuno ha parlato di segni di pneumatici o di impronte finora
Cool
Citazione:

Qualcuno li ce l'ha portata ,e questo e' un dato incontrovertibile.

bisogna capire se ce l'ha/hanno portata viva o cadavere.
E per questo serve sapere l'ora della morte con precisione (che al momento non c'è.
Non si sa se volutamente o meno. Se l'ora della morte risale alle prime ore e il cadavere è stato visto solo alle sei del mattino quali espedienti dovrebbero inventarsi per ingarbugliare ancora di più questa (raffazzonata) fiction?
david.fanton - Dom Nov 04 2012, 22:37:38
Oggetto:
Io non credo che se il meteo era pioggia battente e vento ,possano essere rimaste tracce .Testimoni ?Alle 3 del mattino in un paese?I servizi giornalistici riportano tutti i locali chiusi sulla spiaggia.Molto potra' dire,come ho detto un accurato esame autoptico,con l'ipotesi che abbia ingerito GHB .Se venisse rilevata l'ingestione del GHB o di molecole similari le cose prenderebbero la piega da me ipotizzata. Compatibile con le spiegazioni dei parenti e dei genitori per cui la ragazza non faceva uso di sostanze ,ne alcool . L'ingestione di ghb come ripeto avrebbe potuto essere totalmente inconsapevole visto che e' inodore,incolore e insapore. Ed e' provato che puo' provocare collasso e morte. Devono fare l'apposito esame per rilevare il GHB come spiegato sul documento qui sopra e' esame particolare ,diverso dalla presenza di droghe nel sangue.
david.fanton - Dom Nov 04 2012, 22:45:44
Oggetto:
effetti GHB:

Effetti ricercati

Il GHB è una sostanza con effetti molto differenti da persona a persona.
Estremamente difficile è, inoltre, la sua “gestione” poiché, anche piccoli aumenti della dose possono condurre ad effetti completamente inaspettati e differenti da quelli preventivati. Gli effetti cominciano generalmente a distanza di 5-10 minuti dall’assunzione e durano da 1 a 3 ore circa.

A basse dosi (circa 1-2 gr equivalenti ad un cucchiaino di polvere) presenta effetti molto simili a quelli degli alcolici: i consumatori riportano sensazioni di disinibizione, piacere diffuso, rilassamento e tranquillità, sensualità, euforia e tendenza a verbalizzare.
Il GHB deve molta della sua fama alle proprietà ‘pro-sessuali’, in quanto gli effetti comprendono disinibizione, aumento della sensibilità tattile, aumento della capacità erettile nei maschi, e una maggiore sensibilità al momento dell’orgasmo.
Conseguenze

Stati confusivi, difficoltà a coordinare i movimenti e la verbalizzazione, sedazione totale nel caso di una dose troppo alta.
Fra gli effetti avversi conosciuti si segnalano inoltre forti attacchi di nausea, vomito, confusione e difficoltà muscolari.
Nei casi più gravi sono state osservate convulsioni, collasso e coma. In particolare l’interazione con alte dosi di alcool è molto pericolosa e può anche condurre alla morte per arresto respiratorio.
Il GHB ha, inoltre, un effetto legato al post assunzione, una sorta di post sbronza meno forte di quella derivante dal consumo di alcolici.
Il GHB è anche tristemente noto come rape **** -droga da stupro- poiché utilizzato come anestetico per rendere incoscenti le vittime di stupri o di furti che al risveglio non ricordano di aver subito l’assalto.
david.fanton - Dom Nov 04 2012, 22:49:26
Oggetto:
Conseguenze a breve termine

Capogiri, sonnolenza, sonno profondo o comatoso e la perdita di coscienza. Più alto è il dosaggio, più è possibile soffrire di nausea, vomito e capogiri. Mal di testa, stati confusionali, difficoltà respiratorie e disturbi della memoria possono manifestarsi in caso di dosaggi molto elevati, così come possono manifestarsi spasimi muscolari incontrollabili, facilmente confondibili con le crisi epilettiche. L'uso concomitante di altre sostanze e in particolare di alcolici aggrava di molto gli effetti. Le persone che soffrono di epilessia, disturbi al cuore e ai reni non dovrebbero in nessun caso consumare GHB/GBL!
david.fanton - Lun Nov 05 2012, 07:59:50
Oggetto:
Il GBL e' una sostanza altrettanto devastante che il GHB. Effetti simili all'exstasi, e inodore e insapore,ma soprattutto e' sostanza legale . si tratta di sostanza utilizzata come solvente industriale per produrre la plastica e i pesticidi: i ragazzi se la procurano su internet. La moda arriva dalle discoteche dell'inghilterra..Rapporti del Ministero degli Interni ne rilevano l'uso per la prima volta nei nei rave party.La sua fenomenologia non e' ancora del tutto nota. Molto piu' pericoloso per tossicita' del GHB perche' il filo tra lo sballo e la dose mortale e' assai sottile:l'arco di dosaggio e' tra 1 e 2 millilitri puro, ma e' chiaro che le reazioni sono soggettive.

un esempio di caso di cronaca di morte per GBL :


Rinoceronte78 - Lun Nov 05 2012, 08:36:31
Oggetto:




Sola per sessanta minuti, poi il vuoto, il silenzio e la morte. La chiave del giallo è tutta lì, in quell'ora che Federica ha trascorso chissà come e chissà con chi, dopo la festa e il litigio con il suo fidanzato. E sono due, a questo punto, i filoni d'indagine battuti dai carabinieri per far luce sulla morte della ragazza di 16 anni trovata senza vita su una spiaggia del lago di Bracciano: riempire il vuoto temporale, circa 60 minuti, che va dalle 3, ora in cui, dopo un litigio, è stata lasciata dal fidanzato sulla piazza di Anguillara Sabazia, alle 4, ora presumibile del decesso; accertare se la ragazza abbia ingerito alcol o altre sostanze nel locale in cui è stata la notte di Halloween, fino alle 2,30 circa. E se dagli esami tossicologici e istologici, che saranno a disposizione degli investigatori tra un paio di settimane, dovesse emergere che l'alcol o altre eventuali sostanze abbiamo contribuito a causare il decesso, potrebbe scattare l'accusa di cessione a minorenne e, quindi, di morte conseguente ad altro reato. Intanto gli investigatori hanno appurato che il fidanzato non era positivo al narco-test.

Saranno celebrati martedì pomeriggio, alle 15, nella chiesa parrocchiale Regina Pacis, ad Anguillara Scalo, i funerali di Federica, la ragazza di 16 anni trovata morta la mattina del primo novembre sulle sponde del lago di Bracciano, a Vigna di Valle, una sessantina di chilometri a nord di Roma. Il sindaco del paese Francesco Pizzorno, che è anche il legale della famiglia della giovane, ha annunciato per l'occasione una giornata di lutto cittadino. "Non chiuderemo le scuole - ha spiegato il primo cittadino -, ma chiederemo agli insegnanti di ricordare Federica. I negozi - ha aggiunto - rimarranno chiusi durante i funerali e le bandiere sugli edifici pubblici saranno a mezz'asta".

Secondo i medici legali che ieri hanno effettuato l'autopsia la giovane e' morta per cause naturali. I periti si sono riservati di comunicare se le cause naturali siano state indotte dall'assunzione di qualche sostanza. I medici non hanno riscontrato alcun segno di violenza. I periti si sono riservati di indicare, dopo l'esecuzione degli accertamenti tossicologici, le esatte cause del decesso.

Federica non è neppure affogata e solo gli ulteriori accertamenti di laboratorio potranno dire cosa abbia provocato l'arresto cardiocircolatorio. Escluso anche che la giovane possa essere caduto dall'alto, in quanto sul suo corpo non è stata riscontrata nemmeno un'escoriazione o una contusione.

L'ora presumibile della morte è stata indicata intorno alle 4 del mattino, cioé circa un'ora dopo che la giovane era stata lasciata dal fidanzato nella piazza principale di Anguillara Sabazia.

SOMMOZZATORI ISPEZIONANO LAGO BRACCIANO - I sommozzatori dei carabinieri oggi si sono immersi a lungo nel lago di Bracciano, nell'area antistante il punto in cui è stato individuato il corpo di Federica, alla ricerca di eventuali oggetti appartenenti alla ragazza. La loro individuazione, tra l'altro, avrebbe potuto aiutare gli investigatori a ricostruire il tragitto che il corpo, qualora fosse finito in acqua dopo il decesso in un punto diverso, potrebbe aver compiuto, spinto dalle correnti. Secondo quanto si è appreso. però, non sarebbe stato trovato nulla. Del resto, l'autopsia ha escluso che la ragazza sia stata a lungo nel lago. Nei suoi polmoni, infatti, non c'erano né acqua né sabbia
Anonymous - Lun Nov 05 2012, 11:13:31
Oggetto:
LA BARCA ORMEGGIATA - Una barca ormeggiata a circa 250 metri di distanza dal punto in cui è stato ritrovato il corpo senza vita della ragazza è stata slegata e probabilmente messa in acqua proprio la notte Halloween. Il proprietario, infatti, ha trovato le cime dei rulli sciolte e il natante sulla battigia, tanto che ha dovuto spingere la barca sulla spiaggia e assicurarla con le corde. La barca si trovava proprio davanti al ‘Cuba Libre’, il locale in cui si è svolta la festa di Halloween privata. Nessuno dei presenti, compreso il proprietario, hanno dichiarato agli investigatori di averla vista.





*****
[.....]

Intanto gli investigatori hanno appurato che il fidanzato non era positivo al narco-test.
Quella notte, a differenza di quanto scritto da alcuni giornali, non avrebbe assunto droghe. Da lunedì gli inquirenti della procura di Civitavecchia, nella quale c’è il fascicolo sulla morte di Federica ancora senza indagati e ipotesi di reato, ricominceranno ad ascoltare i testimoni di quella notte.

Il fidanzato l’ha lasciata a oltre 4 chilometri di distanza da Vigna di Valle, durante una nottata fredda e sotto una pioggia battente. E’ verosimile che abbia percorso il tragitto a piedi, da sola, o qualcuno l’ha condotta fin lì in auto? E perché l’ipotetico accompagnatore, se c’è stato, l’ha lasciata in quel posto? Si è allontanato quando Federica era ancora viva o dopo la sua morte? Perché non l’ha soccorsa? E ancora: la ragazza è deceduta nel punto in cui è stato trovato il cadavere o c’è stata trasportata dopo?

Dai controlli sui tabulati telefonici è emerso che tra le 3 e le 4 la ragazza non ha fatto né ricevuto telefonate. Solo più tardi, quando era scattato l’allarme per la sua scomparsa, varie persone hanno tentato di chiamarla, senza ricevere risposta. Domenica i sommozzatori dei carabinieri hanno ispezionato l’area antistante il punto in cui è stato individuato il corpo, alla ricerca di eventuali oggetti appartenenti alla ragazza. Ma non sarebbe stato trovato nulla.

Per il momento, l’autopsia ha messo un punto fermo: sul corpo di Federica non ci sono segni di violenza né ferite riferibili a cadute. Nei suoi polmoni non sono state trovate né acqua né sabbia, quindi non è affogata.I funerali di Federica saranno celebrati martedì pomeriggio nella chiesa Regina Pacis di Anguillara Scalo. Il sindaco del paese Francesco Pizzorno, che è anche il legale della famiglia, ha annunciato per l’occasione una giornata di lutto cittadino. ”Non chiuderemo le scuole – ha spiegato -, ma chiederemo agli insegnanti di ricordare Federica. I negozi – ha aggiunto – rimarranno chiusi durante i funerali e le bandiere sugli edifici pubblici saranno a mezz’asta”.



Rinoceronte

è stata lasciata dal fidanzato sulla piazza di Anguillara Sabazia, ;
alle 4, ora presumibile del decesso[/u]

[i]L'ora presumibile della morte è stata indicata intorno alle 4 del mattino, cioé circa un'ora dopo che la giovane era stata lasciata dal fidanzato nella piazza principale di Anguillara Sabazia.


perchè tanta confusione?

Cool

PS-in fretta e furia vengono fatti i funerali prima di sapere gli esiti degli esami tossicologici.
Pertanto se gli esami tossicologici fossero positivi non si parlerebbe piu di morte naturale ma di morte indotta. Pertanto parlare ora di morte naturale prima degli esiti tossicologici è del tutto prematuro e difficilmente dopo la tumulazione la salma potrebbe essere riesumato per ulteriori esami. Nemmeno i famigliari vogliono ulteriori accertamenti? Cool
david.fanton - Lun Nov 05 2012, 12:51:48
Oggetto:
Io penso che la ragazza sia arrivata sulla spiaggia gia' morta e non con le sue gambe. E stata depositata da qualcuno. E che i tempi non siano quelli detti dal ragazzo. Gli altri testimoni sono amici del ragazzo a quanto pare. C'e' sicuramente di piu' e mi auguro che la verita' emerga,come mi auguro che l'esame autoptico sia approfondito e non si faccia di tutto per chiudere rapidamente la questione .altrimenti si e' autorizzati a pensar male .
david.fanton - Lun Nov 05 2012, 12:53:11
Oggetto:
Io penso che la ragazza sia arrivata sulla spiaggia gia' morta e non con le sue gambe. E stata depositata da qualcuno. E che i tempi non siano quelli detti dal ragazzo. Gli altri testimoni sono amici del ragazzo a quanto pare. C'e' sicuramente di piu' e mi auguro che la verita' emerga,come mi auguro che l'esame autoptico sia approfondito e non si faccia di tutto per chiudere rapidamente la questione .altrimenti si e' autorizzati a pensar male .
david.fanton - Lun Nov 05 2012, 12:53:12
Oggetto:
Io penso che la ragazza sia arrivata sulla spiaggia gia' morta e non con le sue gambe. E stata depositata da qualcuno. E che i tempi non siano quelli detti dal ragazzo. Gli altri testimoni sono amici del ragazzo a quanto pare. C'e' sicuramente di piu' e mi auguro che la verita' emerga,come mi auguro che l'esame autoptico sia approfondito e non si faccia di tutto per chiudere rapidamente la questione .altrimenti si e' autorizzati a pensar male .
NAJLA - Lun Nov 05 2012, 13:39:45
Oggetto:

Decag - Lun Nov 05 2012, 14:56:48
Oggetto:
Voglio sragionare con te,

Federica associata insistentemente a valle vigna

Marco Massida a Praia (I)racema, racemo cioè grappolo di uva

Il nome del ragazzo è Marco Massida, massi come le pietre, le pietre che formano il muro.
Il fidanzato di Federica è Marco di Muro, nomi molto simili, età simili, e se riuscite a trovare delle foto noterete anche che si assomigliano più della media delle persone.

Allora la butto li, se quello di bracciano sarebbe dovuto essere un duplice omicidio ed hanno dovuto completare il rito in fretta e furia all'ultimo momento approfittando delle 5 ore di fuso orario.
***Stefy*** - Lun Nov 05 2012, 15:50:53
Oggetto:
NAJLA ha scritto:
La notizia già appresa ieri dei funerali di Federica mi ha lasciata interdetta.
Dopo tutti i fatti a cui si è assistito sulle "strane" autopsie che alla fine sono state fatte male e/o non fatte affatto io, pensando anche da genitore quale sono, PRETENDEREI non una ma almeno tre autopsie.
Ricordiamoci ad esempio quanto è successo con Elisa Claps! oppure sull'ultimo di Melania Rea!


L'ho pensato anch'io..troppa sufficienza nell'affrontare il caso liquidandolo come di ''morte naturale''....e troppa fretta nel celebrare i funerali...

Intanto trapelano altre strane notizie:

Citazione:
CORSERA OMICIDIO BRACCIANO L'OMBRA DEL DIAVOLO FEDERICA MANGIAPELO ASSASSINATA PER SOFFOCAMENTO

L'OMBRA DEL DIAVOLO SUL DELITTO DEL LAGO DI BRACCIANO.SE FEDERICA MANGIAPELO FOSSE MORTA PER CAUSE NATURALI,COSA CHE IO ESCLUDO,PERCHE' IL SUO CELLULARE E' SCOMPARSO? DIFFICILE IPOTIZZARE UN FURTO,CHI SI PRENDEREBBE UNA GRANA DEL GENERE? L'IDEA PLAUSIBILE E' CHE FEDERICA MANGIAPELO ERA IN STATO DI INCOSCIENZA E POI SIA MORTA SOFFOCATA E DUNQUE PER ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO.SEMPLICE.C'E' IL SUO ASSASSINO CHE SI AGGIRA PER IL LAGO ...http://www.corsera.it/notizia.php?id=6321

NAJLA - Lun Nov 05 2012, 16:24:57
Oggetto:
Per rispondere a Decag.

