Indice del forum

Poteri occulti

Sito per discutere di misteri italiani, massonerie, mafie, e altro.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Umbertide città esoterica e massonica
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Esoterismo
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
siria

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 20/03/11 01:18
Messaggi: 188
siria is offline 






france
MessaggioInviato: Mar Gen 15 2013, 13:32:07    Oggetto:  Umbertide città esoterica e massonica
Descrizione: Umbertide (Perugia)
Rispondi citando

La città di Umbertide (provincia Perugia) deve avere qualche importanza massonica per la storia e per la collocazione geografica. Una zona d'Italia, l'Umbria, dove il materialismo sinistroide si mescola con il misticismo dei santi, la corruzione e la criminalità.
Troppi strani incidenti nello stesso periodo in una piccola cittadina (circa 16000 abitanti), l'insediamento di un "tempio" della sanità privata che sperimenta farmaci per allungare la vita e componenti bionici. Commistioni tra amministratori pubblici e aziende private. Processi per corruzione rimandati per cavilli. Forte presenza della criminalità organizzata.

"Pico della Mirandola (1463 - 1494), ad Umbertide scrisse il Manifesto Culturale iniziale del Rinascimento Italiano[4]"
P. Vispi, "Il soggiorno e l'opera di G. Pico della Mirandola ad Umbertide", Città di Castello, 1996. (wikipedia)

Serafina Brunelli (Umbertide, 1659 - Montone, 1729), religiosa, monaca benedettina.
Veggente e mistica molto stimata da Vittorio Amedeo II di Savoia.

24-10-2012 - Un giovane di 22 anni, di origini rumene, si è ucciso ad UmbertideUn giovane di 22 anni, di origini rumene, si è ucciso ad Umbertide
http://poteriocculti.mastertopforum.biz/-vp39512.html#39512

6-11-2012 - Uccisi a Umbertide due bambini dal padre (6 novembre 2012)
http://poteriocculti.mastertopforum.biz/uccisi-due-bambini-vt4379.html

9-11-2012 - Decapitato in auto sulla strada tra Umbertide e Perugia (9 novemre 2012)
http://poteriocculti.mastertopforum.biz/decapitato-in-auto-tra-umbertide-perugia-vt4507.html

30-11-2012 - Terribile incidente ieri sera ad Umbertide quando un ragazzo di diciassette anni è rimasto ferito in maniera gravissima alla gola. Incredibile la dinamica: il giovane si era appoggiato al lavandino di casa, che è andato in pezzi. Uno dei frantumi ha provocato un profondo taglio al collo.. Terribile incidente ieri sera ad Umbertide quando un ragazzo di diciassette anni è rimasto ferito in maniera gravissima alla gola. Incredibile la dinamica: il giovane si era appoggiato al lavandino di casa, che è andato in pezzi. Uno dei frantumi ha provocato un profondo taglio al collo..
http://poteriocculti.mastertopforum.biz/-vp39514.html

Dicembre 2012 - Causa in corso, Clinica di riabilitazione a Umbertide sperimenta nuovo farmatco su 11 pazienti ignari.
Clinica privata a partecipazione pubblica, vi lavora la moglie dell'assessore regionale alla sanità (PD)
http://poteriocculti.mastertopforum.biz/prosperius-clinica-esperimenti-su-11-pazienti-vt4505.html

13-11-2012 - presentato esoscheletro alla fiera della robotica da azienda americana che ha già utilizzato esoscheletro presso la suddetta clinica privata di Umbertide
http://poteriocculti.mastertopforum.biz/-vp39589.html?39589

27-12-2012 - udienza Sanitopoli, Aperta e subito rinviata l’udienza per l’indagine nota con il nome di Sanitopoli. Il solito difetto di notifica. Implicato l'ex assessore alla sanità della regione (PD), ex sindaco di Umbertide che compare già nel fatto della clinica sopra.
http://poteriocculti.mastertopforum.biz/-vp39546.html?39546

