Indice del forum

Poteri occulti

Sito per discutere di misteri italiani, massonerie, mafie, e altro.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

VEGANISMO
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Esoterismo
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Anonymous
















MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 02:24:55    Oggetto:  VEGANISMO
Descrizione:
Rispondi citando

Fra tutti i nuovi movimenti che caratterizzano la nostra epoca,ne vorrei citare uno,che è ampiamente pubblicizzato nella società,portato agli onori della cronaca da personaggi famosi,cresciuto parallelamente alla corrente bio che si sta diffondendo nel mondo e che è diventata in alcuni casi uno stile di vita,in altri casi una moda da seguire.
Il rispetto della natura è fondamentale se vogliamo continuare a vivere su questo pianeta e è giusto che le persone ne prendano coscienza,ma esistono delle esagerazioni?
Vediamo un po' di partire come sempre dal principio.

http://it.wikipedia.org/wiki/Veganismo
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 02:24:55    Oggetto: Adv





Torna in cima
Anonymous
















MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 02:28:32    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ecco qua il sito ufficiale:

http://www.vegansociety.com/about/history.aspx
Torna in cima
Anonymous
















MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 02:44:56    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Contrariamente a quanto si possa pensare il fatto che sia così pubblicizzato e sostenuto anche da molte personalità del mondo dello spettacolo e da tante associazioni,mi fa riflettere.
Questo è un altro link che si trova cercando su google:

http://www.veganfest.it/

Si può notare da qui:

http://www.veganfest.it/?p=2819

da qui:

http://www.veganfest.it/?p=2828

e da qui:

http://www.veganfest.it/?p=2909

come si presenta in modo rassicurante il movimento,poichè quando c'è un coinvolgimento di personaggi dello spettacolo,di associazioni che normalmente compaiono nella nostra società,e di dottori o professionisti che praticano e sostengono la causa,l'effetto è più che positivo.
Quando poi è associato a un festival che in Toscana raccoglie da sempre molti consensi allora già ispira una certa simpatia......
Torna in cima
Anonymous
















MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 03:21:44    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ho trovato queesto sito vegan su cui possiamo leggere cosa significa per i sostenitori del movimento essere vegan in cui si dice addirittura che "diventare vegan è la scelta più importante da fare per cambiare in meglio il mondo",beh insomma prima di affermare ciò bisognerebbe capire perchè questa dovrebbe essere la scelta che cambierà in meglio il mondo.

http://www.veganhome.it/diventare-vegan/

Ho postato questo topic,perchè ho potuto osservare dei gruppi locali prendere d'assalto un produttore di carne perchè secondo loro non doveva uccidere gli animali,insomma,capisco che gli allevamenti intensivi sono sbagliati,ma quando si parla di piccole realtà,la cosa cambia.
La differenza che ho notato fra vegetariani e vegani,a parte la tranquillità che caratterizza il primo movimento,in netto contrasto col secondo,che non mi sembra affatto mite,è questa,i primi,i vegetariani non impongono agli altri il loro modo di vivere,mentre i secondi i vegani,vorrebbero addirittura affermare che dobbiamo tutti diventare vegani per migliorare il mondo.
Torna in cima
Anonymous
















MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 09:02:35    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

osservatore71 ha scritto:
i vegetariani non impongono agli altri il loro modo di vivere,mentre i secondi i vegani,vorrebbero addirittura affermare che dobbiamo tutti diventare vegani per migliorare il mondo.


anagrammando vegani si ottiene vagine ma anche e vigna


Ultima modifica di Ospite il Dom Giu 17 2012, 23:40:48, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Stefania Nicoletti

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 19/01/09 18:11
Messaggi: 2016
Stefania Nicoletti is offline 



Sito web: http://paolofrancesche...


italy
MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 11:49:26    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ettore_asso, è da un po' che ti osservo, ma questo è davvero troppo.
Mi auguro che tu stia scherzando.