Felice di trovare uno "sragionatore" come me Wink

Anche io avevo notato il cognome del ragazzo "MASSI-da" collegandolo al MURO. Per quanto riguarda invece IRACEMA avevo solo controllato se ne veniva fuori una traduzione e quindi i miei complimenti per la tua ricerca che riporta all'UVA nella VIGNA.
Certo che in un calcolo delle probabilità a livello mondiale certi elementi coincidenti non fanno fare sonni tranquilli.
Castello-Fortezza
Vigna-Grappolo d'uva
Morte per arresto cardiocircolatorio
Notte di Hallowen
Muro-Massi
5 croci - 5 anni - 5 ore di fuso orario

Per rispondere a Stefy

Si, ribadisco che questa autopsia è troppo veloce (superficiale) e che spero sempre in uno stop ai funerali.

Seguo sempre quanto scrive il Corsera ed avevo letto anche l'articolo precedente che riportava un po' le mie supposizioni su quella notte.

Tutta questa storia sembra un altro tassello di un puzzle più grande e la mia sensazione non è buona.
Gli occhi di Federica mi ricordano tantissimo lo sguardo di Chiara Poggi ma soprattutto continuano a frullarmi in mente i primi elementi che scrissi qui

Anonymous - Lun Nov 05 2012, 16:56:58
Oggetto:
Per quanto questa autopsia sia del tutto affrettata, senza nessun comunicato ufficiale, con degli orari che sono in ogni notizia differenti non è diversa dalle altre che sono state fatte per le altri vittime di questi ultimi anni.
L'orario esatto della morte non viene dato e così si continua incessantemente a girare in tondo senza soluzione di sorta. La cosa che desta preoccupazione è che le indagini non vengono fatte in una zona larga come un fazzoletto e cioè da Anguillara a Bracciano cioè in un territorio talmente circoscritto che di più non è possibile.
La ragazza se è andata via con un gruppo di amici è stata vista da tanti ma al momento non si sa nemmeno in quale locale sono andati e che cosa hanno fatto. In pratica sono state dette tante cose sciocche e smentite tante altre importanti che sembra che nessuno sia in grado di capire qualcosa (oppure cercano ad arte di confondere).
Torno sul punto che la vittima era minorenne. Chi dei genitori ha visto quando usciva la figlia e con chi, come era vestita e se aveva una borsa?
E perchè non fare esami autoptici autonomi, magari all'estero, prima di seppellirla in fretta e furia?
david.fanton - Lun Nov 05 2012, 17:40:30
Oggetto:
Le cittadine di provincia sono luoghi strani alcune volte. Nella mia e' capitato tante volte che strani omicidi siano finiti nel nulla con buona pace di chi gridava alla stranezza e a spiegazioni quasi ridicole. Ricordo tra tutti un caso del 2004.Una ragazza trovata sulla riva del fiume ,che si disse era caduta dal ponte.Nella sua auto poco distante c'erano le scarpe. Il suo corpo non presentava fratture compatibili con una caduta da 10 metri di altezza e il corpo era adagiato a faccia in giu',non certo in posizione di caduta. La polizia concluse per caduta accidentale .Il ragazzo che era con lei ,anche in quel caso la lascio' in piena notte nei pressi del Ponte.Non fu inquisito e fu interrogato sommariamente .Poi si chiuse tutto con la disgrazia . Funerale e poi il silenzio .
david.fanton - Lun Nov 05 2012, 17:43:20
Oggetto:
La fretta della polizia e dei magistrati nel liquidare il caso puo essere dovuta al fatto di voler chiudere "la pratica" : una modalita' sempre piu' frequente ultimamente, per non assumersi responsabilita' di indagini che ,se insolute,potrebbero danneggiare la carriera del PM e dei funzionari di polizia . Per questo ultimamente sia ssiste a chiusure di casi assurde ,quasi ridicole .
Mantenos - Lun Nov 05 2012, 20:25:26
Oggetto:
Singolare:

l'uomo scuro (per me arabo semita descritto nella sintonizzazione)
la presenza del Brasile vicino al CubaLibre (esattamente cultura Bahiana Candomble legata ad alcune ritualità molto potenti)

la coincidenza del Brasile per il ragazzo di Livorno

si legge di iracema

Iracema: Índia da tribo dos tabajaras, filha de Araquém, velho pajé; era uma espécie de vestal (no sentido de ter a sua virgindade consagrada à divindade) por guardar o segredo de Jurema (bebida mágica utilizada nos rituais religiosos); anagrama de América."A virgem dos lábios de mel.

CIOE UNA VESTALE VERGINE!

Qualcosa però non mi convince e non credo che siamo nella pista giusta. Non in senso pieno.

Tuttavia la stessa Carlizzi annorevava nei gruppi della RR anche questi gruppi esoterici macumbari brasiliani trapiantati in Europa (e in Italia ce ne sono molti). Il gruppo brasiliano nella sera di Hallowen c'era il centro nevralgico di questo potere antico: il cuore del candoblè ovvero la cultura di Salvador De Bahia (in questo città esistono 365 chiese quasi tutte posizionate su antichi siti sacrifcali). ma il calendario Candoble non ha nessuna coincidenza con la data in questione. Tuttavia il sincretismo è molto potente (avete presente rituali della magia nera con galline e spiriti che entrano nella madre Santa... roba da far davvero paura!)

nel programma linkato si legge

Citazione:
Stage di danza afro-brasiliana e capoeira tradizionale di Bahia
Con il Maestro Ricardo Olodum degli OLODUM alla Danza, e il Maestro LUIDBOY degli SWING DO PELO alle percussioni
Pelourinho è il centro della Città di Bahia.

Tuttavia, almeno per ora, sono un po perplesso di questa pista. Mentre mi pare di aer capito che la festa al CubaLibre era privata. Qui esiste qualcosa da capire


A propostio il CUBA LIBRE E RUM + COCA
OVVERO R+C
ci sarebbe pure il limone ma in Brasile usano il lime, quello pcccolo verde...



SCRIVE LA CARLIZZI

DOVE STA LA CENTRALE DELL’ORDINE DELLA ROSA ROSSA E DELLA CROCE D’ORO INDIPENDENTE E RETTIFICATO, E QUANTI SONO I DECENTRAMENTI NEL MONDO.

Citazione:
La centrale per motivi di origine legati alla nascita del fondatore di questa Schola Esoterica, Waite, si trova appunto negli Stati Uniti, con ben ventuno Templi, e la sua prima succursale è a Londra, con undici Templi in tutta l’Inghilterra.
Viene poi la Francia, con cinque Templi, di cui il più attivo è a Perpignan.
Di seguito l’Italia, con quattro Templi, la Germania con tre Templi, il Brasile con due Templi, l’Egitto con due Templi.
In ogni Tempio vi sono i corsi di formazione per il potenziamento dei poteri della mente
.








off topic per un ripasso dei gruppi che appartengono al giro RR secondo Carlizzi
Citazione:



Vediamo ora, tanto per avere una idea sommaria, quali sono le Sette al cui interno sono stati individuati soggetti affiliati alla “Rosa Rossa”.

1) Scientology (detta anche Guardia Costiera o SEA., occultamente anche Santa Lucia, Saba e via dicendo).

2) Arancioni (implicata nello scandalo Loocked).

3) Avventisti

4) Bambini di Dio
Dio, in codice, significa 5-10, in quanto la D corrisponde al 500 nella numerazione romana, quindo 5 perché gli zeri non contano. Passando poi al codice dei mesi, il 10 corrisponde ad otto­bre.
Avremo dunque il 5 -10 ma anche il 10 -5 , cioè il 10 maggio.
Ma anche il 24 – 5 (24 maggio) come variante, giacché i numeri 10 e 24 sono traducibili entrambi in X. Infatti X corrisponde al 10 romano, ma X è anche la 24ma lettera dell’alfabeto internazionale.

Ora il 24 maggio è il terzo giorno del segno dei Gemelli, quindi la Setta del Trigemino, detto anche il Quinto Paio, giacché, anatomicamente, il Trigemino è nel quinto paio dei nervi.
Detta anche "II Piave" (o "Piave" , dalla nota canzone).

5) Damanhur (detta anche QNH o 258).

6) New Age (una sorta di miscuglio che assembla i contenu­ti di varie Sette).
7) S.Antonio Abàte (la catena di S.Antonio, dietro cui c 'è la "I EUR'” , Iettatori , Estorsori, Usurai, Ricattatori ).

Cool Hare Krishna (in codice anche 108, scomponibile in vari significati e varie sottosigle).

9) Meditazione Trascendentale (detta anche ABC o 123).

10) Mormoni (Possiedono lo Stato dell'Utah).

11) Neo ellenici (simbolo Troia o Ilio).

12) Focolarini (Gruppi alla ricerca della serenità interiore).

13) Nuova Acropoli (tendente a riportare antichi culti).

14) Ordo Templi Orientis (Setta bolognese con legami internazionali, il cui capo si proclama Moloch Lucifer).

15) Rastafariani (Culti etiopici, legati a Saba).

16) Sai Babà (con seguaci dovunque).

17) Soka Gakkai (di stampo nipponico, culti legati ai riti dei samurai).

1Cool Sukio Mahikari (idem).

19) Testimoni di Geova (la Torre di Guardia, con al­tre connotazioni, potentissima e irriducibile nei tentati­vi di proselitismo).

20) Chiesa di Moon (stessa potenza dei Testimoni, predica la riunione delle Chiese Cristiane, fondatore un coreano d'America che si proclama la reincarnazione di Cristo).

21) Nuovi Maia (emblema il Nobel Bigoberta Mancu, in Italia guidati da Giuliano Canevacci, ex eroe di Rischiatutto, sedicente reincarnazione di un Imperatore Maia).

22) Lacaniani (psicanalisti-ipnotisti, li guidava Verdiglione, più volte accusati di plagiare i pazienti).

23) Lucertole di Iside (Setta femminista, culti di Iside, tendenti ad una sorta di ripristino di culti egizi).

24) "L'Ombra" (il culto dei 14 Santi deputati alla cura dei mali ritenuti dì origine divina, tra cui la lue, l’epilessia, ecc., con riti misti tra l'assiro e i1 celtico).

25) Satanisti di Gesù (ritengono che Satana abbia riconquistato il posto in Paradiso, incarnandosi in Cristo).

26) Fratellanza Terapeutica di Miriam (Medici che curano prevalentemente con il cerchio magico, emanando onde che guarirebbero a distanza. Molto legati a riti antichi).

27) Fratellanza cosmica (Setta legata a pretesi rap­porti con gli E.T.).

2Cool Pompeiani (culto della Madonna di Pompei, definibili pagano-cristiani).

29) Celestini (simbolo il Profeta Celestino e il Pa­pa Celestino V, in perenne lotta con quelli che all'epoca erano i seguaci di Bonifacio VIII. Adorano la "Bestia" dell'Apocalisse e ritengono che in Bonifacio VIII agisse un’altra "Bestia" di pari forza).

30) "Virgiliani" o "Mantovani" (culto di Virgilio, ritenuto capace di comandare sui demoni, emblema Dante, che si affidò a Virgilio per entrare e uscire dall'Inferno).

31) "Cerchio Firenze 77" (il culto del medium fiorentino Setti, diffuso attraverso un filone letterario).

32) "Araba fenice" (preistorica, sempre attiva, con adepti ovunque, l'Imperatrice è sempre donna).

33) "El Pombre de l'Aranquez" (potentissima, di fa­ma mondiale, letteralmente "II Popolo Ombra", composto da gemelli omozigoti o monozigoti mai dichiarati all'anagrafe, che si alternano con quelli dichiarati. Sono ricetrasmittenti, uno è sempre l'alibi dell'altro e costituisco­no la base dei più importanti Servizi Segreti).

34) "Iguana e Sosia" (vivere impersonando altri, co­me le controfigure del cinema. E’ la Setta dei falsari di opere d'arte e di molti esecutori di musica: coloro capa­ci di imitare ma non anche di creare. Sostituiscono sovente politici e generali durante le malattie. Simbolo la Luna, che emana appunto luce riflessa ma non propria).

35) "I Pazzi" e "I Medici", i "Montecchi" e i "Cappellini"(o Cappelletti, o Capuleti), tra i quali agisce sempre la "Via di Mezzo", la Setta di quelli che hanno un piede in due staffe, riconducibile ai Gianisti, che adorano con identico fervore tanto Dio quanto il suo Contraltare. E' evidente che, nel primo caso, escono i "Medici Pazzi" (demoniaci perché sperimentano sui vivi, divini perché regalano all'umanità le grandi scoperte).

36) I "53" (il "mondo" dei "bastian contrari", persone con un ciclo biologico invertito, simboli S.Lorenzo e S .Isabella, sono bustrofenici , più che altro baschi e bulgari, presenti e potentissimi ovunque, sarebbero i superstiti di Atlantide, imparentati con i Guanci).
Tendono a non mesco­larsi e quindi a sposarsi sempre tra di loro.

37) I Pagani (rimasti sempre presenti ovunque)

3Cool La "Chiesa di Satana" di Efrem del Gatto.

39) "I Satanisti porta- jella" (la Setta degli Occulti­sti jettatori che ha come leader Maddalena Stradivari)

40) I "Lazzaristi" o "Giurisdavidici " (Morire interiormente per resuscitare diversi, Setta molto femminista).

41) Le Nuove Amazzoni (o Caroline, o Giovannine). Puntano al Papa Donna, culto di Marozia, la Papessa Giovanna, linciata dalla folla quando fu colta dalle doglie e si scoprì che era una donna travestita da uomo.

42) I "Roditori"(penetrare negli apparati statali, bancari, ecc., e svuotarli da dentro). Simbolo Papa Ratti, dal cognome, quindi il n. 11 (era Pio XI).

43) I Seguaci di Belzebù (il grande orditore di trame, quindi il grande sarto, il tessitore). Simbolo Papa Sarto, dal cognome, quindi il n. 9 (era Pio IX).

44) I "Giallisti-Enigmisti" (delinquere con alibi di ferro, creando un ginepraio per gli inquirenti. Simbolo: Viney, terzino della Pro Patria anni '50, il "trebustoc­co", la squadra era di Busto Arsizio, donde bustocca. Nel termine c'è molto: la T (la Croce, simbolo anche del Cruciverba), il re (il Diavolo), il rebus e il tocco (termine che indica tanto il Matto quanto il Docente, ossia il cattedratico che sta al vertice). Il cognome Viney ha inoltre il significato criptico "La Marescialla" (VI è "6" cioè LA (sesta nota), Ney il Maresciallo di Napoleone, la "N" centrale è il simbolo dell'Ombriaco (Cabala Napoletana, contrazione di Ombra e Jack, il finale di Jacopo). Ovvero Jack (lo Squartatore) e l'Ombra (agire nell'Ombra). Miti: la Christie, Wallace, Poe, Simenon....

Queste sono le quarantaquattro Sette/Gruppi, al cui interno sono stati riscontrate infiltrazioni della “Rosa Rossa”.

Ora per decriptare il linguaggio occulto della “Rosa Rossa” nell’ambito di queste Sette, quasi sempre inconsapevoli, di avere in seno l’infiltrato “eccellente”, è necessario ricorrere a diversi codici.

Per ora ne enunciamo i principali, riservandoci in seguito di tornare sull’argomento anche con esempi pratici di abilità intellettiva nel catturare elementi saltando da un codice ad un altro, fino a decriptare un evento.

Innanzitutto è necessario conoscere il Mossad.
Di particolare importanza è anche l’uso del codice Morse.
Ed è anche imprescindibile per una cultura di base in tale materia la conoscenza del codice Bustrofenico, del codice Musicale, del codice Arianna, del codice del Gioco dell’Oca, del codice delle 7 Note, del codice dei 4 Cantoni e del codice Roulette.
Nonché tutte le Cabale, ma in particolare la Giudaica.
Le Numerologie.
I Calendari delle principali culture.



A VOJA A DECRIPTARE!
legionario - Lun Nov 05 2012, 21:00:19
Oggetto: cubani...
sembra che in questo periodo i cubani vadano di moda...solo alcune settimane fa i due fratelli cubani sono stati protagonisti di uno scempio, l'omicidio dei coniugi Rosetta Sostero, 65 anni, e Paolo Burgato, 67
io preferisco i Toscani..
NAJLA - Lun Nov 05 2012, 21:47:29
Oggetto:
Stò cercando nella mia memoria dove Gabriella si chiedeva cosa ci fosse in "Rua...", non ricordo se a Rio o Sao Paolo!!
Mantenos, se magari ti viene in mente Smile

Nel frattempo mi sono ricordata che proprio da queste parti si sono ben radicati da qualche tempo la "Comunità Shalom" e che sono rimasta sconvolta di quanti proseliti stà facendo.

Esiste inoltre vicino al lago in questione una grande comunità degli Hare Krishna.