Dicembre 2012 - il sindaco (PD) di Umbertide sceglie il decreto reale dei Savoia come immagine del tradizionale biglietto di auguri
http://poteriocculti.mastertopforum.biz/-vp39544.html?39544

29 Dicembre 2012 - primarie PD, il sindaco di Umbertide candidato alle prossime elezioni politiche


Ultima modifica di siria il Mar Gen 15 2013, 13:41:32, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Mar Gen 15 2013, 13:32:07    Oggetto: Adv





Torna in cima
siria

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 20/03/11 01:18
Messaggi: 188
siria is offline 






france
MessaggioInviato: Mar Gen 15 2013, 13:39:49    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

wikipedia su Umbertide

I primi insediamenti umani si installarono nel luogo dove il fiume Tevere compie una brusca virata verso destra e si riferiscono al popolo umbro (periodo del bronzo finale), come attestato dai reperti rinvenuti nel castelliere di Monte Acuto. [1]. Numerosi sono anche i resti di insediamenti romani: sulle colline di Polgeto, a Romeggio sul lato destro del Tevere, e nella zona della chiesa di Santa Maria.

Secondo la tradizione, Umbertide fu ricostruita nel IX secolo o, secondo altri studiosi, nel X secolo, sotto il nome di Fracta filiorum Huberti o Fratta, non troppo distante dalla cittadina romana di Pitulum Mergens, le cui vestigia si ritiene si trovino nei pressi di Santa Maria di Sette. I primi documenti storici sulla Fratta risalgono al 12 febbraio 1189, quando il marchese Ugolino di Uguccione, signore di Castiglione Ugolino e di Fratta, sottoscrisse l'atto di sottomissione pacifica alla città di Perugia: tale atto di sommissione pose fine ad ogni tentativo di trovare alleati in Toscana.

Le origini del nome
La tradizione vuole che il nome originario, Fratta, ricordi la distruzione (fracta, da frangere) del precedente villaggio romano, effettuata dai Goti. In realtà, è probabile che il nome derivi dallo scoglio cespuglioso sul quale fu edificata la fortezza (fratta, appunto): storicamente fu, infatti, una fortezza "inespugnabile" edificata a protezione del ponte sul Tevere. Una diga in legno, posta circa un centinaio di metri a valle del ponte sul Tevere, sbarrava il corso del fiume e faceva salire il livello delle acque in maniera da allagare tutto il fossato attorno alle mura.
Il nome della città viene poi cambiato nel 1863, quando viene chiamata in onore del principe Umberto di Savoia, anche per ricordare la tradizione storica che voleva Fratta ricostruita sulle macerie di Pitulo nel 796, da parte di Adalberto, Ingilberto, Benedetto o Bonifacio, i figli di Uberto o Umberto (figlio naturale del re d'Italia Ugo).

Agli inizi del XV secolo Braccio da Montone sconfisse, nei pressi di Fratta, Cesare di Capua, all'epoca al servizio del re Ladislao di Napoli.

Successivamente fu a lungo contesa fra Perugia e lo Stato della Chiesa.

Umbertide vide molti dei suoi abitanti partecipare volontari con Garibaldi alle Campagne dei Mille e dell'Agro Romano (1867).

La mattina del 25 aprile 1944, nel corso di un primo tentativo di bombardare il ponte sul Tevere da parte degli alleati anglo-americani, diverse bombe caddero sulla parte più antica della cittadina, il quartiere medievale di S. Giovanni (proprio in prossimità del ponte), uccidendo settantaquattro persone. Il ponte fu poi distrutto nel bombardamento pomeridiano.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
siria

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 20/03/11 01:18
Messaggi: 188
siria is offline 






france
MessaggioInviato: Gio Gen 17 2013, 07:34:03    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cortona, eccesso di velocità multato Emanuele Filiberto
http://www.repubblica.it/2008/01/sezioni/cronaca/filiberto-multa/filiberto-multa/filiberto-multa.html

CORTONA - Di nuovo alla ribalta Emanuele Filiberto di Savoia. Dopo le polemiche legate al risarcimento chiesto allo Stato italiano, il rampollo di casa Savoia finisce nei guai per eccesso di velocità. Sarà il giudice di pace di Cortona, nelle prossime settimane, a dover esaminare il ricorso presentato da Emanuele Filiberto che chiede di annullare una multa di 370 euro contestatagli dalla polizia stradale di Arezzo.