osservatore71, il veganismo non è un movimento. E' semplicemente un modo di alimentarsi. Poi possono esistere delle associazioni, dei movimenti che diffondono il veganismo, ma il veganismo in sé non è un movimento.
Quindi prima di tutto dovresti informarti sull'alimentazione vegana.
E per quanto riguarda l'aggressività, io invece vedo che sono gli onnivori ad essere i più aggressivi nei confronti dei vegetariani e dei vegani. Sono per primi gli onnivori che vorrebbero imporre la loro alimentazione a tutti. E infatti ci sono riusciti, dato che l'alimentazione onnivora viene considerata quella normale. E nella nostra società, se ti azzardi a provare ad alimentarti in modo diverso, vieni visto come strano o fuori di testa o estremista.
Per non parlare poi di come gli onnivori trattano i crudisti e i fruttariani...

_________________
L'uomo può nascere, ma per nascere deve prima morire, e per morire deve prima svegliarsi.
- G.I. Gurdjieff -
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Elecri

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 36
Registrato: 07/03/12 19:12
Messaggi: 396
Elecri is offline 

Interessi: Lettura, Scrittura, Musica, Natura,Viaggi




italy
MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 12:03:34    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

osservatore71 ha scritto:
i vegani,vorrebbero addirittura affermare che dobbiamo tutti diventare vegani per migliorare il mondo.


Il mio è il parere di una vegetariana soddisfattissima della sua scelta, serena e in pace col resto del mondo, che per un periodo ha abbracciato il veganismo.

Il principio di base del Veganismo, ovvero l' ''alimentazione a truculenza zero'', è sicuramente encomiabile. Ad esso si sono via via associati nel tempo il consumo bio, la cura per la salute propria e altrui, il boicottaggio delle multinazionali e la promozione del consumo equo e sostenibile, non solo in campo alimentare ma anche nell' abbigliamento o nell' uso, ad esempio, di materiali provenienti dal riciclaggio.

Tutto ciò è molto bello, e francamente son contenta quando in giro vedo spot sullo stile vegan.. però, all' atto pratico, ho avuto a che fare con parecchi vegani. Non starò a raccontare gli episodi singoli cui ho assistito o partecipato, ma riassumerò brevemente le tipologie di persone che mi sono trovata davanti (e che mi sono trovata ad essere: da qui il mio ''passo indietro'' verso il vegetarismo):

1- Il violento che vuole salvare il mondo evitando di mangiar carne e annullando i suoi simili a suon di insulti e fomentazione dei sensi di colpa. MAI mangiare un uovo di fronte a questo individuo: come minimo ve lo farà andare di traverso, sarete troppo occupati a rispondere alle sue aggressioni verbali per poter masticare a dovere;

2- L' asociale che EVITA di frequentare chiunque non la pensi come lui. Riesce ad isolarsi perfino dalla famiglia, oltre che dagli amici: si trova nuove frequentazioni nel giro dei vegani come lui. Ma spesso le cose vanno a finire male anche con loro;

3- Il disadattato che trova nella filosofia vegan il giusto rifugio per le sue turbe: se non altro la userà come strumento per sentirsi finalmente ''speciale'' e non più ''diverso'' dagli altri.



Alla luce di tutto ciò, mi par tanto che questa storia del veganismo sia una potentissima arma di DISTRAZIONE e CONSOLAZIONE, poichè il soggetto, normalmente under25 e spesso problematico, per cui potenzialmente ''pericoloso'' per il Sistema poichè meno controllabile rispetto alla media, sarà così preso nello studiare etichette di cibi e vestiti, reperire info su internet per valutare che questa o quell' azienda non sfrutti animali e usi carta riclata per gli imballaggi, e ad evitare i temutissimi e insidiosissimi OGM, bene, sarà tanto impegnato nel suo tempo libero a far ciò, che trovar modo e tempo di PENSARE gli diventerà impossibile. Se ne starà perciò mite mite, facendo la parte di quell' agnellino sulla cui testa pende la mannaia che tanto si impegna a NON far interpretare alle bestie, sacrificandosi lui per primo.