Ciao, poi torno
NAJLA - Lun Nov 05 2012, 21:50:34
Oggetto:
Ecco il blog della comunità Brasiliana di Shalom:


Mantenos - Lun Nov 05 2012, 22:05:24
Oggetto:
Citazione:
Stò cercando nella mia memoria dove Gabriella si chiedeva cosa ci fosse in "Rua...",


veramente non ho capito? la parola se non erro significa strada.
Ma il resto...?
NAJLA - Mar Nov 06 2012, 07:23:00
Oggetto:
Si, si tratta di una strada che Gabriella (e mannaggia non ricordo dove ma cercherò) nominò! Era tipo "che cosa si trova in Rua x y z N° di Rio de janeiro?"
Intanto è uscita la notizia sul funerale che si terrà oggi dove leggo:
Alle 21 è iniziata una veglia di preghierà alla ha preso parte il vescovo di Civita Castellana, Monsignor Romano Rossi. RR Smile
Anonymous - Mar Nov 06 2012, 10:09:50
Oggetto:
I genitori della vittima dicono che il ragazzzo era violento e che lo hanno anche denunciato. Ma allora perchè lasciare uscire la figlia minorenne con un tipo del genere?
Perchè non andare da lui a chiedere il motivo per cui non l'ha accompagnata a casa ma lasciata sulla piazza del paese?

Ma nemmeno le denunce risultano vere :
Ai carabinieri della Compagnia di Bracciano ufficialmente «non risulta»

Un solo dubbio può venire, dopo il riscontro con l’Arma, che magari si sia trattato di semplici segnalazioni e non di formali denunce.

Cool

Marco, quella notte, ci ha messo del suo. Ha mandato un messaggio a Federica da facebook, intorno alle quattro, proprio mentre lei stava morendo: «Abbiamo litigato, ma ti voglio sempre bene?». Un pentimento vero o la disperata ricerca di una via di fuga? Lo stanno valutando i carabinieri. E comunque all’alba, mentre il cadavere veniva ritrovato, lo hanno notato in giro per il paese proprio alla ricerca di lei, come se si fosse reso conto all’improvviso di quello che poteva essere accaduto.
Bisogna aggiungere che Marco Di Muro s’è sottoposto volontariamente al narcotest ed è risultato negativo. Ma questo non basta a Rosella e Luigi: non l’hanno detto in tv, ma hanno fatto discretamente sapere che in chiesa, oggi pomeriggio alle tre, per i funerali di Federica, un posto per lui non è previsto.




ma perchè la colpa deve essere solo e soltanto di quel ragazzo a cui hanno affidato la figlia minorenne dopo che (a loro dire) era violento?

PS- in questo video viene esplicitamente detto che la ragazza è stata trovata in riva del lago avvolta in un telo bianco quindi non visibile a nessuno.

chi ha messo quel telo bianco e come ha potuto il 'ciclista' vedere il cadavere se era coperto e quindi chiamare i carabinieri?
(come in tutti gli altri casi successi in questi anni è presumibile pensare che non si arriverà mai ad individuare chi ha chiamato i soccorsi).
C'è ancora confusione sull'orario dell'individuazione del cadavere.Chi dice alle 6 di mattina, chi dice alle 8. Confused
Conny75 - Mar Nov 06 2012, 10:42:15
Oggetto:
La mdre della ragazza si chiama Rosella ed il corpo è statao ritrovato sulla spiaggia che in estate è lo stabilimento balenare "Rosa dei Bventi" ......stranissimo o chiarissimo per meglio dire....
Rinoceronte78 - Mar Nov 06 2012, 11:17:50
Oggetto:



Rinoceronte78 - Mar Nov 06 2012, 11:22:46
Oggetto:
delle analogia anche se vaghe potrebbero esserci col film
+C.S.P.B.+ - Mar Nov 06 2012, 14:24:25
Oggetto:
Conny75 ha scritto:
La mdre della ragazza si chiama Rosella ed il corpo è statao ritrovato sulla spiaggia che in estate è lo stabilimento balenare "Rosa dei venti" ......stranissimo o chiarissimo per meglio dire....


Se qualcuno lo avesse dimenticato, anche sul luogo del delitto di Melania Rea era presente una rosa dei venti
gmollavv - Mar Nov 06 2012, 14:26:44
Oggetto:
a proposito di laghi...il mistero che circonda questa morte mi ricorda un delitto irrisolto sul lago Albano(anche detto di Castel Gandolfo), l'omicidio di Antonietta Longo...


Anonymous - Mar Nov 06 2012, 15:00:19
Oggetto:
+C.S.P.B.+ ha scritto:
Conny75 ha scritto:
La mdre della ragazza si chiama Rosella ed il corpo è statao ritrovato sulla spiaggia che in estate è lo stabilimento balenare "Rosa dei venti" ......stranissimo o chiarissimo per meglio dire....


Se qualcuno lo avesse dimenticato, anche sul luogo del delitto di Melania Rea era presente una rosa dei venti




coincidenze?


funerali alla stessa ora e allo stesso giorno sia dela vittima di Bracciano che di un generale (implicato nel golpe Borghese/rosa dei venti) Exclamation

Per la la Rea qualcosa avevano a che fare i militari considerato che il marito era istruttore di reclute, Non si capisce ancora che cosa abbiano a che fare i militari con la morte di una sedicenne (anche se nelle vicinanze del ritrovamento del cadavere esiste il museo dell'aviazione che di fatto appartiene al ministero della difesa) a Bracciano.
.......

Le analogie di questo caso con il film sono veramente molte.
Prima di tutto bisogna capire da chi è stato trovato il cadavere,a che ora e capire se è stata la prima persona a notare il cadavere e questo sarà assolutamente difficile (vedi caso Rea) e poi capire se non è stato preso niente dal luogo del delitto prima di andare a scandagliare il lago alla ricerca di oggetti della vittima.
Il telo bianco cha copriva il corpo è presumibilmente un lenzuolo grande (chi mai poteva avere quel telo da quelle parti?)
Da notare la frase finale del filmato.....metterla in quella posizione deve essere stata una fatica....qua ci sono di mezzo i sentimenti...chiunque l'ha messa in quella posizione le voleva bene.
Mantenos - Mar Nov 06 2012, 15:45:01
Oggetto:
guardate lo avevo evidenziato anche io. Il giorno della notizia della morte della povera rgazza coincide con quella di Pino Rauti, coinvolto come sappiamo nelle trame nera della prima repubblica (Ordine Nuovo). Questa pista mi convince di più.




Si tratta di capire se questo è linguaggio o sincronicità.
Le cose sono diverse. Il primo indica un intenzione da parte degli "attori".

La seconda indica un senso più metastorico alla vicenda che magari non ha niente a che fare con la Rosa dei Venti e che pure la riconduce attraverso qualche contatto a questa.

Non dimentichiamo che esiste una forte presenza dei militari in questa vicenda, al di la della conclusioni di Paolo Ferraro. E se tutto questo fosse un consolidamento del potere Militare prossimo?

Attraverso le conclusioni di Paolo Franceschetti, e del sito RosaRossa, sappiamo che esiste un punto in comune (nononstante le teorie che divergono di molto).

ESISTONO REPARTI SPECIALI PIU O MENO UFFICIALIZZATI (POSEIDON PER ESEMPIO SONO I SOMMOZZATORI/ACQUA) CHE COMPIONO QUESTI DELITTI E POI SPARISCONO ALLA MERCE DI QUALCHE SETTA/MASSONERIA/FINANZIAMENTO NON MEGLIO IDENTIFICATO. QUESTO SECONDO ME E' IL PIANO DI LETTURA. MELANIA REA, ROBERTA RAGUSA, FRANZONI, LA COPPIA NEL NORD DI ITALIA, FEDERICA, YARA, SARA... SONO EVIDENTEMENTE LEGATI ALLO SCOPO PER ORA POCO CHIARO DI QUESTO REPARTO O REPARTI..
Anonymous - Mar Nov 06 2012, 17:09:20
Oggetto:
Citazione:
guardate lo avevo evidenziato anche io. Il giorno della notizia della morte della povera rgazza coincide con quella di Pino Rauti, coinvolto come sappiamo nelle trame nera della prima repubblica (Ordine Nuovo).

Pino Rauti è morto il 2 novembre e non il primo novembre.


il funerala della sedicenne invece coincide ora e giorno proprio con il generale implicato nella cosidetta rosa dei venti (golpe Borghese).
*********
In questa vicenda dicono e scrivono cose che poi vengono smentite.
Il fidanzatino che i genitori non volevano al funerale, al funerale c'era.



ma pare che invece sia un altro ragazzo .... non il fidanzato



ANGUILLARA - Si sono conclusi intorno alle 16.40, nella chiesa parrocchiale Regina Pacis ad Anguillara Scalo, i funerali di Federica Mangiapelo, la 16enne trovata morta sulle rive del lago di Bracciano lo scorso 1 novembre. Ttra lacrime e abbracci, la comunità di Anguillara Sabazia si è stretta intorno ai familiari nel giorno delle esequie. Momenti di tensione per la presenza tra la folla di un ragazzo inizialmente scambiato per il fidanzato Marco, il 22enne che la notte tra mercoledì e giovedì aveva accompagnato Federica in auto fin quasi al paese, dopo una festa in discoteca. Il giovane in chiesa sarebbe invece un altro ex fidanzato della vittima.
[....]
quindi adesso siamo a quota due fidanzati Confused
legionario - Mar Nov 06 2012, 17:25:32
Oggetto: ...coincidenze
proviamo ancora ad effettuare correlazioni..

nel film "la ragazza del lago" il protagonista si chiama Giovanni Sanzio. (vale a dire San Giovanni così come indica il significato del cognome.)

A lodi viene ucciso il Carabiniere Giovanni Sali in via del Tempio...

il cartello che indica il chiosco/stabilimento sul lago "La Rosa dei Venti" utilizza esattamente gli stessi caratteri della casa di riposo omonima ubicata a poche centinaia di metri da lì.

il sito che vi indicavo nel precedente intervento (http://www.alloggirosadeiventi.com/ ) ha nella home page una grande e bella rosa rossa, che almeno teoricamente non avrebbe nulla a che fare con i venti);

nelle immagini di chi l'ha visto durante il sopralluogo dove fu uccisa Melania Rea c'era un bel mosaico raffigurante la rosa dei venti..

non so voi, mi sfuggono ancora troppe cose
Anonymous - Mar Nov 06 2012, 17:38:06
Oggetto:
Citazione:

non so voi, mi sfuggono ancora troppe cose


le cose che sfuggono sono le cose non raccontate o che non sappiamo.

Per esempio qui:

Quella sera Federica l'aveva trascorsa in un locale a La Storta col fidanzato, Mauro De Mauro, 18 anni, e un amico del fidanzato. Nel locale avevano incontrato altri amici ma, verso le due, i tre sono tornati verso casa. La coppia, che stava insieme da un anno circa, una relazione burrascosa non approvata dai genitori della giovane, ha avuto una discussione e lei, arrivati ad Anguillara, ha chiesyo al ragazzo di lasciarla in centro. Voleva farsi un giro da sola per "beccare qualche amica in giro". Lui l'ha lasciato ed è tornato a casa, a Formello. Alle quattro del mattino ha scritto su Facebook che gli è dispiaciuto discutere con lei. Ma Federica non leggerà mai quel messaggio.



qui il fidanzato ha 18 anni e si chiama Mauro de Mauro e ha un amico. I tre vanno in giro insieme a quanto pare ..... Ma chi è sto amico? e perchè la ragazzina deve beccare qualche amica in giro?
Question

Sfugge anche capire come mai la ragazzina non si ribellasse a quel fidanzato violento
e anche perchè nel video di sky24 (post sopra) qualcuno dice che la ragazzina aveva delle strane frequentazioni Cool

In questa fotogallery

la collanina ha come pendente la foglia di marjuana.
Rinoceronte78 - Mar Nov 06 2012, 18:04:07
Oggetto:


VITERBO - Si sono conclusi, nella chiesa della Regina Pacis di Anguillara Scalo, a nord di Roma, i funerali di Federica, la ragazza di 16 anni trovata morta la mattina del primo novembre su una spiaggia di Vigna di Valle. La messa funebre è stata concelebrata dal vescovo di Civita Castellana Romano Rossi e da quasi tutti i parroci del circondario. La chiesa non è riuscita a contenere tutte le persone che hanno preso parte ai funerali, tanto che moltissime sono rimaste all'esterno. Quasi tutti i fedeli avevano in mano una rosa bianca. Palloncini bianchi erano attaccati con un filo al carro funebre. Su uno, a forma di cuore, la scritta 'Federica'.

Un parente di Federica, all'uscita dalla chiesa, ha spiegato che il giovane preso d'assalto dai fotografi e dai cronisti, era un ragazzo con cui Federica era stata fidanzata alcuni anni fa, quando frequentava le scuole medie. Durante la messa, ragazzi, ragazze e le amiche della madre hanno letto dei messaggi rivolti alla giovane: "Non ti dimenticheremo mai", "Eri speciale, anche se qualche volta ci facevi arrabbiare". Poi è iniziato il lungo pellegrinaggio verso il cimitero, con il paese immerso nel silenzio, rotto solo dai rintocchi della campana. Carabinieri e gli agenti della polizia locale hanno, con discrezione, seguito il feretro.

Il sindaco di Anguillara Francesco Pizzorno ha proclamato una giornata di lutto cittadino per i funerali di Federica. I negozi restano chiusi per tutta la durata dei funerali e le bandiere sugli edifici pubblici sono a mezz'asta. Un testimone, poco dopo le tre de mattino del primo novembre, avrebbe visto Federica camminare da sola, sotto la pioggia, sul lungolago di Anguillara Sabazia. Sempre secondo la testimonianza, non confermata né smentita dagli investigatori, la ragazza era diretta verso Vigna di Valle, cioé la località in cui, poche ore dopo, è stato trovato il suo cadavere, disteso sulla riva del lago di Bracciano. Sola per sessanta minuti, poi il vuoto, il silenzio e la morte. La chiave del giallo è tutta lì, in quell'ora che Federica ha trascorso chissà come e chissà con chi, dopo la festa e il litigio con il suo fidanzato. E sono due, a questo punto, i filoni d'indagine battuti dai carabinieri per far luce sulla morte della ragazza di 16 anni trovata senza vita su una spiaggia del lago di Bracciano: riempire il vuoto temporale, circa 60 minuti, che va dalle 3, ora in cui, dopo un litigio, è stata lasciata dal fidanzato sulla piazza di Anguillara Sabazia, alle 4, ora presumibile del decesso; accertare se la ragazza abbia ingerito alcol o altre sostanze nel locale in cui è stata la notte di Halloween, fino alle 2,30 circa. E se dagli esami tossicologici e istologici, che saranno a disposizione degli investigatori tra un paio di settimane, dovesse emergere che l'alcol o altre eventuali sostanze abbiamo contribuito a causare il decesso, potrebbe scattare l'accusa di cessione a minorenne e, quindi, di morte conseguente ad altro reato. Intanto gli investigatori hanno appurato che il fidanzato non era positivo al narco-test.

Secondo i medici legali che ieri hanno effettuato l'autopsia la giovane e' morta per cause naturali. I periti si sono riservati di comunicare se le cause naturali siano state indotte dall'assunzione di qualche sostanza. I medici non hanno riscontrato alcun segno di violenza. I periti si sono riservati di indicare, dopo l'esecuzione degli accertamenti tossicologici, le esatte cause del decesso. Federica non è neppure affogata e solo gli ulteriori accertamenti di laboratorio potranno dire cosa abbia provocato l'arresto cardiocircolatorio. Escluso anche che la giovane possa essere caduto dall'alto, in quanto sul suo corpo non è stata riscontrata nemmeno un'escoriazione o una contusione. L'ora presumibile della morte è stata indicata intorno alle 4 del mattino, cioé circa un'ora dopo che la giovane era stata lasciata dal fidanzato nella piazza principale di Anguillara Sabazia.
Disorder - Mer Nov 07 2012, 10:20:06
Oggetto:
Salve ragazzi, sto leggendo con grande interesse le vostre analisi Smile


Bellino il titolo dell'articolo dell'Ansa postato da Rinoceronte78:

"ROSE BIANCHE E FOLLA GIOVANI PER FUNERALI FEDERICA"
Anonymous - Mer Nov 07 2012, 17:49:22
Oggetto:
ROMA - Proseguono le indagini per fare luce sulle ultime ore di vita di federica Mangiapelo, la sedicenne trovata morta in riva al lago la mattina dell'1 novembre sul litorale Vigna di Valle. Intanto l'auto del Marco Di Muro, il fidanzato di Federica verrà esaminata dal Ris, il Reparto Investigazioni Scientifiche di Roma dei Carabinieri secondo quanto apprende l'Adnkronos. L'auto è stata utilizzata da Di Muro la notte della morte della giovane.

La vettura, un'utilitaria di colore blu, sarà ora sottoposta ad una serie di controlli ed accertamenti per il rilevamento delle impronte digitali, di campioni di dna e di ogni altro possibile reperto utile alle indagini. L'automobile era stata sequestrata dai carabinieri il giorno stesso della morte della giovane.

Si cerca la borsa di Federica. Proseguiranno anche nei prossimi giorni le immersioni dei sommozzatori per scandagliare i fondali della costa del lago di Bracciano. Non si esclude infatti che la borsetta di Federica, non ancora trovata, possa essere stata portata via dalla risacca delle onde del lago, le stesse onde che lambivano il corpo della sedicenne il giorno del ritrovamento.