Il 13 giugno scorso una fuoriserie, intestata al principe, è stata 'fotografata' da un autovelox nel tratto cortonese della Due Mari, in località Petraia, nel comune di Cortona (in provincia di Arezzo) a 140 km, in un tratto dove il limite è di 90 chilometri orari. Se il giudice confermerà la multa, saranno applicate anche sanzioni accessorie come la decurtazione dei punti dalla patente.

Emanuele Filiberto, che è residente ad Umbertide, nel ricorso dichiara di non essere lui il guidatore della fuoriserie. Ma non specifica chi sarebbe il guidatore. Inoltre, il principe spiega che la segnaletica, indicante il limite di 90 km "è assolutamente carente e non a norma". La pratica del ricorso è adesso a disposizione del magistrato che deciderà a giorni.

(5 gennaio 2008)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
siria

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 20/03/11 01:18
Messaggi: 188
siria is offline 






france
MessaggioInviato: Ven Gen 18 2013, 09:37:28    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Giovani turchi, mito e cronaca

http://www.giornaledellumbria.it/article/article74814.html

Tra i riformatori dell'impero Ottamono e la generazione post Muro di Berlino che sta scalando il Partito democratico

Articolo | Ven, 11/01/2013 - 00:00 | Di PIERPAOLO BURATTINI

Come, quando e perché: ma da dove sbucano? Storia e cronaca politica s'intrecciano fino a produrre un cortocircuito dai contorni bizzarri, paradossali. Alla voce Giovani turchi un buon manuale di storia, scioglie così il nodo dell'identità: gli appartenenti ad un movimento politico dell'inizio del XX secolo, che aveva lo scopo di trasformare l'Impero Ottomano, allora autocratico e inefficiente, in una monarchia costituzionale. Il movimento comprendeva intellettuali e graduati dell'esercito.