Sono stata vegana per più di due anni, dai 19 ai 21. Facevo parte decisamente della prima categoria, tanto che ero arrivata a cucinarmi i miei piatti e mangiare da sola, anche la domenica. Per cui, parlo per esperienza personale oltre che indiretta. Non se ne abbiano a male i vegani, anzi: qualora ve ne fosse uno che non si riconoscesse nei 3 punti descritti sopra, mi contattasse, sarebbe davvero un piacere grande per me conoscerlo! Penso che un mondo DAVVERO VEGAN E SOPRATTUTTO DAVVERO IN ARMONIA sarebbe IN ASSOLUTO il miglior mondo possibile!

_________________
''Mi sembra evidente che non l' ho picchiato io: ha ancora qualche pezzo di faccia sano.''
(C. Eastwood, ''Ispettore Callaghan, il caso Scorpio è tuo!'', 1971)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Stefania Nicoletti

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 19/01/09 18:11
Messaggi: 2016
Stefania Nicoletti is offline 



Sito web: http://paolofrancesche...


italy
MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 12:11:15    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Elecri, se hai incontrato solo vegani di quel tipo, forse c'è un motivo più profondo. Ma non sono tutti così. Anzi, direi che la maggior parte non sono così, ma si tende sempre a notare il comportamento più estremo, e il comportamento equilibrato spesso passa inosservato (parlo in generale, non mi riferisco solo all'alimentazione).
Io non sono vegana, ma conosco moltissime persone che lo sono. E sono tutti tranquilli ed equilibrati. Non aggrediscono mai gli onnivori, ma cercano di spiegare la loro visione in modo pacato. Anche quando vengono trattati male dagli onnivori, non rispondono alle provocazioni e agli insulti. Oltre ai vegani, conosco anche molti fruttariani così. Smile
Inoltre, per la maggior parte di quelli che conosco, non è solo una scelta etica di non sfruttamento o violenza sugli animali. E' soprattutto una scelta alimentare e di salute, quindi una scelta molto più informata e consapevole, rispetto a quella che può essere una scelta dettata dalle emozioni.

_________________
L'uomo può nascere, ma per nascere deve prima morire, e per morire deve prima svegliarsi.
- G.I. Gurdjieff -
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Elecri

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 36
Registrato: 07/03/12 19:12
Messaggi: 396
Elecri is offline 

Interessi: Lettura, Scrittura, Musica, Natura,Viaggi




italy
MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 12:23:07    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Stefania, sicuramente avevo un' altra età e frequentavo persone molto giovani, questo è vero, per cui sicuramente ''immature'' e come tali tutti ci comportavamo. Però mi hanno colpita molto queste coincidenze, ovvero: l' età giovanissima dei soggetti e la loro ''particolarità'' di fondo, che avrebbe potuto portare a molto, molto altro, totalmente ed esclusivamente concentrata su quella causa e non su altre.

Penso che Osservatore parta da una diffidenza di base verso ciò che viene promosso a spron battuto come ''causa giusta'', e non ha tutti i torti, visti i risultati cui io per prima ho assistito.

Rimane il fatto che il veganismo è praticato soprattutto dai giovanissimi, oggi ancora più rispetto a 10/12 anni fa, e da quel che so i risultati sono gli stessi.

_________________
''Mi sembra evidente che non l' ho picchiato io: ha ancora qualche pezzo di faccia sano.''
(C. Eastwood, ''Ispettore Callaghan, il caso Scorpio è tuo!'', 1971)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Stefania Nicoletti

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 19/01/09 18:11
Messaggi: 2016
Stefania Nicoletti is offline 



Sito web: http://paolofrancesche...


italy
MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 12:44:21    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Sull'età non so che dire... Non conosco le statistiche e non so se la maggioranza di vegani si trova tra i giovanissimi. Io posso solo dire che conosco persone di tutte le età. I più giovani che conosco hanno circa 20 anni, ma la maggior parte (sempre di quelli che conosco) sono persone adulte, dai 30 ai 40 ai 50 anni. E anche di più. Very Happy

Però, se si parte da una diffidenza verso ciò che viene promosso dal sistema, allora la prima cosa di cui si dovrebbe diffidare è proprio l'alimentazione onnivora. I vegetariani, i vegani, i fruttariani... o comunque tutti quelli che si alimentano in modo diverso rispetto a ciò che è considerato "normale", sono ancora una minoranza. E una minoranza molto ristretta rispetto alla totalità della popolazione. Perché, appunto, l'alimentazione onnivora viene ancora considerata quella più normale (e addirittura più naturale Shocked) da quasi tutti. Quelli che conoscono le alternative sono pochi.