Il testimone. Continuano anche le verifiche da parte gli investigatori sul racconto fatto dal nuovo testimone che avrebbe visto la giovane viva dopo le tre del mattino: «Camminava sul lungolago. Era da sola».
Mercoledì 07 Novembre 2012 - 12:53 Ultimo aggiornamento: 16:24


NAJLA - Mer Nov 07 2012, 19:26:25
Oggetto:
Un atto dovuto. D'altronde su qualcuno devono pur indagare se vogliono far vedere che si muovono ma...
Sicuramente DNA della ragazzina in auto c'è: impronte digitali, capelli, saliva e altro.
Sarebbe solo strano trovare nel portabagagli tracce di saliva o altro della ragazza ma anche questo può trovare giustificazione.
Tracce di droga? anche questo non dimostrerebbe nulla in merito alla morte di Federica.
Sarei tanto curiosa di sapere che altro cercheranno invece sul luogo del ritrovamento, sul tragitto che un testimone dice di aver visto fare alla ragazza alle tre di notte (certo che se vedi una ragazza a piedi di notte che và al buio, sotto la pioggia, verso Vigna di Valle non ti viene in mente di fermarti a chiedere se ha bisogno di aiuto o chiamare i Carabinieri: devi essere un senza coscienza).
Cercare ogni testimone tra tutte le auto che possono essere passate sulla via Anguillarese a quell'ora, fare una battuta a tappeto sulle case ed i boschi limitrofi...
E poi non capisco il fatto che i genitori dicono di essere andati in Caserma a denunciare il ragazzo per maltrattamenti ed i Carabinieri non ne sanno niente? Quando ti presenti dai Carabinieri per esporre una preoccupazione su una persona che maltratta tua figlia minore, compili almeno un esposto! A seguito dell'esposto il maltrattatore viene chiamato in Caserma e redarguito sul comportamento che stà tenendo facendogli anche capire che può incorrere in una denuncia per stalking.
E comunque è ben strano che lo denunciano e poi lo fanno venire a casa a prendere Federica!
Non torna nulla in questa storia ed ho la sensazione che avremo un colpevole senza "il colpevole".
Voglio seguire questa sera "Chi l'ha Visto" perchè ne parleranno: vediamo se anche loro saranno al seguito di queste semi-verità o avranno altro!

Rinoceronte78 - Mer Nov 07 2012, 20:00:30
Oggetto:

Anonymous - Mer Nov 07 2012, 20:05:02
Oggetto:
« A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire »
(Guglielmo di Occam)


in quali locali è stata vista la vittima quella sera e con chi?
possibile che non ci sia certezza nemmeno su questo punto?

Ad Avetrana dopo che tutti sapevano come era vestita Sarah si è scoperto che a madre non sapeva nemmeno l'ora che era uscita e come era vestita.
La madre di Federica dice che non le era stato detto in quali locali andava la figlia minorenne.
Probabilmente non ha visto nemmeno con chi stava andando quella sera.

Le denunce di maltratamenti non sono mai state fatte e per questo non si capisce l'astio dei genitori contro il ragazzo incirminato dopo che lasciavano andar con lui la figlia minorenne. Prima di andare a denunciare la scomparsa delle figlia dovevano prima farsi spiegare dal ragazzo come erano andate le cose.


qui video interessante

tratto da:

david.fanton - Mer Nov 07 2012, 22:36:10
Oggetto:
Un'altra ricostruzione dei fatti .

Festino tra ragazzi . Si sono procurati strumenti per sballarsi ,tipo ecstasy liquida (GHB,GLB). La fanno assumere alla ragazza inconsapevole . Gli effetti della sostanza sono soggettivi : in dose alta sono sonnolenza, assenza di capacità di reazione , per alcuni soggetti puo' portare collasso e successiva morte (la ragazza aveva sofferto di una forma di epilessia in passato era soggetto a rischio).Ricoldo che la dose letale puo' essere anche di 2ml e si va in overdose.
A quel punto scatta il panico tra i presenti alla festa dove probabilmente era presente il fidanzato. Verificato il decesso la portano in spiaggia e la lasciano li.
una a telecamera ha dimostrato che di li non e' arrivata a piedi .

L'unica cosa che puo rivelare se il GHB o il GLB sono causa della morte e' una accurata autopsia: ma se hanno fatto l'esame del sangue a questo il GHB e il GLB sfuggono perche' come si e' detto sono rilevabili solo nelle urine e nell'umor vitreo (dove si depositano) con appositi esami .

(ipotesi considerata anche nel caso dell'omicidio di Melania Rea,l'intossicazione da GHB o GLB che avrebbe portato ad una perdita di coscienza prima dell'omicidio
Mantenos - Gio Nov 08 2012, 00:53:37
Oggetto:
una riflessione sempre ipotetica che rimanderebbe ad un linguaggio tra le parti. Tutto parte dal PELO. In esoterismo non esistono riferimenti precisi. Ma esiste il proprietario del Pelo che non perde il vizio (dunque il lupo/lupi continuano la loro opera). Il lupo mangia la piccola vittima (capuccetto Rosso).

Non solo con un ricerca immediata ho trovato nelle note di questo libro sulla massoneria il significato di LUPO/WOLF. Ovvero: Gilfo questo nome viene dal tedesco wolf che significa lupo cioe iniziato (in riferimento alla storia del Re Svevo).




la storia di riferisce al mito di ASGARD


Nel dizionario teosofico si può leggere

Citazione:
ASGARD (Scand.) - Il regno e il luogo di dimora degli dei Norvegesi, l’Olimpo Scandinavo;
situato “più in alto della Dimora degli Elfi di Luce”, ma sullo stesso piano di Jotunheim,
la casa degli Jotuns, i giganti crudeli iniziati nelle arti magiche, sempre in guerra con gli
dei. È evidente che gli dei di Asgard sono l’equivalente dei Sura (dei) Indiani e gli Jotun degli
30 Asura, ed entrambi rappresentano i poteri conflittuali della natura - benefici e malefici. Sono
anche prototipo degli dei e dei Titani Greci.


CON QUESTA CHIAVE, "LUPO" E RICERCHE IN LARGO E LUNGO SI POSSONO PORTARE A CONCLUSIONE ALCUNE COSE, FORSE (nel dizionario teosofico esiste pure una voce ZIO che lega la vicenda ad Asgard). Dunque esiste un pista da battere che invito a esplorare. Asgardo è una citta DIVINA con alte MURA (DI MURO).




Non solo ma il LUPO è anche CANE e insieme sono sempre indicativi di una relazione simbolica con SIRIO che a sua volta richiama il PENTALFA (LE CINQUE CROCI). Il pelo 8 (parte del suo cognome) è un link probabilmente. E se logica dei ritualei è spiegata come quella dei crimini seriali, allora stai a vedere che qualcosa nella trachea o nello stomaco deve aver avuto questa ragazza (la bocca come elemento entrante era forte come asse astrologico - vedi post precedenti).

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


la stella del lupo


è tutto molto da studiare...
lupi travestiti da pecora

( i neri che si fingono bianchi )
qualcuno dentro la Santa Sede che è superSatanista?

Ma forse potrebbe essere tutto più semplice (quella data, però...)
giuseppina panda - Gio Nov 08 2012, 11:00:55
Oggetto:
Ieri alla Vita in Diretta una suora, suor Myriam Castelli, ha fatto una dichiarazione molto forte. Ha paragonato Federica a un bocciolo di rosa colto sul nascere, che si affacciava a una vita che le si presentava difficile e oscura. Oltre alla rosa, la suora ha citato due simboli: la notte e la luna. La luna puo' rappresentare Iside, la luce riflessa. Se volete ascoltarvi la registrazione, e' al minuto 01:55:14 sul sito rai replay. Sul simbolo del lupo, vorrei ricordare gli omicidi di lignano (=lupignanum) e montelupone.
Mantenos - Gio Nov 08 2012, 11:34:43
Oggetto:
Lupo rito luna e Plenilunio: come la notte del delitto. Sono le basi delle ritualità.
Anonymous - Gio Nov 08 2012, 14:44:10
Oggetto:
proprio adesso a tgcom24 danno la notizia che la ragazza non poteva essere portata in macchina fin sulla riva del lago. Esiste una staccionata sulla strada che impedisce alle auto di entrare in riva al lago.
L'ipotesi che sia stata trasportata in barca da una sponda all'altra del lago non sarebbe da scartare alla luce di questi fatti.


Spunta anche una testimone

che ha la stessa età della vittima. Ma i maggiorenni perchè non parlano?
daimatone - Gio Nov 08 2012, 15:45:58
Oggetto:
Rinoceronte78 ha scritto:
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2012/11/01/Ragazza-16-anni-trovata-morta-spiaggia-lago-Bracciano_7726693.html

VITERBO - Si sono conclusi, nella chiesa della Regina Pacis di Anguillara Scalo, a nord di Roma, i funerali di Federica, la ragazza di 16 anni trovata morta la mattina del primo novembre su una spiaggia di Vigna di Valle.

PRIMO ELEMENTO: VIGNA DI VALLE



La messa funebre è stata concelebrata dal vescovo di Civita Castellana Romano Rossi


SECONDO ELEMENTO: ROMANO ROSSI

e da quasi tutti i parroci del circondario. La chiesa non è riuscita a contenere tutte le persone che hanno preso parte ai funerali, tanto che moltissime sono rimaste all'esterno. Quasi tutti i fedeli avevano in mano una rosa bianca. Palloncini bianchi erano attaccati con un filo al carro funebre. Su uno, a forma di cuore, la scritta 'Federica'.

Un parente di Federica, all'uscita dalla chiesa, ha spiegato che il giovane preso d'assalto dai fotografi e dai cronisti, era un ragazzo con cui Federica era stata fidanzata alcuni anni fa, quando frequentava le scuole medie. Durante la messa, ragazzi, ragazze e le amiche della madre hanno letto dei messaggi rivolti alla giovane: "Non ti dimenticheremo mai", "Eri speciale, anche se qualche volta ci facevi arrabbiare". Poi è iniziato il lungo pellegrinaggio verso il cimitero, con il paese immerso nel silenzio, rotto solo dai rintocchi della campana. Carabinieri e gli agenti della polizia locale hanno, con discrezione, seguito il feretro.

Il sindaco di Anguillara Francesco Pizzorno ha proclamato una giornata di lutto cittadino per i funerali di Federica. I negozi restano chiusi per tutta la durata dei funerali e le bandiere sugli edifici pubblici sono a mezz'asta. Un testimone, poco dopo le tre de mattino del primo novembre, avrebbe visto Federica camminare da sola, sotto la pioggia, sul lungolago di Anguillara Sabazia. Sempre secondo la testimonianza, non confermata né smentita dagli investigatori, la ragazza era diretta verso Vigna di Valle, cioé la località in cui, poche ore dopo, è stato trovato il suo cadavere, disteso sulla riva del lago di Bracciano. Sola per sessanta minuti, poi il vuoto, il silenzio e la morte. La chiave del giallo è tutta lì, in quell'ora che Federica ha trascorso chissà come e chissà con chi, dopo la festa e il litigio con il suo fidanzato. E sono due, a questo punto, i filoni d'indagine battuti dai carabinieri per far luce sulla morte della ragazza di 16 anni trovata senza vita su una spiaggia del lago di Bracciano: riempire il vuoto temporale, circa 60 minuti, che va dalle 3, ora in cui, dopo un litigio, è stata lasciata dal fidanzato sulla piazza di Anguillara Sabazia, alle 4, ora presumibile del decesso; accertare se la ragazza abbia ingerito alcol o altre sostanze nel locale in cui è stata la notte di Halloween, fino alle 2,30 circa.


TERZO ELEMENTO: l'ORA: SARA' MORTA ALLE 3.33...



E se dagli esami tossicologici e istologici, che saranno a disposizione degli investigatori tra un paio di settimane, dovesse emergere che l'alcol o altre eventuali sostanze abbiamo contribuito a causare il decesso, potrebbe scattare l'accusa di cessione a minorenne e, quindi, di morte conseguente ad altro reato. Intanto gli investigatori hanno appurato che il fidanzato non era positivo al narco-test.

Secondo i medici legali che ieri hanno effettuato l'autopsia la giovane e' morta per cause naturali. I periti si sono riservati di comunicare se le cause naturali siano state indotte dall'assunzione di qualche sostanza. I medici non hanno riscontrato alcun segno di violenza. I periti si sono riservati di indicare, dopo l'esecuzione degli accertamenti tossicologici, le esatte cause del decesso. Federica non è neppure affogata e solo gli ulteriori accertamenti di laboratorio potranno dire cosa abbia provocato l'arresto cardiocircolatorio. Escluso anche che la giovane possa essere caduto dall'alto, in quanto sul suo corpo non è stata riscontrata nemmeno un'escoriazione o una contusione. L'ora presumibile della morte è stata indicata intorno alle 4 del mattino, cioé circa un'ora dopo che la giovane era stata lasciata dal fidanzato nella piazza principale di Anguillara Sabazia.



QUARTO ELEMENTO: OVVIAMENTE, IL GIORNO
QUINTO ELEMENTO: OVVIAMENTE, IL LUOGO

CONCLUSIONI: E' UN DELITTO RITUALE, ASSOLUTAMENTE
Mantenos - Ven Nov 09 2012, 00:39:22
Oggetto:
Romano Rossi.... il lupo travestito da pecora?
chi è costui?

Mantenos - Ven Nov 09 2012, 00:58:04
Oggetto:



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Citazione:
assistente nazionale della branca Esploratori e Guide dell'Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani (AGESCI)



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!







CROCI, STELLE A CINQUE PUNTE E GIGLIO...
Negli scout, dove ci sono gli Esploratori le Guide e i Lupetti

[url][/url]

un po compagno di merende, sembra... per carità, non voglio fare processo alle apparenze. Magari stiamo di fronte ad santo vero. Ma il caso sincronico mostra l'intervistatore (Giorgio Delle Rose... ) Ma allora lo fate apposta!"
desperada74 - Ven Nov 09 2012, 09:57:38
Oggetto:
Divina commedia : Inferno XIII canto

Pier della Vigna nella selva dei suicidi: " Io son colui che tenni ambo le chiavi
del cor di Federigo, e che le volsi,
serrando e diserrando, sì soavi,
che dal secreto suo quasi ogn'uom tolsi:
fede portai al glorïoso offizio,
tanto ch'i' ne perde' li sonni e ' polsi."

Commento : "Io son colui che tenne nelle mani il cuore di
Federico II, il grande imperatore svevo.
Io lo indussi ad operare secondo il mio volere
e tenni le chiavi del suo cuore portandolo nell'errore,
facendo e disfacendo a mio piacere, con saper fare "soave",
subdolo, mellifluo, tanto che dal segreto del suo cuore,
dal profondo cioé dei suoi sentimenti affettivi
ogni uomo tolsi e lui rimase solo, in balìa del mio volere
che seguiva fedelmente il pensiero della Chiesa.
In tal modo io "fede portai al glorioso offizio" di quella religione,
così che ne perdetti "li sonni e ' polsi" la pace e la vita.
Ed eccomi ora qui a penare in questo tronco amaro.

Ma c'è molto di più, nella simbologia di questo canto si allude alle "chiavi" , in quanto Pier della Vigna è colui che viene indicato come il custode dei segreti di Federico II , quindi diviene simbolicamente il possessore delle "chiavi".
Benvenuto Rambaldi nel commentare questo canto della "Divina Commedia", rivolgendosi a Pier della Vigna lo chiama "Petrus", che nella tradizione cristano -cattolica è identificato come colui che detiene le chiavi del " Paradiso"...
Ho notato che negli ultimi giorni spesso si è fatto riferimento alle "chiavi" che Federica possedeva, le chiavi di casa della mamma e quelle della casa del papà, ora che senso avrebbe sottolineare le "chavi"??? Che utlilità ha ai fini delle indagini ???
Ma, forse queste famose "chiavi" devono semplicemente "veicolare" un messaggio ben preciso.....

e per usare il "linguaggio di "Rambaldi :

"Cuius singularis familiaritatis apud imperatorem fuit hoc mirabile signum,
quod in neapolitano palatio effigiatus
erat imperator et Petrus: unus in solio, alter in sede"...





però..... uhm ..."gossipando" una leggenda narra di un bambino di nome -Giorgio- che avrebbe sangue blu..... costui indosserebbe anche il "grembiulino"..... tra i più è noto come "RE"......

Ma sì avete ragione , sono fuori come un balcone..... Mr. Green Mr. Green Mr. Green
Anonymous - Ven Nov 09 2012, 10:02:38
Oggetto:
ROMA – Marco Di Muro è chiuso in casa, i genitori hanno staccato il telefono e persino il citofono. Nemmeno i vicini o il datore di lavoro del cameriere 23enne fidanzato di Federica Mangiapelo dicono nulla. Un silenzio reso ancora più angosciato dalla recente iscrizione nel registro degli indagati per “morte in conseguenza di altro reato”. Un atto dovuto, ha specificato la procura, per poter approfondire le indagini.