Ma la storia, questa volta recente, ci dice che negli anni Cinquanta, in Sardegna, un manipolo di giovani dirigenti della Democrazia cristiana, guidato dall'ex presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, si battono e poi vincono nel direttivo sassarese del partito. Risultato? Piazza pulita degli uomini vicini all'ex presidente della Repubblica e gran notabile della Balena bianca, Antonio Segni. E siamo ad oggi. Hanno fatto capolino al grido più Keynes che scuola di Chicago; più anni Settanta (impegno e meglio gioventù) che Ottanta (craxismo e berlusconismo); più con il togliattiano rinnovamento nella continuità che con la tabula rasa proposta da Matteo Renzi; con un partito che abbia porte e finestre aperte ma senza pensarlo veltronianamente liquido. Per alcuni sono il prototipo del giovane-vecchio che ha assecondato il cambiamento di nomenclatura voluto da Bersani; per altri i germogli di un Pd che da qui in avanti sarà qualcosa d'altro rispetto a quello che è stato fino ad oggi. Sono diventati un logo del marketing politico nostrano, nazionale e regionale: Giovani turchi. Francesco Cundari, arguto cronista de L'Unità, ne ha descritto gusti, disgusti e tic in un libro dal titolo ironicamente evocativo: "Il Manuale del Giovane Turco". Mentre Claudio Cerasa su Il Foglio ne ha seguito fin dall'inizio la scalata interna al partito, tra contraddizioni, slanci e frenate. Quarantenni in carriera, ma a loro la definizione fa orrore, sono un piccolo fenomeno politico-culturale di casa Pd. Dalle nostre parti, stanno in prima fila: con un presidente della Regione, il sindaco del capoluogo e una sfilza nutrita di amministratori e semplici dirigenti. Fra poco avranno anche una pattuglia parlamentare in proprio: l'assessore regionale Gianluca Rossi, il sindaco di Umbertide, Giampiero Giulietti, così come l'assessore al Comune di Perugia Valeria Cardinali, sono di ascendenza turca. In area anche il parlamentare uscente Emanuele Trappolino, così come il sindaco di Amelia Maraga e quello di Narni De Rebotti. Per certi versi si può parlare della consacrazione di un gruppo che è un coacervo di biografie e percorsi: molti hanno giocato nelle giovanili dell'allora Fgci (negli anni Novanta il segretario regionale, tanto per dire, si chiamava Catiuscia Marini e si racconta, che oltre alla grande amicizia con il candidato alla Regione Lazio Nicola Zingaretti, vestiva con Timberland ai piedi e giacche irreprensibili, mentre a Foligno muovevano i loro primi passi l'attuale assessore comunale Rita Zampolini e l'assessore regionale Vincenzo Riommi). A Perugia, invece, tra gli altri troviamo Stefania Fiorucci che oggi guida il provinciale delle donne democratiche così come l'assessore comunale Andrea Cernicchi, mentre a Marsciano e Umbertide i sindaci Todini e Giulietti facevano sfoggio di una militanza puntigliosa, altri vengono dall'impegno nei movimenti studenteschi o di matrice cattolica (tra questi l'attuale sindaco di Todi, Carlo Rossini). Sempre nel capoluogo troviamo un giovanissimo Wladimiro Boccali all'insegna più del movimentismo che dell'ortodossia, mentre a Città di Castello l'assessore regionale Fernanda Cecchini quando insegnava alle magistrali portava avanti e organizzava il lavoro in sezione.

Una generazione cresciuta politicamente dopo il crollo del Muro e con negli occhi la rivolta degli studenti a piazza Tienanmen, per tutti Enrico Berlinguer è stato l'indiscutibile icona morale politica. Tutti, oggi, si ritrovano nel gruppo che sull'asse Perugia-Terni è sotto i riflettori: tra entusiasmi, moti di rabbia, applausi e disapprovazione (per la cronaca, intanto, si sta facendo sotto la generazione dei trentenni con il tablet: Chiappini, Bori, Zuccherini, Chiodini nel capoluogo, mentre a Terni si muovono Alteri, Lombardini, Giacchetti, Rubini, il sindaco di San Gemini Grimani e quelli di Amelia e Narni, Maraga e De Rebotti).

La scena politica è loro e pensando al debutto ufficiale viene un pò da ridere. Quando nel luglio dell'anno scorso da Roma salirono alla sala dei Notari, a Perugia, i turchi della segreteria nazionale Matteo Orfini, Andrea Orlando e Gianni Cuperlo, non pochi tra le file del Pd nostrano fecero spallucce e risolini: e dove vanno, questi qui? si commentò acidamente facendo notare che in fondo sarebbe bastato un fischio dei "padri" per farli tornare in riga (ma così non sembra essere). Già, l'annoso rapporto edipico che si travasa in politica.

Qui da noi l'archetipo ha assunto le sembianze di una specie di romanzo di famiglia in cui la presidente Marini e la ex Rita Lorenzetti sono state messe ora in contrapposizione ora in sintonia, ora in freddo e poi di nuovo in caldo. Retroscenisti, cronisti ed editorialisti hanno evocato e strologato, senza mai arrivare a decifrare un rapporto che si porta dietro non solo il quantum politico, ma l'umano dei caratteri e delle biografie. Dunque indecifrabile per definizione. Ora è il momento della turca Catiuscia dopo che per dieci anni Rita è stata la gran sacerdotessa del rito dalemiano umbro. E la saga continua, ma con una svolta. I turchi hanno sempre alle spalle "padri" e "madri": è la loro piccola dannazione, ma anche la molla per andare oltre. È l'album di famiglia post comunista che vede le doppie-coppie: Renato Locchi e Wladimiro Boccali, Alfio Todini e Gianfranco Chiacchieroni, Giampiero Giuletti e Maurizio Rosi* e altri se ne potrebbero aggiungere. In mezzo liti, disapprovazioni e strappi.