Le grandi masse, quelli che leggono ancora i giornali e guardano la tv e si fidano dell'informazione mainstream, non sanno nulla di alimentazione vegana. Non ne conoscono nemmeno la possibilità, perché per loro è normale essere onnivori, non si sono mai posti il problema. Poi, certo, ci saranno anche quelli che, siccome hanno sentito che il loro attore preferito è vegano, allora diventano vegani anche loro. Ma la maggior parte pensa: "Ah è vegano? Uhm... che cosa strana... Vabbè, si sa che gli attori sono un po' bizzarri" Smile

Comunque secondo me un motivo per cui in certi ambienti viene spinta o sponsorizzata l'alimentazione vegana (ripeto: in certi ambienti, ma comunque non a livello mainstream) potrebbe essere che nemmeno quella è l'alimentazione più giusta e adatta all'uomo. Certo, è sempre meglio dell'alimentazione onnivora, su questo non ci piove. Ma non raggiunge ancora la "perfezione". Quindi agli "alternativi" fanno credere che l'alimentazione vegana sia la migliore e la sponsorizzano, quando invece non è così. In questo modo danno un "contentino" a quelli che diventano vegani perché credono che sia l'alimentazione migliore per l'uomo. Ma allo stesso tempo nascondono alimentazioni molto più adatte all'uomo, come quella fruttariana (di cui non si parla mai).

_________________
L'uomo può nascere, ma per nascere deve prima morire, e per morire deve prima svegliarsi.
- G.I. Gurdjieff -
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Elecri

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 36
Registrato: 07/03/12 19:12
Messaggi: 396
Elecri is offline 

Interessi: Lettura, Scrittura, Musica, Natura,Viaggi




italy
MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 13:03:41    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Faccio un paragone volutamente paradossale: nemmeno le droghe vengono pubblicizzate a chiare lettere dai media, eppure il loro consumo e la loro diffusione non accenna a diminuire, anzi.. Wink

A me i ragazzi che ho conosciuto hanno fatto molto pensare. Tieni conto che frequentavo un' associazione animalista, non eravamo quattro compagni di scuola un pò bislacchi che cercavano alternative alla noia della vita.. in generale, forse i soggetti pronti a un ''salto'' alimentare di una certa portata sono pochi: il cibo è qualcosa di fondamentale, modificare le proprie abitudini alimentari non è facile sia a livello sociale (ne so qualcosa di sguardi in tralice e facce a punto di domanda, dopo tanti anni da ''erbivora'', come vengo normalmente appellata) e sentimentale (me lo ricordo bene, il panino prosciutto e maionese della mamma Mr. Green ).. forse, per gradi, ci si arriverà. Ma figurati, il vegetarismo stenta ad attecchire, figurarsi il veganismo! Mi auguro accada prima o poi un cambiamento.. purchè sia in pace e serenità, appunto Wink

_________________
''Mi sembra evidente che non l' ho picchiato io: ha ancora qualche pezzo di faccia sano.''
(C. Eastwood, ''Ispettore Callaghan, il caso Scorpio è tuo!'', 1971)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Anonymous
















MessaggioInviato: Dom Giu 17 2012, 23:50:50    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Stefania Nicoletti ha scritto:
ettore_asso, è da un po' che ti osservo, ma questo è davvero troppo.
Mi auguro che tu stia scherzando.


un anagramma non può essere troppo, un anagramma non è uno scherzo, un anagramma è un anagramma.