Il cronista di Repubblica però riesce a scambiare qualche parola con la mamma di Marco, la signora Giovanna Aprile:

“Marco non può e non vuole parlare. E neanche noi possiamo dire qualcosa di più fino a che ci sarà un’inchiesta in corso sul suo conto, soprattutto dopo le ultime novità (l’iscrizione sul registro degli indagati per morte in conseguenza di altro reato, ndr)
. Per questo non rispondiamo neanche più al telefono e abbiamo staccato il citofono. Soltanto quando questa brutta storia sarà finita potremo parlare. A quel punto racconteremo tutto quello che abbiamo passato come famiglia in questi giorni”.

“Mio figlio è addoloratissimo per la sua fidanzata, come tutta la nostra famiglia. Spesso Federica passava i suoi pomeriggi da noi. Ormai era una di casa“.



PS- desperada,
Ho notato che negli ultimi giorni spesso si è fatto riferimento alle "chiavi" che Federica possedeva, le chiavi di casa della mamma e quelle della casa del papà, ora che senso avrebbe sottolineare le "chavi"??? Che utlilità ha ai fini delle indagini ???
chi è che fa specificamente riferimento alle chiavi?
Nessuna notizia riporta questa ricerca
desperada74 - Ven Nov 09 2012, 10:05:55
Oggetto:
ops .... dimenticavo questo link........


Mr. Green Mr. Green Mr. Green
Anonymous - Ven Nov 09 2012, 10:28:37
Oggetto:
la chiave sta nella



Per fiction (termine inglese, letteralmente in italiano "finzione", dal latino fingere, "formare", "creare") si intende la narrazione di eventi immaginari, in netto contrasto con la narrazione di eventi reali.

Una larga parte dell'attrattiva della fiction è l'abilità di evocare l'intero spettro delle emozioni umane
: per distrarre la mente, dare la speranza in momenti di sconforto, far ridere, o lasciare esperienze empatiche senza attaccamento. Le fiction – nelle forme narrative di romanzi, racconti, novelle, favole, fiabe, film, fiction televisive, fumetti, cartoni animati, videogiochi – possono essere in parte basate su fatti reali, ma contengono sempre elementi immaginari.

Il termine fiction è spesso utilizzato come sinonimo di narrativa e più specificamente di prosa narrativa. In questo senso, fiction si riferisce solo a romanzi o racconti ed è spesso divisa in due categorie: narrativa di genere (ad esempio, fantascienza o noir) e narrativa letteraria (ad esempio Marcel Proust o Luigi Pirandello).

La finzione è parte fondamentale della cultura umana, e l'abilità di creare opere di immaginazione e altri lavori artistici è frequentemente citata come una delle caratteristiche che definiscono l'umanità.


Lasciando da parte l'immaginazione non c'è stato dato nulla di concreto per capire qualcosa di specifico su questo caso (come in molti altri).Se non ci sono certezze continuamo solo una fiction che altri stanno costruendo ad arte
I dati dell'autopsia non sono stati forniti, non sappiamo se esistono i testimoni, non si conoscono nemmeno gli orari (tantomeno quella della morte della vittima) e il ragazzo e la famiglia non possono e non vogliono parlare.
Certamente fra poco a porta a porta ci sarà il plastico del lago con gli espertoni pronti a dirci di tutto e di più, ma senza mai dire nulla che porti a trovare il colpevole.
desperada74 - Ven Nov 09 2012, 10:38:18
Oggetto:
PS- desperada,
Ho notato che negli ultimi giorni spesso si è fatto riferimento alle "chiavi" che Federica possedeva, le chiavi di casa della mamma e quelle della casa del papà, ora che senso avrebbe sottolineare le "chavi"??? Che utlilità ha ai fini delle indagini ???
chi è che fa specificamente riferimento alle chiavi?
Nessuna notizia riporta questa ricerca[/quote]


Haiku.. nello specifico chiavi casa mamma e papà è stato sottolineato nei 2 talk-show nazional-popolari (vita in diretta e dalla D'urso).....

ma se leggi con attenzione troverai ricorrente in molti articoli la parola "chiave"...esempio: La chiave del giallo è nel lago..... ma molti altri....


prova a digitare su google :chiave del giallo.......

cmq Vigna.... chiave.... ecc... sono "riferimenti".... come ho spiegato nel mio post precedente......
Anonymous - Ven Nov 09 2012, 10:44:11
Oggetto:
Citazione:

Haiku.. nello specifico chiavi casa mamma e papà è stato sottolineato nei 2 talk-show nazional-popolari (vita in diretta e dalla D'urso).....


ah ecco..... come volevo ben dire e ho detto nel post sopra Confused

Si certo tutti parlano di chiavi nel senso che quello che si dove sapere è 'sotto chiave' e che nulla trapela perchè è tutto ben custodito.

E che la fiction continui su tutti i talk show come se la morte fosse una spettacolo e non un delitto da punire.
Orrore
Sad
desperada74 - Ven Nov 09 2012, 10:45:45
Oggetto:
Haiku...... bisogna avere una conoscenza un "tantino" più approfondita riguardo la "ritualità" RosiCruciana......... con questo non sto affermando assolutamente che sono un "guru" o la detentrice della verità assoluta..... però alcuni elementi devono far riflettere.....

il linguaggio dei " simboli"....................
desperada74 - Ven Nov 09 2012, 10:52:13
Oggetto:
Haiku appunto ...
perchè si parla solo di alcuni "casi" in questi talk-show?? eppure di morti "misteriose" ne è piena la cronaca..... perchè solo alcuni creano tanto clamore??

Laughing Laughing Laughing
Anonymous - Ven Nov 09 2012, 10:53:32
Oggetto:
desperada74 ha scritto:
Haiku...... bisogna avere una conoscenza un "tantino" più approfondita riguardo la "ritualità" RosiCruciana......... con questo non sto affermando assolutamente che sono un "guru" o la detentrice della verità assoluta..... però alcuni elementi devono far riflettere.....

il linguaggio dei " simboli"....................


stai parlando di ritualià rosacrociana come se fosse conclamato (senza indizi certi nemmeno in questo caso) che lo è.

Non si tratta di conoscenza ma di sapere esattamente come sono andate le cose.
Se non si ha questa conoscenza altri potrebbero dire che si tratta di altre ritualità
e ognuno avrebbe o ragione o torto.
In questo ambito ambiguo non credo si possa trovare (possibilemnte ) il vero di quanto potrebbe essere successo ma si fa solo una ulteriore confusione con la scusa che si conosce il rituale come se si fosse degli adepti.

Come ho detto prima anche questo potrebbe far parte della fiction a cui qualcuno abilmente sta portando gli altri a credere.Ma in questo modo non si arriva mai da nessuna parte.

Citazione:
Haiku appunto ...
perchè si parla solo di alcuni "casi" in questi talk-show?? eppure di morti "misteriose" ne è piena la cronaca..... perchè solo alcuni creano tanto clamore??

lo costruiscono ad arte i media il clamore. In genere questi casi sono situati in un fazzoletto di terra dove tutti si conoscono. Sorprende che in pochi parlino e dicano quello che sanno.
NAJLA - Ven Nov 09 2012, 16:59:45
Oggetto:
Riparto un attimo da quanto ha scritto Mantenos a proposito del Vescovo Romano Rossi.

Nato il 1° agosto del 1947 a MONTEVARCHI entra nel seminario minore di FIESOLE e viene ordinato sacerdote il 27 Giugno 1971. Per la diocesi di Fiesole è stato quindi vicario parrocchiale a San Giovanni Valdarno fino al 1983. Dal 1983 al 1990 è stato assistente nazionale della branca Esploratori e Guide dell'Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani (AGESCI) e direttore spirituale del Pontificio Seminario Romano Maggiore. Incardinato nella diocesi di Roma il 1º marzo 1990, in quello stesso anno è stato nominato parroco della chiesa romana di Nostra Signora di Coromoto ai Colli Portuensi.
Il 10 dicembre 2007 è stato eletto vescovo di Civita Castellana (in sostituzione di Mons. Zadi DIVO), succedendo a mons. Divo Zadi. Consacrato vescovo il 12 gennaio 2008 nella basilica di San Giovanni in Laterano, è entrato in diocesi il 16 febbraio 2008.
Insomma un TOSCANO DOC.
A poco più di un mese dal suo effettivo insediamento, esattamente 25-26 Marzo 2008, il Vescovo dà notizia di se in modo positivo (ma credo non potesse fare altro visto che veniva chiamato in causa dai giornali). Leggete questa stampa di agenzia:

(DIRE) Roma, 26 mar. – “Con viva soddisfazione, comunichiamo che il Vescovo di Civita Castellana, monsignor Romano Rossi, ha ricevuto le mamme che qualche giorno fa avevano manifestato il desiderio dei loro bambini di celebrare la Prima Comunione in una parrocchia diversa da quella di Rignano Flaminio”. E’ quanto afferma, in una nota, Roberta Lerici, responsabile dei rapporti con le istituzioni dell’Agerif, l’Associazione genitori Rignano Flaminio. “Il Vescovo- spiega ancora Lerici- era venuto a conoscenza della richiesta di un suo interessamento attraverso la stampa, visto che, forse per un disguido, non aveva mai ricevuto la lettera inviatagli dalle mamme dei tre bambini. Monsignor Romano Rossi e’ comunque riuscito a risalire alla loro identita’ e le ha ricevute immediatamente. Nel corso dell’incontro tenutosi questa mattina, ha ascoltato con attenzione i racconti di sofferenza dei bambini fatti dalle mamme e, dimostrando una grande sensibilita’, ha autorizzato i piccoli a ricevere il sacramento della comunione nella chiesa di Sant’Oreste”.


Tutto questo accadeva in quanto il parroco di Rignano Flaminio, Don Henry Rocchi, rifiutava di dare l'autorizzazione per questi bambini in quanto sin da subito egli si schierò dalla parte degli "accusati di abusi sessuali sui bambini dell'asilo Olga Rovere" sino a manifestare sotto il carcere di Regina Coeli. A seguito delle pressanti lamentele delle famiglie il Don Henry è stato trasferito ad una parrocchia a sette chilometri: Calcata.
Ricordiamoci qui che uno degli accusati è il regista televisivo Gianfranco Scancarello, uomo molto vicino al cuore del Vaticano.

Una chiacchierata da bar di questa mattina mi informa che il Vescovo Romano Rossi è tutt'ora a capo di SCOUT (lupetti) e che voleva fare una sede a Rignano Flaminio... forse sono mancati i bambini che volevano fare i "lupetti". Viene descritto come "uno alla mano, pronto alla battuta, sorridente ed affabile" (ed ovviamente ho risposto che mi fido di più dei lupi che ringhiano che di quelli che mi sorridono).
Ma nel discorso ci si è occupati anche dell'avvicendarsi dei parroci di Rignano Flaminio.
Tralasciando Don Vianey, successore di Rocchi, spostato dopo un paio di anni a Morlupo, sono saltate alle mie orecchie due informazioni: a seguire furono insediati nella chiesa di Rignano Flaminio Don Piero e Don Augusto! Tutti e due provenienti dalla diocesi di Anguillara Sabazia... dove è morta Federica.
Don Piero Rongoni pare abbia avuto dei problemi a Rignano e non si sa se per colpa di una donna che lo circuiva (ma potrebbe essere una maldicenza ad arte) o se per problemi con gli "organizzatori civili" dell'andamento della Chiesa. E' stato mandato a dirigere così Bracciano (appena sopra Anguillara come abbiamo visto).
E' rimasto a Rignano invece il giovane Don Augusto Mascagna (legato al gruppo Scout di Anguillara) che pare non sia molto simpatico ad alcune parrocchiane... i suoi saluti puntano ed indugiano troppo spesso sul seno di queste. Ma pare sia anche un pò troppo portato verso i fanciulli a cui rivolge invito ad andare a casa sua a saltare sul letto (per questa info - sentita dalle mie orecchie però - potrei venir fulminata sulla via del ritorno verso casa - Sigh!)

Mantenos, direi a questo punto: chi sono costoro? sono LUPI travestiti da AGNELLI.
A chi ed a cosa è stata sacrificata la vita di Federica?


PS Tanto per ritornare su come la peperonata guardate a Luglio 2013 dove si svolge la prossima manifestazione Giornata Mondiale della Gioventù.
E poi andate sul link che titola: PROGETTO PASTORALE DIOCESANO: "MOSAICO DI PIETRE VIVE" che di "pietre e muri" se ne sente il bisogno!



NAJLA - Ven Nov 09 2012, 17:16:53
Oggetto:
Sono emerse le prime indiscrezioni sugli esami tossicologici su Federica Mangiapelo, la 16enne di Anguillara Sabazia trovata morta a Villa di Vigna, in riva al Lago di Bracciano la mattina del 1 novembre dopo aver passato la notte di Halloween col fidanzato Marco Di Muro. Mentre il cameriere 23enne di Formello, è indagato per la morte della fidanzata, dagli esami tossicologici effettuati sul corpo di Federica è emerso che la ragazzina quella sera non aveva bevuto, ne assunto droghe. Quella sera dunque Federica Mangiapelo non era ubriaca, ne tantomeno drogata, quindi rimane davvero un mistero cosa può esserle accaduto. Secondo gli accertamenti, sembra che la 16enne non sia morta per infarto, ictus o sincope, ne tanto meno è annegata. Quello che sembra certo, è che la ragazzina è stata colta da un malore che ha causato l’arresto cardiocircolatorio fulminante, ma causato da cosa? Ora gli inquirenti stanno indagando anche sulle crisi epilettiche di cui aveva sofferto in passato Federica Mangiapelo, per capire se ci possa essere qualche legame.
Quello che però sembra certo, è che la giovane di Anguillara non può essere arrivata da sola nel luogo in cui è morta. Secondo la ricostruzione del fidanzato Marco Di Muro, la coppia è uscita la sera del 31 ottobre verso le 21, il giovane è andato a prendere Federica ad Anguillara e poi hanno passato la serata in un locale alla periferia nord di Roma da dove sono usciti intorno alle 2,30. Alle ore 3, il ragazzo ha detto di aver lasciato Federica Mangiapelo nella piazza di Anguillara dopo un litigio. Da li in poi il buio. Ora Marco Di Muro è indagato per omissione di soccorso, la famiglia del giovane è chiusa nel suo dolore, hanno persino staccato i telefoni e il citofono. Il 23enne non vuole parlare e tutta la famiglia del ragazzo si è detta disperata per la morte di Federica.
Mantenos - Ven Nov 09 2012, 20:41:14
Oggetto:
Interessantissimo Najla. E per ora non posso che essere d'accordo con te e con questa ipotesi molto "verosimile".

Uso l'intuito e non le argomentazioni. È quasi certo che sta per scoppiare un casino sul fronte pedofilia e abusi. Soprattutto sul fronte clericale.

Sia quelli rituali, che quelli viziosi perversi (esiste in questo una differenza di scopo, per quanto mi ripugna evidenziarlo).

Ed è certo che in Santa Sede si stia preparando una svolta importante (2300 anni di storia l'hanno fatta loro, ecco perchè arrivano sempre in anticipo sullo "spirito" dei tempi). Forse riguarda anche il prossimo cambio della guardia.

Aggiungo: guerra interna a scopo di ricatto e manovre interne. Per cui equivale a dire che lo tengono in "potere". E come lui, molti altri. Chi? Ma naturalmente altri compagni di merenda, pari grado o appena poco sotto. I ricattati, gli ex amici... gli amici degli amici (ricordiamo che Zagami, da cui prendo sempre le distanze, ha scritto cose pesanti su Opus Dei Massimo Introvigne e sulla connection Francia Bruxelles. Gli elementi esposti sono molto pertinenti secondo me)

Se in questi giorni sentiremo di qualche alto prelato suicidato o incidentato li potrebbe esserci qualche cartina tornasole. In ogni parte del mondo, ovviamente.

I cattivi sono tutte queste merde che si sono sporcata la coscienza. Dunque chi si finge pecora, magari il vescovo, e quelli che agiscono per conto di altri, laici, maghi, massoni, ierofanti del cazzo.

Qualcuno sa se esistono nemici storici di questo Romano Rossi? Chi si intende di gruppi interni alla Chiesa? Esistono libri in merito?

Grazie per il tuo contributo, NAJLA. Per quello che mi riguarda, lo apprezzo. Sempre con il beneficio dell'inventario, perchè altro non possiamo fare, almeno fino qui.

Intressante anche il Brasile piuttosto presente in questo caso (e quel Cristo Redentor a forma di croce templare, la dice lunga...).