Nel gioco delle biografie sovrapponibili, ci stanno dentro anche le prime file della generazione precedente: gli attuali parlamentari Marina Sereni, Walter Verini e Mauro Agostini, così come l'ex segretario regionale Alberto Stramaccioni che molti dei turchi di oggi li ha avuti in veste di apprendisti dirigenti nel corso del suo lungo mandato ai piani alti di piazza della Repubblica. Il catalogo genealogico è questo, il resto è cronaca di questi giorni.

* sulla doppie-coppie Giampiero Giuletti e Maurizio Rosi (sindaci di Umbertide) leggi anche: Prosperius clinica a Umbertide esperimenti su 11 pazienti

-
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
siria

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 20/03/11 01:18
Messaggi: 188
siria is offline 






france
MessaggioInviato: Lun Apr 01 2013, 13:20:07    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

PERUGIA Assegnati i 9 deputati umbri..............................
Il Pd piazza cinque deputati: Marina Sereni, Gianpiero Bocci, Giampiero Giulietti*, Anna Ascani e Walter Verini

*Sindaco di Umbertide
http://www.ilmessaggero.it/umbria/elezioni_umbria_piccolotti_verini_sel_pd_pdl_monti_marini_ascani_eletti_voti_ciprini_gallinella_sereni_bocci_udc_monti/notizie/254384.shtml
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Balsamo

Apprendista
Apprendista


Iscritti



Registrato: 07/12/12 23:20
Messaggi: 27
Balsamo is offline 






italy
MessaggioInviato: Lun Apr 08 2013, 08:25:22    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

http://www.repubblica.it/cronaca/2013/04/08/news/umbria_treno_deragliato_perugia-56171970/?ref=HREA-1

Shocked Shocked Shocked
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
WindomEarle

Nuovo
Nuovo


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 43
Registrato: 24/03/13 10:55
Messaggi: 6
WindomEarle is offline 

Interessi: MIsraim
Impiego: Satrapo



usa
MessaggioInviato: Dom Apr 21 2013, 16:31:50    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ciao Siria, è certezza che Umbertide è una importante città esoterica anche perchè nei territori limitrofi ha visto la nascita della Massoneria Perugina tra il 1750 e il 1780.
I primordi della stessa vengono fatti risalire al marchese Bichi di Cortona che aveva un Castello nel comprensorio dell'odierno Lisciano Niccone, l'immobile e le terre del marchese erano collocate tra a Pian di Marte e San Martino di Tisciano.
Il Triangolo dei primi massoni umbri era composto dal Bichi, da Giovanni Andrea Guardabassi e un Montesperelli che essendo meno di 7 (appunto 3) non potevano formare una loggia ma erano legati ad una romana chiamata"amici sinceri".
Antiche fonti raccontano poi che la prima loggia perugina, denominata “I Forti”, venne fondata nel 1788 e di alcuni dei primi affiliati se ne tramandano i nomi: Mariano Guardabassi, Scipione Montesperelli, Giacomo Antinori, Braccio Bracceschi, Tommaso Carmignani, Bernardino Boncambi, Ercolano e Benedetto Guardabassi.
Ad Umbertide è presente la Villa dei Guardabassi e in comune a Perugia, ci sono molte personalità che occupano posizioni di rilievo che sono originarie di Umbertide, inoltre il presidente della provincia di Perugia Marco Vinicio Guasticchi è di Umbertide.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Esoterismo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Poteri occulti topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008