Sono io ad augurarmi che lei stia scherzando. Il fatto che mi stia osservando da un po' devo considerarlo una lusinga o che altro?
Torna in cima
Anonymous
















MessaggioInviato: Lun Giu 18 2012, 01:01:34    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La mia non è affatto diffidenza,diciamo che lavoro in un ramo in cui vengo a contatto anche con queste realtà quindi so bene come si comportano,leggo i siti vegan,sono stato in ristoranti vegan,e posso affermare con sicurezza che non voglio nè screditare,nè generalizzare su nessuno.
Solo che mi sembra ridicolo parlare di onnivori,così come mi sembra ridicolo affermare in un sito vegan,che gli uomini primitivi,mangiavano solo verdura, Smile,ma allora come mai nella nostra dentatura sono presenti i canini?Fra un po' qualcuno dirà che prima d'ora eravamo vampiri,per questo possediamo dei canini....
Insomma quel che è troppo è troppo,qualcuno mi vorrebbe dire che chi mangia carne è succube dei media?Scusate signori vegani,lo sapevate che non esistono solo allevamenti intensivi nel mondo,ma anche un sacco di aziende agricole,che facendosi un discreto di dietro ogni anno rispettano protocolli che certificano poi la qualità di suddette carni?
Lo sapevate che nonostante il referendum dove abbiamo votato contro gli OGM l'unione europea ha consentito l'entrata degli stessi,nella misura dello 0,01% che comunque è una quantità sufficiente per contaminare tutte le nazioni europee?
Proprio negli scorsi giorni è arrivata a un mio amico la segnalazione di campi coltivati con grano OGM in emilia romagna,da parte della multinazionale B.A.S.F. ,che aveva dichiarato di voler far marcia indietro in Italia,ma mentre voi eravate impegnati a chiamare onnivori le persone comuni e a denunciare i maltrattamenti sugli animali,stavano fottendo voi e tutti gli italiani?Lo sapevate?No non lo sapevate,perchè voi siete più succubi di questo sistema di quanto crediate,vivete in un mondo virtuale fatto di rabbia e 20 nocciole al giorno per vivere,e probabilmente vi siete dimenticati dei vostri nonni,che per fame in tempo di guerra,mangiavano topi e gatti,cosa avreste fatto voi in tempo di guerra?Li avreste denunciati per maltrattamento agli animali?No credo che ve li sareste mangiati anche voi i topi e i gatti e con gusto anche.....
Prima di venirmi a parlare di rispetto per gli animali,le persone mi devono dimostrare di saper portare rispetto alla gente,conosco dei vegetariani,ma io rispetto il loro modo di vivere e loro rispettano il mio,i vegani no,pretendono di fare revisionismo storico e affermare che loro sono la salvezza del mondo,più o meno come fanno tante sette.....
Torna in cima
Anonymous
















MessaggioInviato: Lun Giu 18 2012, 01:04:49    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Pardon non 20 nocciole al giorno,ma 20 mandorle.
Torna in cima
ZN

Quasi Esperto
Quasi Esperto


Iscritti



Registrato: 25/02/09 18:30
Messaggi: 661
ZN is offline 






italy
MessaggioInviato: Lun Giu 18 2012, 11:33:53    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

L’UOMO E’ ONNIVORO?
di Linda Pizzuto


"I veri onnivori e i veri carnivori, quando sono affamati, sono attratti istintivamente da animali e carogne che vedono e che interpretano come cibo immediato. Questo non accade mai all’uomo. Il ribrezzo che ogni uomo normale e sano prova alla vista del sangue e di un cadavere è la prova della sua natura non carnivora."
(Girolamo Savonarola)

"L'estrema avversione che alcuni adulti e molti bambini mostrano nei confronti della carne di ogni tipo, è attribuita da Fitch ad una tendenza atavica, cioè alla sopravvivenza dell'istinto primitivo dei nostri antenati preistorici che non mangiavano carne” - (J. H. Kellog)