Se la ragazza ha preso strane sostanze come quelle citate in questo Forum, l'analisi tossicologica è praticamente inutile.
Anonymous - Sab Nov 10 2012, 10:23:27
Oggetto:
Morte Federica, spunta un sms del fidanzato
"Sono tornato a prenderti al lago, ma non c'eri"
La trasmissione "Quarto Grado" su Retequattro rivela l'ultimo messaggio mandato da Marco alla ragazza ma mai arrivato perché il suo cellulare a quell'ora era già spento
foto Facebook



00:10 - Marco Di Muro, il fidanzato di Federica Mangiapelo, la ragazza trovata senza vita sulle rive del lago di Bracciano la notte di Halloween in cui è morta, le ha mandato un sms alle tre di notte. "Sono tornato a prenderti, ma tu non c'eri. Perché te ne sei andata?", si legge. Ma il messaggio non è mai arrivato perché il cellulare della 16enne a quell'ora era già spento. Lo riporta Quarto Grado, in onda su Retequattro.
"Secondo indiscrezioni raccolte - a quanto riferisce una nota della trasmissione - quella notte il fidanzato della ragazza è tornato a casa con gli abiti bagnati e ha chiesto alla madre di lavarli. Inoltre nella mattina in cui la giovane è stata ritrovata morta, il fidanzato pare abbia lavato la macchina nonostante piovesse. Sembra anche che i Ris abbiano isolato nel veicolo di Di Muro un tipo di sabbia compatibile con quella del Lungolago di Vigna di Valle, dove è stata ritrovata la giovane. Il cellulare e lo zainetto di Federica Mangiapelo non sono stati ancora ritrovati", conclude la trasmissione che precisa come quella tragica sera la coppia non abbia abusato di alcol ma abbia condiviso un cocktail chiamato "Blue Angel".



quindi alle tre di notte il fidanzato non l'ha lasciata in piazza ad Aguillara come fin qui detto e scritto ma era ritornato a riprenderla.
Bisogna capire in quale posto era tornato a prenderla e dove l'aveva lasciata prima e soprattutto con chi (e pare che nessuno abbia voglia di dirlo).
Ma i soffermano su particolari meno importanti come i vestiti bagnati e la macchina lavata.
Rinoceronte78 - Sab Nov 10 2012, 11:05:10
Oggetto:
ma non è un caso che si soffermino sui paerticolari secondari...anche se una domanda su questi due particolari bisogna farla..
Perchè lavare la macchina,se piove? Shocked
Thort - Sab Nov 10 2012, 12:50:22
Oggetto:
Beh dipende dal punto di vista, se si conduce un indagine seria tutti i particolari e gli indizi sono ugualmente importanti, credo. Se si conduce un'indagine faziosa, da giornalisti di oggi che puntano allo scoop e non alla verità si mettono in evidenza i particolari che fanno comodo: la sabbia nella macchina, il messaggio che prova che la fidanzata è stata portata al lago dal di Muro, il lavare la macchina per far sparire le prove et voilà: il colpevole è servito. Poi il fatto che un testimone (sembrerebbe) ha visto la poveretta sola che camminava al lago diventa secondario e anche domande più che legittime tipo quelle che si pone haiku o anche "se l'ha portata al lago, perchè? a fare che?ha qualcosa a che vedere con le croci (sempre che siano reali)?" diventano inutili. La mia ingenua speranza è che l'indagine della polizia sia un pochino più seria di quelle giornalistiche...forse troppo ingenua...
Anonymous - Sab Nov 10 2012, 14:37:35
Oggetto:
Rinoceronte78 ha scritto:
ma non è un caso che si soffermino sui paerticolari secondari...anche se una domanda su questi due particolari bisogna farla..
Perchè lavare la macchina,se piove? Shocked


bisogna considerare tutti gli elementi. Sia la famiglia che il (presunto)fidanzato della vittima non rispondono ai giornalisti al telefono e al citofono (link riportato in post sopra).
Come è possibile che siano trapelati i particolari che il ragazzo ha detto alla madre di lavare gli indumenti bagnati e che abbia lavato anche l'auto?
Chi potrebbe aver riferito questi particolari che non sono nemmeno confermati dalla persona interessata?

Per quanto riguarda l'sms inviato è da notare che è stato inviato alle tre (l'ora sull'sms non può esser cambiata) e trapela che la morte della ragazza è stata alle quattro (questo è stato detto giorni fa prima del ritrovamento dell'sms, altri spostano 'orario alle cinque) per cui non si capisce come mai la ragazza non possa averlo ricevuto e perchè abbia staccato il telefono se doveva essere riaccompagnata a casa dal 'fidanzato'e quindi doveva tenersi in contatto per ritornare a casa.
I dati ufficiali dell'autopsia qualcuno li ha visti? (un conto è che trapelino certi dettagli, un altro che siano quelli veri).


****

Sono tornato a prenderti, ma tu non c'eri. Perché te ne sei andata?". E' il testo dell'sms - secondo quanto ha rivelato la trasmissione 'Quarto Grado' su Retequattro - inviato da Marco Di Muro alla fidanzata Federica Mangiapelo, trovata morta sulle rive del lago di Bracciano la notte di Halloween, nella stessa notte in cui è deceduta. Secondo quanto riferisce un comunicato della trasmissione, l'sms sarebbe stato mandato alla ragazza alle tre di notte.

QUARTO GRADO - Secondo indiscrezioni raccolte
- continua il comunicato - "il fidanzato della ragazza è tornato a casa con gli abiti bagnati e ha chiesto alla madre di lavarli. Inoltre, nella mattina in cui la giovane è stata ritrovata morta, il fidanzato pare abbia lavato la macchina nonostante piovesse. Sembra anche che i Ris abbiano isolato nel veicolo di Di Muro un tipo di sabbia compatibile con quella del Lungolago di Vigna di Valle, dove è stata ritrovata la giovane. Il cellulare e lo zainetto di Federica non sono stati ancora ritrovati".

INDAGATO - Marco Di Muro iscritto nel registro degli indagati come atto dovuto che nella propria testimonianza agli inquirenti ha raccontato di aver lasciato Federica sulla piazza di Anguillara intorno alle 2 dopo un litigio. Lei poi gli avrebbe detto che tornava a casa da sola. Ma a casa non ci è mai tornata. Secondo quanto emerso da una testimonianza, ancora non confermata nè smentita dagli investigatori, la ragazza sarebbe stata vista camminare da sola verso il lungo lago, in direzione Vigna di Valle, luogo dove è stato ritrovato il corpo. Il mistero continua ad avvolgere la morte della ragazza. Uniche certezze quelle emerse dall'autopsia.
................


se i due ragazzi hanno avuto un litigio e quindi la ragazza ha detto che andava a casa da sola perchè mai il 'fidanzato' le scriveva che era tornato a prenderla e le chiedeva il motivo per cui se n'era andata?
Resta da capire fino a quando reggerà questa storia e quando qualcuno si deciderà a raccontare quanto successo veramente quella sera.
NAJLA - Sab Nov 10 2012, 18:46:58
Oggetto:
Ciao a tutti voi.
Ieri sera si è occupato anche Quarto Grado della morte di Federica ed è tutto il giorno che ci ripetono su tutti i TG che proprio "grazie alla trasmissione" si è scoperto un SMS che il ragazzo avrebbe inviato: Sono tornato a prenderti, ma tu non c'eri. Perché te ne sei andata?
Ma che bravi! e chi glielo ha riferito?
Una serie di ricostruzioni nella trasmissione che cozzano l'una con l'altra.
Ma a parte questo interessante il fatto che Picozzi dica che potrebbe aver ingerito sostanze che non vengono fuori con l'autopsia: sveglio!
Poi la sempre sorridente (ma che c'è da ridere su certe tragedie) giornalista scrittrice Cinzia Tani ci informa che sà qualcosa di medicina, avendone parlato con un suo amico, che segnala "l'ipercinetica ventricolare destra che non viene rilevata con l'autopsia"!!
Ma ultimamente chi stupisce è MELUZZI che esce sempre fuori dal coro parlando di "satanismo".
Tant'è che segnala una località (secondo lui conosciuta anche dagli inquirenti - leggi qui
e qui
) in cui si svolgono riti satanici. Si tratta di "Galeria Antica" nel territorio di Oriolo Romano, a ridosso del Lago di Bracciano. Di questo piccolo paesino abbandonato ne avevo letto pochissimo tempo fà facendo ricerche su un giornalista un po' particolare che si è elevato a giudice il giorno prima della sentenza di Rignano Flaminio (aridaie!). Questo l'articolo.

IL REPORTAGE
Galeria, i riti satanici
nella città dei fantasmi
Scritte esoteriche e resti di messe nere nell'antico borgo abbandonato da due secoli. I segni lasciati sono inequivocabili: una scritta bianca "Satana morte" dipinta con un grosso pennello su un rimasuglio di muro, alcuni lumini votivi capovolti abbandonati in due cantine e quello che rimane di numerosi falò
di MASSIMO LUGLI

"Ma che ci andate a fare in quel posto, le messe nere?". La vecchia contadina fa un sorriso sghembo con l'unico dente che le è rimasto prima di indicarci la direzione per la città dei fantasmi. Caldo, polvere, insetti. La "strada" che porta al borgo abbandonato di Galeria è una pista sconnessa che s'inerpica in salita fra boschetti di olmi, lecci e querce e l'odore pungente della malva selvatica. L'auto deve restare al cancello, qualche chilometro più indietro. Chi vuole arrivare alle rovine, un altro luogo preferito dai satanisti romani con le sue leggende inquietanti e i suoi misteri che durano da secoli, deve rassegnarsi a una scarpinata di almeno venti minuti. Di notte, il rischio di una brutta caduta tra i rovi e il sentiero appena abbozzato è sempre incombente.

I segni dei riti satanici nel borgo di galeria

Villa Ada, trappole e riti satanici nel bunker antiaereo dei Savoia

Un istrice, uno dei tanti che vivono in questa campagna dimenticata a un tiro di sasso dalla Braccianense, s'infila in una forra in un tintinnare di aculei. Le rovine dell'antica città, abbandonata in tutta fretta dagli ultimi abitanti nel 1809 durante un'epidemia di un morbo misterioso (malaria, secondo molti storici), compaiono all'improvviso sulla sinistra del tratturo. Un grande sperone di tufo a ovest del letto dell'Arrone, punteggiato di ruderi diroccati, cantine, grotte, anfratti naturali e frammenti di mura sbriciolati dalla vegetazione selvaggia: i resti della chiesa di San Nicola, con una scheggia di campanile ancora in piedi, quella di San Sebastiano, alcune case crollate da secoli e soprattutto molti antri sotterranei festonati di ragnatele.

È qui che, seguendo la mulattiera quasi invisibile, si danno convegno piccoli gruppi di adoratori del demonio. I segni lasciati dai riti sono inequivocabili: una scritta bianca "Satana morte" dipinta con un grosso pennello su un rimasuglio di muro, alcuni lumini votivi capovolti abbandonati in due cantine e quello che rimane di numerosi falò. Davanti a uno di questi focolari improvvisati qualcuno ha disposto, molto ordinatamente, una scritta incomprensibile, tracciata con alcuni legnetti lunghi una quindicina di centimetri, in quelle che, a prima vista, sembrano le lettere dell'antico alfabeto greco.

Il vento, gli animali selvatici o, forse, altri satanisti hanno spazzato alcune parole e il significato, ammesso che fosse mai stato comprensibile, resta oscuro. Qualche bottiglia, qualche profilattico, altri fuochi spenti da tempo. Nessuna coppia sceglierebbe come alcova un posto del genere, così sinistro e difficile da raggiungere, se non per un incontro di sesso a substrato esoterico così come è molto difficile immaginare un picnic da queste parti e infatti rimasugli di cibo non si vedono: solo bottiglie.

La gente della zona (i pochi abitanti delle case coloniche sparpagliate su via Santa Maria in Galeria e i lavoratori delle aziende agricole) si tiene a distanza e fa gli scongiuri. Ricostruita nell'VIII secolo da papa Adriano I su un insediamento etrusco in rovina, ampliata nel 1276 dai Conti di Galeria, passata di mano dai Colonna ai Caetani, ai Savelli e ai Sanseverino, dichiarata monumento nazionale nel 1999 e consegnata al completo abbandono, Galeria è sempre stata una culla di sinistre leggende.

Oltre alla misteriosa epidemia di malaria che spiega solo in parte una fuga così precipitosa (due secoli fa tutto l'Agro romano era infestato dall'anofele e la gente era abituata a convivere con le febbri), sull'antico borgo diroccato aleggia la storia del fantasma "Senz'affanni": un menestrello morto da 300 anni che torna a cantare e suonare tra i ruderi in sella a un bellissimo cavallo bianco. Qualcuno sostiene ancora di sentire il rumore degli zoccoli e il lamento dello spettro ma la spiegazione più convincente è che il sibilo sia quello del torrente Arrone che s'incunea sotto il vecchio borgo.

Di certo anche Galeria, come il bunker di Villa Ada (altro ritrovo di satanisti messo in sicurezza solo pochi giorni fa dal comune) è una trappola mortale, soprattutto di notte: lo strapiombo è nascosto dalla vegetazione e le buche, spesso invisibili, sono trabocchetti insidiosi specie per gruppi di ragazzi che, quasi sempre, sono storditi dall'alcol o dalla droga.

"Satanismo fai da te, piccoli consessi di 3, 4, 10 persone al massimo che si uniscono e si sciolgono di continuo, la forma predominante, oggi, rispetto ai gruppi organizzati degli anni 70 - spiega una delle voci più competenti in materia, quella del sociologo Massimo Introvigne - sono ragazzi, spesso molto giovani, che hanno un background culturale inesistente e fanno una macedonia di tutto quello che trovano su Internet, frequentano i luoghi 'infestati', si inventano i rituali. Censirli è praticamente impossibile - continua Introvigne - mentre per quanto riguarda i satanisti 'organizzati', quelli con un'associazione, un sito internet, uno statuto e tutto il resto, si arriva al massimo a 200 persone. Ma il satanismo 'acido', col suo corollario di droghe, ha anche dei rischi elevati".

La città abbandonata è la cornice ideale per queste celebrazioni un po' raffazzonate ma certamente pericolose e una vigilanza è totalmente impensabile. Le rovine di Galeria sembrano destinate ad alimentare le loro cupe leggende per moltissimi anni.
(14 giugno 2012)




Ma Meluzzi dice tra l'altro che una sincope può essere causata (citando anche piccoli problemi che potrebbe aver avuto Federica) anche da un forte spavento o da "riti particolari (in riti satanici) che ricordano certi GIOCHI INFANTILI (di cui non vuole raccontare a fondo) in cui massaggiando il glomo carotideo si può provocare, per gioco, una sincope"

Non sò, tutte queste cose sembrano inghiottire ancor di più nelle nebbie del Lago di Bracciano la morte di Federica.

Mantenos - Sab Nov 10 2012, 20:47:18
Oggetto:
parlano di messe nere alquanto focloristiche nel contesto che probabilmente si presume in questo blog. Secondo Introvigne è impossibile censirli! Iniziamo da te e dal tuo giretto!

Melluzzi che gioco fa? Impulso narcisistico, del tipo "sono bravo"; o prende le parti di qualcuno contro qualcun'altro? Comprendere queste uscite di Melluzzi ci permette di capire con si schiera; e quindi che stia attacando tra le righe...
NAJLA - Sab Nov 10 2012, 21:15:13
Oggetto:
Mantenos, Meluzzi si mise in "sonno" dopo essere stato folgorato dalla luce evangelica di Don Gelmini inginocchiandosi al suo cospetto.
(PS intanto che lo scrivo mi viene da ridere immaginando la scena)

Quel sorrisetto sardonico mentre dice queste cose mi fà venire in mente una "vendetta", un "avvertimento" ma, al solito, stò andando a braccio.

Meglio scavare un po più a fondo.
Rinoceronte78 - Mer Nov 14 2012, 18:55:54
Oggetto:

desperada74 - Sab Dic 15 2012, 03:29:16
Oggetto:



Agli inizi degli anni 90 lo spot di un famoso telefilm recitava così:

Chi ha ucciso Laura Palmer?

potere dello zapping da noia....
analogie??similitudini?? coincidenze???
giudicate voi....






( link streaming episodio pilota)
Rinoceronte78 - Dom Dic 30 2012, 10:18:18
Oggetto:


Federica Mangiapelo: intitolato a lei il laboratorio di biodiversità di Bracciano

Il Laboratorio di biodiversità e di educazione ambientale del Parco naturale regionale di Bracciano-Martignano sarà intitolato a Federica Mangiapelo, la ragazzza di 16 anni residente ad Agnuillara Sabazia, trovata morta la mattina del primo novembre su una spiaggia del lago di Bracciano“


Federica Mangiapelo: intitolato a lei il laboratorio di biodiversità di Bracciano


La struttura, allestita in una ex casa continiera concessa dalla Provincia di Roma e attrezzata per il monitoraggio faunistico, forestale, flogistico e vegetazionale, sarà inaugurata venerdì. Alla cerimonia interverranno il vescovo di Civita Castellana Romano Rossi, il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, l'assessore Regionale all'Ambiente Giuseppe Cangemi, i sindaci del comprensorio e i familiari di Federica. L'ex casa cantoniera è stata ristrutturata grazie a un finanziamento ottenuto dall'ente Parco nell'ambito dell'Accordo di programma quadro 'Aree sensibili e riserve' siglato nel 2006 tra il ministero dell'Ambiente e la Regione Lazio, finalizzato alla creazione di una rete di di strutture di monitoraggio dell'area protetta. "Il laboratorio intitolato a Federica Mangiapelo - ha detto il commissario straordinario del Parco Stefano Stefanelli - sarà un valido strumento di verifica dello stato di conservazione della biodiversità e offrirà opportunità per la ricerca scientifica. Non ultimo - ha concluso - offrirà sbocchi occupazionali al mondo dell'associazionismo"
NAJLA - Dom Gen 20 2013, 10:12:30
Oggetto:
GIALLO DI ANGUILLARA, L'AUTOPSIA RIVELA: "FEDERICA È MORTA PER MIOCARDITE".

Domenica 20 Gennaio 2013 - 09:58
ROMA - Il mistero sulla morte di Federica Mangiapelo, la 16enne trovata senza vita la notte del primo novembre sulle rive del lago di Bracciano, comincia a diradarsi. La ragazzina non era drogata e neppure ubriaca, ma soffriva di miocardite, una lesione in una zona ventricolare difficile da prevedere .
Questo il risulatato dell'autopsia, che assicura a mamma Rosella e papà Luigi sul fatto che droga e alcol non facessero parte della vita della figlia, ma che lascia aperti ancora tanti interrogativi su quella notte di Halloween.

Agli atti c'è un unico indagato, Marco di Muro. Cameriere 23enne a Formello e fidanzato di Federica. L’ipotesi di reato che lo riguarda è di omicidio volontario, ma ha un senso solo tecnico, essendo stata formulata subito dopo la scoperta del cadavere. Però questo Marco Di Muro resta l’unica persona che può raccontare cosa sia davvero avvenuto quella notte.

Il rapporto tra Marco e Federica non era sereno, segnato da continui litigi e scenate di gelosia. Andava avanti da un anno, ma anche i genitori separati della ragazza si erano accorti della situazione e avevano persino segnalato il fidanzato della figlia ai Carabinieri. Nonostante la preoccupazione dei genitori, la notte di Halloween Federica la passa con Marco, ma c'è un vuoto nella ricostruzione dei fatti che ancora non è stato colmato.

Marco ha raccontato nel corso di cinque interrogatori di aver lasciato Federica, dopo l'ennesimo litigio, davanti a un supermercato nel centro del paese alle 2 di notte, convinto che sarebbe tornata a casa. Il corpo di Federica è stato, invece, ritrovato alle sei del mattino, a 5 chilometri di distanza e non si sa come ci sia arrivato. L'inchiesta dovrà scoprire anche chi ha fatto sparire il cellulare e la borsa di Federica, e perché Marco ha sentito il bisogno di scrivere su Facebook, alle 4 del mattino "Federica ti voglio sempre bene".
Decag - Dom Gen 20 2013, 13:22:28
Oggetto:
Invece i risultati dell'autopsia di Marco Massidda sono caduti nell'oblio. Quello che conta è che il corpo sia tornato a casa(dopo un mese di lungaggini burocratiche) siano state celebrate le esequie e la salma sia stata trasportata per la sepoltura al cimitero comunale di Livorno, il cimitero dei Lupi.
Mantenos - Dom Gen 20 2013, 17:27:11
Oggetto:
Cimitero dei Lupi...

non trovo la fonte di questa notizia Decaq!
perchè, poi sarebbe portata a Livorno?


Cmq grazie per la notizia Decag. se viene confermanta, è un ulteriore indizio che la pista che stiamo prendendo potrebbe essere più che giusta! E terrei d'occhi quel vescovo, ROMANO ROSSI


IL LUPO TRAVESTITO DA PECORA...

per rinfrescarsi la memoria Rossi, inizia la sua opera qui

a Roma


la Madonna di Corromoto, rimanda ancora all'America Latina, che sembra essere sullo sfondo di questo caso. Prima con il Brasile adesso con il Venezuela (la storia racconta di di Coromoto che viene morso da un serpente velenoso: tornato a Guanare, sul punto di morire, domanda il battesimo che gli viene amministrato da un barinese. Con il nome di Angelo Custode e guarito dal veleno, Coromoto chiese agli indigeni cospes che sotto il suo comando si erano opposti ai conquistatori, di battezzarsi).

Dunque la chiesa dove Rossi inizia ad operare prende il nome da una conversione/conquista! Oltre al nome Cor omoto

attenti al lupo che converte.... Ma sopratutto provoca MIOCARDIA, causa della morte della povera Federica.

Domanda: cosa hanno voluto propiaziare? E si è tratta, come ipotizzavo, di una guerra interna tra le parti?
Decag - Dom Gen 20 2013, 22:13:52
Oggetto:
Mi riferivo a Marco Massida, lui è stato seppellito nel cimitero comunale "La Cigna"di Livorno, detto appunto cimitero dei Lupi. Non Federica, che invece giace nel cimitero di Aguillara Sabazia.
Per quanto queste due morti possano sembrare lontane secondo me invece sono collegate. Elementi a suffragio di questo potenziale collegamento li hai dati anche tu Mantenos, con il tuo viaggio astrale.

Il funerale di Marco Massida è stato celebrato da Mons. Luciano Musi, parroco della chiesa "San Giovanni Bosco" di Coteto.

"Luciano perchè sei così cattivo?"

Nel corso dell'omelia il padre cita il cantico dei cantici, "la morte è forte ma l'amore lo è di più"

Spoiler:

Una voce! L'amato mio!
Eccolo, viene
saltando per i monti,
balzando per le colline.
9L'amato mio somiglia a una gazzella
o ad un cerbiatto.
Eccolo, egli sta
dietro il nostro muro;
guarda dalla finestra,
spia dalle inferriate.
10Ora l'amato mio prende a dirmi:
"Àlzati, amica mia,
mia bella, e vieni, presto!
14O mia colomba,
che stai nelle fenditure della roccia,
nei nascondigli dei dirupi,
mostrami il tuo viso,
fammi sentire la tua voce,
perché la tua voce è soave,
il tuo viso è incantevole".
16Il mio amato è mio e io sono sua;
Mettimi come sigillo sul tuo cuore,
come sigillo sul tuo braccio;
perché forte come la morte è l'amore,
tenace come il regno dei morti è la passione:
le sue vampe sono vampe di fuoco,
una fiamma divina!
Le grandi acque non possono spegnere l'amore
né i fiumi travolgerlo.



Sono parole d'amore tra un uomo e una donna, è attribuito a Re Salomone in persona, un tipo dall'aspetto decisamente semitico Smile

"veni, sponsa, de Libano"



Dante cita il più sublime dei cantici nel canto XXX del purgatorio, sulla sponda del fiume Lete, previa sparizione di Virgilio appare Beatrice che rimprovera Dante, colpevole di essersi lasciato traviare, Beatrice sottolinea la necessità che Dante si renda conto della cattiva strada intrapresa a suo tempo e ammetta le sue colpe, attraverso un sincero pentimento manifestato attraverso il pianto, prima di essere immerso nel Lete le cui acque cancelleranno in lui ogni ricordo del peccato compiuto.


Spoiler:

Testo
Quando il settentrion del primo cielo,
che né occaso mai seppe né orto
né d’altra nebbia che di colpa velo, 3

e che faceva lì ciascun accorto
di suo dover, come ‘l più basso face
qual temon gira per venire a porto, 6

fermo s’affisse: la gente verace,
venuta prima tra ‘l grifone ed esso,
al carro volse sé come a sua pace; 9

e un di loro, quasi da ciel messo,
‘Veni, sponsa, de Libano’ cantando
gridò tre volte, e tutti li altri appresso. 12

Quali i beati al novissimo bando
surgeran presti ognun di sua caverna,
la revestita voce alleluiando
, 15

cotali in su la divina basterna
si levar cento, ad vocem tanti senis,
ministri e messaggier di vita etterna. 18

Tutti dicean: ‘Benedictus qui venis!’,
e fior gittando e di sopra e dintorno,
‘Manibus, oh, date lilia plenis!’. 21

Io vidi già nel cominciar del giorno
la parte oriental tutta rosata,
e l’altro ciel di bel sereno addorno
; 24

e la faccia del sol nascere ombrata,
sì che per temperanza di vapori
l’occhio la sostenea lunga fiata: 27

così dentro una nuvola di fiori
che da le mani angeliche saliva
e ricadeva in giù dentro e di fori, 30

sovra candido vel cinta d’uliva
donna m’apparve, sotto verde manto
vestita di color di fiamma viva
. 33

E lo spirito mio, che già cotanto
tempo era stato ch’a la sua presenza
non era di stupor, tremando, affranto, 36

sanza de li occhi aver più conoscenza,
per occulta virtù che da lei mosse,
d’antico amor sentì la gran potenza. 39

Tosto che ne la vista mi percosse
l’alta virtù che già m’avea trafitto
prima ch’io fuor di puerizia fosse, 42

volsimi a la sinistra col respitto
col quale il fantolin corre a la mamma
quando ha paura o quando elli è afflitto, 45

per dicere a Virgilio: ‘Men che dramma
di sangue m’è rimaso che non tremi:
conosco i segni de l’antica fiamma’. 48

Ma Virgilio n’avea lasciati scemi
di sé, Virgilio dolcissimo patre,
Virgilio a cui per mia salute die’mi; 51

né quantunque perdeo l’antica matre,
valse a le guance nette di rugiada,
che, lagrimando, non tornasser atre. 54

«Dante, perché Virgilio se ne vada,
non pianger anco, non pianger ancora;
ché pianger ti conven per altra spada». 57

Quasi ammiraglio che in poppa e in prora
viene a veder la gente che ministra
per li altri legni, e a ben far l’incora; 60

in su la sponda del carro sinistra,
quando mi volsi al suon del nome mio,
che di necessità qui si registra, 63

vidi la donna che pria m’appario
velata sotto l’angelica festa,
drizzar li occhi ver’ me di qua dal rio. 66

Tutto che ‘l vel che le scendea di testa,
cerchiato de le fronde di Minerva,
non la lasciasse parer manifesta, 69

regalmente ne l’atto ancor proterva
continuò come colui che dice
e ‘l più caldo parlar dietro reserva: 72

«Guardaci ben! Ben son, ben son Beatrice.
Come degnasti d’accedere al monte?
non sapei tu che qui è l’uom felice?». 75

Li occhi mi cadder giù nel chiaro fonte;
ma veggendomi in esso, i trassi a l’erba,
tanta vergogna mi gravò la fronte. 78

Così la madre al figlio par superba,
com’ella parve a me; perché d’amaro
sente il sapor de la pietade acerba. 81

Ella si tacque; e li angeli cantaro
di subito ‘In te, Domine, speravi’;
ma oltre ‘Pedes meos’ non passaro. 84

Sì come neve tra le vive travi
per lo dosso d’Italia si congela,
soffiata e stretta da li venti schiavi, 87

poi, liquefatta, in sé stessa trapela,
pur che la terra che perde ombra spiri,
sì che par foco fonder la candela; 90

così fui sanza lagrime e sospiri
anzi ‘l cantar di quei che notan sempre
dietro a le note de li etterni giri; 93

ma poi che ‘ntesi ne le dolci tempre
lor compatire a me, par che se detto
avesser: ‘Donna, perché sì lo stempre?’, 96

lo gel che m’era intorno al cor ristretto,
spirito e acqua fessi, e con angoscia
de la bocca e de li occhi uscì del petto. 99

Ella, pur ferma in su la detta coscia
del carro stando, a le sustanze pie
volse le sue parole così poscia: 102

«Voi vigilate ne l’etterno die,
sì che notte né sonno a voi non fura
passo che faccia il secol per sue vie; 105

onde la mia risposta è con più cura
che m’intenda colui che di là piagne,
perché sia colpa e duol d’una misura. 108

Non pur per ovra de le rote magne,
che drizzan ciascun seme ad alcun fine
secondo che le stelle son compagne, 111

ma per larghezza di grazie divine,
che sì alti vapori hanno a lor piova,
che nostre viste là non van vicine, 114

questi fu tal ne la sua vita nova
virtualmente, ch’ogne abito destro
fatto averebbe in lui mirabil prova. 117

Ma tanto più maligno e più silvestro
si fa ‘l terren col mal seme e non cólto,
quant’elli ha più di buon vigor terrestro. 120

Alcun tempo il sostenni col mio volto:
mostrando li occhi giovanetti a lui,
meco il menava in dritta parte vòlto. 123

Sì tosto come in su la soglia fui
di mia seconda etade e mutai vita,
questi si tolse a me, e diessi altrui. 126

Quando di carne a spirto era salita
e bellezza e virtù cresciuta m’era,
fu’ io a lui men cara e men gradita; 129

e volse i passi suoi per via non vera,
imagini di ben seguendo false,
che nulla promession rendono intera. 132

Né l’impetrare ispirazion mi valse,
con le quali e in sogno e altrimenti
lo rivocai; sì poco a lui ne calse! 135

Tanto giù cadde, che tutti argomenti
a la salute sua eran già corti,
fuor che mostrarli le perdute genti. 138

Per questo visitai l’uscio d’i morti
e a colui che l’ha qua sù condotto,
li prieghi miei, piangendo, furon porti. 141

Alto fato di Dio sarebbe rotto,
se Leté si passasse e tal vivanda
fosse gustata sanza alcuno scotto

di pentimento che lagrime spanda». 145


Parafrasi
Quando la costellazione formata da sette stelle dell'Empireo (i candelabri), che non ha mai conosciuto alba o tramonto, né è mai stata offuscata da nebbia se non quella del peccato, e che lì indicava a ciascuno il suo dovere, proprio come l'Orsa Maggiore indica la via a chiunque gira il timone per giungere in porto, si fermò, la gente santa (i ventiquattro vecchi) che era venuta tra essa e il grifone si voltò verso il carro, come alla sua pace;





e uno dei vecchi, come se fosse un inviato del cielo, gridò cantando per tre volte 'Vieni, sposa, dal Libano', seguito da tutti gli altri.


Come i beati risorgeranno solleciti all'ultima chiamata (il Giorno del Giudizio), ognuno dalla sua tomba, cantando alleluia con la voce proveniente dal corpo di cui si saranno rivestiti, così sul carro divino si alzarono cento ministri e messaggeri di vita eterna (angeli), in risposta alla voce di un vecchio tanto autorevole.



Tutti dicevano: 'Benedetto tu che vieni!', e, gettando fiori in alto e tutt'intorno, aggiungevano: 'Oh, spargete gigli a piene mani!'


Io ho già visto all'inizio del giorno la parte orientale tutta di colore roseo, e il resto del cielo adornato da un bel colore sereno;


e ho visto il sole nascere dietro un velo, così che l'occhio poteva fissarlo a lungo grazie a spessi vapori che lo temperavano:


allo stesso modo, dentro la nuvola di fiori che saliva dalle mani degli angeli e ricadeva in basso dentro il carro e di fuori, mi apparve una donna che indossava un velo bianco ed era incoronata di ulivo, sotto un verde mantello e vestita di colore rosso fiammante.




E il mio spirito, che era stato già tanto tempo senza tremare, colpito dallo stupore per la sua presenza, anche senza vederla con gli occhi, grazie a una virtù nascosta che mosse da lei, sentì la grande potenza di un antico amore.




Non appena la mia vista fu colpita dall'alta virtù amorosa che già mi aveva trafitto prima che io uscissi dalla fanciullezza (quando avevo nove anni), mi voltai a sinistra con l'ansia con cui il bambino corre dalla mamma, quando ha paura o è turbato da qualcosa,




per dire a Virgilio: 'Non mi è rimasta neppure una goccia di sangue che non tremi: conosco i segni dell'antica fiamma amorosa'.


Ma Virgilio ci aveva lasciati privi di sé, Virgilio, dolcissimo padre, Virgilio, al quale mi affidai per la mia salvezza;


e tutto ciò (l'Eden) che perse l'antica madre (Eva) non impedì alle mie guance pulite dalla rugiada di tornare sporche per il mio pianto.


«Dante, per il fatto che Virgilio se ne sia andato non piangere così presto, non piangere ancora, poiché dovrai piangere per altri motivi».

E come un ammiraglio che a poppa e a prora va a sorvegliare i marinai che governano le altre navi, e li sprona a far bene;


così io vidi sul fianco sinistro del carro, quando mi voltai al suono del mio nome che sono costretto a citare in questi versi, la donna che prima mi era apparsa velata dai fiori gettati dagli angeli, che fissava lo sguardo verso di me al di qua del fiume (Lete).




Anche se il velo che le scendeva sulla testa, coronato dalle fronde di Minerva (ulivo), non permetteva di vederla in viso, ancora regalmente altera nel suo atteggiamento continuò, come colui che parla e riserva gli argomenti più efficaci per la fine del discorso:




«Guarda bene qui! Sì, sono proprio io, sono proprio Beatrice! Come hai osato accedere al Paradiso Terrestre? Non sapevi che questa è la sede dell'uomo felice?»