Gli esseri umani genericamente sono molto spesso descritti come "onnivori". Questa classificazione e' basata sull'osservazione tangibile che normalmente si nutrono di una grande varietà di cibi vegetali e animali. Per quanto la maggior parte degli esseri umani siano chiaramente onnivori dal punto di vista "comportamentale", resta da chiarire se lo siano altrettanto da un punto di vista anatomico. Focalizzarsi sull’anatomia e fisiologia umana rappresenta il modo migliore e piu' obiettivo di affrontare la questione. Quindi, dobbiamo osservare i mammiferi carnivori, erbivori ed onnivori per individuare quali caratteristiche anatomo-fisiologiche sono associate ai diversi tipi di dieta e comparare le nostre caratteristiche per vedere a quale gruppo l'essere umano dovrebbe essere catalogato realmente. Ecco dunque il confronto tra le caratteristiche dei carnivori, erbivori e frugivori, onnivori. I dati scientifici sono tratti da "The Comparative Anatomy of Eating" di Milton R. Mills.

Muscoli facciali
Carnivori: ridotti, per permettere un’ampia apertura della bocca
Erbivori: ben sviluppati
Onnivori: ridotti
Umani: ben sviluppati

Tipo di mandibola
Carnivori: ad angolo non ampio
Erbivori: ad angolo ampio
Onnivori: ad angolo non ampio
Umani: ad angolo ampio

Posizione dell’articolazione mandibolare

Carnivori: sullo stesso piano dei denti molari
Erbivori: al di sopra del piano dei molari
Onnivori: sullo stesso piano dei denti molari
Umani: al di sopra del piano dei molari

Principali muscoli mandibolari
Carnivori: temporali
Erbivori: massetere e pterigoideo
Onnivori: temporali
Umani: massetere e pterigoideo

Apertura bocca della bocca in rapporto alla dimensione della testa
Carnivori: grande
Erbivori: piccola
Onnivori: grande
Umani: piccola

Denti incisivi
Carnivori: corti ed acuminati
Erbivori: ampi, piatti e a forma di spada
Onnivori: corti ed acuminati
Umani: ampi, piatti e a forma di spada

Denti canini

Carnivori: lunghi, affilati e curvi
Erbivori: non taglienti e corti o lunghi (per difesa), o assenti
Onnivori: lunghi, affilati e curvi
Umani: corti e smussati

Denti molari

Carnivori: affilati, a forma di lama frastagliata
Erbivori: piatti con cuspidi, superfici complesse
Onnivori: a lame affilate e/o piatti
Umani: piatti con cuspidi nodulari

Masticazione
Carnivori: nessuna; deglutizione del cibo intero
Erbivori: necessaria una prolungata masticazione
Onnivori: deglutizione del cibo intero e/o semplice schiacciamento
Umani: necessaria una prolungata masticazione

Saliva
Carnivori: assenza di enzimi digestivi
Erbivori: enzimi digestivi per i carboidrati
Onnivori: assenza di enzimi digestivi
Umani: enzimi digestivi per i carboidrati

Acidità dello stomaco
Carnivori: pH inferiore o uguale a 1 con cibo nello stomaco
Erbivori: pH 4 - 5 con cibo nello stomaco
Onnivori: pH inferiore o uguale a 1 con cibo nello stomaco
Umani: pH 4 - 5 con cibo nello stomaco

Capacità dello stomaco
Carnivori: 60% - 70% del volume totale del tratto digestivo
Erbivori: inferiore al 30% del volume totale del tratto digestivo
Onnivori: 60% - 70% del volume totale del tratto digestivo
Umani: tra il 21% e il 27% del volume totale del tratto digestivo

Lunghezza dell’intestino tenue
Carnivori: da 3 a 6 volte la lunghezza del corpo
Erbivori: da 10 a piu’ di 12 volte la lunghezza del corpo
Onnivori: da 4 a 6 volte la lunghezza del corpo
Umani: da 10 a 11 volte la lunghezza del corpo

Unghie

Carnivori: artigli affilati
Erbivori: unghie piatte o zoccoli
Onnivori: artigli affilati
Umani: unghie piatte

Dunque, prestando attenzione alla composizione dell’organismo umano vediamo che l’uomo è un essere molto simile alla scimmia e abbastanza simile ad un animale frugivoro fruttariano; le unghie, i denti, la composizione salivare non lo assimilano certo ad un carnivoro. Ma il dato più interessante è senza dubbio la lunghezza dell’intestino di gran lunga superiore a quello di un animale carnivoro. Durante le varie fasi di digestione le proteine della carne, nelle condizioni di temperatura del tratto digestivo, sono soggette a processi putrefattivi con sviluppo di sostanze tossiche che è bene non siano assorbite, ed è per questo motivo che i carnivori hanno un intestino breve, che permette di ridurre il tempo di permanenza all’interno del corpo ed il conseguente rischio d’assorbimento delle tossine. Gli animali erbivori, dovendo provvedere al laborioso processo di demolizione della lunga catena della cellulosa fino al glucosio, devono avere un intestino molto lungo che permette un maggiore tempo di permanenza all’interno del corpo. La lunghezza del nostro intestino non permette una veloce espulsione di tutte le sostanze tossiche presenti. Prodotti della decomposizione della carne sedimentano nel tubo digerente, fino a dare origine a pericolosi composti possibili cancerogeni. Altro fattore importante è l’apporto di sostanze tossiche che derivano dalla morte dell’animale: l’irrigidimento fisiologico porta acido lattico a cui si aggiungono le tossine “da paura” sviluppate dall’animale al momento dell’uccisione o dai tranquillanti che gli hanno iniettato per renderlo meno nervoso. Questi ultimi si sommano alle tracce di farmaci o sostanze assunti nell’arco della vita dall’animale che sono: ormoni, antibiotici, erbicidi, diserbanti o pesticidi, induttori di crescita, inibitori della tiroide, tranquillanti.
E’ stato ormai dimostrato che la carne è poco adatta al consumo umano. Gli esquimesi, ad esempio, che vivono di carne e pesce, muoiono presto; la durata della loro vita non supera i trent’anni. Non a caso, la popolazione più longeva della Terra , gli Hunza possono definirsi tutto tranne che carnivori! Non bisogna poi sottovalutare un dato importante. Il continuo e crescente bisogno di foraggio riduce la terra coltivabile per l’uomo e l’uso massiccio di fertilizzanti e pesticidi sta avvelenando le falde acquifere e rende sterili vastissimi territori. I liquami emessi dalle stalle industriali alterano pericolosamente fiumi, laghi, mari e terreni. Inutile ricordare che queste stesse sostanze in ultimo finiscono per inquinare anche noi!
Gli enormi interessi economici hanno spinto la popolazione a credere che la dieta sana è quella a base di carne. La carne è diventato un simbolo di benessere anche per i paesi emergenti. E le persone che muoiono di fame aumentano sempre più proprio per questo motivo. I loro terreni vengono sfruttati senza regole per la produzione di foraggio. Una vita senza carne è auspicabile? In effetti lo è, ripensando a come ci nutrivamo un tempo e prima dell’avvento di questo gran consumismo. Le diete vegetariane o vegane completamente bilanciate sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e comportano benefici per la salute e il trattamento di alcune patologie. Le diete vegetariane nell’infanzia e nell’adolescenza possono essere d’ausilio nello stabilire sani schemi alimentari validi poi per tutta la durata della vita.
Nei summit mondiali si parla molto di come incrementare la produzione alimentare. Ma il tema assente dal panorama dei dibattiti sono le abitudini alimentari dei consumatori nei paesi ricchi che preferiscono mangiare prodotti animali pieni di grassi e altri cibi al top della catena alimentare globale, mentre i fratelli del Terzo Mondo muoiono di fame perché i loro terreni sono utilizzati per coltivare cereali destinati agli animali. Da tempo ormai si aspetta una discussione globale su come meglio promuovere una dieta vegetariana diversificata, ad alto contenuto di proteine e adatta all’intera umanità. Purtroppo ancora oggi non è stata trovata ( o voluta ) alcuna soluzione.

http://www.portalecalabria.com/site/rubriche/ricette/uomo.asp

_________________
Vi sono cose che sai di sapere
e cose che sai di non sapere,
ma vi sono anche cose che non sai di sapere
e cose che non sai di non sapere.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Esoterismo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
Pagina 1 di 7

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Poteri occulti topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008