Gli occhi mi caddero giù nelle acque chiare del fiume; ma vedendo la mia immagine riflessa, li volsi all'erba perché una grande vergogna mi fece chinare la fronte.

Come la madre sembra superba al figlio, così lei sembrava a me; infatti l'affetto che si manifesta col rimprovero ha un sapore amaro.


La donna tacque; e gli angeli cantarono subito 'In te, o Signore, ho riposto la mia speranza', ma non andarono oltre il versetto che dice 'I miei piedi'.

Come la neve si ghiaccia tra gli alberi dell'Appennino, colpita dai venti freddi della Schiavonia, poi, liquefatta, si scioglie poco a poco, non appena l'Africa manda i suoi venti caldi, così che sembra una candela sciolta dal fuoco;




allo stesso modo io fui senza lacrime e sospiri, prima del canto di quelli (gli angeli) che cantano sempre dietro l'armonia delle ruote celesti;

ma dopo che sentii nelle loro dolci melodie che mi compativano, come se avessero detto: 'Donna, perché lo avvilisci in tal modo?',


il gelo che mi si era stretto intorno al cuore si trasformò in acqua e fiato, e uscì fuori dalla bocca e dagli occhi con angoscia.


Beatrice, sempre stando ferma sul fianco sinistro del carro, rivolse poi le sue parole a quelle creature devote (gli angeli):


«Voi vegliate nell'eterna luce di Dio, così che né la notte né il giorno vi sottraggono alcun passo che il mondo compie nelle sue vie (sapete tutto ciò che accade sulla Terra);

perciò la mia risposta ha lo scopo di farsi sentire da colui che piange al di là del fiume, perché il dolore sia commisurato alla colpa.


Non solo grazie all'influenza dei Cieli, che indirizzano ciascun essere al suo fine secondo la virtù della stella che presiede alla sua nascita, ma anche per la generosità della grazia divina, che piove da nubi così alte che la nostra vista non può neppure avvicinarsi, questi (Dante) nella sua gioventù ebbe tali virtù in potenza che in lui ogni buona attitudine avrebbe portato a straordinari risultati.






Ma un terreno si fa tanto più selvaggio e sterile, con cattive sementi e quando non è coltivato, quanto più esso è dotato di fertilità naturale.


Per qualche tempo sostenni Dante col mio volto: mostrandogli i miei occhi giovani, lo conducevo con me sulla retta strada.


Ma non appena io fui sulla soglia della mia giovinezza e cambiai vita (morii), questi tradì la mia memoria e si diede ad altre donne.


Quando mi ero trasformata da carne a spirito e la mia bellezza e virtù erano accresciute, io gli fui meno cara e meno gradita;


e rivolse i suoi passi per una via fallace, seguendo false immagini di bene, che non mantengono nessuna promessa fatta.


Non mi servì ottenere dal Cielo buona ispirazione, con cui lo richiamai in sogno e in altro modo; a lui importò così poco!


Cadde tanto in basso, che ormai ogni mezzo per salvarlo era inefficace, salvo che mostrargli le genti perdute (i dannati).


Per questo visitai la soglia dell'Inferno (il Limbo) e rivolsi, piangendo, le mie preghiere a colui (Virgilio) che l'ha portato fin quassù.


L'alta volontà di Dio sarebbe infranta se Dante superasse il Lete e gustasse una tale vivanda (bevesse l'acqua del fiume) senza provare un pentimento tale da fargli versare lacrime».




Quale che fosse il peccato di Dante l'intenzione di Beatrice è di condurlo alla salvezza attraverso un percorso di espiazione, una volta scontati i peccati e riappropiato dell'innocenza perduta il fratello è pronto ad essere illuminato dalla grazia e proseguire il viaggio.

Come qualcun'altro ha gia notato in quei giorni tanti corpi ripescati dalle acque.

Quello che si delinea sono i presupposti per un rito di espiazione, gli elementi sono l'acqua (Lete),
una presenza vicina che ti abbandona (Virgilio),
è l'alba, Dante descrive dettagliatamente la posizione del sole nel cielo,
Beatrice indossa un velo bianco, come il telo che copriva il corpo di Federica, un mantello verde ed un vestito rosso, sarebbe interessante sapere se questi tre colori erano sul corpo della vittima
è il giorno in cui i morti usciranno dalle proprie tombe, il giorno del giudizio ma descrizione che si addice bene anche al giorno di Halloween.

Come avete già detto il funerale di Federica è stato celebrato dal vescovo RR, un fiorentino di Fiesole,
invece Don Luciano Musi è di Piombino provincia di Livorno e a suo stesso dire deve molto ad un livornese d'adozione, il vescovo Ablondi che comparve nella liste degli iscritti alla loggia P2,

quando si parla di lupi vestiti da Pecorelli.
Mantenos - Dom Gen 20 2013, 23:22:30
Oggetto:
Grazie per l'approfondimento, Decaq. Molto interessante e mi ero completamente dimenticato di Marco Massida, che invece avevamo trattato(Brasile) e che tu stesso scrivi nel post!

nel caso della "visione/viaggio" astrale, quel "Luciano", però erano parole, per quanto più intenzionali che verbali, che potrebbero essere state pronunciate da Federica. Ma qui il mistero "dimensionale" dei collegamenti, è davvero diverso rispetto alla convenzione spaziotemporale cui siamo noi. Quindi, chissà... Non saprei che dire.

Citazione:

Le grandi acque non possono spegnere l'amore
né i fiumi travolgerlo.


ma poi la zona Toscana sembra ancora essere molto forte. Dalla Concordia (acqua) al Mostro e il centro Italia con l'Umbria... qui ci deve essere un alto tasso di "satanismo". e di molto lupi che sbranano le pecore.
gmollavv - Lun Gen 21 2013, 11:45:17
Oggetto:
Petrillo: "La storia di questa ragazza colpisce molto l'opinione pubblica, molti genitori di figli adolescenti, suppongo, si siano sentiti colpiti"
Riceviamo e pubblichiamo

Nota della Dottoressa Maria Petrillo psicologa investigativa, esperta in criminologia, gruppo AISF( Accademia Internazionale di Scienze Forensi, presidente Dott.ssa Roberta Bruzzone)

Anguillara Sabazia (RM) - Un'emozione particolarmente intensa potrebbe essere messa in rapporto al successivo instaurarsi di un infarto del miocardio, seppure manca ogni dimostrazione statisticamente valida di tale ipotesi. Tuttavia, non è possibile escludere che l'aumento dell'attività del sistema adrenergico che si ha sia in condizioni di esercizio fisico strenuo che di intense emozioni (paura, collera, ecc.) possa, attraverso gli effetti della scarica catecolaminica, provocare una maggiore richiesta di ossigeno da parte del cuore od indurre alterazioni del ritmo minacciose o letali.


Renzo Minari - Gio Gen 24 2013, 03:34:37
Oggetto:
Io non sottovaluterei le iniziali M M che si trovano spesso in questa discussione.
Mantenos - Mer Giu 26 2013, 21:06:17
Oggetto:
non so perche ma questo lo metto qui...




credo che la morte della povera ragazza di Bracciano sia in qualche modo legata a questo dialogo tra le parti... Credo. O probabilmente no...
Mantenos - Mar Set 10 2013, 18:11:44
Oggetto:
il posto che abbiamo trattato argomentava IL LUPO E LE PECORE
IL BRASILE
IL LAGO E LA VALLE.



Federica Mangiapelo: Inchiesta chiusa con l’ipotesi di omissione di soccorso

Roma, 10/9/2013 - La Procura di Civitavecchia ha chiuso l'inchiesta relativa alla morte di Federica Mangiapelo, la ragazza di 16 anni trovata cadavere il primo novembre del 2012 sulla riva di Vigna di Valle, ad Anguillara Sabazia. Nel provvedimento, firmato dal pm Margherita Pinto e che di norma precede la richiesta di rinvio a giudizio, si contesta al fidanzato della ragazza, il 23enne Marco Di Muro, il reato di omissione di soccorso. Secondo gli esami autoptici a causare la morte fu un malore per un violenta crisi cardiaca. L'ultima volta che è stato convocato dal pubblico ministero Di Muro ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere.




i frequentatori del forum sanno che Margherita potrebbe essere una firma
Mantenos - Gio Feb 13 2014, 10:32:26
Oggetto:
Citazione:
il pubblico ministero, Andrea Rubolino (che ha ereditato il fascicolo dalla collega Margherita Pinto e che ieri aveva chiesto anche un rinvio del processo per aspettare gli esiti della perizia) ha cambiato il capo di imputazione da omissione di soccorso appunto a abbandono di incapace



Marco di Muro è ancora l'unico indagato per la morte di Federica.
Per quello che riguarda la scena del delitto nessuna indicazione (ricordate la "farsa" delle croci ecc?)



Lizzy - Ven Giu 06 2014, 17:12:10
Oggetto:
Mantenos ha scritto:
la data e la ritualità lasciano intendere una continuità con Meredith di Perugia. Dunque è possibile che via sia la mano "straniera" in tutto questo. Il precedente evento era a favore dalla Massoneria Americana, si era detto. Dunque, forse, esiste una sorta di dialogo tra le parti, Italia, Londra e Usa che si traduce anche in guerra.



Quanto alla firma del delitto possiamo esserne quasi certi. Ricordate anche la povera Yara e il cartello pubblicitario che richiama va la Rosa?

Solo che la data e l'evento lascia intendere una continuazione di quel dialogo.

In oltre, forse, la domanda giusta potrebbe essere: che relazione esiste tra Bracciano e Perugia? Si allude ad un gruppo in particolare? O ad una persona?

Non dimentichiamo che il rito ha sempre una polivalenza (appunto il rito è "symbolico).


Di Perugia era originario quel medico, F.N, accusato di essere o di fare parte del livello superiore del mostro di Firenze. Anche lui morì in un lago, all'inizio si disse annegato accidentalmente, poi riesumato il corpo si scoprì che fu ucciso per strangolamento. Anche le ultime ipotesi su Federica fanno pensare che forse fu strangolata.........
Il braccio rotto era il sinistro?
Lizzy - Ven Giu 06 2014, 17:12:48
Oggetto:
Mantenos ha scritto:
la data e la ritualità lasciano intendere una continuità con Meredith di Perugia. Dunque è possibile che via sia la mano "straniera" in tutto questo. Il precedente evento era a favore dalla Massoneria Americana, si era detto. Dunque, forse, esiste una sorta di dialogo tra le parti, Italia, Londra e Usa che si traduce anche in guerra.



Quanto alla firma del delitto possiamo esserne quasi certi. Ricordate anche la povera Yara e il cartello pubblicitario che richiama va la Rosa?

Solo che la data e l'evento lascia intendere una continuazione di quel dialogo.

In oltre, forse, la domanda giusta potrebbe essere: che relazione esiste tra Bracciano e Perugia? Si allude ad un gruppo in particolare? O ad una persona?

Non dimentichiamo che il rito ha sempre una polivalenza (appunto il rito è "symbolico).


Di Perugia era originario quel medico, F.N, accusato di essere o di fare parte del livello superiore del mostro di Firenze. Anche lui morì in un lago, all'inizio si disse annegato accidentalmente, poi riesumato il corpo si scoprì che fu ucciso per strangolamento. Anche le ultime ipotesi su Federica fanno pensare che forse fu strangolata.........
Il braccio rotto era il sinistro?
peppermint - Mer Set 10 2014, 13:54:03
Oggetto:
Il giallo della morte di Federica:
«Alghe sui pantaloni del fidanzato»
«Erano anche nei polmoni della ragazza annegata nel lago». Nei guai Di Muro: ha sempre detto di averla lasciata in strada dopo un litigio. Ma la scoperta delle diatomee - tipiche dello specchio d’acqua dolce - mette in dubbio la versione


Sui jeans bianchi indossati da Marco Di Muro la notte della morte di Federica Mangiapelo sono state trovate le stesse diatomee rinvenute nel corpo della sedicenne, annegata nel lago di Bracciano. Una scoperta che complica la posizione del ragazzo, accusato di omicidio volontario, perché lo colloca sulla scena del delitto. Il rinvenimento di queste alghe di acqua dolce sugli abiti portati dall’indagato la notte del 1 novembre 2012 ha un significato inequivocabile: il 25enne era con Federica quando si è sentita male. Circostanza che lui ha sempre negato. E la mattina di quel giorno diede alcuni vestiti - tra cui proprio i jeans - alla madre affinché li lavasse.

Le diatomee in questa vicenda hanno un ruolo fondamentale. Un collegio peritale nominato del gip per lo svolgimento dell’incidente probatorio ha concluso che Federica è morta annegata. A provarlo sono, appunto, quelle diatomee trovate in grandi quantità nel cervello che, in termini medici, ha un’unica interpretazione: le alghe hanno circolato nel corpo fino al momento del decesso. Qualcuno ha tenuto ferma Federica - un’esperta nuotatrice - fino a farla annegare? È un’ipotesi che il collegio non esclude, ne conferma perché non l’ha esaminata. L’esito della perizia ha riaperto il caso, come chiesto dai familiari della sedicenne, rappresentati dall’avvocato Andrea Rossi. Fino allo scorso marzo i consulenti dell’accusa avevano indicato la miocardite come causa della morte. Questa nuova relazione, invece, nega i problemi al cuore. E il 18 settembre le parti discuteranno i risultati della perizia davanti al gip.

Un passo indietro al novembre di due anni fa. Sul fatto che Di Muro indossasse quei pantaloni la notte della tragedia non ci sono dubbi. Il video di una stazione di benzina lo riprende alle 2.34 del mattino mentre scende dalla macchina con indosso i jeans su cui i consulenti dell’accusa hanno rinvenuto le stesse diatomee ingerite da Federica. Fino ad oggi Di Muro - difeso dell’avvocato Cesare Gai - ha affermato di non aver più visto Federica dopo averla lasciata in strada verso 1.30, al termine di un litigio. Una versione che stride con la realtà raccontata dalle prove in mano all’accusa. A smontare il racconto del fidanzato c’è un’altra circostanza: Di Muro, rientrato a casa, chiese appunto alla madre di lavare con urgenza i vestiti indossati quella notte perché disse che gli servivano la sera del giorno successivo per una festa. Ma gli amici hanno negato che ce ne fosse una in programma.
9 settembre 2014 | 11:23


Anonymous - Mer Set 10 2014, 14:40:54
Oggetto:
Citazione:
Fino ad oggi Di Muro - difeso dell’avvocato Cesare Gai - ha affermato di non aver più visto Federica dopo averla lasciata in strada verso 1.30, al termine di un litigio.


Il fatto di dire di averla abbandonata all'1,30 di notte non solo lo mette in cima ai sospetti ma se fosse vero lo farebbe sembrare un pezzo di idiota" per scrivere pulito",infatti come si fa ad abbandonare una persona da sola di notte in strada!
In galera solo per quello!
peppermint - Mer Set 10 2014, 17:25:30
Oggetto:
acortaps ha scritto:
Citazione:
Fino ad oggi Di Muro - difeso dell’avvocato Cesare Gai - ha affermato di non aver più visto Federica dopo averla lasciata in strada verso 1.30, al termine di un litigio.


Il fatto di dire di averla abbandonata all'1,30 di notte non solo lo mette in cima ai sospetti ma se fosse vero lo farebbe sembrare un pezzo di idiota" per scrivere pulito",infatti come si fa ad abbandonare una persona da sola di notte in strada!
In galera solo per quello!


questo ragionamento è da persona normale e che capisce che un ragazzo che lascia una sedicenne all'1,30 di notte per strada tanto a posto non è.
Gli inquirenti non si sa che ragionamenti stiano facendo e allora si capisce come mai non si è trovato nessun colpevole per Brembate, per Avetrana per la Cesaroni ecc.. ecc...

Non si capisce nemmeno perchè in questo momento hanno scoperto le diatomee sui pantaloni del ragazzo.
Sarà perchè il 1°novembre è il secondo anniversario della morte di Federica Mangiapelo? Due anni senza alcun colpevole sono troppi.
Anonymous - Mer Set 10 2014, 17:37:28
Oggetto:
Citazione:
questo ragionamento è da persona normale e che capisce che un ragazzo che lascia una sedicenne all'1,30 di notte per strada tanto a posto non è.
Gli inquirenti non si sa che ragionamenti stiano facendo e allora si capisce come mai non si è trovato nessun colpevole per Brembate, per Avetrana per la Cesaroni ecc.. ecc...

Non si capisce nemmeno perchè in questo momento hanno scoperto le diatomee sui pantaloni del ragazzo.
Sarà perchè il 1°novembre è il secondo anniversario della morte di Federica Mangiapelo? Due anni senza alcun colpevole sono troppi.



Forse un termine per dare una spiegazione ai tuoi dubbi esiste,si chiama..depistaggio.Uno "sport" molto praticato in questo paese.
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB